Connect with us

Roma

LUNEUR: IGNAZIO MARINO INTERVIENI!

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 5 minuti Il caso Luneur non può non essere affrontato nell'interesse di migliaia di romani che attendono risposte

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

di Damiano Lucarelli, "Riapriamo il Luneur"

Roma – Non possiamo esimerci dal tornare sopra una questione di interesse pubblico e che tocca anche le tasche dei cittadini. Torniamo a trattare un tema caro a molti romani che è quello della riapertura del Luneut e della nostra battaglia affinché questo parco d'attrazione non svenga snaturato e soprattutto non venga riaperto lasciando a casa tante famiglie. Il sottoscritto in nome proprio e per conto del gruppo facebook “Riapriamo il Luneur”, i cui iscritti hanno raggiunto a tutt’oggi la soglia di 8.000 adesioni , con la presente torna nuovamente a porre alla Sua cortese attenzione la vicenda “Luneur”.
Tutto inizia nel 2007 quando Eur spa e l'allora A.D. Mauro Miccio, indisse un invito a manifestare interesse nella gestione del parco divertimenti, dove Eur spa al punto 3 lettera (II) dello stesso invito, aveva indicato chiaramente quelle che erano le indicazioni sul nuovo parco ed in particolare che il miglior progetto di rilancio e del parco divertimenti, prevedeva e garantiva la riprogettazione pur nel rispetto della tradizione……
Individuate le società che avrebbero dovuto partecipare alla fase vincolante Eur spa in data 7 Dicembre c.a. inviava la lettera con le condizioni vincolanti da rispettare per essere ammessi all’esame della domanda.
Questa lettera è formata da 8 tabella dove si ritiene importante evidenziare alcuni punti specifici, ed in particolare il punto 1, dove i contenuti dell’offerta vincolante dovevano contenere gli elementi essenziali dei punti previsti, tra i quali vengono evidenziati le seguenti lettere :
C) dichiarazione espressa di integrale ed incondizionata accettazione da parte dell’offerente del contratto di locazione il cui testo è allegato alla presente lettera sub allegato “A” e assunzione dell’obbligo di ripetizione del contratto di locazione in forma pubblica….;
F) assunzione dell’obbligo di eseguire,a propria cura e spese, i lavori di ripristino del parco indicati nell’elenco allegato alla presente lettera sub allegato “B”, restando inteso peraltro che il mancato adempimento del predetto obbligo costituirà causa di risoluzione del contratto di locazione;
H) l’investimento previsto per la ulteriore ristrutturazione del parco e delle attrazioni in esso presenti, con indicazione della quota di investimento che si intende realizzare in ciascun anno solare di durata della locazione…..;
I) indicazione delle modalità con cui si intende gestire, previo accordo con Eur spa, la riorganizzazione delle attrazioni attualmente presenti nel parco e di proprietà dei c.d. “sub-conduttori”.
Mentre, al punto 3 della citata lettera, troviamo: “documenti da allegare all’offerta vincolante , pena la inammissibilità” ed in particolare si evidenziano quanto contenuto nelle seguenti lettere:
C) progetto preliminare di ristrutturazione del parco e riorganizzazione delle attrazioni;
D) business plan definitivo dell’iniziativa, basato sul progetto preliminare proposto, che dimostri la sostenibilità dell’iniziativa …..
F) copia del contratto di locazione, e dei relativi allegati, siglato in ogni pagina e firmato nell’ultima pagina dal legale rappresentante dell’offerente, in segno di resa cognizione ed integrale accettazione dello stesso da parte dell’offerente medesimo.
Dal momento dell’ individuazione della Vincitrice in Cinecittà Ent. di Luigi Abete, ci sono stati notevoli cambiamenti, a partire dal contratto depositato a quello firmato in forma pubblica, con particolare riferimento alla sottoscrizione del contratto stesso da soggetto diverso da quello che era stato dichiarato vincitore. La tutela dei sub-conduttori è stata sostituita con la dicitura “libero da cose e persone”, mentre l’aspetto forse più grave di tutto e’ riferibile alle tasche del cittadino in quanto e’ stata fatta una riduzione delle penali in caso di inadempienza contrattuale dalle 10.000,00 alle 2.000,00 euro.
Tutta questa serie di modifiche fuori bando di gara ha prodotto l’abbandono totale dell’area, il mancato raggiungimento dell’interesse pubblico ed un danno erariale di notevole entità.
Il gruppo in questi anni ha avuto molti incontri istituzionali tra cui l’On. Enzo Foschi, quando era ancora presente nella sua segreteria, Mario Castagna, dal quale ancora oggi attendiamo delle risposte e l’On. Dario Nanni, con il quale abbiamo mantenuto a tutt’oggi i contatti.
Siamo stati ricevuti nella sede del IX municipio dal presidente On. Andrea Santoro, dove nella stessa sede in data 24/06/2014 e’ stato convocato un consiglio straordinario avente per oggetto “IL LUNEUR ED IL RUOLO DEI SUB-CONDUTTORI”, il consiglio ALL’UNANIMITA’, ha dato mandato allo stesso presidente Santoro di procedere con urgenza ad un incontro con il sindaco di Roma Capitale On. Ignazio Marino, per definire il problema.
Si ritiene che il dispositivo dell’AVCP del 21/05/2014, sia in grado di rappresentare al meglio i dubbi che questo gruppo aveva illustrato nelle varie riunioni istituzionali, compresi i suoi uffici.
Nel documento dell’AVCP si fa riferimento anche alla pronuncia della sentenza del TAR del Lazio n° 3997/2011, dove “laddove si intendeva ravvisare un contratto di concessione di servizi si sarebbe dovuto fare riferimento all’art. 30 d.lgs. n° 163/2006, che richiama i soli principi generali in materia di contratti pubblici, rispettanti dalle S.A.”, a tale riguardo, precisa sempre l’AVCP, che non tutti i fatti censurati, sopra menzionati, sono stati esaminati dal giudice amministrativo.
Da codesto documento si evince senza alcun dubbio, come espresso dalla stessa AVCP, che tutta la vicenda presenta 7 punti di criticità , e vorrei sottoporre alla Sua attenzione due punti importanti:

La stipulazione del contratto con la società “Veicolo” (Luneur Park S.p.A.), anziché con l’aggiudicatario (Cinecittà), sembra contrastare con l’esigenza di assicurare una conoscenza piena da parte dell’amministrazione aggiudicatrice dei soggetti che contraggono con essa, consentendole una verifica preliminare e compiuta dei loro requisiti; verifica che non può essere resa vana dalla stipula del contratto da parte di un soggetto estraneo alla procedura concorsuale, poiché l’interesse pubblico tutelato è quello della trasparenza delle procedure di scelta degli operatori economici. La precisazione delle controparti, che trattasi di “facoltà contemplata dagli atti di gara” appare inconsistente, atteso che la previsione della società “Veicolo” di cui all’art. 4 della “lettera di invito”, rubricato: “Offerta vincolante presentata da cordata o società appositamente costituita [“Veicolo”, ndr]”, è espressamente riferita alla peculiare evenienza della presentazione dell’offerta vincolante da parte di più soggetti riuniti.
Il citato articolo stabilisce, infatti, che: “nel caso di offerta vincolante da parte di soggetti agenti di concerto (“Cordata”), anche tramite società appositamente costituita (“Veicolo”), i soggetti componenti la Cordata ed il Veicolo medesimo, ove già costituito, dovranno predisporre un’Offerta Vincolante unitaria, sottoscritta in originale dai rispettivi legali rappresentanti di ciascuno dei membri della Cordata e del Veicolo …”. Pertanto, tale società appare più coerentemente riconducibile ai soggetti di cui alle lettere d) ed e), art. 34, D.Lgs. 163/2006, e non, come riferito da Cinecittà e Luneur Park, ad una società di progetto, di cui all’art. 156 del Codice.
In proposito, preme evidenziare che Cinecittà ha presentato l’offerta vincolante singolarmente, non quale componente di una “Cordata” come previsto dal richiamato art. 4.
Sulla questione, si evidenzia inoltre , che l’oggetto sociale della Luneur Park non sembra prevedere quelle attività necessarie alla realizzazione dei previsti interventi e dalla documentazione in atti, risulta peraltro che: “ … verranno eseguiti mediante affidamenti a terzi”
Eur spa è una società pubblica composta per il 90% dal MEF, e per il 10% dal Comune di Roma, sempre come riportato dall'AVCP per voce del giudice amministrativo che precisa: “l'attivita' svolta da EUR spa e' ricompresa nell'utilizzazione dei beni immobili di sua appartenenza per la promozione ovvero per le iniziative estensibili nell'ambito delle attività ricreative, quindi viene ad assumere un "indubbio carattere di interesse pubblico".

Con riferimento al punto 1, si precisa, che la società “veicolo” LEP, attuale firmataria del contratto, non poteva presentare nessun nuovo progetto del parco, ne tanto meno quello del family park da 0-12 anni presentato nell’anno 2012 e che la stessa non poteva essere autorizzata in quanto la soc. Luneur Park era priva della capacità giuridica di sottoscrivere il contratto poiché non vincitrice del bando di gara ad evidenza pubblica.
Comunque alla data odierna non è stato possibile vedere in nessun ufficio capitolino e negli uffici di Eur spa il progetto del 2007 che faceva parte dei documenti vincolanti per l’ammissibilità alla gara.
Questo nostro percorso, si tiene a precisare , si ricollega a quanto da lei dichiarato durante la campagna elettorale, di dare un senso di discontinuità con il passato ed un forte impulso alla legalità. Forti di questo, abbiamo intrapreso la strada della verità.Fiduciosi in un suo riscontro auspichiamo in un suo intervento al fine di esaminare compiutamente tutti gli atti di condesta vicenda per ricreare quel rapporto di fiducia con la nuova politica da lei rappresentata anche attraverso una efficace comunicaizone in campagna elettorale e per scongiurare il luogo comune "tanto non cambia niente". 

 

Castelli Romani

Nemi, il sindaco uscente segnala Azzurra Marinelli alla Corte D’Appello

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Revocata dalla carica di Presidente di seggio

La Corte d’Appello di Roma ha revocato la nomina di Azzurra Marinelli da presidente del seggio elettorale della sezione 2 del Comune di Nemi.

La revoca arriva dopo una segnalazione scritta dall’attuale sindaco uscente Alberto Bertucci, datata 17 maggio 2022. Bertucci segnala che Marinelli è la moglie del candidato sindaco “della lista di opposizione” all’attuale primo cittadino uscente.

Da circa 25 anni, Azzurra Marinelli ricopre il ruolo di presidente di seggio in occasioni delle elezioni amministrative di Nemi. Anche nel 2017 con il marito candidato sindaco, Marinelli ha svolto l’attività di presidente di seggio senza che l’allora sindaco Alberto Bertucci segnalasse l'”inopportunità”.

Il Consiglio di Stato a più riprese ha ribadito che la parentela tra componenti dell’ufficio elettorale di seggio e candidati sindaco o amministratori non costituisce presupposto di incompatibilità.

Continua a leggere

Cronaca

Guidonia Montecelio, inaugurato il polo affido familiare del distretto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il sindaco Barbet: “La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5″

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Nella giornata di martedì 24 maggio il Sindaco Michel Barbet, il Presidente della Commissione Sociale Consiliare Matteo Castorino con la Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Lazio Eleonora Mattia e la dottoressa Stefania Salvati della Asl Roma 5 hanno inaugurato il polo affido familiare del distretto che si trova a Setteville in Via Pascoli 52.

“Il polo affido familiare si pone come scopo quello di mettere in contatto le famiglie affidatarie ed i bambini e ragazzi in difficoltà- spiega il Presidente Castorino- con l’obiettivo di consentire un graduale rientro del minore nella famiglia di origine a fronte di un progetto personalizzato di aiuto e supporto”.

“La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5. Tutelare i minori in difficoltà è un compito che spetta alle amministrazioni pubbliche e che dobbiamo perseguire con tutti gli strumenti a nostra disposizione”- conclude il Sindaco Michel Barbet.

Continua a leggere

Roma

Roma, scomparso lo storico comandante dei Vigili Giovanni Catanzaro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Milani (Sulpl): “Ci lascia una delle figure più carismatiche ed amate del Corpo”

ROMA – Si rincorre sulle chat e sulle pagine Facebook il tam tam di cordoglio per la scomparsa di Giovanni Catanzaro, storico comandante della Polizia Locale di Roma, un uomo che nel Corpo aveva percorso tutti i gradini della propria carriera.

Tra i molti a ricordarlo il SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale), che in una nota del Segretario Romano Marco Milani dichiara: “Esprimiamo dolore e cordoglio per la scomparsa di uno dei Comandanti più carismatici ed amati che il Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale abbia mai avuto. Nell’esprimere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia, ci piace ricordarlo come un uomo capace di stimolare i suoi uomini al conseguimento dei migliori risultati, esercitarne il controllo in maniera anche rigida ed al contempo difenderli ed assisterli a fronte qualsiasi imprevisto. Qualità tipiche di un Comandante che saputo fare la sua gavetta all’interno del Corpo fino a giungere all’apice. Ci auspichiamo che amministrazione e Comando, sappiano tributargli la giusta memoria”. Così concludono dal sindacato, con quello che appare essere un messaggio indirizzato all’amministrazione Gualtieri.

Continua a leggere

I più letti