Connect with us

Cronaca

LUCCA: GIALLO DEL CADAVERE SENZA TESTA, GLI INQUIRENTI HANNO UN'IDEA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Il cadavere apparterrebbe ad un uomo di mezza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco
 
Lucca – Non è ancora stato risolto il giallo che riguarda il cadavere senza testa né arti, rinvenuto nel fiume Serchio. L’inchiesta è piena di punti interrogativi e la squadra mobile di Lucca sta cercando di dare risposte alle numerose domande che ruotano attorno a questa vicenda. Chi è il soggetto rinvenuto in una sponda del fiume a San Pietro a Vico? Il 29 febbraio è stata eseguito l’autopsia. Il cadavere apparterrebbe ad un uomo di mezza età, è stato sottoposto ad analisi radiologici per rilevare eventuali ferite cagionate da arma colpi d’arma da fuoco e/o arma da taglio. Tale esame è servito per escludere la pista del delitto, inoltre sono stati effettuati prelievi istologici ed esami del Dna, che accerteranno quanto prima l’identità della vittima. I campioni prelevati verranno analizzati al microscopio. Prima degli accertamenti tecnici, è impossibile fare qualsiasi ipotesi concreta. Si apprende inoltre che il corpo sarebbe rimasto in acqua per un periodo di tempo che va dai 6 ai 18 mesi. Gli inquirenti sospettano che possa trattarsi di un uomo di 59 anni, Enrico Bettini, di Coreglia, scomparso da casa nel novembre del 2014. Hanno contattato la moglie dell’uomo che risiede in Romania e tornerà in Italia quanto prima. Gli inquirenti hanno effettuato nei giorni scorsi dei sopralluoghi a casa di Enrico Bettini, prelevando il Dna per effettuare il confronto con quello prelevato oggi. 
 
Rinvenimento. Un cadavere senza testa, senza arti, in avanzato stato di decomposizione (saponificato), è stato rinvenuto sulle sponde del fiume Serchio, a San Pietro a Vico (Lucca) , all’altezza del Gasauto. Il macabro rinvenimento è avvenuto giovedì 25 febbraio e notare il corpo è stato un operaio in pensione di 60 anni che abita poco distante dal fiume e passeggiava da quelle parti con il suo cane. Il suo cane pochi giorni prima aveva fiutato qualcosa ma il livello dell’acqua era troppo alto e il corpo non si vedeva, l’uomo inizialmente aveva pensato che si potesse trattare di una carcassa di un animale. Quando però le acque si sono ritirate e l’uomo si trovava da quelle parti, ha potuto notare che non era una carcassa di un animale ma un corpo umano coperto da detriti. Sono state avvisate immediatamente le forze dell’ordine, il pm di turno ha incaricato un medico legale per svolgere l’autopsia sul corpo e l’esame del Dna. Al momento non si conoscono i motivi che hanno portato al decesso del soggetto e/o la sua identità, sarà l’autopsia a dare tutte le risposte del caso. Emerge inoltre che il cadavere sarebbe stato rinvenuto privo di alcune parti come la testa e alcuni arti superiori, non è dato sapere se l’assenza di arti sia stata determinata dal processo de compositivo o da altri fattori. Pochissimi gli oggetti trovati addosso al cadavere, una cintura marrone, calzini e brandelli di pantalone scuro. Gli inquirenti stanno studiando tutti i casi di persone scomparse, tra cui il caso di un artigiano di Coreglia che ha fatto perdere le sue tracce nel 2014, lasciando la sua auto nei pressi di Ponte del Diavolo. 
 
Questa morte, tutta da chiarire, ci porta alla mente un’altra morte strana e mai chiarita. Era il 21 gennaio del 1984 e Paolo Riggio e Graziella Benedetti si trovavano all’interno di una 132 a Sant’Alassio (Lucca), proprio vicino al fiume Serchio. La coppia fu investita da proiettili provenienti dal finestrino anteriore destro. Il killer poi ha rovistato nella borsa di Graziella, prelevando il suo borsellino. Furono trovati dei bossoli calibro 22 con la lettera “L” impressa sul fondo. Per anni si è dibattuto tanto sull’attribuzione del delitto al Mostro di Firenze. Malgrado il killer di Lucca abbia usato un’altra arma, ha agito con le stesse modalità del Mostro di Firenze e nello stesso arco temporale. Quattro anni dopo, 1988, una telefonata anonima ha fatto ritrovare agli inquirenti il cadavere senza testa del 57enne Carlo Alberto Bertini. Il corpo non presentava nessuna ferita, nessun segno di colluttazione. La Mercedes si trovava in fondo alla strada dove si appartavano le coppiette e dove, spesso, vi si recavano i tossicodipendenti. Il corpo è stato rinvenuto accanto ad un camion, la testa invece è stata buttata probabilmente nel fiume. L’uomo indossava una giacca, scarpe e giacca. E’ stata una telefonata anonima ad avvisare i poliziotti della presenza di un cadavere. L’uomo non aveva precedenti penali, non aveva nulla a che fare con il mondo della malavita, era un rappresentante di materiali edili. La sua morte è ancora oggi avvolta da una fitta cortina di mistero, un uomo pulito, senza macchie, ucciso barbaramente e brutalmente.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Palermo, Open Arms: inizia il processo che vede imputato Matteo Salvini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si apre questa mattina nell’aula bunker del carcere palermitano di Pagliarelli l’udienza del processo che vede imputato il leader della Lega Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona per aver impedito alla nave della Ong Open Arms di attraccare con 147 migranti soccorsi in mare. L’udienza, dedicata all’ammissione delle liste testi di accusa e difesa e alle produzioni documentali, si svolge davanti ai giudici della seconda sezione del tribunale.

La Procura ha citato a deporre, tra gli altri, il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, l’ex premier Giuseppe Conte e tre componenti dell’allora suo governo, l’ex vice premier Luigi Di Maio, e gli ex ministri ai Trasporti, Danilo Toninelli, e alla Difesa, Elisabetta Trenta.

Alcune parti civili hanno indicato tra i testimoni anche l’attore Richard Gere, che nel 2019 salì a bordo della Open Arms mentre la nave attendeva l’autorizzazione all’attracco. Salvini, che sarà presente all’udienza, nel corso di una conferenza stampa svoltasi ieri a Palermo ha commentato: “Spero che il processo non si trasformi in un festival del cinema. Penso di essere l’unico ministro in Europa che va a processo per aver fatto il proprio dovere” . 

Continua a leggere

Cronaca

Falsi farmaci contro il Covid: oscurati 42 siti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Sono stati 42 i siti, collocati su server esteri, oscurati dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute perché venivano pubblicizzati o offerti in vendita vari farmaci anche contro il covid 19. Su 35 dei 42 siti veniva venduta anche l’ivermectina, antiparassitario utilizzato in campo veterinario e per il quale l’Ema, nel marzo 2021, ha raccomandato di non utilizzare il principio attivo per la prevenzione o il trattamento del covid al di fuori degli studi clinici.

Con questa operazione salgono a 283 i siti oscurati dai Nas nel 2021, di cui 244 legati all’emergenza Covid. 

Continua a leggere

Cronaca

Violenza sessuale di gruppo: Grillo jr. e i suoi tre amici scelgono il rito ordinario

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I 4 rischiano pene fino a 12 anni di galera

Sceglieranno il rito ordinario in caso di rinvio a giudizio Ciro Grillo e i suoi tre amici accusati di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una studentessa italo-norvegese il 17 luglio 2018 nella casa di Beppe Grillo. La decisione verrà comunicata nelle prossime ore al giudice dell’udienza preliminare di Tempio Pausania.

La notizia è stata appresa dall’ANSA da fonti vicine ai ragazzi. Rischiano pene fino a 12 anni. I legali dei quattro (Enrico Grillo, Romano Raimondo, Gennaro Velle, Ernesto Monteverde, Alessandro Vaccaro e Mariano Mameli) hanno preso la decisione dopo diverse riunioni visto che in due avrebbero preferito il rito abbreviato. 

Continua a leggere

I più letti