Connect with us

Roma

MAFIA CAPITALE: ECCO IL "PROCESSO" IN REGIONE LAZIO A NICOLA ZINGARETTI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 6 minuti Nell’aria già si parla di Mafia Capitale 3 e pare che dovrebbero scattare altre manette per il prossimo mese di settembre.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 6 minuti
image_pdfimage_print

di Cinzia Marchegiani

Dopo lo tsunami che Salvatore Buzzi ha scatenato con le sue confessioni ai magistrati in Sardegna con cui ha messo sotto l’occhio del ciclone lo stesso Nicola Zingaretti e anche il presidente del Consiglio Regionale del Lazio Daniele Leodori, nella giornata di Lunedì 3 Agosto è arrivato in Regione Lazio il dibattito tesissimo, un vero processo al governatore Nicola Zingaretti. D’altronde il presidente della Regione Lazio con la nota di smentita ha messo tutto a tacere, riservandosi querele per tutelare sua onorabilità. Nicola Zingaretti nello stesso comunicato annunciava: “Avverto impraticabilità per chi con onestà vuole cambiare la Regione. Da indiscrezioni di stampa contenute nel servizio di un tg emerge che il signor Salvatore Buzzi, in carcere dal 2 dicembre, avrebbe rilasciato dichiarazioni sui suoi atti corruttori diretti verso molte personalità politiche, nessuna della Regione Lazio”. Ebbene, nella nota di Nicola Zingaretti non si cita il presidente del Consiglio Regionale Daniele Leodori, mentre Salvatore Buzzi lo trascina nel vortice di Mafia Capitale come persona informata di fatti precisi e dettagliati. Infatti, secondo il servizio di un Tg, Buzzi tira in ballo anche Daniele Leodori: “sapeva che l’assessore Patanè ci chiedeva soldi per la gara del multi materiale”.

Nell’aria già si parla di Mafia Capitale 3 e pare che dovrebbero scattare altre manette per il prossimo mese di settembre. Inevitabile, quindi, il dibattito in Regione Lazio.

L'intervento di Francesco Storace (La Destra). Il primo capogruppo a intervenire nella discussione, a seguito delle comunicazioni del presidente Zingaretti sulle indiscrezioni relative le dichiarazioni ai Pm di Salvatore Buzzi è stato Francesco Storace (La Destra). Storace ha chiesto di fare chiarezza fino in fondo e di indicare come superare "l'impraticabilità di campo". Ha chiesto rassicurazioni sul futuro, per non avere più dubbi sugli appalti in Regione. "Voglio essere certo che non ci sono spartizioni". Storace ha chiesto che Zingaretti nella replica desse certezze che quanto si è letto non debba più accadere.

L'intervento di Pietro Sbardella (Misto). Pure Pietro Sbardella (Misto) ha chiesto di chiarire "cosa rende impraticabile il campo". Ha sollecitato il presidente a raccontare quello che è accaduto, qualora fosse nella condizione di farlo. Bisogna iniziare da questo, secondo Sbardella, altrimenti il rischio è che la legislatura possa cominciare ad avere poco senso.

L'intervento di Antonello Aurigemma (Forza Italia). Quella di comprendere il riferimento all'impraticabilità di campo è una necessità espressa anche da Antonello Aurigemma. Il capogruppo Pdl – Forza Italia ha chiesto a Nicola Zingaretti di sapere se c'è voglia di continuare ad andare avanti e di conoscere a settembre o anche in questi giorni la sua idea e la sua linea politica sulle problematiche della Regione.

L'intervento di Valentina Corrado (M5s). Per Valentina Corrado (M5s) il problema è rappresentato dalla gestione degli appalti. In ogni fase di avanzamento dell'inchiesta, secondo la capogruppo M5s, escono dettagli sempre più agghiaccianti. "Non si può più andare avanti. È il momento di sciogliere la legislatura". Non ci sono più le condizioni per continuare ad amministrare e legiferare se non con il timore che quel sistema continui a operare.

L'intervento di Riccardo Valentini (Pd). Riccardo Valentini, capogruppo del Pd, nel sottolineare che è la seconda volta che si discute di questo genere di vicende in Consiglio, ha apprezzato la prontezza di Zingaretti a voler fare chiarezza in aula. Valentini ha evidenziato che quella di Buzzi è una strategia difensiva. È stato quindi ricordato dal consigliere Pd come la centrale unica degli acquisti abbia rappresentato un grande aspetto riformatore dell'attività amministrativa e che si è rinforzata anche la parte del protocollo dell'Anac. Per Valentini occorre riconquistare la capacità di cambiare questa impraticabilità di campo, cioè di ritornare a mettere l'attenzione ai problemi dei cittadini e alla buona politica.

L'intervento di Giuseppe Cangemi (Ncd). Il consigliere del Nuovo Centrodestra Giuseppe Cangemi ha detto che il presidente si dovrebbe dimettere per un fatto politico: il governo della Regione Lazio è praticamente fermo. In mancanza di una dichiarazione politica che tenti di rilanciare una regione gravemente compromessa, secondo Cangemi, è meglio che Nicola Zingaretti nei prossimi giorni annunci le sue dimissioni e che si torni a votare.

L'intervento di Silvana Denicolò (M5s). Silvana Denicolò (M5S) ha ribadito la richiesta di dimissioni avanzata da Corrado. La consigliera ha fatto riferimento a Zingaretti ed a Ignazio Marino, sottolineando che è grave, che ambedue, non si siano accorti di quello che gli accadeva intorno.

L'intervento di Davide Barillari (M5s). Molto critico anche l'intervento di Davide Barillari (M5s), che ha invitato il governatore Nicola Zingaretti a dimettersi: "Le dimissioni noi ce le aspettavamo – ha detto – perché in questo contesto di malaffare, di malapolitica, di promesse non mantenute, di questa buona politica che nessuno vede, era il modo per riportare questa Regione a quel minimo di trasparenza che noi ci aspettiamo".

L'intervento di Gianluca Perilli (M5s). Sulla stessa lunghezza d'onda l'intervento di Gianluca Perilli (M5s): "Contesto la sua forza nel dirigere e nel governare questa Regione – ha dichiarato rivolgendosi direttamente a Nicola Zingaretti – quindi è per questo che l'atto più sensato, e se lo vuole mettere dal punto di vista anche suo personale, più vantaggioso, politicamente naturalmente, è di dimettersi, di non lasciarsi in balìa di continue fughe di notizie che, da qui in poi, le assicuro, ci saranno e saranno sempre di più".

L'intervento di Giancarlo Righini (Fdi). Critico anche il capogruppo di Fratelli d'Italia, Giancarlo Righini: "Ci sono due strade ormai tracciate, presidente. O lei si affranca da alcune logiche che fino ad oggi sono rimaste in auge, nella possibilità di nomina diretta e fiduciaria di persone senza il coinvolgimento dell'opposizione, a garanzia della trasparenza, non dell'inciucio, oppure ci sono le dimissioni".

L'intervento di Giuseppe Simeone (Forza Italia). Giuseppe Simeone (Pdl-FI), nel corso del suo intervento ha parlato di "vicenda che sta facendo emergere un certo marciume nella pubblica amministrazione romana, che prima era solo nel Comune e adesso piano piano sta entrando anche nella Regione Lazio", accusando poi i consiglieri di maggioranza di stare in silenzio e non prendere parte al dibattito: "Non liquidiamo facilmente questa cosa dicendo che è un gossip e non ci deve interessare", ha detto.

La replica del presidente Nicola Zingaretti. Al termine del dibattito, Nicola Zingaretti, nella sua replica ha ribadito alcuni concetti espressi nella relazione iniziale: "Se siamo spinti dalla ricerca di una serena valutazione su quanto emerge, ed è emerso, non possiamo esimerci da un dato oggettivo di quello che è successo, e cioè che finalmente la Procura della Repubblica di Roma ha fatto emergere un quadro di commistioni e infiltrazione, all'inizio di processi, probabile o comprovabile o credibile livello di corruzione nelle Pubbliche amministrazioni del territorio, locali e nazionali, che ha portato ad un processo e all'emergere di un numero impressionante di gare e provvedimenti, discussi e discutibili, un numero impressionante di gare che riguardano la sfera non solo locale del governo, ma anche quella di dimensione nazionale, tanto da promuovere un'ispezione del Ministero degli Interni, poi una successiva relazione del Prefetto, e siamo addirittura in attesa di una relazione finale del Ministero degli Interni. per capire il livello della profondità di questa capacità di infiltrazione". A proposito della richiesta dell'aula su una maggiore trasparenza nella attività della Giunta e su risposte immediate ai componenti dell'assemblea legislativa, Zingaretti ha risposto: "Raccolgo la domanda di maggiore trasparenza, efficacia e celerità, nei confronti delle tante richieste di chiarezza o provvedimenti che viene dal Consiglio. Quindi, mi impegno ad istituire, presso l'ufficio di gabinetto, un ufficio dedicato al Consiglio regionale che, per quanto riguarda le Direzioni regionali, si preoccupi di una gestione politica, nel senso di un'attenzione politica, affinché a una richiesta di un consigliere venga data in tempi giusti una risposta di chiarimento rispetto a notizie o ad atti che sono utili a svolgere il proprio lavoro".
"Io non sottovaluto in alcun modo la gravità né la particolarità della situazione che stiamo vivendo – ha concluso Nicola Zingaretti – ma al tempo stesso non posso non rivendicare un lavoro che ci ha visto in alcuni aspetti coprotagonisti in una situazione difficile lavorare per arginare i tentativi di infiltrazione del malaffare dentro questa Istituzione".

La Regione Lazio che dovrebbe essere una casa di cristallo affinché i suoi stessi cittadini possano guardare con assoluta trasparenza ogni atto e azione, si scopre dopo una tempesta giudiziaria senza precedenti storici e con Mafia Capitale che è arrivata alla terza stagione, risulta indecorosamente essere ancora una scatola piena di segreti, rapporti politici e amministrativi alquanto dubbi. D’altronde la nomina da parte di Nicola Zingaretti del dr. Egisto Bianconi direttore amministrativo prima, e attualmente direttore generale dell’azienda ospedaliera Sant’Andrea da pochi giorni agli arresti domiciliari, poiché sarebbe venuto a patti con il clan dei Primavera (attivo nella zona di San Basilio con un posto di riguardo nel panorama criminale del traffico di droga e di usura) e con i Taffo, gli imprenditori del ramo mortuario che, in cambio di mazzette e posti di lavoro, si erano aggiudicati il bando per i servizi inerenti i decessi in ambito ospedaliero con annessa gestione della camera mortuaria, era stata contestata dal M5S già due anni fa. Nicola Zingaretti avrebbe potuto rispondere già molto tempo fa, ricorda Barillari che accusa: “Abbiamo capito chi è parte del sistema. Chieste le dimissioni di Zingaretti. Ora attendiamo solo l'intervento della magistratura e i prossimi arresti.”

Con Mafia Capitale i cittadini romani e del Lazio hanno scoperto che molti politici hanno seri problemi di memoria, vuoti spesso poi ritratti, ma solo dopo le inoppugnabili inchieste che mettono nero su bianco comportamenti non consoni a ciò che si professa.
 

Metropoli

Fiano Romano, domenica c’è l’open day per la dose buster

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

L’Amministrazione Comunale in continuità con le azioni finora concretizzate al fine di contenere l’epidemia da SARS-Cov-2 in corso, organizza e promuove, in collaborazione con la ASL RM4, con i medici e gli infermieri del territorio, nonché con i volontari e le associazioni del territorio (Nonni Civici, Associazione Nazionale Carabinieri, Croce Rossa) una giornata dedicata alla vaccinazione della cosiddetta terza dose (booster) per la fascia minorenni 12-17 e per gli over 18.<<Sono molto soddisfatto>> – ha dichiarato Flavio Di Muzio, assessore alle Politiche Sociali e alla Sanità – <<del cammino intrapreso dal Comune per restare accanto alle famiglie e per facilitare in ogni modo, e con interventi specifici e mirati, la ripresa della Comunità in questo momento storico così difficile>>.<<Iniziative di questo tipo sono molto importanti perché mettono in evidenza la grande collaborazione con le Istituzioni e le associazioni locali in un momento di grande stress per tutto il settore sanitario>> ha dichiarato il Direttore Generale della Asl Roma 4, Cristina Matranga.Anche il Sindaco, Davide Santonastaso, ha mostrato piena soddisfazione per l’organizzazione della giornata ringraziando tutti coloro che si sono messi a disposizione per la riuscita dell’iniziativa: <<resto sempre piacevolmente colpito dalla pronta riposta dei professionisti, delle associazioni e dei volontari, nonché delle istituzioni competenti agli inviti e appelli che l’Amministrazione lancia per affrontare al meglio la situazione in corso. Il Comune è riuscito già ad organizzare diverse iniziative, grazie a chi ha messo a disposizione gratuitamente le proprie competenze e il proprio tempo. Il motto dell’open day è “Vaccinati! C’è un mondo che ti aspetta” perché crediamo fortemente nella ripresa e nel mettere, soprattutto, i nostri giovani in condizione di poter vivere la quotidianità studiando, praticando sport, coltivando passioni senza mai abbandonare sogni e progetti a causa di un virus che ha scompaginato il corso della vita di ognuno  di noi>>.

QUANDO L’open day si terrà il 30 gennaio presso il Palazzetto dello Sport, dalle ore 9:30 alle ore 19:00 fino ad esaurimento vaccini previsti. Saranno somministrate terze dosi “booster” con vaccino Spikevax (Moderna) per gli over 18 e vaccino Cominarty (Pfizer/BioNTech) per i ragazzi 12-17 anni che hanno superato almeno i 4 mesi dalla seconda dose.

PERCHÉLa vaccinazione contro il virus SARS-Cov-2, attualmente, rappresenta l’unico strumento in grado di ridurre il tasso di ospedalizzazione e, di conseguenza, l’occupazione di posti letto ordinari e di terapia intensiva. L’attuazione di una vaccinazione completa, attraverso la cosiddetta terza dose (dose booster), in un lasso di tempo ristretto è sicuramente una metodica che potrebbe ridurre fortemente, sul territorio di Fiano Romano e dei comuni limitrofi, il numero di contagi, il numero di malati con sintomi moderati-gravi e le ospedalizzazioni. Dai recenti dati messi a disposizione dagli organi competenti, è noto che la terza dose è in grado di favorire una maggiore protezione nonché una durata maggiore di immunizzazione.

OBIETTIVO Tale giornata vuole essere un sostegno al sistema sanitario, di recente sotto pressione nelle ultime settimane per l’esplosione dei contagi, favorendo una decongestione dei centri vaccinali limitrofi. L’obiettivo principale è quello di raggiungere, nel minor tempo possibile, la più larga platea di vaccinandi che hanno già superato i 4 mesi dalla seconda dose.

DOCUMENTI da presentare e indicazioni utiliL’accesso al palazzetto sarà consentito previa esibizione di green pass valido che servirà anche ad attestare la pregressa vaccinazione. Sarà necessario portare con sé: tessera sanitaria e documento di identità, entrambi in corso di validità. I minori dovranno essere accompagnati da un solo genitore; oltre ai documenti sopracitati sarà necessario presentare delega dell’altro genitore con fotocopia del documento.

Dal sito www.comune.fianoromano.rm.it è possibile scaricabile il consenso informato da consegnare in fase di registrazione e che dovrà essere preventivamente compilato in ogni sua parte prima dell’accesso al Palazzetto. Si consiglia, infine, di indossare abiti comodi (esempio: tuta da ginnastica) per facilitare l’operato del personale addetto alla vaccinazione.

Saranno esclusi dalla vaccinazione coloro che hanno contratto il COVID prima dei tre mesi precedenti e, ovviamente, coloro che hanno già eseguito la terza dose vaccinale.L’Amministrazione Comunale ringrazia la ASL RM4, i medici e il personale infermieristico, le associazioni e i volontari che presteranno servizio all’open day a titolo gratuito e tutti coloro che hanno partecipato all’organizzazione dell’iniziativa.

Continua a leggere

Castelli Romani

Marino, nuovo decoro al sito della Memoria a Villa Desideri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si è tenuta in forma essenziale, a causa delle prescrizioni anti Covid, la cerimonia commemorativa in occasione del Giorno della Memoria che ricorre oggi 27 gennaio.La delegazione comunale ha visto presenti il Sindaco Stefano Cecchi e la Giunta comunale quasi al completo insieme ad alcuni Consiglieri Comunali e rappresentanti della politica locale.Accompagnato dal Comandante F.F. della Polizia Locale Monica Palladinelli, il Sindaco ha scoperto la nuova targa installata presso l’Ulivo della Memoria nell’aiuola prospiciente la Biblioteca Civica “V. Colonna”.Successivamente l’omaggio di una corona di margherite gialle a ricordo della stella gialla di David che i nazisti obbligavano agli ebrei a cucirsi sui vestiti.“Sebbene sia stata una cerimonia semplice, scoprire la targa è stato come confermare a tutta la comunità che il ricordo è vivo, lucido, presente e indelebile anche qui sul nostro territorio.”

Continua a leggere

Roma

Roma, Santori (Lega): “Valorizzare sampietrini. Cantieri infiniti!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

“I sampietrini romani sono un patrimonio unico che la città non riesce a valorizzare e custodire come dovrebbe. I cantieri sono infiniti, le strade restano chiuse per mesi e quando riaprono sono già piene di toppe, il commercio è ridotto al lumicino. Disabili bloccati, passi carrabili ostruiti da ruspe e camion, negozi chiusi”. Lo dichiara in una nota il consigliere della Lega e segretario in aula Giulio Cesare Fabrizio Santori, a margine della riunione odierna della commissione capitolina Lavori Pubblici di cui è componente. “Vogliamo saperne di più sul destino dei sampietrini rimossi dalle strade romane, faremo un sopralluogo per controllare i depositi nei quali sono custoditi. Chi conta gli storici blocchetti romani, chi li custodisce e chi li cataloga, soprattutto quando restano ammucchiati agli angoli delle strade. Sono una ricchezza”, afferma Santori, che annuncia sull’argomento una mozione in Assemblea capitolina. “Incuria e abbandono la fanno da padroni, basta guardare via Nazionale, dove dopo gli interventi il fondo stradale è di nuovo pieno di rattoppi, e via Baccina, ridotta a una discarica a cielo aperto, mentre degli operai che avrebbero dovuto completare i lavori non c’è più traccia. Via dei Cerchi e viale Aventino sono ormai ostaggio dei cantieri, le ciclabili un miraggio, la viabilità un incubo, e in questa triste danza di incompetenza e faciloneria Roma sprofonda quotidianamente nel caos”, conclude Santori.

Continua a leggere

I più letti