Connect with us

Roma

MARINO, ECOVILLAGE: TUTTE LE STRANEZZE DI UN PROGRAMMA ASSURDO

Clicca e condividi l'articolo

Dai vincoli paesaggistici alle falde acquifere passando per l'iter procedurale: ecco perché non si deve costruire Marino 2.

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Daniele Rizzo

Marino (RM) – Martedì 15 luglio ci siamo recati all’incontro con la stampa organizzato da A.D.A. (Argine via del Divino Amore) per farci spiegare le ragioni che spingono parte della popolazione marinese (e non solo) ad opporsi al progetto di cementificazione nell’area circostante Via del Divino Amore. L’incontro, patrocinato da Italia Nostra, ha visto l’alternarsi di diversi relatori, ognuno con le proprie ragioni per contrastare il progetto. Ma partiamo dall’inizio.
 

L’AREA
In principio era un parco. E non un parco qualsiasi. L’area interessata dal progetto denominato “Ecovillage” rappresenta il collegamento naturale tra il Parco dell’Appia Antica ed il Parco dei Castelli Romani. L’area infatti è quella di Bovillae e Mugillae, due aree abitate sin dall’epoca latina, che rappresentavano due importantissimi centri abitativi per chi veniva da Roma e percorreva l’Appia. Oggi per Bovillae si intende Frattocchie e difatti, per intenderci, l’area del progetto è proprio quella di Frattocchie, località facente riferimento amministrativo a Marino ma che dista dalla cittadina qualche kilometro. Percorrendo Via del Divino Amore e Via della Falcognana in direzione Ardeatina è possibile vedere a destra e sinistra una grande quantità di campi liberi dal cemento, proprio perché sino a pochi anni fa si è cercato di proteggere l’aria nel modo più consono possibile. In quest’ottica rientra la proposta avanzata qualche anno fa da Bonelli (all’epoca assessore all’ambiente della regione Lazio) di far rientrare questa zona nel parco dell’Appia Antica.
 

IL PROGRAMMA
Il 3 agosto 2011 però il consiglio comunale di Marino approva la delibera n.137 che prevede un “Programma Integrato di Intervento e di riqualificazione urbanistica della Località Divino Amore in Variante al PRG vigente”, proposto dalla società Ecovillage srl. La società, che rappresenta un certo numero di proprietari terrieri della zona, chiede con questo Programma Integrato (PRINT) di poter costruire un insediamento abitativo (già ribattezzato Marino 2) di circa 15.000 persone (pari ad 1 milione di metri cubi di cemento) nel territorio che si apre a nord e sud di via del Divino Amore/della Falcognana, al confine con Santa Maria delle Mole e Frattocchie.
La domanda all’epoca sorse spontanea: l’area dei Castelli Romani, seconda area urbanizzata del Lazio, con 16 comuni e circa 300 mila persone e in particolare Marino (poco meno di 1600 abitanti per km^2), ha bisogno di questo incremento abitativo? La risposta, che tutti conosciamo, arrivava però anche dalla legge regionale n.72/75, che fissa il tetto massimo d’espansione dei comuni al 30% dei residenti, quindi a 12.500 abitanti nel caso di Marino. Ora, premesso che da 12.000 a 15.000 abitanti il passo non è così breve come i numeri vorrebbero far pensare e che questo incremento era stato già raggiunto con lottizzazioni diverse da quelle del Divino Amore, Marino ha davvero bisogno di questo incremento? Certamente no. Il Prof. Enrico Del Vescovo, di Italia Nostra Castelli Romani, e l’Ing. Mario Dibello hanno cercato di spiegare il perché.
 

IL PROBLEMA DEI VINCOLI PAESAGGISTICI
Del Vescovo ha difatti esordito raccontando di quante centinaia di palazzine siano attualmente inabitate a Marino, a testimonianza del fatto che il carico antropico previsto dal programma è assolutamente inutile ma anche deleterio per l’ambiente. L’area in cui dovrebbe sorgere l’insediamento, ha continuato Dibello, è stretta tra le due arterie Ardeatina e Appia: la prima versa in uno stato pietoso visto anche l’eccessivo passaggio di mezzi pesanti che giornalmente rovinano la strada, la seconda è costantemente martoriata dal traffico. L’assetto viario dunque non sarebbe in grado di reggere l’urto che porterebbero 15.000 persone nella zona.
Oltre all’assetto viario preoccupa anche quello infrastrutturale, imprescindibile invece nel momento in cui si programmano nuovi insediamenti, che siano essi commerciali, produttivi o abitativi. Inoltre, come detto, l’area è di enorme interesse archeologico e paesaggistico, proprio perché culla della civiltà latina; non a caso sulla zona insistono dei vincoli paesaggistici e archeologici testimoniati anche dalla tavola B del PTPR (Piano territoriale paesistico regionale), vincoli che subordinano qualsiasi programma ad un parere di conformità paesaggistico e alla V.A.S. (valutazione ambientale strategica). Inutile dire che né l’uno né l’altra siano mai pervenuti. Del Vescovo chiudendo ha poi ricordato che alla base della battaglia che stanno conducendo ci sono dei motivi sacrosanti che poggiano sull’errata interpretazione di crescita sostenuta dai comuni.
 

IL PROBLEMA DELLE FALDE ACQUIFERE
Il Prof. Ing. Franco Medici, dell’Università Sapienza di Roma, ha invece esposto il risultato di alcuni studi condotti sul sistema idrico della zona. L’area del bacino Colli Albani (che interessa sì i Castelli Romani ma anche Ardea e Pomezia) ha un fabbisogno idrico stimabile in 65 milioni di metri cubi d’acqua l’anno. L’attuale fornitura è invece di 47 milioni di metri cubi l’anno; solo 39 milioni di questi 47 inoltre sono soddisfatti da una fornitura interna (quindi falde acquifere, laghi o fossi): il restante 8 proviene dalla rete romana, quindi da ACEA. E’ evidente dunque che il fabbisogno idrico dell’area non è compensato, e che un ulteriore sviluppo abitativo metterebbe in forte crisi tutto il sistema, tanto più che un eventuale insediamento nella zona attingerebbe direttamente tramite i pozzi alle falde acquifere. Non a caso il Piano di tutela quantitativa del sistema idrogeologico regionale dice che gli strumenti urbanistici devono tenere conto delle esigenze idriche, ma questo non è stato fatto.
 

ACEA E USL
L’Avv. Prof. Giorgio Marino ha poi mostrato due lettere inviate al comune di Marino. La prima, da parte di ACEA, fa presente al comune che alla data 12/06/2012 la segreteria tecnico operativa della società ha riscontrato che il futuro insediamento non sarebbe in grado di conferire al depuratore “Santa Maria delle Mole”, e quindi la società stava predisponendo un progetto preliminare (con relativo preventivo) per le spese di progetto. Perché allora il comune di Marino prima di approvare la delibera non ha aspettato il parere di ACEA?
La USL di Albano, con una lettera indirizzata al Comune di Marino e quello di Ciampino il 14/08/2013, esprime il parere negativo riguardo “i numerosi piani di lottizzazione relativi ad insediamenti abitativi e produttivi” nei suddetti comuni, viste le numerose criticità che interessano le due aree (presenza dell’aeroporto, presenza di gas pericolosi emessi dal sottosuolo, la natura vulcanica dei Castelli Romani, l’alto consumo delle acqua dei pozzi, la difficoltà nello smaltimento dei rifiuti). Anche questo avviso sembra però essere caduto nell’oblio amministrativo, sia a Marino che a Ciampino (dove impunemente è stato presentato il ricorso sul vincolo della zona 167, ma questa è un’altra storia).
 

STRANEZZE PROCEDURALI
Tutte queste anomalie ne racchiudono una più politica. L’On. Giulio Santarelli, già sindaco di Marino, ha infatti raccontato di come Comune, Provincia e Regione si stiano facendo la guerra su questo progetto. La delibera dell’agosto 2011, approvata in barba alle leggi regionali 72/75 e 24/98, doveva essere annullata vista anche l’irricevibilità della richiesta della Ecovillage: la destinazione urbanistica dei suoli è competenza del comune, e per nessuna ragione può essere richiesta da una società privata. Inoltre, il 12 febbraio 2013, giorno in cui la giunta Polverini ha approvato in Regione la delibera, già erano pervenute le dimissione della stessa giunta e quindi poteva occuparsi solo di ordinaria amministrazione: non a caso Zingaretti in campagna elettorale aveva annunciato che in caso di sua elezione avrebbe annullato tutte quelle delibere approvate dalla Polverini in quel periodo di tempo. Ad oggi la delibera non è stata ancora annullata.
 

CHI CI GUADAGNA?
Insomma, il Comune fa la delibera, la Provincia esprime parere contrario, la Regione (nonostante abbia fatto lei stessa le leggi che impediscono alla delibera di prendere atto) approva a sua volta la delibera anche se non aveva più il potere per farlo. Una lotta di tutti contro tutti che però vede come unico perdente i cittadini, costretti a subire l’ennesimo abuso di potere. Ma tutto questo a chi giova? In tutta questa storia gli unici vincitori non sono però, come invece potrebbe sembrare, né la Regione né il Comune, che ne escono delegittimati agli occhi dei cittadini, bensì i proprietari terrieri, questi costruttori che hanno sfruttato i buchi dell’impianto legislativo per promuovere un progetto lecito ai loro occhi. Quando la legge non difende il territorio e con esso i cittadini c’è da riflettere. Casi come questi sono comunque all’ordine del giorno nel nostro territorio, come dimostra anche la vicenda delle 167 a Ciampino o la questione del PRINT Xa2 Ciampino. Per questo motivo è essenziale che tutti i cittadini, le associazioni, o quei poteri politici che ne hanno la forza, continuino quest’opera di presidio territoriale che tanti casi anomali sta portando alla luce. 

Print Friendly, PDF & Email

Roma

Roma, volante della Polizia travolge un auto mentre insegue dei rapinatori: nell’impatto muore una 17enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – E’ finito in tragedia un inseguimento alla periferia di Roma. Una ragazza di 17 anni anni è morta dopo essere stata travolta da una pattuglia della polizia stradale che stava inseguendo una macchina.

L’incidente è avvenuto a via di Salone, alla periferia est della Capitale. Secondo quanto si è appreso la ragazza era in auto con altre persone. Nell’impatto c’è un ferito grave, che era in auto con lei. Feriti anche due poliziotti. 

L’inseguimento è scattato dopo la segnalazione di una rapina a Tivoli

L’auto in fuga, inseguita dalla stradale, è uscita allo svincolo di via di Salone. Poco dopo c’è stato l’impatto con la macchina su cui viaggiava la ragazza. L’auto dei rapinatori è stata poi trovata abbandonata sull’A24. Sono in corso ricerche per rintracciarli. La Procura ha aperto una indagine.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Litorale

Roma, preso il boss della “Banda della Marranella”: era rifugiato in Spagna

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Grazie alla collaborazione tra i Carabinieri del Nucleo Investigativo di  Ostia, il servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia – Divisione Sirene, la DCSA, e sotto il coordinamento dalla Procura della Repubblica di Roma, “Gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti” è finita la fuga di un pericoloso latitante, elemento di spicco della “Banda della Marranella”, che ormai da anni si rifugiava in Spagna ove gestiva traffici di importanti quantità di stupefacenti fino a curarne la spedizione verso l’Italia.

L’indagine denominata “HISPANIA”, avviata a luglio 2018, ha consentito di accertare l’esistenza e l’operatività di una complessa organizzazione criminale, composta da diversi livelli gerarchici ed articolazioni territoriali, con basi logistiche stabili in Spagna con la centrale a Malaga, dedita al traffico di cocaina, hashish e marijuana sull’asse Spagna-Italia.

Già dal maggio dello scorso anno, le indagini condotte dai Carabinieri di Ostia hanno stretto il cerchio attorno al pericoloso latitante, già destinatario di un ordine di carcerazione emesso nel 2015 dal Tribunale di Roma – Ufficio Esecuzioni, che lo avrebbe portato all’espiazione della pena pari ad anni 6 e mesi 11 di reclusione.

La successiva fase investigativa ha portato all’emissione di ulteriori misure cautelari emesse dal GIP presso il Tribunale di Roma e al relativo “Mandato di Arresto Europeo” per traffico internazionale di sostanze stupefacenti e possesso di documenti falsi. Nel caso specifico al soggetto è stato contestato il tentativo di importazione in Italia di Kg. 325 di hashish, non andato a buon fine perché i corrieri erano stati arrestati in Francia.

Nel seguente mese di giugno, lo stesso riusciva a eludere la cattura rimanendo tuttavia in territorio spagnolo. Il proseguo delle indagini e delle intercettazioni telefoniche hanno evidenziato come il soggetto fosse ben cosciente del suo status di “fuggitivo”, atteso che sovente è ricorso a vari espedienti fra cui l’uso di documenti di identificazione falsi.

A dicembre scorso, è stato così emesso il decreto di latitanza. L’indagine condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Ostia, coordinata dalla Procura di Roma ha permesso di individuare i luoghi abitualmente frequentati dal latitante. E’ stata quindi avviata una cooperazione internazionale di Polizia Giudiziaria tra l’Italia e la Spagna, con il quotidiano scambio di informazioni tra i Carabinieri e la E.C.O. (Equipo Crimen Organizado) della Guardia Civil di Malaga.

Mediante le attività tecniche e precise informazioni fornite dai Carabinieri di Ostia a Estepona, comune della provincia di Malaga (Spagna), personale della  E.C.O., ha proceduto ad arrestare il latitante.

Al termine delle formalità di rito, che prevedono l’attivazione delle procedure di estradizione, l’arrestato verrà trasferito in Italia dove lo attende il carcere.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Metropoli

Fiano Romano, minacce di morte al Sindaco. Ferilli: “Presenterò denuncia in Procura”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

FIANO ROMANO (RM) – “Non vi preoccupate arriverà anche la sua ora e magari… proprio in quella chiesa”. Una chiara minaccia di morte postata su Facebook e indirizzata al Sindaco di Fiano Romano Ottorino Ferilli dopo la diffusione della notizia relativa il rilascio del permesso di costruire per il nuovo complesso parrocchiale “Cristo Nostra Pasqua”.

Tanti i messaggi di solidarietà nei confronti del primo cittadino e una ferma condanna per il clima di odio che alcuni personaggi stanno inoculando attraverso falsi profili e non solo.

Dai tanti messaggi rivolti a Sindaco Ferilli emerge un forte abbraccio della comunità di Fiano Romano che negli anni continua ad apprezzare lo spessore umano e correttezza nell’agire del loro primo cittadino.

Tra i primissimi attestati di solidarietà quello del Vicesindaco Davide Santonastaso che tra l’altro scrive: “Da troppo tempo ormai è in atto una campagna di odio senza precedenti, fatta di attacchi personali, minacce, illazioni e falsità che non possono essere più sopportate. Perché questo è il clima che porta addirittura qualcuno, ovviamente attraverso un profilo finto, ad augurare addirittura la morte del Sindaco. Condanno fermamente questo modo di far campagna elettorale dove l’avversario politico diventa un nemico da annientare”.

Nel tardo pomeriggio di oggi il Sindaco Ottorino Ferilli ha inteso commentare l’accaduto facendo presente che non mancherà di rivolgersi alla Procura della Repubblica

“Le minacce indirizzate alla mia persona non appena è uscita la notizia della nascita di un centro aggregativo parrocchiale a Fiano non mi spaventano assolutamente per la mia incolumità , quanto per la possibile deriva che potrebbe dilagare nella città che amo e che amministro. Ad essere a rischio sono i nostri figli e il loro futuro che va tutelato da certe angherie, da un linguaggio violento e da persone che si nascondono dietro false identità. Non ci sto a far passare silentemente una condotta costruita sulla prepotenza dove si arriva addirittura a minacciare di morte pur di attivare una gogna mediatica che si caratterizza sul nascere. La nostra Comunità non ha bisogno di parole così violente ma di speranza e condivisione. Come mia consuetudine, alle parole farò seguire le azioni sempre volte a garantire uno stato di legalità: presenterò denuncia alla Procura della Repubblica proseguendo quel cammino di trasparenza finalizzato a non piegare la testa di fronte ad azioni che minano la nostra libertà personale d’azione e di espressione”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti