Connect with us

Esteri

L’uragano Irma non lascia scampo, il governatore della Florida: “Andate via ora”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

L’uragano Irma e’ al momento di categoria 3 con venti registrati 125 miglia orarie di velocita’. Ci si attende che si rafforzi nuovamente nel suo viaggio verso la Florida.

“Non si sopravvive a questa tempesta. E’ una situazione potenzialmente mortale. Evacuate ora, non tra un’ora o stanotte. Andatevene ora”. Lo ha detto il governatore della Florida, Rick Scott, in conferenza stampa in merito all’uragano Irma che si sta avvicinando allo Stato. Nel sottolineare che si è in uno stato di emergenza, il governatore ha detto che la Florida “è resistente, è infrangibile. Stiamo uniti ed aiutiamoci”.

Circa un milione di cubani, su una popolazione totale di 11 milioni, hanno già lasciato le proprie abitazioni per il passaggio dell’uragano Irma, che si trova nell’ isola: lo sottolinea la tv dell’Avana, dove in alcuni quartieri sono in corso evacuazioni anche stamani.

L’uragano Irma che si sta dirigendo verso le coste della Florida potrebbe risultare il peggiore, nella storia degli Usa, in termini di costi economici e un incubo per le compagnie assicurative. Secondo gli esperti consultati da Bloomberg il conto finale potrebbe arrivare potenzialmente a 200 miliardi di dollari, superiore quindi all’uragano Katrina che colpì New Orleans nel 2005 con effetti devastanti pari a 160 miliardi di danni e oltre 1800 vittime accertate. L’uragano Irma, spiega a Bloomberg Chuck Watson, analista della Enki Research, potrebbe facilmente raggiungere i 135 miliardi di danni spingendosi fino a quota 200 miliardi con effetti dirompenti sui bilanci e la tenuta delle compagnie di assicurazione.

Intanto il governatore dell’Alabama Kay Ivey ha emesso lo stato di emergenza in vista dell’arrivo di Irma, previsto in Alabama e in Georgia per lunedì mattina. Sono attese forti piogge e forti venti e anche se sarà soltanto la coda di Irma ad abbattersi sull’Alabama che verrà risparmiato dall’impatto più forte, Ivey prevede che alcune conseguenze saranno inevitabili.

Le autorità della Florida hanno chiesto a 5,6 milioni di abitanti, pari al 25% della popolazione dello Stato, di lasciare le proprie case in vista dell’arrivo dell’uragano Irma. Secondo quanto riporta la Bbc online, Irma dovrebbe arrivare in Florida domenica mattina alle 8:00 (le 14:00 in Italia) per proseguire il suo cammino verso nord fino ad arrivare in Georgia tra lunedì e martedì e in Tennessee tra martedì e mercoledì. L’uragano, che attualmente si trova su Cuba, ha provocato almeno 20 vittime nei Caraibi ed e’ seguito – a est – dall’uragano Jose di categoria 4, ovvero con venti fino a 240 chilometri orari. Jose sembra seguire la traiettoria di Irma e adesso si trova davanti alle coste orientali di Martinica.

Il governatore della Florida, Rick Scott, aveva già ordinato la chiusura di tutte le scuole, i campus universitari e gli uffici pubblici nell’intero stato, in vista dell’arrivo dell’uragano Irma previsto nel fine settimana. Traffico da incubo nel sud dello Stato, dove almeno mezzo milione di persone è in fuga: Irma che dovrebbe abbattersi sulla costa di Miami e dell’arcipelago delle Keys nel fine settimana. In seguito all’ordine di evacuazione di tutta l’area strade e autostrade sono in queste ore intasate e le stazioni di servizio aperte prese d’assalto prima che possano finire le scorte di carburante. In molte zone la circolazione è per lunghi tratti paralizzata.

Turisti in fuga a Cuba per l’arrivo dell’uragano Irma: sono almeno 51 mila – si legge sul New York Times – quelli che le autorità dell’isola stanno evacuando, di cui 36 mila erano sistemati nei vari resort sulla frequentatissima costa settentrionale dell’isola, dove si trovano la capitale L’Avana e la località balneare di Varadero.

“L’uragano Irma e’ di proporzioni epiche, forse maggiore di quanto abbiamo mai visto. Mettetevi in salvo e via dal suo percorso, se possibile. La G (guardia costiera ndr) federale e pronta!”. Interviene cosi’, su Twitter, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump per mettere in guardia sul mega-uragano che si appresta a colpire la Florida. In un altro messaggio Trump ha lodato la guardia costiera che ha “salvato oltre 15mila vite la scorsa settimana con Harvey. Irma potrebbe essere anche peggiore. Amiamo la nostra Guardia costiera!”, ha scritto.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Esteri

Emergenza migranti: Juncker cerca soluzioni tra gli stati interessati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker ha convocato per domenica a Bruxelles una riunione di lavoro informale sui temi della migrazione e dell’asilo durante la quale lavorerà con un gruppo di capi di Stato e di governo degli Stati membri interessati per trovare soluzioni europee in vista del prossimo Consiglio europeo”. Lo riferisce una nota della Commissione Ue. Si tratterà, secondo quanto appreso a Bruxelles, di un vertice a 7 con i leader di Italia, Francia, Germania, Spagna, Grecia, Bulgaria e Austria più i rappresentanti delle istituzioni Ue. Summit Visegrad-Austria domani a Budapest – Minivertice dei leader dei Paesi di Visegrad ed il cancelliere austriaco Sebastian Kurz domani a Budapest sul dossier migrazione e asilo. Lo annuncia Bertalan Havasi, capo ufficio stampa del premier ungherese Viktor Orban, e lo confermano fonti diplomatiche a Bruxelles.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Esteri

Trump minaccia il Made in China

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Donald Trump minaccia nuovi dazi del 10% su altri prodotti Made in China per un valore di 200 miliardi di dollari se Pechino replicherà a quelli già decisi da Washington pochi giorni fa. La Cina parla di ricatto e assicura “forti contromisure” in caso di loro attuazione. Lo scontro fa paura alle borse asiatiche, che finiscono in forte calo (Shanghai chiude -3,78%), mentre le quotazioni dell’oro sono in rialzo. Piazza Affari in forte calo sul tonfo delle Borse di Asia e Pacifico per i timori sulla guerra commerciale tra Cina e Usa. Il primo Ftse Mib cede l’1,37% a quota 21.797 punti.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Esteri

Finlandia, da oltre 70 anni pasto gratuito per tutti gli alunni delle scuole: ogni giorno vengono serviti circa 900.000 pranzi scolastici

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

HELSINKI – Il sistema scolastico finlandese è noto in tutto il mondo per essere considerato il migliore. Un momento importante della giornata scolastica degli alunni finlandesi è rappresentato dall’ora del pranzo: ogni giorno viene offerto loro un pasto gratuito ed equilibrato a scuola. E questa disposizione è in vigore da almeno 70 anni poiché la Finlandia è stato il primo paese al mondo nel 1948 a stabilire per legge che ogni alunno dovesse ricevere a un pasto gratuito a scuola. Il pranzo scolastico gratuito offerto a tutti è una delle caratteristiche della società e dello sviluppo scolastico finlandese.

La Finlandia e la Svezia sono gli unici paesi al mondo dove lo stato offre un pasto gratuito a tutti gli allievi ogni giorno scolastico

Sin dall’inizio il pranzo gratuito a scuola è stata una garanzia per l’eguaglianza: senza distinzione fra le classi sociali è stato offerto a tutti e così ha reso possibile la partecipazione più completa alla vita scolastica. Il pranzo viene preparato seguendo le raccomandazioni nutrizionali nazionali.
In Finlandia ogni giorno vengono serviti circa 900.000 pranzi scolastici. Il prezzo degli ingredienti è di circa 1 euro per porzione e il pasto deve coprire 1/3 del fabbisogno energetico giornaliero.

“Miglior cibo scolastico” un concorso per i cuochi delle mense

Per definire la migliore alimentazione scolastica in Finlandia, ogni due anni viene organizzato un concorso per i cuochi delle mense. Quest’anno, a marzo, l’ambasciatore di Finlandia in Italia Janne Taalas è stato il presidente della giuria a Helsinki e ha avuto il piacere di ospitare la squadra vincente nella sua residenza a Roma il 12 giugno scorso. Lo scopo del concorso è di far aumentare il rispetto verso i pasti scolastici e verso i professionisti che lavorano nelle mense, così come produrre nuove ricette per tutte le cucine scolastiche finlandesi. Durante il concorso le squadre finaliste di tre cuochi preparano zuppe, secondi (a base di carne o pesce) e piatti vegetariani. La giuria giudica l’aspetto e il gusto dei piatti e la loro adattabilità all’uso delle mense scolastiche.
Il concorso vuole puntare l’attenzione sulle seguenti domande: come si fa a preparare pasti gustosi per i bambini con un costo di un euro a porzione? Come si può ridurre lo spreco nelle mense e aumentare l’ecologicità dei pasti?

Nella residenza dell’ambasciatore sono intervenuti i rappresentanti degli organizzatori dell’originale concorso:

Jutta Kontinen e Ari Korte della Continental Foods Finland mentre era presente il trio femminile di cuoche vincitrici del concorso, tutte provenienti dalla città di Joensuu, Finlandia centrale e della scuola di Eno: Anne Kinnunen, Meerit Kärki e Leena Koponen. Esse lavorano alla mensa dove giornalmente vengono preparati ca 700 pasti scolastici, la ditta che gestisce la mensa si chiama Polkka – Pohjois-Karjalan tukipalvelut Oy. Secondo i vincitori i piatti preferiti scolastici dei bambini della zona dove lavorano sono: frittelle di spinaci, bastoncini di pesce e diversi porridge, specialmente il porridge di orzo.
Intanto cresce la popolarità dei piatti vegetariani nelle scuole finlandesi. Anche la squadra di Joensuu vuole aumentare l’uso delle verdure e degli ingredienti a chilometro zero nei piatti, come le mele e i frutti di bosco locali in autunno.
E questo è menù vincente, che è stato fatto gustare agli ospiti dell’ambasciatore nella sua residenza:
Zuppa di carote e wurstel
Paella di pollo
Patate al forno
Purea di ceci
Insalata di cavolo cinese, ananas e piselli
Certamente un menù insolito per i gusti degli studenti italiani ma, bisogna ammetterlo, avendolo provato, abbastanza saporito ed equilibrato

Gianfranco Nitti

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it