Connect with us

Roma

MADE IN ITALY, PER MINISTRO CATANIA TEMPI MATURI PER DDL SU DIFESA ALIMENTARE

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

''Il convegno di oggi ha messo in evidenza questioni cruciali sulle quali riflettere per rendere ancora piu' incisiva la lotta alla contraffazione agroalimentare e al cosiddetto Italian sounding. Il prezioso lavoro della Commissione parlamentare e i contributi che ho ascoltato oggi mi convincono del fatto che ci siano tutti i presupposti e le condizioni necessari per lavorare a un'ipotesi di disegno di legge a tutto tondo in difesa del Made in Italy''. Cosi' il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Mario Catania, e' intervenuto alla presentazione della relazione sulla contraffazione nel settore agroalimentare, realizzata dalla Commissione parlamentare di inchiesta sui fenomeni della contraffazione e della pirateria in campo commerciale, che si e' svolta questa mattina a Roma presso la sede della Coldiretti.

''Ci tengo a ribadire che, per quanto riguarda il contrasto ai fenomeni di contraffazione, non siamo all''anno zero', ma anzi sono stati conseguiti obiettivi fondamentali negli ultimi 20-30 anni, sia a livello nazionale che comunitario.

L'Italia – ha aggiunto – vanta una legislazione avanzata e si avvale dell'encomiabile operato di organismi quali il Nucleo antifrodi dei Carabinieri-Nac, il Corpo forestale dello Stato e l'Ispettorato centrale della tutela della qualita' e repressione frodi dei prodotti agroalimentari (Icqrf). Ma dovendo fare i conti con una realta' estremamente complessa e variegata, dobbiamo mettere in campo delle risposte articolate per far fronte a illeciti profondamente diversi tra loro. Credo che sia necessario pensare inoltre ad alcune delle proposte emerse oggi come, ad esempio, l'interdizione dall'attivita' per i soggetti che hanno trasgredito in materia di contraffazione.

Una simile misura costituirebbe un deterrente maggiore rispetto, per esempio, alla semplice sanzione pecuniaria. Non possiamo dimenticare che la vera vittima, oltre al consumatore, e' proprio l'agricoltore italiano che deve essere messo invece al riparo da questi illeciti''.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Castelli Romani

Nemi, ancora un’udienza per “Elvis”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – È stata rinviata al prossimo 2 novembre 2020 l’udienza che vede imputato Giacomo Cavalieri, detto Elvis, per un altro processo relativo il reato di danneggiamento. Cavalieri in un precedente processo ha ammesso di essere stato il mandante degli incendi di tre auto in uso a Franco Nicoletti detto Cricchetto, riconosciuto quest’ultimo parte offesa.

Si è arrivati dunque a un secondo capitolo di atti ai danni di Nicoletti

Tra i testimoni S. F. in quanto una delle auto incendiate è stata data in prestito dallo stesso a Nicoletti e L. B., conoscente e amica di Nicoletti, la quale in più occasioni ha chiesto all’anziano di essere accompagnata a casa o comunque non lasciata da sola in presenza di Elvis che spesso l’avrebbe importunata.

Tra i testimoni è stata chiamata anche S. I. che però non era presente in Aula. I testimoni dovranno presentarsi all’udienza del prossimo 2 novembre.

Il detenuto Giacomo Cavalieri, che si trova in carcere a Velletri, non era presente in Aula questa mattina. Pertanto l’udienza è stata rinviata a novembre.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Roma, blitz a San Basilio: 21 arresti. Anche boss della ‘ndrina

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Dalle prime luci dell’alba, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, nelle province di Roma, Napoli, Reggio Calabria, Viterbo e Frosinone, stanno dando esecuzione a un’ordinanza che dispone la misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 21 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, nonché tentato omicidio. Ulteriori perquisizioni sono in corso nei confronti di altri 13 indagati, le cui condotte sono risultate collegate al traffico illecito di sostanze stupefacenti, attribuito agli arrestati.

Le indagini hanno consentito di disarticolare un sodalizio criminale dedito al traffico, alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo hashish, cocaina e marijuana, operante in una delle più importanti piazze di spaccio del quartiere romano di San Basilio. Tra gli arrestati ci sono diversi personaggi vicini alla ‘ndrina Marando di Platì, progressivamente insediatisi sul territorio popolare di San Basilio, gestendo, con l’ausilio di un considerevole numero di vedette e di pusher in vario modo coordinati, una costante, pervasiva e remunerativa attività di spaccio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, evade dai domiciliari per comprare le sigarette in un bar: arrestato 21enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

VELLETRI (RM) – I Carabinieri della Stazione di Velletri hanno arrestato un 21enne del posto per evasione.

L’uomo è stato intercettato dai militari sulla pubblica via, subito dopo essersi allontanato dall’abitazione ove si trovava agli arresti domiciliari senza nessuna autorizzazione.

Il giovane, dopo essere stato bloccato, ha riferito di essere uscito di casa per comprare le sigarette in un bar poco distante.

L’arrestato è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Gennaio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it