Connect with us

Roma

LO FACCIAMO STRANO?

Clicca e condividi l'articolo

Sarà forse un siffatto governo che solleverà l’Italia dal baratro dove si trova? Quanti credono in questo piano strategico?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Emanuel Galea

Quello che sta chiedendo Bersani al Presidente, è strano e difficile da attuare. Napolitano gli ha concesso ulteriori due o tre giorni al massimo per dimostrare di avere l'autosufficienza. Il presidente non poteva evitare di concederli questa proroga. Ieri l’uomo del Colle ha ricevuto a palazzo Pier Luigi, al quale ha conferito l'incarico di verificare l'esistenza di un sostegno parlamentare certo, che consenta la formazione del governo. Il capo dello Stato ha invitato Bersani a riferire appena possibile.

Fino a qualche secondo prima si sono rincorse le voci e le ipotesi: Un mandato “condizionato” oppure “perlustrativo”. Si è sentito parlare anche di una “Convenzione” che poi, tradotto in parole semplici, non vuol dire altro che una “Commissione bicamerale”. Non sembra per niente un’idea innovativa.  Il Pdl azzarda e suggerisce un incarico per “un governo di concordia”. Visto e considerato com’è naufragata la Concordia, un anno fa, forse meglio lasciar stare questi infausti accostamenti. Bersani va avanti e s’intestardisce nel rivendicare il proprio diritto all’incarico e alla nomina. Forte della chiacchierata con Napolitano, è deciso ad incontrare subito le forze parlamentari e politiche “con le sue idee, idee chiare su percorsi di riforma”.

Eppure il messaggio di Beppe Grillo è stato più che chiaro: “Niente foglie di fico”.  E’ stato proprio Bersani che diceva di voler fare il capitano oppure il mozzo. Adesso il segretario ha indossato la divisa di capitano e sembrerebbe deciso a mandare la nave contro gli scogli  verso il naufragio. Facciamolo strano si, ma non fino a questo punto. Il Presidente non lo permetterebbe, tant’è che richiama Bersani a mettere in piedi presto un governo nella pienezza dei poteri e questo significa che Pd, Pdl e Movimento Cinque Stelle dovrebbero guardarsi in faccia e fare una seria riflessione. Intanto il Colle attende ed osserva il corso degli eventi. E’ opinione diffusa, ormai, che Pierluigi, appena venuto in possesso dei risultati elettorali definitivi, avrebbe dovuto riunire la direzione del Pd e rassegnare le dimissioni. Questa mossa politica avrebbe fatto guadagnare al partito l’occasione di entrare in nuova fase di rilancio. Il non averlo fatto, sta portando sia Bersani che il partito ad avvitarsi su loro stessi. Soffermiamoci sull’ormai raggiunto obiettivo di Bersani, ossessivamente cercato, di avere l’incarico per formare il “Governo del cambiamento”.

Se, solo per ipotesi, nove o dieci senatori del movimento Cinque Stelle disertassero Grillo per abbracciare il Pd, si sarebbe risolto qualcosa? Sarà forse un siffatto governo che solleverà l’Italia dal baratro dove si trova? Quanti credono in questo piano strategico? Piano strano, vecchio come la storia di tanti altri cambiamenti di casacca. L’esito di tali operazioni è stato quasi sempre il fallimento.  Quanto è lecito e saggio fare arenare un tentativo d’ intesa fra tutte le altre forze politiche anziché avventurarsi con proposte innovative  come “Governo Grasso” o simili? Quanto vale fare questo governo? Se vale, facciamolo avendo in mente il bene del paese e non gli interessi di partito. Facciamolo giusto e bene. Non facciamolo strano.
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Grottaferrata, emergenza scuole: ecco tutti gli interventi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

L’Amministrazione comunale, da più di un mese ha avviato, con le istituzioni scolastiche del nostro Comune e alla presenza dei gestori della refezione scolastica, del trasporto scolastico, dei Dirigenti della Amministrazione conferenze di servizi ed incontri per la risoluzione delle problematiche legate alla emergenza scuole alla luce delle molteplici e a volte contraddittorie linee guida governative.

Al fine di garantire il nuovo anno scolastico in presenza si è valutata la possibilità di reperire spazi per la didattica anche al di fuori degli Istituti scolastici o soluzioni diverse. Tutto ciò in quanto nelle aule dovranno essere garantiti distanziamenti tra alunni, tra il docente e dovranno essere utilizzati banchi monoposto.

Da parte dell’Amministrazione comunale, in questo periodo sono state vagliate, con sopralluoghi tecnici, varie strutture private presenti nel nostro territorio atte ad accogliere spazi idonei alla didattica e ad accogliere gli studenti in sicurezza.

L’esito di detti sopralluoghi, tuttavia, non hanno dato esiti positive vuoi per strutture non idonee, non in sicurezza, costose dal punto di vista del riadattamento in quanto non utilizzate da tempo o già locate per altri scopi.

Unica struttura, a giudizio dell’Amministrazione idonea, previo lavori di sistemazione di accessi e uscite, si è riscontrata nel compendio immobiliare della Villa Cavalletti.

I due Istituti Comprensivi che insistono nel Comune di Grottaferrata hanno problematiche diverse.

Se per l’I.C. S.Nilo si è potuto avviare un lavoro di riadattamento degli spazi per individuare nuove aule, per il Falcone le difficoltà sono maggiori per la sua intrinseca struttura spaziale. In tutto questo periodo si è lavorato in stretta collaborazione con gli Istituti scolastici condividendo le soluzioni migliori per la riapertura a Settembre delle Scuole: dalla ripartizione e destinazione delle somme da destinare ai lavori, alla migliore gestione della mensa e alla distribuzione dei pasti, alla analisi dei layout degli spazi per la didattica nelle aule, all’acquisto di banchi monoposto ai cui ordini si è già provveduto lo scorso venerdì 7 agosto.

Va da se che i nuovi spazi per la didattica che si andranno a recuperare dovranno essere supportati da una maggiore disponibilità di personale docente e non che dovrà essere garantito dal Ministero dell’ Istruzione.

Istituto Comprensivo S. Nilo

Sono stati già avviati i lavori edili e non di reperimento di nuovi spazi all’interno delle scuole.

La Dirigenza scolastica ha profuso un grande sforzo per reperire, comunque, nuovi spazi all’interno delle strutture esistenti per la didattica, al fine di non delocalizzare aule in luoghi distanti e avulsi dalla scuola.

Ad oggi sono mancanti due aule per la scuola S. Nilo.

Sul tappeto ci sono varie ipotesi per le due aule mancanti che verranno sciolte in settimana e che comunque verranno individuate nelle immediate vicinanze dell’Istituto.

Istituto Comprensivo Falcone

L’istituto Falcone, a seguito di verifiche tecniche sulla suddivisione di spazi esistenti, pur avendo individuato nuovi spazi all’interno della struttura, ha riscontrato la necessità di avere la disponibilità di dieci nuove aule per rispettare le disposizioni ministeriali.

Le necessarie dieci nuove aule non sono reperibili all’interno degli spazi esistenti.

L’Amministrazione comunale in tal senso, rappresentata nelle riunioni dal sindaco Luciano Andreotti e dal delegato alle Politiche Scolastiche, professor Franco Antonio Sapia, ha avanzato la proposta di delocalizzare alcune aule presso un distaccamento da realizzare, come detto, all’interno di villa Cavalletti dove è stata riscontrata disponibilità ad accogliere studenti e docenti.

Questa soluzione, presenta criticità in merito agli ingressi ed alle uscite dalle aule. Criticità superabili con la realizzazione di strutture prefabbricate e di tipo temporanee, che non hanno avuto il gradimento del RSPP.

La dirigenza Scolastica e il RSPP dell’Istituto Falcone sembrano tuttavia optare per una soluzione che preveda il noleggio da parte del Comune di moduli provvisori da istallare nei cortili della scuola, facilmente raggiungibili e collegati all’edificio.

Si tratterebbe di strutture leggere in alluminio coibentate, con pavimenti non poggianti a terra, riscaldate e con finestre e porte.

L’Amministrazione nel corso delle ultime riunioni ha dato disponibilità a procedere con i sopralluoghi verso la realizzazione di questa soluzione.

Lunedì 10 agosto è stato effettuato sopralluogo tecnico con il RSPP per verificare la fattibilità e l’ubicazione del tutto a partire dalla settimana corrente/inizio della prossima.

Sempre da lunedì prossimo, nelle pertinenze del plesso di via Garibaldi dell’Istituto Comprensivo Falcone, al via i lavori di messa in sicurezza del cortile interessato dalla galleria sotterranea, i lavori di riattamento di spazi interni come pure sono in via di risoluzione le problematiche relative alla gestione delle mense e modalità di distribuzione pasti.

Alle scuole, con le quali l’Amministrazione sta procedendo in consonanza, nell’ottica di condividere ogni tipo di scelta, appartengono la gestione della sicurezza, dei percorsi entrata ed uscita, distanziamenti e l’eventuale turnazione delle classi.

“Al termine della terza conferenza dei servizi sulla fondamentale questione dell’avvio del nuovo anno scolastico – dichiara il Sindaco Luciano Andreotti – possiamo confermare che sono state individuate varie soluzioni possibili alle quali l’Amministrazione comunale, i tecnici e le dirigenze scolastiche adopereranno nelle prossime settimane le ultime limature per individuare quella definitiva che garantirà la ripresa delle lezioni entro la metà di settembre tanto nell’ Istituto Comprensivo San Nilo quanto nell’Istituto Comprensivo Giovanni Falcone con uno standard idoneo in termini di sicurezza e qualità della vita di studenti e docenti”.

“In questa fase tanto complessa di ripartenza dell’intero meccanismo sociale, economico, didattico e culturale serve davvero la collaborazione e la comprensione di tutti gli attori in campo. L’Amministrazione comunale da parte sua si sta adoperando al meglio cercando di proporre soluzioni, non sempre facili da trovare, e venendo incontro alle richieste delle scuole. Ci pare questa – conclude il sindaco – la strada migliore per arrivare al risultato certo e nei tempi giusti previsti dal calendario scolastico”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi si stringe intorno alla scomparsa di Daniela Cavaterra

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Una tragedia per la comunità di Nemi è stata la scomparsa della giovane Daniela Cavaterra venuta a mancare prematuramente. Daniela era sempre solare, innamorata dei suoi tre figli, della sorella Roberta e la mamma Luigina del forno Cavaterra. La sua dolcezza e il suo sorriso rimarranno sempre impressi in tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerla.

La redazione de L’Osservatore D’Italia, Chiara Rai e Ivan Galea, si stringono attorno alla famiglia, ai figli, al marito e alla comunità di Nemi e porgono le più sentite condoglianze. Quando la vita di un bel fiore si spezza così presto lasciando amori e affetti terreni, il ricordo rimane fresco e vivo nella memoria della collettività. Daniela, mancherai a tutti!

Continua a leggere

Roma

Virginia Raggi si ricandida a Sindaco. Il Pd si sfila: “Roma merita di più”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Dobbiamo andare avanti, non ci sto ad apparecchiare la tavola per far mangiare quelli di prima”. Dopo settimane passate ad evitare l’argomento Virginia Raggi scioglie la riserva e annuncia ai consiglieri della maggioranza capitolina in una videoconferenza che si ricandiderà.
Una decisione presa nel segno della continuità amministrativa e arrivata dopo la certezza che il MoVimento tutto la sosterrà. L’annuncio è infatti arrivato dopo incontri sia con Luigi Di Maio che con Alessandro Di Battista, è stato preceduto dal sonetto in vernacolo sul blog di Grillo che è apparso come un bizzarro endorsement ad un Raggi bis e soprattutto dall’apertura fatta del capo politico di M5s Vito Crimi ad una riflessione ampia sulla permanenza del vincolo del doppio mandato per chi amministra.

“Virginia Raggi ha dichiarato che si candiderà a sindaca di Roma. Conoscete la mia posizione riguardo alla regola del doppio mandato, sono contraria alle deroghe. Ma guardando all’operato di Virginia, so che la scelta più giusta è sostenerla in questa sua decisione, per una ragione ben precisa: Roma ha bisogno di continuare sulla strada del cambiamento che lei ha iniziato, perseguendo nonostante accuse infondate, linciaggi mediatici, continue minacce che però mai hanno scalfito la determinazione e la volontà di rendere Roma la capitale che merita di essere. Un percorso che può continuare solo se alla guida ci sarà lei. Ci sarà una votazione online perché l’ultima parola spetta sempre agli iscritti. Intanto, da parte mia, forza Virginia Raggi!”. Lo scrive su Facebook la senatrice M5s Giulia Grillo.

“La Raggi ha annunciato la sua ricandidatura promuovendo il suo operato. Nulla di personale ma noi diamo un altro giudizio. Roma merita di più e qualcosa di molto diverso da questi anni. Per questo il Pd lavora per costruire un progetto alternativo”. Lo scrive su Twitter il vicesegretario del Pd Andrea Orlando.

Continua a leggere

I più letti