Connect with us

Cronaca

MALTEMPO: TOSCANA IN GINOCCHIO

Clicca e condividi l'articolo

Danni alle colture e ai musei. Martedì saranno dichiarati gli stati d'emergenza per le città più colpite.

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Daniele Rizzo

Firenze imbiancata. E’ intrigante pensare a Piazza della Signoria coperta da un soffice manto di neve su cui passeggiano i turisti che attoniti osservano la Loggia dei Lanzi o Palazzo Vecchio. Ma Firenze imbiancata non è solo una suggestione di fine settembre. Il temporale che ha investito nelle ultime ore il capoluogo toscano ha regalato ai fiorentini più o meno questa visione, se non fosse che a coprire di bianco le strade del centro storico non è stata la neve bensì la più pericolosa grandine.
Trombe d’aria e grandine si sono abbattute su buona parte della regione, da Firenze alla Versilia, da Empoli a Viareggio, provocando danni ingenti alle piante d’olivo così come ai vigneti, distrutti definitivamente proprio nel periodo della vendemmia. La Coldiretti, dopo un primo monitoraggio effettuato nelle zone colpite, ha stimato intorno ai 200 milioni i danni per l’agricoltura toscana. A fare le spese del maltempo non sono state infatti solo le colture, ma anche le attrezzature agricole, le abitazioni e le strutture rurali. Ma oltre al settore agricolo, da sempre uno dei motori trainanti l’economia toscana, il maltempo ha colpito un altro dei settori cardine della regione, quello del turismo.
Non si contano infatti i danni ai poli culturali di Firenze, con “la bomba d’acqua” che non ha risparmiato niente e nessuno. I danni maggiori sembrano quelli riportati dall’Abbazia di San Miniato al Monte, autentico gioiello del romanico fiorentino. L’Abbazia, che si trova in uno dei punti più alti della città, è stata colpita con inaudita violenza dalla grandine, che ha rotto le vetrate e permesso così alla pioggia di bagnare anche gli affreschi interni alla chiesa. Danni minori per l’attiguo cimitero delle Porte Sante, cimitero monumentale che accoglie le salme di molti personaggi illustri come Collodi, Vamba e Spadolini.
Lo stesso problema delle finestre rotte dalla violenza della pioggia si è verificato anche agli Uffizi, a Palazzo Vecchio, all’Accademia, alla Biblioteca Nazionale, alla Sacrestia Vecchia di San Lorenzo, al museo di San Marco e a quello di Santa Croce. Anche i giardini di Boboli nulla hanno potuto contro la furia della natura che ha divelto alberi e piante, rendendo quindi necessaria la chiusura del parco ai turisti. La soprintendenza, che in queste ore sta facendo i necessari sopralluoghi per verificare l’ammontare dei danni, ha comunque annunciato che non sarà certamente inferiore al milione e mezzo la cifra stimata. Il capo della protezione civile Gabrielli ha parlato di un “evento eccezionale difficilmente prevedibile, che non è possibile calcolare su un singolo luogo”, e ha poi precisato che per pura fortuna e casualità non ci sono state vittime.
Il presidente della regione Rossi, che tra l’altro in queste ore è stato immortalato mentre spazzava la grandine (un’immagine di Alemanniana memoria), ha annunciato che martedì la giunta regionale dichiarerà gli stati d’emergenza e che la regione aiuterà enti pubblici e privati che hanno subito danni. Il presidente ha infine puntualizzato che “servirebbe una riflessione profonda a livello nazionale” e che “sarebbe bene che lo Stato regolamentasse la materia. Questi eventi si ripetono ormai a ritmo continuo, sarebbe importante che la politica stabilisse un quadro preciso di riferimento, serve certezza sugli interventi, sul come, sul quando e sul quanto. Forse è il caso che ci si interroghi anche su come agevolare il ricorso a un sistema assicurativo”.
Ben venga dunque un sistema assicurativo che tuteli le regioni da questi eventi sporadici ma distruttivi, purché lo stesso sistema valuti attentamente quando i danni , come in questo caso, sono colpa esclusiva della natura o quando, nei casi di frane o straripamenti, sono la conseguenza dell’attività scriteriata dell’uomo.

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Roma, bus Atac prende fuoco sul Raccordo Anulare: paura tra gli automobilisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Paura tra gli automobilisti in transito per un autobus che ha preso fuoco durante il servizio. Mentre viaggiava lungo il Raccordo, giunta all’altezza dello svincolo di Tor Bella Monaca, su una vettura fuori servizio si è sviluppato un incendio. Sono intervenuti i vigili del fuoco. Nessun problema per le persone. La vettura era in servizio da quasi 20 anni.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Treviso, sequestrate e stuprate a 13 anni: arrestato operaio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TREVISO – Violenza sessuale su due ragazzine 13enni e sequestro di persona: sono le pesanti accuse che hanno portato all’arresto nel trevigiano di un operaio di 45 anni. Le due minorenni conoscevano l’uomo.

Il fatto è avvenuto nel novembre scorso, ma solo pochi gironi fa – riferisce la ‘Tribuna di Treviso’ – con l’esito delle analisi di laboratorio su indumenti e pc sequestrati in casa dell’indagato è scattata la custodia cautelare, disposta dal gip di Treviso Angelo Mascolo.
Le due adolescenti sarebbero rimaste sequestrate un’intera notte, nel garage dell’uomo, e lì sottoposte alle violenze.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, in manette due fratelli pregiudicati: aggrediscono un 37enne per motivi sentimentali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

MILANO – Arrestati, per lesioni personali aggravate in concorso, due fratelli italiani, rispettivamente di 32 e 29 anni, entrambi nullafacenti, tossicodipendenti e pregiudicati per reati vari anche contro la persona (il più anziano dei due era stato già arrestato lo scorso 19 febbraio per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale dai Carabinieri della Stazione di Cerro Maggiore, intervenuti su richiesta della madre che lui aveva colpito con uno schiaffo.

Nel pomeriggio di ieri i due fratelli armati di una chiave per lo smontaggio di pneumatici, hanno aggredito un 37enne italiano residente a Nerviano, pregiudicato, colpendolo al volto.

I motivi del gesto sono stati ricondotti a motivi sentimentali in quanto l’ex fidanzata del più anziano dei fratelli risulta attualmente frequentarsi con la vittima, che veniva trasportata dal personale sanitario presso il pronto soccorso dell’ospedale “Mater Domini” di Castellanza in provincia di Varese dove veniva medicato e dimesso con prognosi di giorni 10 s.c. per “policontusioni al volto”.

A mettere le manette ai polsi ai due uomini i Carabinieri della Stazione di Cerro Maggiore che hanno trattenuto gli arrestati nelle camere sicurezza in attesa del giudizio di convalida.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti