Connect with us

Roma

MARINO, ELEZIONI: STEFANO CECCHI A TU PER TU CON LE ASSOCIAZIONI DI SANTA MARIA DELLE MOLE

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Le priorità del candidato sindaco: "partire con l’iter finalizzato alla creazione di una isola ecologica e avviare il porta a porta"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Red. Politica

Marino – Santa Maria delle Mole (RM) – Il candidato sindaco de “L’Officina delle Idee” ha fatto il punto sulla vivibilità locale, incontrando le associazioni e i comitati che da anni si occupano degli spazi verdi e dei parchi pubblici della frazione di Marino. Continua il confronto con i territori e l’ascolto dei cittadini da parte di Stefano Cecchi. Nel pomeriggio di ieri il candidato sindaco della coalizione “L’Officina delle Idee” ha incontrato i comitati e le associazioni che da anni si occupano con cura e amore degli spazi verdi di Santa Maria delle Mole. Una riunione cordiale ma serrata, quella andata in scena nei locali di via Leopardi, dove Stefano Cecchi e i rappresentanti delle realtà cittadine hanno fatto il punto sulle questioni di vivibilità più calde della grande frazione di Marino: parchi pubblici, viabilità, infrastrutture, raccolta differenziata, associazionismo e tanto altro ancora. Insomma, due ore intense di dialogo e scambio di riflessioni, durante il quale il candidato sindaco di Marino alle prossime elezioni, in scena il 5 giugno prossimo, ha fornito proposte e soluzioni per valorizzare Santa Maria delle Mole e implementarne la vivibilità.

Primo punto quello relativo all’avviso sulla gestione triennale di alcuni spazi verdi di Marino, recentemente pubblicato dal Comune di Marino, guidato dal commissario prefettizio Enza Caporale: “Ho ascoltato con attenzione le realtà associative – ha esordito Cecchi – che hanno espresso tutta la loro preoccupazione sulle tempistiche e sulle modalità dell’avviso pubblico. Avviso che non mi piace, e che reputo incompleto e inadatto. Ho detto loro che, una volta sindaco di Marino, sarà mia cura portare all’attenzione del Consiglio comunale un nuovo regolamento sulla gestione degli spazi verdi cittadini: regolamento già pronto e che, prima dell’eventuale approvazione, condividerò ovviamente con le realtà del territorio al fine di ricevere contributi e modifiche migliorative al documento”, ha assicurato il candidato sindaco de “L’Officina delle Idee”.

E, sempre a proposito di volontariato, Stefano Cecchi ha annunciato: “Abbiamo intenzione di concretizzare un apposito regolamento dei comitati di quartiere. Un passo istituzionale indispensabile per ridare voce alle istanze dei territori, soprattutto dopo la soppressione delle circoscrizioni che, in un certo senso, per le amministrazioni di Palazzo Colonna hanno sempre rappresentato importante strumento per conoscere esigenze e problemi della popolazione di Marino Centro e delle frazioni. Col nuovo regolamento, dunque, vogliamo colmare questo vuoto amministrativo affinché i comitati di quartiere diventino concreto canale di comunicazione tra Municipio e comunità. Insomma, il nostro obiettivo è rendere le realtà cittadine sempre più protagoniste del territorio che quotidianamente vivono: in questo senso abbiamo in mente di istituire anche una casa delle associazioni; uno spazio pubblico dedicato interamente alle attività e alle iniziative dei cittadini organizzati”.

A seguire, Stefano Cecchi ha preso posizione su alcune tematiche infrastrutturali, a cuore ai cittadini di Santa Maria delle Mole. In particolare, il parcheggio di scambio di Piazza Albino Luciani, dove si svolge il mercato settimanale. Parcheggio che ancora attende il collegamento pedonale con la stazione: “Nei miei 9 anni a Palazzo Colonna, l’amministrazione ha più volte posto all’attenzione di Provincia di Roma e Ferrovie dello Stato la necessità di rammodernare il polo ferroviario, allargando i marciapiedi per i pendolari in attesa del treno, allungando la banchina e creando un ponte di collegamento diretto con il parcheggio. Il problema è che quest’ultimo, ci tengo a sottolinearlo, non è di proprietà del Comune di Marino: la nostra idea, dunque, è acquisire quell’area a patrimonio comunale. Si tratta di un passaggio necessario e propedeutico a qualsiasi altra azione amministrativa e infrastrutturale”.
Comitati e associazioni hanno infine posto l’accento sulla questione ambientale e sulla necessità di accelerare con la raccolta differenziata: “Posso annunciare due provvedimenti sui quali lavoreremo immediatamente, nel caso vincessimo le elezioni comunali: partire con l’iter finalizzato alla creazione di una isola ecologica e avviare il “porta a porta”: due step che vogliamo concretizzare entro il primo anno di governo cittadino”. Così, in una nota, il candidato sindaco della coalizione "L'Officina delle Idee" in vista delle elezioni nel Comune di Marino, Stefano Cecchi.
 

Metropoli

Canale Monterano, salvo il fico del Marchese del Grillo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

La pianta secolare dopo essere parzialmente crollata era rimasta gravemente danneggiata

CANALE MONTERANO (RM) – Salvo il fico centenario, rimasto danneggiato per cause naturali la scorsa settimana, meglio conosciuto come fico “di Don Bastiano”, presso il Convento di San Bonaventura a Monterano. Una vera e propria “icona” monteranese celebre, anche, grazie al film ‘Il marchese del Grillo’.

La pianta, situata all’interno del convento di San Bonaventura a Monterano nei giorni scorsi è crollata. Il grosso fico durante la notte tra il 25 e il 26 giugno ha subito il distaccamento di parte del tronco e dei rami ad esso collegati.

L’amministrazione comunale di Canale Monterano insieme alla Riserva si sono attivati immediatamente facendo rimuovere le parti schiantate o spezzate e facendo operare una potatura specifica delle parti sopravvissute. Così, grazie alle cure operate secondo le indicazioni prescritte dal tecnico forestale della Riserva Naturale, Dott. Fabio Scarfò, la pianta è stata salvata e ora gode nuovamente di un aspetto sano e bello.

“Vogliamo ringraziare la competente Soprintendenza per il supporto fornito dall’Assistente di zona Sig. Luigi Vittorini – commenta il Direttore della Riserva Naturale Regionale Monterano, Fernando Cappelli – e l’Azienda Agricola Camilletti Cesare, affidataria del servizio, per l’attenzione e la cura nei dettagli dimostrata nell’attuazione dell’intervento.”

“Incrociamo le dita – aggiungono il Sindaco di Canale Monterano, Alessandro Bettarelli e il Consigliere delegato alla Riserva Giovanni D’Aiuto – ma sembra che il peggio sia passato. L’augurio è di vedere il fico di San Bonaventura presidiare con la sua maestosa vecchiaia la navata di San Bonaventura per almeno altri cent’anni”.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara, si ribalta betoniera: un ferito

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Traffico in tilt sulla Braccianese all’altezza di Anguillara Sabazia a causa di autobetoniera che si è rivaltata al km 12. Sul posto è intervenuta la squadra VVF di Bracciamo con l’ausilio dell’ autogru. Nessun altro mezzo è stato coinvolto, le cause dell’accaduto al momento restano imprecisate; è stato necessario l’intervento dei soccorritori VVf affinchè la persona venisse estratta viva ed ancora cosciente dalla cabine del mezzo industriale .La stessa è stata affidato al personale del 118 e trasportata al pronto soccorso.

Continua a leggere

Roma

Roma, piazza Venezia: non si fermano all’alt dei Carabinieri e vanno a sbattere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Due ragazzi 19enni romani, a bordo di una moto, non si sono fermati all’alt di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, questa notte, in piazza Venezia e si sono dati alla fuga, fino a raggiungere il Lungotevere Tor di Nona, dove hanno perso il controllo scivolando a terra, per fortuna senza farsi male.

Il conducente del veicolo è stato sottoposto a test con etilometro dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, poiché in evidente stato di ubriachezza, risultando positivo all’esame, con tasso superiore al limite di legge per cui la patente gli è stata ritirata. Entrambi dovranno rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

I più letti