1

MADE IN ITALY MATTEO RENZI: BENE SU DERBY MOZZARELLA IPHONE

Redazione

Finalmente un Presidente del Consiglio che sa riconoscere e parla apertamente dei primati nella qualità alimentare che puo’ vantare l’Italia che ha la leadership europea con 262 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp), puo’ contare sul maggior numero di produttori biologici nell’Unione e garantisce livelli di sicurezza da record con un numero di prodotti agroalimentari con residui chimici oltre il limite di appena lo 0,2 per cento che sono risultati inferiori di nove volte a quelli della media europea (1,6 per cento di irregolarità) e addirittura di 32 volte a quelli extracomunitari (7,9 per cento di irregolarità), sulla base delle elaborazioni Coldiretti sulle analisi condotte dall’Efsa. E’ quanto afferma il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel commentare le dichiarazioni del presidente del Consiglio Matteo Renzi sul fatto che "L'Italia ha le cose piu' straordinarie del mondo ma non ha cura del processo e del marketing. Io vorrei un derby tra l'i-Phone e la mozzarella di bufala" e che "L'Italia e' l'unico Paese al mondo dove il direttore commerciale parla male dell'Italia". "Il semestre di presidenza italiana dell’Unione e l’appuntamento dell’Expo rappresentano importanti occasioni per far conoscere, con il grande lavoro del Minisitro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, il vero Made in Italy e le specificità di un modello produttivo unico che è cresciuto ed ha vinto puntando sui valori dell’identità, della biodiversità e del legame territoriale” ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo. L’Italia per crescere deve tornare a fare l’Italia e puntare su quegli asset di distintività nazionale che – ha sottolineato Moncalvo – garantiscono un valore aggiunto nella competizione globale come il territorio, il turismo, la cultura, l’arte, il cibo e la cucina. Insieme al premier Renzi – ha concluso Moncalvo – lo hanno capito bene i giovani italiani come dimostrano le iscrizioni al prossimo anno scolastico con per gli istituti agrari che registrano un aumento record del 12 per cento e sono quelli che fanno segnare il maggior incremento nel numero di iscrizioni per il 2015. Nell’anno scolastico 2014/2015 si sono iscritti al primo anno degli istituti tecnici e professionali della scuola secondaria di secondo grado, statali e paritarie 264.541 giovani e tra questi ben il 24 per cento ha optato per l’agricoltura, l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera, che complessivamente hanno registrato 63.719 nuovi iscritti contro i 60.017 dello scorso anno, perché in questi settori i giovani vedono una prospettiva di futuro per Italia.