Connect with us

Roma

MARINO LAZIALE: DAL NO TIR FRATTOCCHIE ALLA CEMENTIFICAZIONE DEL DIVINO AMORE

Clicca e condividi l'articolo

Le responsabilità del sindaco Silvagni e della maggioranza di centro destra

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Marino Laziale (RM) – Duri commenti sia durante gli incontri pubblici sia in aula consigliare a Marino da parte del cons. Adolfo Tammaro del Movimento per il Cambiamento. La bocciatura da parte della maggioranza di Silvagni della Mozione del M5S sul traffico pesante a via del Divino Amore, fermamente supportata invece da tutta l’opposizione, e l’assenza di risposte scritte durante il Consiglio da parte del dirigente Stefano Petrini sulla speculazione cementizia al Divino Amore sono i cardini dei commenti svolti del consigliere civico di opposizione.

“Durante il Consiglio comunale scorso” ha dichiarato Adolfo Tammaro “ho ricordato a tutti che alla riunione organizzata dal Comitato NO TIR Frattocchie il 25 febbraio era presente un rappresentante dell'associazione delle Famiglie vittime della strada. Questa persona – evidentemente con una qualche tragedia della strada alle spalle – ha messo in evidenza che secondo la sua esperienza dietro la grande maggioranza degli incidenti stradali gravi ci sono colpe della politica. Ad esempio, ha messo subito in risalto lo schifo dei lavori iniziati per fini elettorali dei marciapiedi sulla Nettunense e lasciati lì a metà, con gravissimi rischi per l’incolumità dei Cittadini. Nella stessa riunione del NO TIR una cittadina ha raccontato di essere viva per miracolo essendo stata travolta da un TIR. Stante questa premessa il Sindaco non può chiedere aiuto all'opposizione e tentare di diminuire le sue enormi responsabilità. Il problema deve essere affrontato come emergenza di salute pubblica e questa è tutta una competenza del Sindaco. Se servono azioni più forti siamo pronti come opposizione. Sono anni che sul Divino Amore lottiamo contro le istituzioni, a cominciare dal Comune di Marino, per evitare lo scempio che si vuole portare avanti. Con che faccia la maggioranza di Silvagni parla ipocritamente di appoggio al Comitato NO TIR su via del Divino Amore e poi ha approvato un aumento di popolazione su quella strada di oltre 12.500 abitanti? Si rende conto di che mole di traffico di tutti i tipi si abbatterà su quella stessa via percorsa oggi da 350 TIR al giorno? E che dire della gravità delle “mezze risposte” fornite dall’amministrazione sulla mia interrogazione sulla speculazione del Divino Amore, che è stata pensata per motivi clientelari e di interessi di pochi contro tutti gli altri cittadini. Da una parte la maggioranza di Silvagni apparentemente – davanti all’assemblea No TIR – si muove a favore della popolazione, dall'altra da anni si muove per rendere la vita di quelle persone ancora più invivibile di oggi, continuando a governare solo per le clientele e le parentopoli coltivate nel tempo”.
 

Litorale

Civitavecchia, risolto il giallo del furto in Chiesa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CIVITAVECCHIA (RM) – I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno denunciato in stato di libertà due civitavecchiesi di 46 e 37 anni, entrambi con precedenti, ritenuti i presunti autori del furto consumato in una Chiesa della città.In particolare i Carabinieri della Stazione Civitavecchia Principale sono intervenuti presso la Chiesa di San Liborio, dove il Parroco nella mattinata denunciava che ignoti si erano introdotti nottetempo all’interno della chiesa e avevano asportato oggetti religiosi e la somma di 5000 € contenuta in un armadio metallico.Preziose per i militari intervenuti le immagini del sistema di videosorveglianza dove veniva chiaramente notata un’autovettura allontanarsi dal luogo del reato. Così i Carabinieri dall’autovettura sono riusciti a risalire e a identificare due soggetti sospettati di essere gli autori.I due civitavecchiesi sono stati così denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Civitavecchia. 

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Cerveteri a Umbria Jazz con Michael Supnick e il Maestro Travagliati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Serata a “tinte etrusche” al Far Art Club di Terni A Umbria Jazz, la più importante kermesse jazzistica del Centro Italia, è risuonata anche la musica di Cerveteri.

Domenica 19 settembre, nella suggestiva cornice del Fat Art Club a Terni, la città etrusca era presente con due dei suoi massimi esponenti della musica jazzistica: Micheal Supnick, trombonista e trombettista statunitense oramai stabilitosi da tanti anni a Cerveteri e in cartellone con il “Supnick Swing”, e il Maestro Augusto Travagliati, Direttore del Gruppo Bandistico Caerite e della Moonlight Big Band, intervenuto in veste di ospite. Ad affiancare la “Supnick Swing” in veste di manager organizzatrice, come sempre, Jole Stragapede.“È certamente un motivo di orgoglio per Cerveteri che due suoi concittadini abbiano preso parte ad una manifestazione ricca di storia e di caratura internazionale come Umbria Jazz – dichiara il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci – Michael Supnick e Augusto Travagliati sono due musicisti sopraffini, eclettici, che con la loro arte ci regalano sempre grandi emozioni e momenti di spettacolo straordinario. In un anno così difficile per il mondo della musica e dello spettacolo dal vivo, dove a Cerveteri nonostante le tantissime restrizioni e regole dettate dalla situazione pandemica siamo ugualmente riusciti ad allestire un programma estivo di livello altissimo, siamo felici che due nostri concittadini, due artisti di Cerveteri, abbiano preso parte ad una rassegna che ogni anno ospita artisti di fama nazionale ed internazionale”.“A Michael e Augusto – conclude il Sindaco – i miei complimenti e ringraziamenti per il grande lavoro che sempre svolgono per la musica nel nostro territorio, riuscendo, come in questo caso, ad esibirsi in una manifestazione davvero importantissima nel panorama artistico”.Ad affiancare Michael Supnick, un gruppo di musicisti di assoluto livello: Bepi D’Amato, clarinetto e sax tenore, Carlo Ficini, trombone Alessio Magliari, pianoforte Giordano Panizza, contrabbasso Alberto Botta, batteria. Ospiti speciali i ballerini Valentina Raimondi e Danilo Bruschetti.

Continua a leggere

Metropoli

Valmontone, fa shopping all’outlet con i soldi falsi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

VALMONTONE – Un uomo di 34 anni si stava dando alle pazze spese, facendo shopping nel “Valmontone outlet” utilizzando delle banconote false del taglio di 50 euro. Uno dei commercianti che stava subendo l’ennesimo pagamento con banconota falsa, accortosi della falsità della banconota l’ha restituita all’interessato ed ha avvisato i Carabinieri della locale Stazione che hanno recuperato non solo la banconota utilizzata ma altre 10 d’identico taglio, all’interno della sua autovettura.I Carabinieri hanno arrestato l’uomo per spendita di monte false e lo hanno associato agli arresti domiciliari.L’arresto è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria di Velletri in attesa del giudizio definitivo che si terrà nel mese di ottobre.

Continua a leggere

I più letti