Connect with us

Costume e Società

MARSALA E PETROSINO: IL NATALE NEI DUE COMUNI "VICINI DI CASA"

Clicca e condividi l'articolo

A Marsala nessun albero in Piazza Loggia. Eppure negli anni passati l'albero di Natale è stato sempre predisposto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GUARDA LA GALLERY IN FONDO ALL'ARTICOLO [CLICCARE SOPRA LE FOTO PER INGRANDIRLE]

 

di Angelo Barraco

Marsala – Petrosino (TP) – La ricorrenza dell’Immacolata Concezione, viene festeggiata ogni 8 dicembre e nelle piazze di tutte le cittadine si celebra con l’accensione dell’albero di Natale.
Le luci che illuminano e riscaldano le città e i paesi danno spesso un tono e un colore diverso e portano allegria agli occhi di chi guarda, poiché si vive pienamente lo spirito natalizio. Ma è veramente così? L'Osservatore d'Italia la sera dell'8 dicembre ha dato un'occhiata in giro per le vie di Marsala immortalando le decorazioni installate per queste festività natalizie.

Attraversando il centro storico di Marsala è stato possibile vedere un filo di luce ondulato con luci talvolta anche fulminate. A piazza Loggia, la piazza centrale del centro di Marsala ci si aspettava di trovare il classico albero imponente, illuminato e posto al centro della piazza. E con nostra sorpresa abbiamo constatato l'assenza del simbolo principe del Natale: Nessun albero in Piazza Loggia. Eppure negli anni passati l'albero di Natale è stato sempre predisposto e vedere la piazza vuota non sarà stato certamente piacevole per i residenti, figuriamoci per i turisti in visita a Marsala che con ogni probabilità si aspettano una città in pieno spirito natalizio.

Per quanto riguarda la scelta delle varie illuminazioni natalizie a Marsala abbiamo riscontrato una mancanza di omogeneità. In Via Scipione l’Africano, strada che conduce a Porta Garibaldi (centro storico), è stata utilizzata un’illuminazione con colori ben diversi, stessa cosa per via Mazzini, dove sono state poste per le vie delle stelle illuminate, ma non sono stati decorati con luci gli alberi. La strada conduce a Piazza Francesco Pizzo, in cui sono state poste delle luci sugli alberi in maniera che lascia pensare ad un posizionamento del tutto casuale.

Un tempo le luminarie venivano poste anche sugli alberi di Via Mazzini e Via Mario Nuccio,
oggi quegli alberi sono privi di luci e molte di quelle strade, un tempo illuminate, si trovano al buio. Eppure in quelle strade ci sono attività commerciali e passare per quelle vie la sera, nel periodo natalizio è alquanto deprimente. In compenso però è stato organizzato un evento denominato "La Magia del Natale" che avrà luogo a Piazza Fiera, a Strasatti (periferia marsalese) il prossimo 13 dicembre. Un evento con animazione per bambini, accensione dell’Albero, coro polifonico, quartetto d’archi e tanto altro.

Il Comune di Petrosino ha invece accolto la ricorrenza dell'Immacolata accendendo l'albero di Natale, e lo ha acceso avviando contestualmente un programma che è iniziato l’8 dicembre e durerà fino al giorno dell'epifania.
L'8 dicembre a Petrosino  è stata una giornata ricca di eventi organizzati dall’amministrazione guidata dal Sindaco Gaspare Giacalone che ha voluto puntualizzare il tema di quest'anno che è il senso civico, "Perchè sia chiaro che la Sicilia è soprattutto questo, gente onesta che lavora e che fa il proprio dovere", ha dichiarato il primo cittadino sul suo profilo Fb.

La giornata dell'Immacolata Concezione a Petrosino è stata dedicata al Natale ed ha avuto inizio alle 10.30 con il Presepe vivente itinerante alle 16:30 quando la numerosa cittadinanza raccolta ha potuto ascoltare i canti di Natale, la Banda musicale della scuola media Nosengo di Petrosino, raccogliendo molti petrosileni dinnanzi alla chiesa. Alle 19:00 è stato acceso l’imponente albero di Natale, inoltre vi erano anche animazioni per bambini e tanto intrattenimento per grandi e piccoli. Sempre a Petrosino è stato installato inoltre un palco in cui sono avvenuti eventi di intrattenimento. Le strade di Petrosino sono risultate ben illuminate e il clima natalizio si è respirato ovunque: Gli alberi sono dotati di illuminazione a pioggia e sia il fogliame che il tronco presentano luci posizionate in maniera omogenea. Un tipo di illuminazione conforme anche al tipo di illuminazione utilizzata per l'albero di Natale.

Non siamo certo qui per consegnare le pagelle ma abbiamo fatto la cronaca degli eventi natalizi e dell' aspetto di due città vicine di casa. Ai lettori l'ardua sentenza, se ne avranno voglia.

Costume e Società

1000Miglia, Polizia Stradale al fianco dei partecipanti fino alla tappa finale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

61 poliziotti con 32 moto, 10 auto, un furgone per il trasporto di materiale, un carro soccorso per eventuali esigenze assicurerà il servizio di scorta e sicurezza della gara d’epoca

Partita ieri la più celebre corsa d’auto d’epoca del mondo, la “1000Miglia” e come sempre la Polizia Stradale sarà al fianco dei partecipanti fino alla tappa finale del 19 giugno.

La prima tappa parte da Brescia e raggiungerà Viareggio, il giorno dopo la carovana riprenderà la corsa per raggiungere Roma e ripartire poi alla volta di Bologna; l’arrivo sarà a Brescia il 19 giugno.

I 61 poliziotti con 32 moto, 10 auto, un furgone per il trasporto di materiale, un carro soccorso per eventuali esigenze assicurerà il servizio di scorta e sicurezza della gara d’epoca che quest’anno, pur rispettando il tradizionale percorso da Brescia a Roma e ritorno, per la prima volta invertirà il senso di marcia.

Insieme alle 400 auto d’epoca partecipanti, ci saranno anche le nostre Alfa Romeo Giulia, la Lancia Flaminia e l’Alfa Romeo Giulietta; la nostra Lamborghini Huracan prenderà invece parte alla “1000 Miglia” Experience con le spettacolari Supercar e hypercar moderne.

La Lancia Flaminia Berlina del 1961 ha un motore V6 a benzina, 80 cavalli, 4 marce e 2.5 cc di cilindrata e può raggiungere i 160 chilometri orari; l’Alfa Romeo Giulietta 1300TI del 1961 ha un motore a 4 cilindri a benzina, un cambio a 4 marce, 65 cavalli e può raggiungere i 155 chilometri orari mentre l’Alfa Romeo Giulia Super 1600TI del 1974 ha una cilindrata di 1570 cc ha un’alimentazione a benzina e 5 marce.

Continua a leggere

Costume e Società

Ddl Zan, le opinioni: Movimento Nazionale e Volt Italia a confronto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Una proposta di legge che assiste a tante polemiche tra sostenitori e detrattori

Confronto sulla proposta di legge conosciuta come ddl Zan contro l’omotransfobia tra Giustino D’Uva portavoce del Movimento Nazionale contrario alla legge e Luca Maria Lo Muzio Lezza Regional Lead Volt Italia che invece sostiene il Ddl.

Una proposta che dopo l’approvazione alla Camera si trova ora in Senato.

Un Ddl che sta dividendo l’opinione pubblica soprattutto per quello che viene definito come pericolo alla libertà di opinione.

Continua a leggere

Costume e Società

Olio extra vergine che passione: conclusa la due giorni di formazione olivicoltore

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Si è conclusa la due giorni (28-29 maggio) di corso di formazione “Olivicoltore: tecnica colturale, potatura dell’olivo e di assaggio dell’olio”, organizzato dalle Associazioni Capol e APS CIVITAS. La consegna degli attestati di partecipazione è stata preceduta dal pranzo a tema “Essenze di Extravergine d’Itrana in Cucina con gli Oli extra vergine di oliva finalisti del Concorso “L’Olio delle Colline 2021”.

Le lezioni teoriche e pratiche, ospitate dall’Azienda Lidano, di Norma, alle quali hanno preso parte 30 corsisti, tra olivicoltori, tecnici ed operatori del settore, sono state strutturate in modo da fornire aggiornamenti di olivicoltura, tecnica colturale e qualità dell’olio; creare delle professionalità nel settore della potatura e incentivare il recupero dei terreni olivicoli abbandonati e le piccole produzioni che nascono da territori caratterizzati da un’alta biodiversità.

In aula, il docente, Dott. Agr. Alberto Bono, ha illustrato vari argomenti: innovazione nella tecnica culturale in olivicoltura (coltivazione, raccolta e potatura); coltivazione dell’olivo e l’influenza della cultivar sulle caratteristiche organolettiche dell’olio; influenza dei processi di trasformazione sulla qualità dell’olio; risparmio energetico e riduzione dell’impatto ambientale; difesa fitosanitaria dell’oliveto, con particolare riferimento alle principali strategie di difesa contro la mosca dell’olivo; coltivazione dell’olivo, nel rispetto di una agricoltura sostenibile alla luce delle nuove disposizioni sul PAN (Piano di Azione Nazionale), sull’uso dei prodotti fitosanitari; elementi valutativi nell’adozione delle nuove tecniche nella coltivazione dell’olivo; basi fisiologiche della potatura; scopi e principi della potatura; aggiornamenti di tecnica colturale in olivicoltura. Poi sul campo, con esercitazioni pratiche di potatura di allevamento e potatura di produzione.

Con il Capo panel Capol, Luigi Centauri, si è invece parlato di come riconoscere un olio di qualità; dell’analisi sensoriale – definizione e scopi, psicofisiologia del gusto e dell’olfatto; del metodo per la valutazione organolettica degli oli vergini di oliva; confezioni ed etichettatura nelle normative vigenti, oltre alla prova pratica di assaggio con descrizione delle caratteristiche positive e negative degli oli vergini con l’uso del foglio di profilo.

La cerimonia finale presso il Ristorante Locanda da Valentino è stata presenziata dai due docenti e dal Presidente APS CIVITAS, Andrea Dell’Omo e Commissario della XIII Comunità Montana, Onorato Nardacci.

Continua a leggere

I più letti