Connect with us

Costume e Società

Mentana e Monterotondo, il Rotary Club incontra le associazioni di volontariato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Uno dei Club più attivi organizza una serata per creare sinergia con l’ausilio del Prof Borghese e del Presidente CrinòIl Rotary International prima associazione Onlus e non profit sorto a Chicago nel 1905 conta oggi  oltre 33.000 club  in quasi tutte le nazioni del mondo, con oltre 1.200.000 soci.

In Italia il primo Club fu aperto nel 1923 ed oggi include 760 club tra cui quello di Monterotondo Mentana che di certo è uno dei più attivi. Lo dimostra anche l’ultima conviviale del 9 novembre organizzata dal Prof. Antonio Borghese sotto la direzione del Presidente, il dottore   Antonino Crinò  nel riunire ed  ascoltare le Associazioni di volontariato (ADV), di servizio e ONLUS, le loro attività ed i loro progetti, per trovare sinergie e  conoscersi meglio oltre ad  interfacciarsi alla ricerca di opportunità ed anche contribuendo  ai progetti. Non poteva mancare Don Paolo Spano, Parroco di Santa Maria delle Grazie a Monterotondo e responsabile della Casa di Riposo don Giuseppe Boccetti, fondata nel 1972 dallo stesso:  esempio visibile della carità dei fedeli della parrocchia che non solo  hanno realizzato la  struttura che ospita  gratuitamente anziani soli, accuditi da volontari e da personale specializzato.  Sono presenti  22 ospiti oltre a  4 suore. Una struttura in cui non si direbbe mai basta alla carità dei cittadini e alla sinergia con tutti in considerazione delle continue esigenze. Anche Elisena Valenti, Presidente della Associazione ADV La Casa delle Case, che ospita donne che fuggono dalla violenza con i loro figli  ha fatto sentire le proprie esigenze. Fondata oltre 20 anni fa dalla  suora Orsolina, Suor Bruna, che  oltre alla struttura centrale in  Monterotondo centro,   che attualmente ospita 4 donne con i loro bambini, dispone di altri appartamenti per offrirli a  donne o famiglie più autonome. Mario Giardini, presidente dell’Albero delle Mele, fondato a Mentana nel 1962 e riconosciuto come Ente Morale dal Presidente della Repubblica ha rammentato il  centro diurno per minori di famiglie in  disagio.  Li si ospitano  10 bambini più due posti per le emergenze. Distribuisce alimenti ed arredi alle famiglie in difficoltà. Ha bisogno di partecipazione a progetti, di consigli, di idee ma principalmente di passione da trasmettere ai ragazzi. Presente anche  Laura Ribaldi, Vicepresidente della SECICAS, che ha menzionato l’ Associazione che si occupa di ospitare, presso la Locanda delle Nocciole in Monterotondo i   bambini ed i  genitori costretti a frequentare l’Ospedale Bambin Gesù, per la cura di malattie oncologiche. L’associazione si occupa anche del trasporto da e per  l’ospedale per le visite e le terapie. Anche la D.ssa Giuseppina Terzano e Don Florent, parroco nella Sabina hanno presentato  attività e progetti dell’Associazione NSANGA ONLUS: i piani di lavoro   riguardano la costruzione di una scuola in Kanyana (Congo orientale) dove non c’erano strutture scolastiche , l’acquisto di lampade solari per illuminare le capanne la sera e permettere lo studio e altre attività, la creazione di una scuola di alfabetizzazione e di taglio e cucito per le donne, consentendo loro una piccola indipendenza economica, una dignità e il riscatto da una totale sottomissione. Poi anche  il supporto all’orfanatrofio delle suore di Santa Teresa del Bambin Gesù, la realizzazione di un impianto di produzione di energia elettrica e di uno per la produzione di olio di palma per le stesse suore. Il Prof. Antonio Borghese, unico Italiano premiato dalla Cina per la sua professionalità sullo studio delle bufale, ha menzionato  che l’Italia è il Paese dove il terzo settore è il più sviluppato nel mondo. Ancor più a Monterotondo  perché il  Rotary Club conosce e affianca l’opera umanitaria svolta dalle diverse  Associazioni operanti nello stesso  territorio. Borghese ha altresì rimarcato il valore  del volontariato gratuito,  al di fuori dell’interesse personale  in particolare verso le fasce più deboli, anziani, bambini e donne, che hanno sofferto malattie, violenza, abbandono. Un incontro di sostanza e di raccordo in cui è parsa per lo meno strana  l’assenza del Rotaract, ( gli junor del Rotary)  laddove i giovani in particolare possono offrire  spunti per i loro progetti da tale tipo di incontri, e  delle Istituzioni.  Pur entusiasta dell’evento il sindaco Riccardo Varrone aveva dovuto partecipare ad altra per impegni istituzionali con la conferenza dei sindaci  in concomitanza e aveva delegato l’assessore alla  cultura ed i servizi sociali che al  termine sono risultati assenti ingiustificati. Numerosi gli interventi degli ospiti sul valore della serata e di stima per l’operato nel territorio del Club Rotary da parte delle  Associazioni intervenute.

Costume e Società

Horror, giallo e thriller: ecco i vincitori del “Bloody Festival Roma 2021”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

ROMA – Si è svolta la serata conclusiva di premiazione del “Bloody Festival Roma 2021”, presso la sede di L. Armonia in Via dei Banchi Vecchi 108. 


Testimonial di questa nuova edizione del festival il Maestro dell’italian thrilling, Dario Argento, con la madrina d’eccezione, Manuela Arcuri, e con il critico cinematografico Francesco Lomuscio, nel ruolo di presentatore.

Tra le pellicole in gara, sono stati assegnati i premi come Miglior giallo Yuria di Mattia Riccio. Miglior horror Italian horror stories di Daniele Malavolta, Andrea D’Emilio, Antonio Losito, Vincenzo Della Corte, Francesco Giorgi, Gianluca Bonucci, sotto la supervisione di Claudio Fragasso. Premi Roberto Pariante alla carriera a Claudio Fragasso e Angelo Iacono. Premio speciale a Doppia luce di Laszlo Barbo. Mentre il premio per il Miglior corto è stato assegnato a Massimiliano Reina.

Ad assegnare i premi la produttrice Carla Finelli, la financial manager e produttore esecutivo Sonia Giacometti, il regista e sceneggiatore Giovanni Galletta, il pittore Roberto Russo, la make-up artist Isabella Morelli, lo scenografo Arturo Andreoli e gli attori Eleonora Pariante, Giulio Neglia e Claudio Collevecchio.

Suddivisi in tre diverse sezioni che prevedono Horror, Giallo e Thriller, a concorrere erano i lungometraggi Clara di Francesco Longo, Nati morti di Alex Visani, L’uomo col cilindro di Stefano Simone, Yuria di Mattia Riccio e Italian horror stories, film a episodi diretto da Antonio Losito, Daniele Malavolta, Andrea D’Emilio, Vincenzo Della Corte Gianluca Bonucci e Francesco Giorgi sotto la supervisione di Claudio Fragasso, storica firma del cinema di genere italiano cui si devono, tra gli altri, Palermo  Milano solo andata e La casa 5. Molto spazio anche per i cortometraggi, che, come i film citati, sono stati premiati con appositi sampietrini da una giuria di qualità costituita da professionisti della Settima arte, con direttrice artistica l’organizzatrice esecutiva di ZTV Production Sabina Pariante e presidente il direttore della fotografia e sceneggiatore Mark Melville.

Continua a leggere

Costume e Società

Ecco alcune esperienze da fare almeno una volta nella vita

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Viaggi ed esperienze che almeno una volta nella vita andrebbero fatti. Quante volte ci siamo domandati quanto possa essere bello andare in un determinato posto e vivere emozioni uniche? Sebbene non tutto possa essere realizzato, ci sono alcune cose che almeno una volta nella vita dovrebbero essere fatte. Vediamo quali!

Grand Canyon – Rim to Rim

Gli amanti della natura e del trekking specialmente sicuramente dovrebbero provare almeno una volta la passeggiata del Rim to Rim del Grand Canyon. Si tratta di una esperienza unica, che permette di percorrere le due sponde, prima scendendo e poi salendo. Sicuramente si tratta di un’avventura non per molti, visto e considerato che è necessario essere preparati fisicamente e allenati: basta tener conto del fatto che si parla di un percorso di 37 chilometri, oltre 1700 metri in discesa e 1300 in salita. Il percorso mediamente dura due-tre giorni.

Casino di Las Vegas

Come non prendere in considerazione i principali casino di Las Vegas? In tutti i casi si tratta di strutture che sono simbolo del lusso e del divertimento: alcune di queste attirano milioni di turisti ogni anno, e tantissime celebrità da tutto il mondo. Posti esclusivi, dove il lusso la fa da padrone e dove ci si può divertire al tavolo verde o magari assistere ad uno degli spettacoli che vengono ogni giorno organizzati. D’altronde, il territorio è proprio stato pensato come la sede di strutture di questo tipo ed è impossibile non trovare qualcosa che faccia ai propri gusti. Davvero un’esperienza incredibile.

Visitare l’Antartide

Uno dei luoghi più affascinanti e particolari del pianeta. L’Antartide è il continente meno popoloso ed esplorato del mondo. Ghiacci e freddo fanno da contorno ad un’atmosfera davvero impressionante. Il fascino che conserva questo territorio ancora oggi lascia senza fiato. Il viaggio è sicuramente difficile e costoso, ma ne vale la pena: un’avventura senza precedenti, che consente di vivere un’esperienza da vero esploratore. Si respirano avventura e natura appieno.

Aurora boreale in Islanda

Avrete sicuramente visto nei libri o su internet delle immagini della magnifica aurora boreale in Islanda. Si tratta di uno spettacolo senza precedenti, che si palesa nelle fredde notti di inverno e che permette di assistere a qualcosa di magico. Una volta pensato un percorso studiato e preciso, ci si potrà cimentare in questa avventura. Ovviamente l’aurora boreale può essere vista anche in altre zone del mondo, ma quella islandese è davvero particolare.

Giro degli Stati Uniti in auto

Altra esperienza davvero unica nel suo genere e molto particolare. Il giro degli Stati Uniti in auto è forse uno dei sogni più diffusi di grandi e giovani. Le strade che collegano i vari Stati americani fanno venire in mente i grandi film della storia recente e passata. Un viaggio in libertà che permette di vivere un’esperienza unica: partire da New York, per esempio, e raggiungere Los Angeles, passando per l’arcinota Route 66 è appagante e risveglia sentimenti alle volte mai provati. Da provare sicuramente una volta nella vita.

Continua a leggere

Costume e Società

Poste Italiane, un francobollo per commemorare Leonardo Sciascia nel centenario della nascita

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Poste Italiane commemora Leonardo Sciascia, nel centenario della nascita, con un francobollo al valore della tariffa B pari a 1,10€.

Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente.

Il Bozzetto a cura di Fabio Abbati e la vignetta riproduce un ritratto di Leonardo Sciascia delimitato, in basso, dalla stilizzazione di un libro aperto. Completano il francobollo le leggende “LEONARDO SCIASCIA” e “1921 – 1989”, la scritta “ITALIA” e l’indicazione tariffaria “B”.

Continua a leggere

I più letti