Connect with us

Cronaca

MARSALA RAPINE: INTERVISTA ESCLUSIVA AL GIOIELLIERE

Clicca e condividi l'articolo

Il soggetto è entrato tra le due porte, ha guardato, era ben vestito, aveva un fascia collo che gli arrivava al limite della bocca

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco
 
Marsala (TP) – Venerdì 19 novembre 2015 è stata rapinata in via XI Maggio, di fronte la sempre popolatissima Piazza della Repubblica, chiamata comunemente dai marsalesi Piazza Loggia, la famosa gioielleria di Saverio D’Angelo. La rapina avviene alle ore 19.00 circa, orario in cui il flusso di cittadini che percorre quelle vie del centro è intenso. Due rapinatori a volto scoperto si introducono all’interno della gioielleria e fanno razzia. Noi abbiamo intervistano in esclusiva proprio Saverio D’Angelo, proprietario della gioielleria nonché vittima della rapina e ci ha raccontato i momenti di tensione vissuti con i rapinatori.
 
 
– il 19 novembre alle 19 è stata rapinata la sua gioielleria in pieno centro storico. Cos’è accaduto esattamente quel giorno?
 
Io stavo facendo il cruciverba, la ragazza guardava la televisione perché non c’era nessuno. Ad un certo punto si sente suonare e si apre la prima porta. La ragazza ha aperto la prima porta, come facciamo di solito non vedendo chi era, perché c’era la tenda chiusa. Il soggetto è entrato tra le due porte, ha guardato, era ben vestito, aveva un fascia collo che gli arrivava al limite della bocca e un cappellino sportivo. Dopo essere entrato saluta, io chiedo “che cosa desidera”, al che lui dice “io desidero tante cose”, con l’accento un po’ napoletano. Quando lui mi guarda così e mi dice “tante cose”, io mi alzo dalla sedia, lo acchiappo e gli dico “come hai detto?”, lui non se lo aspettava, e ad un certo punto cominciamo a colluttarci, però senza venire alle mani, ci tenevamo l’uno con l’altro. Ad un certo punto il soggetto dice “apri la porta”, perché se ne voleva andare, non aveva previsto questa mia reazione, penso io se ne volesse andare. Ad un certo punto, nel modo di aprire la porta, invece di aprire l’interno si è aperta l’esterno. Aprendosi l’esterna, entra il secondo soggetto. Entrando il secondo soggetto, il soggetto interno grida alla ragazza che era impaurita, quasi che piangeva, “apri al mio collega”, e lei aprì anche la porta interna. Entrando l’altro io non ho potuto più padroneggiare entrambi.  Il secondo soggetto incominciò a razziare le vetrine, l’altro invece spingeva  verso i servizi, nella parte interna. E chiede la chiave della cassaforte, io gli rispondo che non ce l’abbiamo ma ce l’ha mia moglie che non c’è questo pomeriggio. La ragazza dice piangendo di non sapere dove sono le chiavi e loro si sono un po’ rasserenati anche perché avevano preso un sacco di cose dalle vetrine interne. Ad un certo punto ci spingono tutti e due verso l’anti bagno, che c’era la chiave, e ci chiudono dentro dicendoci “ora chiamiamo le autorità appena ce ne andiamo per farvi liberare”. Noi incominciamo a spalleggiare la porta cercando di romperla, ma la porta non c’è stato verso di uscire. Stiamo un 4/5 minuti così, quando ad un certo punto sentiamo suonare il campanello del negozio. Era mia moglie, appena tornata da un’uscita con le sorelle. Prima suona e non gli rispondono, poi apre e vede la porta interna aperta e non vede nessuno, quando però noi sentiamo la porta chiudersi incominciamo a chiamare e a bussare, e mia moglie viene, ci apre e noi usciamo e gli dico che ci hanno appena rapinato. Mia moglie non si era accorta che c’erano due vetrine vuote, una di gioielli e una di orologi per uomo. Il danno è stato intorno ai 50 mila euro

– I rapinatori quindi erano due?
 
Si due.
 
– Che accento avevano i rapinatori? Si ricorda com’erano vestiti o qualche dettaglio che potrebbe condurre all’identificazione?
 
Uno si fingeva tipo napoletano, il primo che ha parlato, l’altro mi diceva “Signor D’Angelo non faccia resistenza, non si preoccupi, non le facciamo niente”. Il primo soggetto era alto circa 1.70, indossava un berretto, un fascia collo grigio tipo lana, guanti grigi e giubbotto bianco. Il secondo soggetto era bassino, robusto, indossava un giubbotto scuro. Figurati le videocamere erano state ordinate dovevano arrivare e sono arrivate dopo qualche giorno.
 
– Erano armati?
 
No, io non ho visto niente.
 
– Erano a volto scoperto?
 
Si, a volto scoperto

– Poi  le forze dell’ordine quindi sono state chiamate quando è arrivata sua moglie?
 
Io ho fatto il 112 appena mi ha liberato, solo che nel frattempo è passato un Commissario che conosco e che ha subito allertato la pubblica sicurezza che è arrivata prima. Quindi nel momento in cui sono arrivati i Carabinieri c’era qui la pubblica sicurezza, l’ambulanza perché nel colluttarmi mi è uscito l’osso della mandibola, mi si è lussato. Sono andato al pronto soccorso e dopo un’oretta e mezza, dopo aver fatto la tac, e li sul posto il dottore del pronto soccorso mi ha messo dentro sede la mandibola e poi mi hanno dimesso. 

– Come ha reagito nel sapere che le videocamere del centro storico non funzionavano?

Sono stato deluso, anche se lo sapevo, già se ne parlava, era una cosa risaputa. Solo che ci sono le telecamere del negozio vicino a me, le telecamere del bar (vicino alla gioielleria), una telecamera di Via Vaccari dove si vedono loro che vanno e vengono. Prima che vengono e poi che vanno. 
 
– Quindi ci sono delle videocamere che li hanno ripresi…
 
Si, si. Infatti loro stanno verificando tutte queste immagini e forse hanno individuato qualcuno ma attualmente gli inquirenti stanno lavorando.

– E’certo comunque che ci sono delle immagini
 
Ci sono delle immagini, ma non si sa se sono identificative o meno. 

– Come reputa la sicurezza a Marsala in seguito alla rapina?
 
Mi dicono che stanno provvedendo a riattivare le telecamere, si vede qualche pattuglia un po’ più spesso passare. L’altro giorno sono venuti dei Carabinieri a piedi per informarsi di quello che era successo, prima si sono informati al Bar che gli hanno riferito il mio fatto e poi sono venuti a voler sapere quello che era successo, a documentarsi. Questo è stato un gesto di conforto per noi. 
 
– Il giorno dopo la sua rapina se n’è verificata un’altra da quelle parti e due in periferia. Secondo lei possono essere collegate queste rapine?
 
Non penso perché queste rapine fatte ad esercizi non protetti, possono essere fatte da chiunque. Qua c’è stato secondo me un sopraluogo precedentemente eseguito, perché forse loro pensavano di trovare mia moglie con una ragazza che gli faceva compagnia di tanto in tanto. Si vede che loro sono venuti quando c’erano due donne. Quando però hanno visto la mia reazione, sono convinto, che questa persona volesse andare via, però purtroppo c’è stato questo pri’ pro quo elettronico delle porte –sono degli ingranaggi dove uno esclude l’altro, se si pigia in maniera tremolante o insicura si possono aprire tutte e due –comunque la goccia che ha fatto traboccare il vaso fu che entrò pure il secondo. 
 
– In seguito alla rapina, ha messo in atto misure cautelative nel suo negozio?
 
Ora ho installato le videocamere che nel frattempo erano arrivate ed erano messe li. Il giorno prima figurati che l’elettricista mi montò l’allarme esterno, la sirena, che nel frattempo si era guastata. 

– Ha ricevuto la visita del Sindaco?
 
Il Sindaco e il Vicesindaco sono venuti a farci visita, dispiaciutissimi per quanto accaduto
 
– Il Sindaco e il Vicesindaco ci hanno riferito che stanno lavorando alla riattivazione dei sistemi di sicurezza (videocamere) e che prima di natale saranno riattivate.

Non so se ci arrivano, a secondo dei sospesi che hanno, sia a livello economico che a livello tecnico perché come necessitano della sola riattivazione, possono anche necessitare della completa sostituzione. 

– E’ cambiato qualcosa in lei in seguito alla rapina?
 
C’è un maggiore timore, si sta più attenti a chi entra, la tenda la lasciamo aperta. C’è più salvaguardia, ci sono pure le videocamere funzionanti. 

– Che messaggio vuole lanciare a chi ha subito una rapina come lei?

Mi è dispiaciuto sentire che il fenomeno era abbastanza allargato, non solo che riguardava me. Però sai, in una tabaccheria, in un supermercato come fai a mettere porte particolari, metal detector. Il metal detector da me non ha funzionato.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

ANVM chiede una legge che ufficializzi la “Giornata Nazionale in Memoria delle Vittime delle marocchinate”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Ciotti (Presidente ANVM) “Rompiamo il muro del silenzio attorno a questa tragedia italiana.”

Si svolgerà martedì prossimo, 18 maggio 2021, la prima edizione della “Giornata Nazionale in memoria delle Vittime delle Marocchinate”. L’elenco completo delle città dove si svolgerà l’evento è pubblicato sul sito www.marocchinate.org e sulla pagina Facebook dedicata.

La manifestazione, organizzata dall’associazione nazionale vittime delle marocchinate, presieduta da Emiliano Ciotti, vuole ricordare le donne e gli uomini che, nel 1943-1944, subirono le violenze perpetrate dalle truppe coloniali francesi, passate alla storia con il termine “marocchinate”.

Furono moltissimi i Comuni italiani colpiti da questo flagello

Infatti, le violenze da parte dei magrebini francesi contro i civili italiani iniziarono con lo sbarco in Sicilia nel luglio 1943, proseguirono in Campania, nelle provincie laziali di Frosinone, Latina, Roma e Viterbo; in Toscana nel senese e nel grossetano e sull’isola d’Elba, per terminare alle porte di Firenze a fine luglio 1944.

 “Una tragedia che è stata tenuta per troppi anni sotto silenzio – dichiara Emiliano Ciotti, presidente nazionale dell’ANVM – con questa manifestazione riportiamo all’attenzione della pubblica opinione e delle amministrazioni comunali vicende che qualcuno voleva farci dimenticare.

In linea con la normativa anti covid, la partecipazione sarà numericamente contenuta  – conclude Ciotti – deporremo un fiore e un drappo tricolore a un monumento o in luogo significativo di cinquanta città. Chiederemo alle amministrazioni comunali di intitolare vie e piazze alle Vittime delle marocchinate e al Parlamento di approvare una legge che istituisca ufficialmente questa Giornata in memoria delle donne e degli uomini italiani violati dai coloniali francesi.”

Continua a leggere

Cronaca

Vaccinazioni anti Covid, la Lombardia corre con Bertolaso: prima dose per tutti prima di andare in vacanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“La prossima apertura delle prenotazioni agli over 40 è utile ai fini programmatici, ma il focus nazionale rimane sugli over 80, visto che ne mancano ancora molti all’appello”. Lo ha detto il commissario per l’emergenza Covid Francesco Figliuolo, a margine della sua visita in Trentino Alto Adige.

In ogni caso, ha aggiunto il generale, “con l’ordinanza numero 6 del 9 aprile, c’è stato un notevole incremento delle percentuali di over 80 e fragili vaccinati in tutte le regioni unitamente a un calo netto e repentino di ricoveri, terapie intensive e decessi”.

Sono 3.476.377 gli over 80 che sono completamente vaccinati in Italia. Si tratta del 76,87% delle persone previste. Lo rivela il report settimanale sui vaccini pubblicato dalla struttura commissariale. Gli over 80 ad aver ricevuto la prima dose sono 4.002.914, pari all’88,51%. Sono ancora in attesa della prima somministrazione, infine, 519.666 ultraottantenni, pari all’11,49% del totale. Sono invece 1.228.783, pari al 20,40%, le persone tra i 70 e i 79 anni ad aver ricevuto il richiamo, mentre 4.526.186 (75,16%) hanno ricevuto la prima dose. In attesa della prima inoculazione 1.495.947 (24,84%).

Lavoratori dei supermercati, ma anche quelli impegnati nel settore dei trasporti, della logistica e del turismo. Sono queste alcune delle categorie prioritarie per le quali potrebbe scattare la vaccinazione nell’ambito del Piano delle classi produttive a giugno. A quanto si apprende si tratta di un documento a cui l’Inail sta lavorando, anche alla luce delle indicazioni date dalle regioni. Tra le categorie che erano state inizialmente indicate come prioritarie c’erano anche parrucchieri ed estetisti.

Ok al documento con le indicazioni per la vaccinazione anti-Covid nei luoghi di lavoro, che individua le classi di priorità e che è stato “trasmesso alle Regioni”, con cui “siamo pronti ad avviare la campagna vaccinale, contestualmente alla disponibilità di dosi”. Lo fa sapere il ministro del Lavoro, Andrea Orlando: “Si inizia da coloro che in questi mesi di emergenza sanitaria hanno contribuito a non far fermare il Paese nei settori essenziali: dai lavoratori del commercio al dettaglio e della grande distribuzione nel settore alimentare, agli addetti ai trasporti, dai lavoratori della ristorazione ai servizi alla persona”.

“Il 2 giugno, non causalmente il giorno della Festa Repubblica, apriremo le vaccinazioni all’ultima categoria, ovvero i ragazzi dai 16 ai 29 anni, in modo di ricevere la prima dose prima di andarsene in vacanza. Il 27 maggio, potremmo aprire le vaccinazioni alla fascia 30-39.” Lo ha detto il coordinatore della campagna vaccinale lombarda, Guido Bertolaso, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Lombardia. “Abbiamo immaginato di aprire le prenotazioni per vaccinarsi ai 40-49enni il 20 maggio, garantendo la somministrazione ad inizio del mese di giugno. Tutta la Lombardia avrà ricevuto la prima dose prima di andare in vacanza e questo vorrà dire immunità di gregge, tranquillità, immagine e capacità di accogliere”, ha aggiunto Bertolaso.

Il Veneto ha aperto – in anticipo rispetto alla giornata di lunedì, indicata dalla struttura commissariale – la prenotazione per i 40enni del vaccino anti-Covid. Lo ha annunciato il presidente Luca Zaia, invitando la classe d’età precedente (50-59 anni), ad affrettarsi, perchè dal pomeriggio entreranno nel sito altre 742.000 persone. “Ci sono da questo momento – ha detto Zaia – 200.000 posti liberi”. “Dalle 16 si aprono le prenotazioni dei 40enni. Già in giornata sarà possibile vaccinarsi”. ha detto Zaia nel consueto punto stampa sul Covid. Il governatore ha anche annunciato la disponibilità di un app “SanitàKmZero’ dove è possibile prenotare direttamente dallo smartphone la vaccinazione. Finite le prenotazioni per le vaccinazioni della fascia 40-49enni, poi “sia andrà ad un via libera tutti, cioè non si procederà più per target d’età, che finora è stato il sistema migliore. E non servirà presentarsi ai centri con la carta d’identità”. Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, annunciando la partenza delle vaccinazioni già da oggi per i 40enni. 

Dalla mezzanotte di oggi, 14 maggio, sono aperte le prenotazioni per le classi di età 52 e 53 anni, ovvero per i nati nel 1969 e 1968. Le cittadine e i cittadini possono prenotarsi tramite il sito SaluteLazio, https://prenotavaccino-covid.regione.lazio.it/. Lo comunica in una nota l’assessorato alla Sanità e Integrazione sociosanitaria della Regione Lazio.

Il Lazio ha chiesto alla struttura Commissariale per l’emergenza Covid 100mila dosi del vaccino Astrazeneca rimaste inutilizzate in altre regioni. Le dosi, secondo quanto si è appreso, potranno essere usate per altri Open day che verranno replicati dopo che giovedì in due ore e mezza si è verificato il sold out dei 20mila slot a disposizione per il fine settimana.

A partire dal 15 maggio, sarà aperta in Campania la piattaforma per le adesioni alla vaccinazione dei cittadini della fascia di età 45-49. Per la fascia 40-44 la piattaforma sarà aperta a partire da martedì prossimo, 18 maggio. Ne dà notizia l’Unità di Crisi della regione.

In Liguria “ho già dato istruzione di vaccinare tutti i residenti temporanei. Vaccineremo anche i turisti”. Lo ha detto il presidente della Regione e assessore alla Sanità Giovanni Toti nel punto stampa sulla pandemia. “Bisogna intendersi: chi fa il fine settimana e pensa di fermarsi il lunedì per vaccinarsi non verrà vaccinato”, ha chiarito Toti. Chi trascorre l’estate o un lungo periodo in Liguria può fare “una cosa già prevista nell’ordinamento sanitario”: iscriversi all’Asl “come residente temporaneo”, ha spiegato, e registrare la propria tessera sanitaria per aver accesso agli stessi sistemi di prenotazione dei residenti.

Superati gli 8 milioni di italiani vaccinati con entrambe le dosi. In base ai dati pubblicati sul sito del governo, ad oggi sono 8.070.376 i cittadini che hanno completato il ciclo vaccinale, pari al 13,62% della popolazione. Complessivamente sono quasi 26 milioni (25.912.621) le dosi somministrate dall’inizio della campagna vaccinale mentre sono quasi 30 milioni (29.583.060) le dosi consegnate: le regioni hanno dunque a disposizione oltre 3,6 milioni di dosi.

Continua a leggere

Cronaca

Rieti, restaurata la scultura della Madonna del Soccorso: ora è a prova di eventi sismici

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

RIETIDomenica 16 maggio 2021, alle ore 15.30, sarà presentato nella chiesa parrocchiale di Vazia (Rieti) il restauro della scultura in terracotta policroma raffigurante la Madonna del Soccorso venerata nel borgo di Lisciano (Rieti).

L’opera, che sarà svelata ufficialmente al pubblico il 21 maggio, alle ore 15, nella chiesa di Santa Maria del Soccorso a Lisciano alla presenza di Paola Refice, Soprintendente ABAP per l’area metropolitana di Roma e la provincia di Rieti, e di mons. Domenico Pompili, vescovo di Rieti, rappresenta una Virgo lactans con la figura di Maria ripresa nell’atto di allattare il Figlio.

Quest’opera presenta diverse affinità con il linguaggio stilistico di Giacomo e Raffaele da Montereale, fratelli abruzzesi attivi tra Umbria e Sabina nella prima metà del Cinquecento.

L’intervento di restauro, finanziato dalla Soprintendenza, diretto da Giuseppe Cassio con progetto di Chiara Arrighi e direzione operativa di Monica Sabatini, ha liberato le superfici da sovrapposizioni pittoriche che svilivano il modellato e ne alteravano la cromia originaria, che ora è possibile apprezzare specialmente negli incarnati in cui è emersa la delicata fisionomia della Vergine.

La pulitura del manto ha permesso di scoprire completamente la lamina dorata, che tuttavia non appartiene alla prima stesura – al di sotto, infatti, il manto è realizzato con l’azzurrite – ma non risulta troppo distante dalla prima esecuzione dell’opera.

Lo stato di conservazione e la preziosità del materiale in questione hanno suggerito di non andare oltre, data anche la natura dell’intervento di doratura, che doveva uniformare la scultura ad altri simulacri mariani coevi del territorio. Un’accurata indagine diagnostica, finalizzata ad acquisire nuovi dati sui materiali e sulla tecnica esecutiva, ha consentito il rinvenimento di alcune impronte digitali dello scultore, che sono state acquisite per eventuali confronti, anche ai fini della realizzazione di un database sulle stesse. La particolarità dell’intervento ha riguardato poi la realizzazione di una struttura antisismica in acciaio in grado di sostenere la scultura e di assicurare una naturale oscillazione in caso di eventi sismici.

Le operazioni di ricollocazione dell’opera sono state possibili grazie alla collaborazione della Diocesi di Rieti e del parroco don Zdenek Kopriva coadiuvato da Marcello Imparato e dalla comunità di Lisciano. A quest’ultima ora spetta il compito di valorizzare un documento artistico e religioso così importante per l’identità del territorio, da mettere in relazione con altre sculture diffuse a Rieti e in Sabina – che trovano delle eccellenti varianti anche in legno – stilisticamente dipendenti dagli influssi della “scuola aquilana” che ha contaminato le botteghe periferiche, agevolando l’immedesimazione dei fedeli attratti da quelle immagini “di terra” tanto simili quanto vicine al loro microcosmo sociale.

Continua a leggere

I più letti