Connect with us

Economia e Finanza

M5s, reddito di cittadinanza?: alla Stampa Estera il professor Domenico De Masi chiarisce il grande equivoco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Beppe Grillo e Davide Casaleggio hanno commissionato tempo fa al prof. Domenico De Masi, sociologo del lavoro, tra i più stimati accademici italiani in materia di occupazione, una ricerca, dal titolo “Lavoro 2025”, sul probabile futuro e prospettive del mondo lavorativo in Italia. Ne è nato un rapporto di oltre 300 pagine che Luigi Di Maio ha descritto come “la prospettiva sulla quale il Movimento intende sviluppare il proprio programma sul lavoro”.

Recentemente, De Masi ha incontrato i soci della Stampa Estera a Roma

In tale circostanza ha avuto luogo un interessante dibattito e confronto sulle tematiche più attuali nella vita politica e sociale italiana, connesse anche all’interesse derivante dal successo elettorale di un Movimento che, in meno di 10 anni, è salito alla ribalta ed alle leve di governo di molte istituzioni italiane. In particolare, molti interrogativi sono stati posti dai giornalisti sui contenuti del cosiddetto ‘reddito di cittadinanza’ che costituisce uno dei punti chiave del programma politico del M5S.

Tuttavia, De masi ha chiarito come la sua proposta differisca sostanzialmente da quella del Movimento, che sarebbe più esatto definire ‘reddito d’inclusione’

Ma questo intervento di sostegno al reddito ed alla ricerca di un’occupazione in Italia si scontra contro l’obsolescenza delle infrastrutture che dovrebbero aiutare nella ricerca del lavoro per cui, stante i criteri che dovrebbero guidare la misura proposta dai 5S, la sua realizzazione diventerebbe estremamente difficile, mentre i bisognosi non possono aspettare anni che siano riformati e resi utili i centri per l’impiego ed analoghe istituzioni. Per ovviare a questo problema, De Masi evidenzia che la sua ipotesi, questa sì definibile ‘ reddito di cittadinanza’, sia un beneficio assegnato a tutti coloro che ne abbiano necessità da subito. Per De Masi, quindi “ Tanto varrebbe, a questo punto, dire che tutti i disoccupati prendano una stessa cifra, a prescindere dalla loro condizione economica. Per alcuni sarebbe un’ingiustizia, perché i più agiati non se lo meriterebbero. Ma costoro è più difficile che rimangano disoccupati, e qualcuno il reddito nemmeno lo chiederebbe. Questo, però, è l’unico modo in cui si riesce a fare tutto rapidamente: basta che, nel momento in cui licenzia il lavoratore, si informi l’ufficio addetto e lui da quel giorno percepirebbe il reddito. Almeno in una prima fase, finché non ci realizzino efficienti centri per l’impiego, è meglio il reddito di cittadinanza.

L’equivoco nasce dal fatto che la proposta di legge del M5S venne definita reddito di cittadinanza, mentre non lo è”.

Domenico De Masi ha elaborato il suo paradigma partendo dal pensiero di maestri come Alexis de Tocqueville, Carlo Marx, Frederick W. Taylor, Daniel Bell, André Gorz, Alain Touraine, Agnes Heller e approdando a contenuti originali in base a ricerche centrate soprattutto sul mondo del lavoro. Ha diffuso le sue idee attraverso libri, saggi, articoli, corsi universitari, seminari, conferenze e trasmissioni radio-televisive. Qui di seguito sono sintetizzati i punti essenziali del suo paradigma: la società postindustriale, gli aspetti socio-economici, i bisogni emergenti, i nuovi soggetti sociali, la creatività, il lavoro, il telelavoro, l’ozio creativo, il tempo libero, i paradossi sociali e aziendali. Per una descrizione esauriente del paradigma elaborato e diffuso da De Masi, si rinvia a tre suoi testi La fantasia e la concretezza, Il futuro del lavoro, Ozio creativo, tutti pubblicati da Rizzoli. Durante la chiacchierata coi rappresentanti dei media esteri, De Masi ha anche annunciato l’imminente conclusione di un suo nuovo saggio, sempre su queste tematiche, di notevole impegno, essendo previste non meno di 800 pagine!

Gianfranco Nitti

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Economia e Finanza

Finnlines, una storia di successo “made in Napoli” sul mar Baltico

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

I risultati di bilancio 2018 del gruppo navale finlandese Finnlines indicano un aumento di EUR 12,5 milioni a EUR 95,1 milioni, con ricavi aumentati del 9,9% a 589,4 milioni di EUR nel periodo. Durante il quarto trimestre, i volumi di merci sono rimasti sostenuti, aumentando le entrate rispetto allo scorso anno da 131,8 milioni a 141,5 milioni di EUR. Il risultato per ottobre-dicembre 2018 è stato di 19,7 (14,8) milioni di EUR.

La strategia, per crescere insieme ai clienti, aumentare l’efficienza del capitale impiegato nella flotta e continuare a investire nello sviluppo sostenibile, sta dando i suoi frutti mentre la società cresce con il mercato e per il mercato. Il risultato del 2018 è la continuazione di un tracciato record di successo negli ultimi anni.

Finnlines, interamente di proprietà del Gruppo Grimaldi di Napoli, nelle parole del Presidente e Amministratore Delegato, Emanuele Grimaldi, in concomitanza con la revisione finanziaria: “schiera e continuerà a schierare navi sempre più grandi sia nel segmento ro-pax che in quello ro-ro, creando economie di scala, anche concentrandosi sull’ottimizzazione delle rotte e delle imbarcazioni. Tutto ciò ha migliorato l’utilizzo delle risorse della flotta. Nell’aprile 2018, è stato avviato un programma di investimento Green Ro-ro da 200 milioni di euro ordinando tre nuove econavi ro-ro da 5.800 metri lineari. Ma non è tutto – al momento si sta progettando e sviluppando un nuovo concetto di classe ro-pax per Finnlines. Queste navi ro-pax Superstar saranno più grandi delle più grandi navi della classe Star esistenti e soddisfano anche i più alti standard tecnici e ambientali. Questi importanti investimenti contribuiranno ulteriormente a ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2 e di altro tipo “.

All’interno del settore, l’Organizzazione Marittima Internazionale ha fissato un obiettivo molto alto – una riduzione del 50% – delle emissioni di principali gas serra entro il 2050, rispetto ai livelli del 2008. Oltre alla CO2, le emissioni di anidride solforosa (SO2) devono essere ulteriormente ridotte. Finnlines ha iniziato a installare sistemi di abbattimento delle emissioni diversi anni fa e 19 delle 21 navi sono state dotate di questa tecnologia. Ridurre il consumo di carburante e ridurre le emissioni nocive sono stati per molto tempo uno degli elementi chiave della strategia del Gruppo.

Per sopravvivere in un settore che si trova di fronte a pressioni pubbliche sulle operazioni commerciali per mettere l’ambiente al primo posto, le richieste dei clienti per processi di business più intelligenti e, soprattutto, vaste normative volte a ridurre le emissioni, Finnlines deve aggiornare costantemente la propria flotta e utilizzare le innovazioni tecnologiche in tutta la catena di approvvigionamento. Pertanto, la società ha investito oltre 1 miliardo di euro nell’ultimo decennio. E ancora di più – come afferma Grimaldi, “continueremo a realizzare la nostra strategia con determinazione e coerenza investendo oltre 500 milioni di euro in più nei prossimi tre o quattro anni per i nostri clienti che cresceranno insieme a noi”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Economia e Finanza

Dr. Schär e Raisio: siglata alleanza strategica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La società Dr. Schär ha firmato un accordo per un’alleanza strategica con la società finlandese Raisio, pioniere nel campo degli alimenti funzionali per la riduzione del colesterolo e specialista innovativo per l’avena finlandese. La combinazione di competenze delle due società apre nuove opportunità commerciali per entrambe.

L’accordo a lungo termine ora siglato traccia i contenuti essenziali della collaborazione. Le aziende stanno esplorando, tra l’altro, le opportunità di una collaborazione estensiva nello sviluppo e nella fabbricazione dei prodotti.

Dr. Schär e Raisio affermano che questa alleanza strategica genera un valore aggiunto per entrambe le aziende. La collaborazione spalanca inoltre nuove opportunità per i marchi Benecol e Elovena di Raisio nei mercati forti di Dr. Schär, in particolar modo in Germania, Italia, Francia e Spagna.

Secondo il Presidente di Dr. Schär, Ulrich Ladurner: “L’alleanza strategica con Raisio rappresenta per noi una tappa importante, poiché ci consentirà di sviluppare ulteriormente e consolidare la nostra rete di distribuzione. Inoltre, gli affermati marchi di Raisio completeranno la nostra gamma e avremo accesso all’eccellenza di Raisio nel campo dell’avena. In quanto impresa a gestione familiare, per noi è importante sapere che le aziende condividono gli stessi valori di fondo.”

Per il presidente e CEO di Raisio, Pekka Kuusniemi: “Con la sua forte focalizzazione e l’elevata competenza nei mercati dei prodotti ad alto valore aggiunto, Dr. Schär è un partner ideale di Raisio. La solida posizione di Dr. Schär in Europa integra la presenza geografica di Raisio.”

Raisio è un’azienda finlandese operante su scala internazionale specializzata nella produzione sostenibile di alimenti sani e mangimi per pesci. Sono marchi noti dell’azienda Benecol, Elovena, Sunnuntai, Torino e Benella. Per i suoi prodotti, l’azienda si focalizza su benessere, salute, sapore gustoso e sviluppo sostenibile. La vasta competenza e la passione per l’innovazione ne assicurano la crescita redditizia. L’azienda è quotata nel Nasdaq Helsinki Ltd. Nel 2017 il Gruppo ha conseguito un fatturato netto di 228 milioni.

Dr. Schär, localizzata a Postal, in provincia di Bolzano, ha 1270 addetti e 10 impianti produttivi; il suo fatturato netto, nel 2018, è ammontato ad EUR 360 milioni.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Economia e Finanza

Reddito di cittadinanza, perdita requisiti anche in caso di donazioni, successioni o vincite al gioco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Vincere al gioco potrebbe non essere una buona notizia per chi ha ottenuto il reddito o la pensione di cittadinanza.

Con una novità introdotta durante l’esame alla Camera è ora previsto che ”la perdita dei requisiti si verifica anche nel caso di acquisizioni di somme” sopra gli importi previsti ”a seguito di donazione successione o vincite”.

L’importo è di 6.000 euro e sale di 2.000 euro per ogni componente della famiglia, fino ad un massimo di 10.000 euro. Il superamento della soglia deve essere comunicato entro 15 giorni.

La novità, che ovviamente non riguarda solo i giochi ma tutti gli incrementi di ‘ricchezza’ che porta sopra le soglie definite, era già nella logica del provvedimento ma durante il passaggio alla Camera è stato introdotta una ulteriore formulazione che precisa chiaramente che non si può superare la soglia anche nel caso in cui questi denari siano stati regalati, ereditati o vinti al gioco.

Quest’ultimo aspetto non è sfuggito all’Agenzia Agipro, specializzata nei giochi. Ovviamente il meccanismo scatta anche se la vincita è minore ma, sommandola a quanto già si possiede, si superano le soglie previste per i requisiti patrimoniali.

Questi sono articolati a seconda delle tipologie di famiglia

Così se il valore base da non superare è di 6.000 euro, è previsto un incremento di 2.000 euro per ogni familiare successivo al primo, fino ad un massimo di 10.000 euro. Ci sono poi ulteriori incrementi dal terzo figlio in poi e per eventuali familiari con disabilità. Dal terzo figlio la somma si incrementa di 1.000 euro mentre per ogni disabile di 5.000 euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Marzo: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it