Connect with us

Cronaca

MALTEMPO A BENEVENTO, INTERVISTATI SINDACO E PARROCO: “ E’ UNA TRAGEDIA IMMANE”

Clicca e condividi l'articolo

Intervistati dal nostro giornale il sindaco Fausto Pepe e il parroco Don Nicola De Blasio. Ecco cosa hanno raccontato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Christian Montagna

Benevento – A pochi giorni dalla devastante alluvione che ha messo in ginocchio il Sannio, Benevento, la città più colpita, conta i danni. Con previsioni meteo non ancora incoraggianti, anche il primo cittadino, Fausto Pepe, intervistato telefonicamente dalla nostra redazione, ha effettuato numerosi sopralluoghi per verificare lo stato e l’entità del danno subito.


La popolazione di Benevento non molla, e con loro, le centinaia di volontari che in questi giorni stanno recando il proprio aiuto. Una enorme macchina della solidarietà messa in moto dal buon senso e dall’amore verso il prossimo. Si spala incessantemente, in attesa di aiuti concreti dalle istituzioni che, stando ad oggi, ancora non hanno garantito nulla di concreto. Intere abitazioni, attività commerciali, uffici, scuole e campagne sono state rase al suolo dalla violenza delle acqua straripate dal fiume Calore. Un ondata che non ha risparmiato proprio nulla. 


Gli angeli del fango. Provengono da ogni regione, da ogni parte della nazione gli aiuti giunti in questi giorni di massima difficoltà ai beneventani. Dalle Marche, dalla Campania, dal Molise: la macchina della solidarietà è partita alla grande. Il gruppo comunale di Protezione Civile di San Severino Marche è partito subito dopo l’alluvione per prestare soccorso alle popolazioni colpite dal maltempo. Il sindaco di San Severino Marche, Cesare Martini, ha fornito immediatamente il via libera alla partenza di un primo mezzo fuoristrada che si è reso operativo fin da subito e sul quale è montato un modulo con idrovora. Anche dai Comuni di Matelica, Fiuminata e Cingoli, sono giunti soccorsi di ogni tipo. Da Piedimonte Matese, il nucleo di Protezione Civile ha subito raccolto la possibilità offerta dalla Protezione Civile Regionale di recarsi sui luoghi più in difficoltà del Sannio. Generi di prima necessità, alimentari e quanto occorre sono già stati raccolti e diffusi nei centri della Caritas.

Danni alle industrie e ai pastifici. E’ nella produzione e nello sviluppo futuro che la città è stata colpita; nelle industrie, nelle cantine, nei vigneti. E’ da lì che bisogna ripartire per un futuro migliore. Il pastificio Rummo, attivo nel beneventano da anni, ha subito danni per un milione di euro circa. I macchinari sono stati travolti dalle acque e distrutti interamente. Anche la Cantina di Solopaca è stata distrutta dalla furia del fango. Ma, il totem con la scritta “Cantina di Solopaca, il sogno di 600 viticoltori”, è rimasto in piedi come testimonia una foto postata sul gruppo Facebook di Benevento. Ed è proprio questo, il simbolo da cui ripartire, dimenticando quella che è apparsa come una vera e propria apocalisse.  


“ Cancelli divelti, serbatoi capovolti, bottiglie dappertutto, che galleggiavano. Non si poteva entrare. Per fortuna, il vino è salvo, ma dovevano entrare ancora gli ultimi 3mila quintali. Ora dobbiamo riattivare le pigiatrici. Molti produttori però sono stati pesantemente danneggiati dall'onda di piena: ettari ed ettari sono stati travolti e distrutti. Per dare un segnale di ottimismo, siamo però aperti. Con soci e operai, che volontariamente, ci stanno aiutando a pulire. Siamo sanniti, ce la faremo anche stavolta. “ , racconta sulla sua Facebook Carmine Coletta , presidente della Cantina di Solopaca.


L’intervista al sindaco Fausto Pepe. Contattato telefonicamente dal nostro giornale, il sindaco di Benevento, Fausto Pepe, ha ribadito l’urgenza e la drammaticità della situazione nel beneventano.


– Sono arrivati per la situazione di Benevento fondi straordinari?
– “Ho decretato lo stato di emergenza ma al momento nessun fondo straordinario è stato emanato. Dovrà essere necessario un tavolo ministeriale per poter ricevere sostegno economico. La Regione Campania con una delibera ha finanziato un milione di euro così come anche il Comune di Benevento (200 mila euro) ma, i fondi possono essere stanziati solo dal Governo centrale.”

– Al momento è possibile stimare i danni?
– “Purtroppo, al momento non si può fare una stima completa dei danni. Centinaia di mezzi e migliaia di uomini continuano a lavorare incessantemente sul territorio, scandagliando le superfici danneggiate dall’alluvione. Abbiamo ponti, strade, acquedotti, aziende, interi comparti dell’agricoltura totalmente distrutti. Si lavora giorno e notte. Abbiamo un’intera area industriale a terra, poli commerciali importanti per l’Italia ma anche per l’Europa, oltre alle decine di commercianti locali. Gli imprenditori tuttora sono a spalare fango, con la speranza di poter salvare il salvabile.”

– Come si è dimostrato il governo nei confronti di questa emergenza?
– “Purtroppo, la situazione di Benevento è stata sottovalutata. La prima grande emergenza si è registrata il 15 Ottobre ma, solo ieri abbiamo cominciato a collaborare con la Protezione Civile Nazionale. Abbiamo sostenuto per quattro giorni una tragedia sulle nostre spalle. Lo Stato è arrivato in ritardo. A Benevento ha fatto visita due volte il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.”

– E il premier Renzi?
– “No. Non è mai venuto qui”.

– Quali sono le condizioni meteo previste nelle prossime ore?
– “Resta l’allerta codice arancio. Purtroppo le previsioni meteo non sono incoraggianti. Abbiamo molti argini saltati e al momento non siamo in grado di monitorare il fiume”.


L’intervista a Don Nicola De Blasio. “Mi sento come Garibaldi in questo momento, ci metto il nome e la faccia ma, sono i mille ad essere importanti” : così ha esordito ai nostri microfoni Don Nicola De Blasio, parroco della chiesa di San Modesto e direttore della Caritas di Benevento.


– Quando è partita la macchina della solidarietà?
– “ E’ dal 15 Ottobre che abbiamo messo in moto la macchina della solidarietà, offrendo il primo servizio alla “Cittadella della Carità” e attivando la cucina e 49 posti letto per accogliere i primi sfollati. In coordinamento con il centro comunale, abbiamo proceduto alla coordinazione di volontari non organizzati e suddivisi da noi in squadre di lavoro”.

– Come state organizzando il lavoro dei volontari?
– “Abbiamo suddiviso i ragazzi in squadre: ragazzi della Curva Sud, di Azione Cattolica, immigrati, tutti stanno lavorando per uno stesso obiettivo. C’è chi riordina i materiali arrivati nei magazzini, chi pensa alla distribuzione, chi raccoglie fondi per la città e chi anima i bambini colpiti dall’alluvione portandoli in un’ area predisposta da un centro commerciale e intrattenendoli con giochi e animazione.”

– Come state operando sul territorio con gli sfollati?
– “Abbiamo fornito dal 15 al 20 Ottobre circa ottomila pasti caldi, preparati da alunni e docenti dell’Istituto Alberghiero di Benevento. I forni della città inoltre contribuiscono alle donazioni con pane e generi alimentari. Anche i detenuti, hanno raccolto fondi per comprare ai volontari le balle d’acqua. Al momento, si contano cinquecento famiglie di sfollati ma, il numero è assolutamente provvisorio. Sono intesi come sfollati, le persone che hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni. Proprio ieri da comuni limitrofi sono giunte notizie di altri nuclei familiari costretti ad abbandonare le abitazioni.”

– Da dove arrivano gli aiuti?
– “ Abbiamo ricevuto numerose adesioni alle richieste di soccorso. Stanno per arrivare a Benevento squadre di Bergamo, di Avellino, di Nocera e anche dalla Toscana. Siamo molto felici di questa risposta e della collaborazione sinergica che sta avvenendo con le istituzioni locali. Anche il Benevento Calcio ha provveduto ad inviare una donazione. “

– L’alluvione ha colpito l’economia della città. Pastifici, vigneti e attività commerciali sono stati distrutti.
– “Purtroppo, non è stato risparmiato nulla: i pastifici Rummo e Rosiello sono stati letteralmente distrutti, così come i vigneti di Aglianico e Falanghina nella zona della Valle Telesina. Al momento di contano già duemila operai in cassa integrazione. L’alluvione ha abbattuto tutto, ma dal fango,sta nascendo qualcosa di bello. Purtroppo, lo Stato centrale ha sottovalutato l’entità del problema e dei danni. Si stima, che occorreranno 500 milioni di euro per risanare il tutto ma, io, credo che occorrerà anche qualcosa in più.”

– Come si può aiutare la popolazione di Benevento?
– “Abbiamo bisogno di comprare elettrodomestici, pittura, materiali edili, abbigliamento e tanto altro ancora. E’ stata allestita una raccolta fondi per le famiglie Sannite. E’ possibile donare alla CARITAS DIOCESANA BENEVENTO, iban: IT03A0501803400000000160288,codice bic: CCRTIT2T84A, causale: emergenza alluvione Benevento oppure alla CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI BENEVENTO, iban: IT54I0200875590000103643119, causale: Emergenza alluvione Benevento. Provvederò io stesso a rendere pubblici gli acquisti e le spese, per rendere ancora più limpido il nostro operato.”

– Si sono registrati atti di sciacallaggio nelle zone colpite dall’alluvione?
– “Purtroppo si, è accaduto in zona che alcuni commercianti aumentassero a dismisura i prezzi di stivali, pale e lavaggi auto. Spetterà alle autorità competenti controllare i commercianti. Noi non giudichiamo, non diciamo nulla, ma ricordatevi che il Signore vi vede.”

(Foto dalla pagina Facebook "Sei di Benevento se…")

Cronaca

Strage di Ardea: consulenza psichiatrica al Nuovo Ospedale dei Castelli per il killer

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Emergono nuovi dettagli della strage avvenuta a Marina di Ardea, vicino a Roma, quando un uomo armato e psicolabile, Andrea Pignani, ha ucciso a sangue freddo due bambini e un anziano, togliendosi poi la vita.

Andrea Pignani fu sottoposto a “consulenza psichiatrica” per uno “stato di agitazione psicomotoria” l’11 maggio scorso presso il Pronto Soccorso del Nuovo Ospedale dei Castelli di Ariccia (RM). E’ quanto è emerso dagli accertamenti dei carabinieri e della Procura di Velletri.

In ospedale Pignani fu accompagnato “volontariamente” da un’ambulanza dopo una lite con la madre. Pignani non era comunque in cura “per patologie di carattere psichiatrico”.

Pignani era uscito di casa intorno alle 11 con felpa, zainetto e guanti e avrebbe percorso con la pistola in pugno alcune strade del comprensorio di Colle Romito, ad Ardea. Poi ha puntato la pistola contro le prime persone che ha incontrato, i due bambini e l’anziano. E’ quanto accertato finora dagli investigatori che stanno ricostruendo i terribili attimi della strage di Ardea. Le prime persone che l’uomo ha incontrato sono stati dunque i fratellini Fusinato a cui, secondo quanto si è appreso, avrebbe sparato un colpo ognuno. Poi è passato in bicicletta Salvatore Ranieri a cui avrebbe sparato due colpi. A quel punto è tornato a casa dove, sembrerebbe dopo aver fatto uscire la madre, si è barricato. Dalle indagini dei carabinieri non risulterebbero altre persone scampate agli spari né liti o dissidi con le famiglie delle vittime.

“Cinque minuti prima della sparatoria una pattuglia dei carabinieri di Marina di Ardea era andata a controllare che il mio assistito Domenico Fusinato stesse in casa a rispettare l’ordinanza di custodia ai domiciliari”. Rivela l’avvocato Diamante Ceci, legale dei genitori dei piccoli David e Daniel uccisi ieri ad Ardea. Quella stessa pattuglia, secondo quanto riferito, una manciata di minuti dopo è intervenuta dopo l’allarme lanciato e il triplice omicidio.

“Non la trovavamo”. Si sarebbero giustificati così i familiari di Andrea Pignani, l’ingegnere informatico che ieri ad Ardea ha ucciso due fratellini e un anziano, per non aver denunciato la pistola in casa alla morte del padre dell’omicida. A quanto ricostruito dagli investigatori, l’arma era regolarmente detenuta dal padre di Pignani, morto diversi mesi fa. L’uomo fino al 1986 era stato una guardia giurata poi aveva continuato a detenere regolarmente la pistola. La famiglia si era trasferita nel comprensorio di Colle Romito nel 2019. 

“Non ho firmato alcun Tso per il soggetto in questione. In quattro anni ne ho disposto solo uno e non è nei confronti di questa persona. Ho saputo che è stato in cura ma senza il coinvolgimento di questa amministrazione”. Lo spiega il sindaco di Ardea, Mario Savarese, sulle notizie di un presunto Tso, (il trattamento sanitario obbligatorio), cui era stato sottoposto in passato Andrea Pignani, l’omicida di Colle Romito.

LA STRAGE. Daniel e David avevano 5 e 10 anni e stavano giocando di mattina in un parco davanti a casa quando gli hanno sparato a bruciapelo e li hanno uccisi senza un motivo apparente. L’uomo che li ha colpiti ha poi tolto la vita anche a un pensionato di 74 anni che passava di lì in bici. Infine si è chiuso in casa e si è suicidato con la stessa pistola prima dell’irruzione dei carabinieri.

Una strage feroce e insensata si è abbattuta in una domenica di mare su un comprensorio residenziale, Colle Romito, ad Ardea, quaranta chilometri a sud di Roma. L’assassino aveva 35 anni, si chiamava Andrea Pignani, viveva con la madre in una villetta acquistata nel 2019, a poche decine di metri dal campetto del triplice omicidio. Laureato in ingegneria informatica, disoccupato, un anno fa, a maggio, era stato sottoposto a Trattamento sanitario obbligatorio (Tso) per aver aggredito la madre, ma non risulta che fosse attualmente in cura per problemi mentali. Secondo i carabinieri non usciva di casa praticamente da un anno. I vicini, altri abitanti del comprensorio, raccontano di quella pistola che tirava fuori per minacciare ogni volta che c’era una discussione, qualcosa che lo infastidiva, che fosse la potatura degli alberi o qualche rumore intorno a casa sua. Ma nessuno aveva sporto denuncia, secondo i carabinieri. Stamani verso le 11, a quanto ricostruito finora, Pignani è uscito e sulla sua strada ha incontrato Daniel e David che giocavano tranquilli. Gli ha sparato al collo e al petto e, racconta la nonna, “sono morti tenendo la mano del padre”, Domenico Fusinato, ai domiciliari in un’altra villetta di Colle Romito per reati di droga, ma subito accorso appena sentiti gli spari. Nel frattempo Pignani aveva colpito e ucciso con un proiettile alla testa anche Salvatore Ranieri, 74 anni, che passava in bicicletta e non conosceva né il suo assassino né i fratellini. Una quarta vittima, un uomo che stava andando a buttare la spazzatura, sarebbe sfuggita alla morte solo perché troppo distante per la gittata della pistola. Pignani è quindi rientrato in casa, si è chiuso dentro e per ore non ha risposto ai negoziatori arrivati sul posto per convincerlo ad arrendersi. Quando a metà pomeriggio un commando del Gis carabinieri è entrato nella villetta l’uomo si era già ucciso con la stessa pistola. La fine di una giornata di sangue non mette la parola fine sulla strage. Secondo il presidente di Colle Romito, Romano Catini, la presenza di una pistola – che era del padre del 35enne, una guardia giurata morta un anno fa – era stata più volte segnalata dai vicini spaventati. Ma agli inquirenti non risultano denunce. Si cerca un movente, ma non ci sarebbero stati contrasti tra Pignani e il padre dei bambini, quest’ultimo comparso nel 2018 in un’operazione dei carabinieri a Ostia contro gli scissionisti del clan Triassi, ritenuto avversario degli Spada. Difficile pensare a una vendetta spietata. Le indagini comunque proseguono per accertare l’esatta dinamica. Rimane il ricordo delle vittime. Di due bambini. racconta la nonna, “educati e rispettosi. Daniel, il più grande, aveva solo 9 e 10 in pagella”. E del 74enne Ranieri, in vacanza con la moglie a Colle Romito, dove aveva una seconda casa. Il sindaco di Ardea, Mario Savarese, racconta di un luogo tranquillo in cui nei decenni scorsi venivano a villeggiare anche personaggi politici noti. Alcuni abitanti di lungo corso raccontano invece di personaggi poco raccomandabili, alcuni dei quali ai domiciliari come il padre dei bimbi uccisi. Ma il vero movente di un massacro a freddo come questo sarà difficile da trovare, visto che l’autore si è poi suicidato.

Continua a leggere

Cronaca

Treviso, suocero uccide la nuora mentre stende i panni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un uomo e una donna, suocero e nuora rispettivamente sull’ottantina e sulla cinquantina, sono stati trovati morti in una casa di Spresiano (Treviso). I corpi sono stati colpiti con arma da fuoco. La donna è stata trovata riversa in giardino, mentre l’uomo in un capanno degli attrezzi con accanto un fucile da caccia. Per gli inquirenti è un caso di omicidio-suicidio. Tra i due i rapporti erano tesi.

L’allarme è stato dato da un passante e un vicino, che hanno chiamato 112 sentendo le urla e gli spari. Le vittime sono Lino Baseotto, 80 anni, e la nuora Bruna Mariotto (50). I carabinieri sono giunti sul posto e stanno facendo gli accertamenti tecnici. I militari stanno interrogando parenti e conoscenti, ma la dinamica sembra accertata: la donna è stata uccisa in giardino a fucilate mentre stendeva i panni, quindi l’anziano è entrato nel capanno, dove si è tolto la vita sparandosi un colpo alla testa. Anche la causa è abbastanza chiara: antichi dissapori tra i due.

Continua a leggere

Cronaca

Campania, arrivano le sanzioni per chi lega i cani

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Era attesa da molti anni una legge che sanzionasse chi lega i cani con la catena e finalmente a seguito di tantissime segnalazioni da parte di cittadini è arrivata.

Le segnalazioni hanno portato a notare una problematica inerente la legge del 2019, che nonostante il divieto non era prevista alcuna sanzione, quindi i contravventori potevano continuare tenere legati i poveri cani

Interviene sulla legge “Save the Dogs”, l’associazione che per prima ha denunciato la vicenda e a parlarne è proprio la sua fondatrice Sara Turetta. “Questa è la dimostrazione che l’impegno tra associazioni e società civili porta grandi risultati”.

”.

Continua a leggere

I più letti