Connect with us

Cronaca

Maratea, set per la serie tv americana firmata Boyle

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Nuova fiction televisiva girata a Maratea, nel 2018 andrà in onda negli USA

MARATEA – La Basilicata è diventata con il tempo un irresistibile set cinematografico, grazie ai meravigliosi scenari presenti, in grado di sedurre Boyle, un famoso regista. Una terra che vanta location di forte impatto, ha l’onore di ospitare nei prossimi mesi, un cast tutto americano, sulla scia dell’accordo con la Film Commission lucana e calabrese, protagoniste dell’intesa denominata Lu.Ca. , stanno girando alcune delle scene più importanti di una nuova serie televisiva che andrà in onda presumibilmente nel 2018 negli Stati Uniti.

Lo staff del regista inglese premio oscar Danny Boyle (The Millionaire), sarà impegnata sulla collina di San Biagio, in prossimità della statua del Cristo Redentore, che diventerà inaccessibile. Si trasformerà, infatti, nel set della serie tv “Trust”, che narra la storia del rapimento del giovane Paul Getty, avvenuto negli anni ‘70.

La serie è prodotta dalla rete americana Fox. Stellare il suo cast che va da Hilary Swank e Brendan Freser, fino al grande Donald Sutherland, attore canadese che interpreta J. Paul Getty, imprenditore, mecenate e fondatore della omonima Oil Company. La richiesta arrivata a Maratea, alle autorità locali, è stata quella di tenere alla larga qualunque curioso dal monte San Biagio e rendere, quindi, la zona off limits.

Super cast a Maratea: La Swank che interpreta la madre di John Paul (Gail Getty), presente al momento del rilascio. La Swank, vincitrice di due oscar (Million dollar baby e Boys don’t cry) arriverà stasera nella cittadina tirrenica. La gente mormora che Boyle avesse già scelto i luoghi dove girare la scena del rilascio del giovane Paul Getty ma dopo una visita a Maratea è rimasto colpito dalle bellezze naturalistiche e architettoniche del posto, decidendo di spostarsi sul monte San Biagio. Altre scene di questa miniserie si stanno girando in alcuni paesi della Calabria, tra cui Orsomarso.

Trust è una fiction ambientata nel 1973 che racconta la storia di John Paul Getty III, erede del grande impero petrolifero di suo nonno.

Il ragazzo viene rapito a Roma dalla ‘ndrangheta, convinta che la sua famiglia avrebbe pagato un sostanzioso riscatto per il suo rilascio. Ma come i rapitori scopriranno presto, la famiglia in questione è piuttosto complicata: Storie di droga, fallimenti e tradimenti. Grande sensazione suscita il metodo scelto dai criminali per sollecitare la famiglia al pagamento di un riscatto: Al ragazzo viene tagliato l’orecchio, che viene inviato ai familiari.

John Paul Getty III è morto nel 2011 nella sua tenuta di famiglia del Buckinghamshire, in Gran Bretagna. Era da tempo malato, paralizzato e quasi cieco a causa di un ictus provocatogli da un’overdose a soli 24 anni.

Giulia Ventura

 

 

Cronaca

Campobasso, primo Daspo urbano introdotto dalla “norma Willy”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CAMPOBASSO – Daspo urbano applicato nei confronti dei due fratelli di etnia Rom, residenti a Termoli, che lo scorso 23 ottobre erano stati arrestati dal personale del Commissariato di P.S. di Termoli per aver ripetutamente colpito alla testa, con una mazza ed un cric, il titolare di un autolavaggio della cittadina adriatica che si era rifiutato di lavare gratuitamente l’auto  dei due e che è tutt’ora ricoverato in prognosi riservata a causa dei traumi riportati.

A seguito della convalida dell’arresto, il G.I.P. del Tribunale di Larino ha applicato la custodia cautelare in carcere nei confronti dei responsabili, che devono rispondere, in concorso tra loro, di lesioni personali, danneggiamento e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere.

La condotta tenuta dai due fratelli, i precedenti penali e le circostanze che hanno caratterizzato l’episodio di violenza, hanno determinato l’adozione nei loro confronti del Daspo urbano, in base al quale entrambi non potranno accedere ai pubblici esercizi o ai locali di pubblico trattenimento ubicati nel territorio dell’intera provincia di Campobasso, per la durata, rispettivamente, di un anno e due mesi e di un anno.

Il Questore di Campobasso ha adottato il primo provvedimento di Daspo urbano, di recente introdotto nel panorama normativo dal Decreto Legge nr. 130 dello scorso 21 ottobre, con cui è stato inserito nel Decreto Legge nr. 14/2017 l’art. 13-bis, la così detta “norma Willy”, dal nome della vittima di un noto episodio di pestaggio avvenuto a Colleferro (FR), secondo cui può essere disposto il divieto di accesso a pubblici esercizi o a locali di pubblico trattenimento nei confronti, tra gli altri, di soggetti posti in stato di arresto o di fermo convalidato dall’Autorità Giudiziaria, ovvero condannati anche con sentenza non definitiva per determinate ipotesi di reato, tra cui delitti non colposi contro la persona o il patrimonio, qualora dalla condotta possa derivare un pericolo per la sicurezza.

Continua a leggere

Cronaca

Frosinone, disagi per il cantiere stradale tra Picinisco e San Biagio: accoltellato operaio al lavoro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“È stato accoltellato intorno alle 17:00 di domenica 25 ottobre, un operaio della ditta di manutenzione che sta eseguendo i lavori, per conto di Astral SpA, per il ripristino della circolazione sulla strada regionale della Vandra, all’altezza dei comuni di Picinisco e S. Biagio Saracinisco. I giorni scorsi si sono svolti numerosi incontri con le cittadinanze e gli amministratori dei comuni interessati dall’interruzione, spiegando che Astral SpA avrebbe proceduto tempestivamente, lavorando anche sabato e domenica senza attendere di appurare di chi fossero le responsabilità. La stessa Azienda, esclusivamente negli interessi della cittadinanza, autorizzata dalla Regione Lazio e dal Consorzio di Bonifica della Valle del Liri, ha impiegato circa 1,5 milioni di euro per mettere in sicurezza tutta l’area. Quanto accaduto è deprecabile. Astral SpA insieme alla ditta di manutenzione aveva garantito il passaggio dei mezzi di soccorso e, celermente, si stava lavorando per assicurare il passaggio almeno agli studenti. Inoltre, si prevedeva nel giro di due settimane di terminare i lavori almeno per quanto riguarda il ripristino della circolazione. Da domani Astral SpA ha chiesto il presidio delle forze dell’Ordine al fine di procedere in sicurezza con il cantiere. Lo stesso impegno è stato più volte richiesto anche agli amministratori locali e ai cittadini che hanno potuto verificare di persona la celerità con la quale si sta operando. Spero che tutti gli amministratori e non solo alcuni, anziché cavalcare battaglie ideologiche senza senso, contribuiscano a calmare gli animi”. Così in una nota l’Ing. Antonio Mallamo, Amministratore Unico di Astral SpA.

Continua a leggere

Cronaca

Imperia, indagate 20 persone: percepivano reddito di cittadinanza e giocavano migliaia di euro ai giochi d’azzardo online

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

IMPERIA – Venti imperiesi, che tra il 2019 e il 2020, simulando di essere in povertà hanno percepito il reddito di cittadinanza, sono risultati accaniti giocatori d’azzardo sulle piattaforme on-line arrivando a puntare complessivamente centinaia di migliaia di euro.

Sono tutti indagati nell’ambito di una inchiesta coordinata dalla procura di Imperia. Lo rende noto la Guardia di Finanza, che ipotizza l’uso di fonti di reddito occultate al fisco, visto che avevano dichirato nei moduli per ottenere il reddito di cittadinanza di non avere disponibilità economiche Le fiamme gialle sono arrivate ad individuarli attraverso una serie di controlli incrociati sulle banche dati. I venti indagati erano tutti titolari di conti gioco online che alimentavano con ricariche di denaro in contanti o bonifici e giroconti direttamente dai propri conti correnti personali o da carte di credito ricaricabili.

Nei confronti degli indagati il gip di Imperia ha emesso un decreto di sequestro preventivo delle somme indebitamente percepite, circa 160 mila euro complessivi. Quest’ultimi rischiano una pena da due a sei anni di reclusione, per aver reso dichiarazioni false e per aver attestato circostanze non veritiere per ottenere indebitamente il beneficio del reddito di cittadinanza.Tutte le posizioni illecite sono state inoltre state segnalate all’Inps per la revoca del beneficio economico. 

Continua a leggere

I più letti