Connect with us

Roma

LUNEUR: DAMIANO LUCARELLI CHIUDE IL SIPARIO SUL GRUPPO FACEBOOK

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Si congeda da una esperienza nella quale forse non vede più stimoli costruttivi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Di solito questo quotidiano non è solito fare introduzioni prima di pubblicare le note ricevute. Ma questa volta ci ha scritto, come in tante altre occasioni, un nostro lettore e protagonista di una lunga avventura. Un grande aggregatore di persone che portano avanti valori e ideali nei quali credono. Come il grande affetto da sempre nutrito per il caro e vecchio Luneur. Prima di dare la parola a Damiano Lucarelli, lo ringraziamo per l'estrema correttezza e serietà che ha sempre dimostrato.

Riceviamo e Pubblichiamo da Damiano Lucarelli

Scorrono i titoli di coda sulla mia avventura all’interno del gruppo facebook “Riapriamo il Luneur” e ho scelto L’Osservatore d'Italia per comunicare questa mia decisione, con questa testata e con la sua direttrice Chiara Rai ho cominciato il mio percorso nel settembre del 2013 ed era giusto concludere con chi ha sempre dato voce al Luneur e ai cittadini.
Ci sono stati molti alti e bassi in questo cammino, come tutti sono entrato in quel gruppo per malinconia del vecchio e caro Luneur, poi ho stretto un bel rapporto con Saverio Pedrazzini e insieme abbiamo iniziato un percorso insieme durato fino al settembre 2014, poi per incomprensioni le nostre strade si sono divise e adesso dopo un anno e mezzo è arrivato il momento di uscire di scena e chiudere definitivamente questa avventura ed era giusto informare chi mi ha sempre sostenuto in questo periodo.
Questa decisione nasce in virtù del fatto che non ci sono più motivazioni e stimoli per andare avanti, abbiamo voluto cambiare gli obiettivi del gruppo e questa cosa ha portato il gruppo in una fase di stallo, sono aumentate le iscrizioni ma non c’e’ più quel confronto che c’era prima, gestire un gruppo cosi grande non è affatto facile e mancando gli stimoli diventa ancora più difficile.
Ho avuto una grande squadra vicino e ringrazio chi più di tutti ha condiviso con me quest’avventura e cioè Simona Curcio e Silvia Albanese.
Arrivati alla fine si chiude il sipario e come copione vuole si devono fare i dovuti ringraziamenti, ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicino in questo periodo, GLI EX GIOSTRAI del Luneur che comunque avranno sempre un posto speciale nel mio cuore, credetemi da loro ho ricevuto molto e forse non ho ricambiato come avrei dovuto fare.
Ringrazio mia moglie Raffaela che mi ha sempre supportato e sopportato quando partivo la mattina per Roma e tornavo tardi la sera.
Ringrazio e non smettero’ mai di farlo Chiara Rai e L’Osservatore d'Italia, un punto di riferimento per me, una testata super-partes e che non mi ha mai tappato la bocca e ha sempre pubblicato qualsiasi cosa avessi scritto.
Non posso nominare tutti ma tutti quelli che mi sono stati vicino sanno che i miei ringraziamenti sono per tutti loro.
Charlie Chaplin diceva: È veramente bello battersi con persuasione, abbracciare la vita e vivere con passione. Perdere con classe e vincere osando perché il mondo appartiene a chi osa! La vita è troppo bella per essere insignificante.

Grazie a tutti e come sempre W il Luneur

Damiano Lucarelli

Roma

Roma, sos nube tossica in via Tiburtina: incendia rifiuti pericolosi per riscaldarsi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – I Carabinieri della Stazione Roma San Lorenzo hanno arrestato un cittadino del Congo di 23 anni, a Roma senza fissa dimora, sorpreso ad incendiare rifiuti pericolosi in strada.I Carabinieri nel transitare in via Tiburtina, hanno notato una coltre di fumo nero ed hanno deciso di avvicinarsi. Arrivati all’altezza della Circonvallazione Nuova, i militari hanno sorpreso il ragazzo mentre dava alle fiamme un copertone di un autoveicolo e diversi rifiuti abbandonati. Bloccato il 23enne, i Carabinieri hanno dissipato il combustile per spegnere le fiamme, definitivamente estinte dal personale dei Vigili del Fuoco allertati precedentemente, evitando così disagi alle auto in transito sulla sopraelevata della Circonvallazione. Dalle successive verifiche, i Carabinieri hanno accertato che l’arrestato aveva fornito false dichiarazioni sulla sua identità.Trattenuto in caserma, in attesa del rito direttissimo, il ragazzo dovrà rispondere dei reati di incendio di rifiuti pericolosi e false dichiarazioni sulla propria identità.

Continua a leggere

Roma

Roma, figlio violento prende a schiaffi e pugni la mamma: arrestato 23enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

La vittima ha denunciato ai Carabinieri di subire percosse e maltrattamenti da parte del figlio dal mese di aprile 2020

ROMA – I Carabinieri della Stazione Roma Madonna del Riposo hanno arrestato un 23enne romano, senza occupazione e già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia.

Ieri pomeriggio, a seguito della richiesta di aiuto della madre del giovane, giunta al 112, i Carabinieri sono intervenuti nella loro abitazione, in via della Madonna del Riposo, dove poco prima il 23enne aveva aggredito la madre, 59enne, colpendola con schiaffi e pugni durante una lite per futili motivi.

I Carabinieri hanno bloccato il figlio e prestato i soccorsi alla donna che, per fortuna, non ha necessitato di cure mediche. La vittima, però, ha denunciato ai Carabinieri di subire percosse e maltrattamenti da parte del figlio dal mese di aprile 2020.

I Carabinieri della Stazione Roma Madonna del Riposo hanno portato l’arrestato in carcere, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Continua a leggere

Roma

Roma, Torpignattara: badante deruba oltre 15 mila euro a un anziano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Grazie ad una lunga e accurata attività d’indagine svolta dai Carabinieri della Stazione Roma Torpignattara, una donna italiana di 71 anni, è gravemente indiziata di aver “spillato” ben 15.500 euro ad un pensionato di 89 anni, invalido, che era stata chiamata ad accudire.La donna, che da tempo prestava assistenza all’anziano, approfittando della confidenza che aveva con l’ambiente domestico, sarebbe riuscita, in più occasioni, a utilizzare la carta bancomat della vittima con cui è emerso che, tra i mesi di Luglio e Ottobre scorsi, avrebbe effettuato 11 prelievi per una somma complessiva di 15.500 euro.A dare il via all’indagine è stata la denuncia sporta dall’anziano che si era reso conto di anomali ammanchi di denaro dal suo conto corrente, il resto lo hanno fatto i Carabinieri della Stazione Roma Torpignattara che, analizzando i filmati di videosorveglianza di alcune banche della zona del Prenestino-Labicano, hanno documentato come fosse la donna ad effettuare i continui ed indebiti prelievi dagli sportelli bancomat.Nel pomeriggio di ieri, alla badante “infedele” i militari hanno notificato l’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa e dell’obbligo di presentazione alla P.G. emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma.I reati contestati alla donna vanno dal furto in abitazione all’indebito utilizzo di carta di pagamento.

Continua a leggere

I più letti