Connect with us

Cronaca

MARCO PANTANI: LA FAMIGLIA SI OPPONE ALL'ARCHIVIAZIONE

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Ma cosa accadde a Madonna di Campiglio?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco

Bologna – Il legale rappresentante della famiglia di Marco Pantani, ha depositato la richiesta di opposizione a Forlì, in merito alla richiesta di archiviazione che ha presento la procura in merito all’inchiesta che riguarda l’esclusione di Pantani dal Giro d’Italia del 1999. Il pm ha chiesto l’archiviazione per i reati di associazione a delinquere finalizzata a minacce, estorsione e frode sportiva. Ma cosa accadde a Madonna di Campiglio? “Il Pirata”, in seguito al successo ottenuto a Vuelta a Murcia, puntò al Giro D’Italia  e dimostrò di essere in buone condizioni fisiche, prima sul Gran Sasso, poi sulla salita di Orapa, poi sull’Alpe di Pampeago e Madonna di Campiglio. Tutto però cambio il 5 giugno a Madonna di Campiglio, alle ore 10.10, momento in cui vennero resi noti i controlli medici della mattinata. In quei controlli emerse che nel sangue del Pirata vi era una concentrazione di globuli rossi superiore al consentito. A Pantani fu rilevato un valore di 52%, il limite massimo consentito dal regolamento era 50%. Pantani si beccò una sospensione di 15 giorni e la sospensione dalla “Corsa Rosa”, ciò comportò il ritiro dal giro della squadra di Pantani dal giro. Secondo un portavoce della squadra di Pantani in merito ai controlli, il Pirata effettuo due controlli: uno il venerdì sera e uno il sabato pomeriggio, quest’ultimo sarebbe stato effettuato presso un centro medico specializzato e avrebbe evidenziato un valore del 48%, entro i limiti prestabiliti. Si inizia a parlare di complotto in merito a Pantani e al Giro D’Italia dopo una lettera inviata dal boss della Comasina Renato Vallanzasca alla famiglia Pantani il 16 novembre 2007. Nella lettera scrive: “Premesso che non vorrei passare per colui che vuol svelare il mistero di Fatima, posso dirti quanto e' a mia conoscenza e che dissi senza togliere o aggiungere una virgola, al Pm di Trento che venne a interrogarmi, come persona informata sui fatti, subito dopo che la Gazzetta dello Sport aveva riportato uno stralcio del libro che sarebbe uscito da li' a poco. Non sapevo e neppure ora so cosa sia successo di preciso: quel che e' certo e' che 4/5 giorni prima che fermassero Marco a Madonna di Campiglio, mi avvicino' un amico, anche se forse lo dovrei definire solo un conoscente, che mi disse: "Renato, so che sei un bravo ragazzo e che sei in galera da un sacco di tempo… per questo mi sento di farti un favore" ero in vero un po' sconcertato, ma lo lasciai parlare… "Hai qualche milione da buttare?… Se si', puntalo sul vincitore del Giro… Non so chi vincera'… ma sicuramente non sara' Pantani"… Da un lato ero certo che nessuno avrebbe mai pensato di potermi fare uno spiacevole scherzo… ma dall-altro vedevo Marco che viaggiava troppo forte. Nei due o tre giorni seguenti Marco aveva guadagnato ulteriormente sui due rivali e io, dopo ogni arrivo, dicevo all'amico Si puo' solo sparargli… e Lui che era il solo che capiva anche se lo dicevo in presenza d'altri, mi rispondeva… Vedrai… e comunque, piu' lui vince e piu' ci si avvicina a Milano… piu' le quote degli altri salgono. Personalmente sono convinto che neppure lui sapesse dove stava il trucco, cioè se, per fare un esempio, lo avrebbero fatto cadere o se uno spettatore impazzito gli avrebbe dato una martellata, ma era certo che Marco non avrebbe vinto”. 
 
Ma non è tutto, la famiglia Pantani vuole che si prosegua con le indagini poiché è emerso che il Pirata sarebbe stato estromesso dal Giro D’Italia per volere della Camorra. A confutare questa ipotesi è un’intercettazione telefonica tra un affiliato all’organizzazione criminale e la figlia. L’uomo parla con la figlia e tra una chiacchiera e l’altra si parla di Pantani e l’uomo dice chiaramente che Pantani è stato messo KO per volere di terzi. Quindi dietro le vicende del 99 c’è un complotto della criminalità, ma gli inquirenti ritengono che “non ci sono le prove” e che gli episodi sono riferibili “a ipotetici reati prescritti”. Cosa è successo veramente il 5 giugno del 1999? Qual è la verità? Ricordiamo che Marco Pantani, il “Pirata”, fu trovato morto  il 14 febbraio del 2004 nella stanza D5 del residence “Le Rose” di Rimini. Dall’autopsia è emerso che la morte del Pirata è stata cagionata da un edema polmonare e cerebrale conseguente a un overdose di cocaina. Le circostante della morte inducono da anni a pensare che il Pirata sia stato ucciso. Il 2 agosto del 2014 la Procura di Rimini riapre le indagini per “omicidio volontario”, chiede però l’archiviazione nel settembre del 2015 motivandola la causa della morte come suicidio e non come omicidio.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Palermo, Open Arms: inizia il processo che vede imputato Matteo Salvini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si apre questa mattina nell’aula bunker del carcere palermitano di Pagliarelli l’udienza del processo che vede imputato il leader della Lega Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona per aver impedito alla nave della Ong Open Arms di attraccare con 147 migranti soccorsi in mare. L’udienza, dedicata all’ammissione delle liste testi di accusa e difesa e alle produzioni documentali, si svolge davanti ai giudici della seconda sezione del tribunale.

La Procura ha citato a deporre, tra gli altri, il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, l’ex premier Giuseppe Conte e tre componenti dell’allora suo governo, l’ex vice premier Luigi Di Maio, e gli ex ministri ai Trasporti, Danilo Toninelli, e alla Difesa, Elisabetta Trenta.

Alcune parti civili hanno indicato tra i testimoni anche l’attore Richard Gere, che nel 2019 salì a bordo della Open Arms mentre la nave attendeva l’autorizzazione all’attracco. Salvini, che sarà presente all’udienza, nel corso di una conferenza stampa svoltasi ieri a Palermo ha commentato: “Spero che il processo non si trasformi in un festival del cinema. Penso di essere l’unico ministro in Europa che va a processo per aver fatto il proprio dovere” . 

Continua a leggere

Cronaca

Falsi farmaci contro il Covid: oscurati 42 siti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Sono stati 42 i siti, collocati su server esteri, oscurati dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute perché venivano pubblicizzati o offerti in vendita vari farmaci anche contro il covid 19. Su 35 dei 42 siti veniva venduta anche l’ivermectina, antiparassitario utilizzato in campo veterinario e per il quale l’Ema, nel marzo 2021, ha raccomandato di non utilizzare il principio attivo per la prevenzione o il trattamento del covid al di fuori degli studi clinici.

Con questa operazione salgono a 283 i siti oscurati dai Nas nel 2021, di cui 244 legati all’emergenza Covid. 

Continua a leggere

Cronaca

Violenza sessuale di gruppo: Grillo jr. e i suoi tre amici scelgono il rito ordinario

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I 4 rischiano pene fino a 12 anni di galera

Sceglieranno il rito ordinario in caso di rinvio a giudizio Ciro Grillo e i suoi tre amici accusati di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una studentessa italo-norvegese il 17 luglio 2018 nella casa di Beppe Grillo. La decisione verrà comunicata nelle prossime ore al giudice dell’udienza preliminare di Tempio Pausania.

La notizia è stata appresa dall’ANSA da fonti vicine ai ragazzi. Rischiano pene fino a 12 anni. I legali dei quattro (Enrico Grillo, Romano Raimondo, Gennaro Velle, Ernesto Monteverde, Alessandro Vaccaro e Mariano Mameli) hanno preso la decisione dopo diverse riunioni visto che in due avrebbero preferito il rito abbreviato. 

Continua a leggere

I più letti