Connect with us

Video

MARINA MILITARE: IL CAPO DI STATO MAGGIORE DE GIORGI RITIRA IL PREMIO. SUCCESSO PER IL VIDEO DI TIZIANA BIANCHI

Clicca e condividi l'articolo

Reading Time: 2 minutes Andato in scena il Gran Galà della Solidarietà condotto da Fabrizio Frizzi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

LEGGI ANCHE: MARINA MILITARE: EROI SILENZIOSI, EROI OGNI GIORNO – IL VIDEO REPORTAGE DI TIZIANA BIANCHI

 

Redazione

Alla sua XIII edizione, nella serata di sabato 23 gennaio 2016, presso l’Auditorium Parco della Musica, si e` svolto il Gran Galà della Solidarietà, condotto, come di consueto da Fabrizio Frizzi, accompagnato dal dr. Ivo Pulcini, Presidente della Onlus “Tutti per un cuore…un cuore per tutti” che promuove l’evento.

Nel corso della serata molti gli artisti che, in favore dell’ “Associazione Bambini Cardiopatici nel Mondo e dell’ “Associazione Bambini Tibetani nel Mondo” si sono esibiti, offrendo ai numerosi intervenuti un elegante spettacolo di varietà.
Emanuela Aureli, Orietta Berti, Sergio Cammariere, Marco Capretti, Olen Cesari, “Il Grande Coro di Roma”, Sergio Friscia, Antonio Giuliani, Loretta Goggi, Mago Lupis, gli Opera Pop e Cinzia TH Torrini, tutti insieme, hanno testimoniato il proprio sostegno alle benefiche cause promosse dalla Onlus.

Ed in tema di solidarietà, grande successo è stato riscosso dalla presentazione del video-reportage della dott.ssa Tiziana Bianchi sull’Operazione Mare sicuro, girato in prossimità delle coste libiche a bordo di due unità della Marina Miliare, che ha testimoniato la professionalità ed il grande cuore dei marinai, nell’assolvimento dei propri doveri ed in particolare per il salvataggio di vite in mare.

“Agli “EROI SILENZIOSI, EROI OGNI GIORNO” della Marina Militare Italiana che tra il 2014 ed il 2015, con la loro instancabile opera, hanno tratto in salvo 191.407 persone” questa la motivazione del “Premio Gran Galà della Solidarietà” che con evidente commozione il dr. Pulcini ha voluto attribuire alla forza armata. Il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, l’Amm. Giuseppe De Giorgi nel ritirare il Premio, dopo aver ringraziato il Presidente della Onlus per l’iniziativa e Tiziana Bianchi per la realizzazione del video-reportage, ha confermato l’impegno della Marina Militare a tutela della sicurezza dei Mari circostanti l’Italia, ribadendo che su una nave, a prescindere dalla lamiera da cui e` costituita, grazie agli eccezionali equipaggi, pulsa un cuore pronto a continuare a salvare chi intraprende la navigazione per fuggire dalle atrocità e dal terrore dei Paesi di origine.

 

Cronaca

Palermo, sparatoria a Cinisi: arrestato un 19enne per tentato omicidio, detenzione abusiva di arma comune da sparo e ricettazione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: < 1 minute
image_pdfimage_print

Nella sparatoria sono rimasti feriti due fratelli di cui uno ancora in prognosi riservata all’ospedale di Partinico

CARINI (PA) – I Carabinieri della Compagnia di Carini hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, a carico di un 19enne carinese accusato dei reati di tentato omicidio, detenzione abusiva di arma comune da sparo e ricettazione.

Le indagini, svolte a seguito dei fatti avvenuti la notte di domenica presso un distributore di carburante al centro di Cinisi con il ferimento a colpi d’arma da fuoco di due fratelli 20enni, hanno fatto emergere gravi responsabilità a carico del giovane. Quest’ultimo, alcune ore dopo i fatti che lo hanno coinvolto, si è presentato spontaneamente presso gli uffici della Squadra Mobile della Questura di Palermo, assistito dal legale di fiducia.

Al termine del successivo interrogatorio, svoltosi presso la Stazione Carabinieri di Cinisi, il quadro indiziario ricostruito ha permesso al Pubblico Ministero di emettere il decreto di fermo a carico del 19enne, poi associato presso la casa circondariale “Lorusso-Pagliarelli” di Palermo.

Il provvedimento di fermo si trova ora al vaglio del G.I.P. di Palermo per le determinazioni di competenza.

Da una preliminare ricostruzione, le due vittime, che erano state in precedenza coinvolte insieme a persone vicine al 19enne in una rissa scoppiata per futili motivi a Terrasini, sono state raggiunte poi a Cinisi dall’indagato che, avendo appreso quanto accaduto, avrebbe messo in atto la sua vendetta contro i due fratelli.

I feriti, uno dei quali si trova tuttora ricoverato in prognosi riservata presso l’ospedale di Partinico per le gravi lesioni riportate, sono stati subito soccorsi da alcuni conoscenti.

Continua a leggere

Cronaca

Operazione Cyber Moscow Mules: madre di famiglia in realtà esperta hacker

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

La Polizia Postale ha arrestato una 40enne russa appartenente ad un’organizzazione transnazionale dedita alle frodi informatiche, alla ricettazione ed al riciclaggio

GENOVA – Nella vita di tutti i giorni, era una tranquilla madre di famiglia, in realtà, dietro un’apparente normalità si nascondeva un’avvenente esperta hacker: era infatti un ingegnere informatico con la passione per il crimine e le cryptovalute.

I traffici illeciti della donna, terminale ligure di un’associazione a delinquere dedita alle frodi informatiche e al riciclaggio, non sono sfuggiti agli esperti della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Genova che, al termine di un’attenta e complessa indagine, l’hanno arrestata.

Esperta nel creare nuove identità, ritirava presso punti di recapito sempre diversi della provincia di Genova, gli oggetti che acquistava sui portali di e-commerce utilizzando fondi, carte di credito e conti bancari di ignari malcapitati.

Per eludere eventuali controlli, la donna si presentava presso i punti di ritiro munita di documenti falsi oppure reclutava terze persone che, dietro compenso, ritiravano i pacchi in sua vece.

Telefonini di ultima generazione e materiale elettronico di altissima qualità, spediti in Russia, a favore di soggetti appartenenti all’organizzazione oppure messi in vendita sui noti portali dedicati all’e-commerce.

I lucrosi proventi erano poi riciclati tramite acquisti di criptovalute presso numerosi exchange internazionali.

Gli investigatori della Polizia Postale, grazie ad indagini tecnico informatiche coniugate a quelle tradizionali, hanno appurato l’appartenenza della donna ad un’organizzazione transnazionale dedita alle frodi informatiche, alla ricettazione ed al riciclaggio, con la conseguente emissione da parte del G.I.P. presso il Tribunale di Genova di una Ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dell’indagata.

Nel corso della perquisizione domiciliare, gli investigatori della sezione financial cybercrime della Polizia Postale hanno sequestrato numerosi POS e centinaia di carte di credito appositamente attivate per riciclare i proventi derivanti da truffe e frodi informatiche.

E’ tuttora al vaglio degli investigatori l’analisi del corposo materiale informatico sequestrato.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, assemblea pubblica: gettate le basi per la rinascita del paese

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Si è svolta ieri a Nemi, nella sala dei piccoli comuni in corso Vittorio Emanuele, l’assemblea pubblica che ha visto una grande partecipazione di cittadini che si sono confrontati al fine di iniziare un percorso civico da condividere con tutti, aldilà delle singole ideologie e appartenenze politiche, finalizzato esclusivamente al bene comune quindi un progetto condiviso per ridisegnare e ricostruire una Nemi diversa da quella che è diventata oggi.

Presenti all’incontro tutte le forze progressiste del paese, tanti i cittadini di sinistra e centrosinistra fra cui gli ex sindaci Vairo Canterani e Renzo Colazza, gli attuali Consiglieri comunali di “Ricomincio da Nemi” Carlo Cortuso e Patrizia Corrieri ma anche cittadini come l’energica Caterina o cittadini di destra e centrodestra fra cui Marco Borzi, tra i fautori del Comitato di Quartiere dei Corsi e del Parco dei Lecci. Un bel momento anche quando la parola è passata ai giovani come Libero Middei che ha parlato dell’importanza di ritrovare il contatto con l’ambiente e la tutela del patrimonio naturalistico nemese. Importante anche il contributo di Orlando Colangioli che ha parlato della fondamentale funzione del Comitato nascente dei Corsi e del Parco dei Lecci e della battaglia civica portata avanti per evitare l’inquinamento della falda acquifera tramite la realizzazione di un’isola ecologica in un sito protetto e vicino ad un pozzo di acqua che serve tutta la popolazione di Nemi.

L’assemblea è vero si che ha aperto al civismo ma di fatto ha suggellato un momento storico per le forze di sinistra e centrosinistra di Nemi che si sono unite per il bene del paese e adesso vogliono allargare la visione ad un nuovo contenitore civico che non abbia bandiere partitiche ma soltanto il comune obiettivo di salvare Nemi da quella che all’unanimità è stata considerata una amministrazione che ha distrutto la comunità e il paese.

L’assemblea è stata moderata dalla giornalista Giulia Agostinelli e l’evento è stato diffuso in streaming sulla pagina Facebook de L’Osservatore d’Italia.

Per chi volesse sentire cosa è stato detto riproponiamo nel riquadro sottostante il video dell’evento.

Continua a leggere

I più letti