Connect with us

Cronaca

MESSINA: CONTINUA IL CALVARIO DELLA CITTÀ SENZA ACQUA

Clicca e condividi l'articolo

Intanto è stato attivato dall’Amam il bypass tra la condotta di Fiumefreddo e quella di Alcantara e la portata di acqua è stata aumentata fino a 500 litri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco
 
Messina – Ancora emergenza idrica nel messinese e alcuni rioni potrebbero rimanere senz’acqua oggi. Intanto è stato attivato dall’Amam il bypass tra la condotta di Fiumefreddo e quella di Alcantara e la portata di acqua è stata aumentata fino a 500 litri al secondo per il fabbisogno giornaliero dei cittadini. Ma i problemi di approvvigionamento continuano ad esserci e per tale motivo è stato potenziato il numero delle autobotti, oltre a questo si provvederà ad un incremento delle risorse idriche mediante navi cisterna. Ieri pomeriggio si è svolto un vertice in Prefettura in cui ha partecipato il Sindaco, il Capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio e il Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta, il Capo della Protezione Civile Regionale ingegnere Calogero Foti. La riunione è stata presieduta dal Prefetto Stefano Trotta. Come obiettivo si sono fissati l’approvvigionamento capillare dell’acqua per la popolazione messinese tramite il bypass tra la condotta Fiumefreddo e Alcantara. L’ing. Curcio ha dichiarato nel corso della riunione che “ci vorranno dei tempi che sicuramente creeranno disagi. La frana va indagata, si prospettano almeno due o tre settimane di tempi tecnici, anche se non possiamo fare previsioni “al minuto”. Le zone che verranno rifornite con autobotte saranno: CEP, Minissale, Annunziata Alta (contrada Citola, contrada Sorba), Castane, Giostra, Villa Lina, Santa Chiara, Villaggio Svizzero), San Licandro (zona alta), Giampilieri, Zafferia (contrada Macchia) Santa Lucia sopra Contesse (zona alta), Istituto Ortopedico Scalabrino, Masse (San Giorgio, Santa Lucia, San Nicola), Faro Superiore (Luvarazzi), Torre Faro, Ganzirri. L’erogazione mirata è stata stabilita per l’Ospedale Papardo e anche per la Case di Cura, mense dei poveri, scuole di ogni ordine e grado. Il Sindaco inoltre ha riferito che l’entità del problema sarà “minore rispetto a quanto subito la scorsa settimana, ci sara’ un problema di pressione ma non completa siccità. Per questo serve anche un comportamento responsabile nel consumo”. 
 
Ancora problemi alla condotta. Dopo i disagi dei giorni scorsi che hanno lasciato Messina senza acqua per una settimana e in seguito alla riparazione per mano dei tecnici dell’Amam. La condotta di Fiumefreddo a Calatabiano, che porta l’acqua a Messina si è nuovamente rotta a seguito di una frana che ha portato all’interruzione dell’erogazione. Ieri  Luigi La Rosa, direttore dell’Amam riferisce: “Ci stiamo recando sul posto per vedere l'entità del danno, comunque valuteremo di attivare anche il bypass”. Il Sindaco Renato Accorinti aveva comunicato nella sua pagina facebook la nuova interruzione riferendo che l’Amministrazione comunale ha scritto una nota alla Prefettura di Messina e agli altri organi.  
 
 
Si rompe condotta anche a Milazzo E' emergenza idrica anche a Milazzo, nel Messinese. Il maltempo dei giorni scorsi ha provocato la rottura di una tubazione della condotta del torrente Floripotema che fornisce il serbatoio di Sant'Elmo, utilizzato per la distribuzione dell'acqua nel centro cittadino. Gli operai del Comune, da oltre 24 ore sono al lavoro per cercare di individuare il punto esatto del guasto e operare l'intervento di ripristino. Operazioni particolarmente complesse in quanto le piogge alluvionali dei giorni scorsi hanno modificato i luoghi – il tratto interessato e' di oltre 6 chilometri – rendendo difficile la localizzazione della zona danneggiata. Al momento pertanto l'erogazione dell'acqua nel centro cittadino avviene con una minore pressione. Non e' possibile in atto prevedere il ritorno alla normalita'
 
 
Ecco la nota: 
“Alle 8,20 di lunedì 3 novembre il presidio di monitoraggio dei luoghi interessati dal cedimento e dalla riparazione della conduttura dell’acquedotto ''Fiumefreddo'', garantito dall’AMAM in continuità nell’arco delle 24 ore, ha rilevato un avvallamento del terreno e una fuoriuscita d’acqua dai dreni appositamente lasciati dopo la riparazione. 
L’AMAM ha sospeso l’immissione di acqua e ha immediatamente inviato sul luogo i dirigenti tecnici per valutare lo stato dei fatti. Allo stesso tempo si è immediatamente contattata Sicilia Acque, al fine di attivare con la massima urgenza il bypass approntato nei giorni scorsi. Le verifiche effettuate hanno riscontrato l’esistenza in atto di un nuovo movimento franoso a monte, che interessa anche la zona della condotta, la quale è risultata nuovamente danneggiata dall’evento. 
Al momento sussiste pericolo e ogni intervento è stato sospeso. 
Si conferma che l’azienda Sicilia Acque ha garantito l’invio entro le ore 12 di una squadra per il completamento dell’intervento di bypass, secondo quanto concordato nei giorni scorsi”
 
I sei giorni senza acqua. Un guasto alla condotta di Fiumefreddo di Sicilia, causato da una frana avvenuta a Calatabiano (Catania), ha lasciando senz’acqua Messina per sei giorni. Disperati i cittadini che lamentavano la condizione disumana che stavano vivendo poiché privati d’acqua per un lasso di tempo così lungo e invocavano l’aiuto delle istituzioni anche attraverso i social, ma le notizie che giungevano dai vertici dell’Anam che si occupano della gestione della rete idrica, non erano rassicuranti poiché dovevano passare altri sei giorni prima che il guasto venisse riparato. ci sono stati altri smottamenti vicino alla condotta già danneggiata, a causa degli smottamenti i tecnici hanno dovuto interrompere i lavoro perché il fango ha ricoperto nuovamente tutto. 
 
Sui Social si era scatenata la gara di solidarietà, il famoso showman siciliano Rosario Fiorello scriveva sulla sua pagina facebook: “Messina è senza acqua! Inaccettabile nel 2015! Si faccia qualcosa subito! Comune , Provincia, regione , governo. Sopratutto dimostriamo che i "social "servono a qualcosa. Domani la notizia deve essere su tutte le prime pagine dei gionali!!!fate girare a manetta “. Anche il famosissimo musicista siciliano Roy Paci ha mostrato la sua vicinanza scrivendo sulla sua pagina facebook: “Restare senza acqua, per cinque giorni, sta succedendo a Messina. Sono vicino in questo momento ai miei corregionali che devono far fronte a un simile disagio. Visto che si prospetta che per diversi giorni l’acqua continuerà a mancare, quello che possiamo fare è parlarne, condividere l'indignazione, sperando che serva a sollecitare interventi più rapidi e risolutivi. ‪#‎MessinaSenzaAcqua‬”. Maria Grazia Cucinotta lancia un appello al Governo centrale: “Nel 2015 non si può lasciare un'intera città senz'acqua per così tanto tempo. Immagino anziani, bambini, persone diversamente abili in preda al panico nel trovare rubinetti vuoti. Una situazione insostenibile, intollerabile, gravissima che merita attenzione e impegno serio e tempestivo da parte delle Istituzioni a Roma e Palermo”. Le parole che arrivano dritte al cuore di chi vive il disagio e di chi, seppur distante, è vicino alla popolazione, sono quelle del Sindaco di Messina, che scrive nella sua pagina facebook delle parole semplici ma che riassumono tutto ciò che stanno vivendo: “Acqua è vita! Acqua è diritto!”.

Cronaca

Napoli, prima comunione in grande stile: 200 invitati. A mezzanotte arrivano i carabinieri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Una festa per una prima comunione in corso in strada, a Napoli, con la partecipazione di circa 200 persone tra adulti e bambini, è stata interrotta nella notte dai carabinieri. Venti persone sono state sanzionate, tra questi anche i tre musicisti presenti e il promotore della festa, un 36enne che voleva festeggiare la comunione di suo figlio.

Nel quartiere San Carlo Arena, i carabinieri della compagnia Stella insieme con quelli del nucleo radiomobile di Napoli sono intervenuti – verso la mezzanotte di sabato 12 giugno – in via Calata di Capodichino, dove era in corso la festa. I tre musicisti presenti hanno immediatamente smontato l’impianto luci e musicale.

I controlli – I militari del comando Provinciale di Napoli sono stati impegnati in città e in provincia per i controlli sulla movida. Particolare attenzione è stata rivolta nella fascia oraria notturna. Controlli sulla movida anche in provincia. I Carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania, nell’ambito dei servizi disposti dal comando provinciale, hanno presidiato le strade e le piazze di Frattamaggiore. Duecento le persone identificate e 106 i veicoli controllati. Sei scooter sono stati sequestrati.

Infine, dopo la mezzanotte i carabinieri hanno assistito alla chiusura di tutti i locali e fatto allontanare le persone per evitare rischiosi assembramenti nei principali luoghi di ritrovo.

Continua a leggere

Cronaca

Nemi, cercasi addetto stampa per 1850 euro mese: le domande entro il 21 giugno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Il Comune di Nemi ha indetto una selezione, mediante procedura di valutazione comparativa, pee il conferimento dell’incarico professionale di addetto stampa del Comune al corrispettivo di 1.850,00 euro lordi al mese.

Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12 del 21 giugno 2021 all’Ufficio Protocollo del Comune di Nemi via del Municipio (RM)

CLICCARE QUI PER SCARICARE IL BANDO

Continua a leggere

Cronaca

Roma, lite in piazza Saxa Rubra: uccide un cucciolo Labrador a calci

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Al culmine di una lite, un 50enne ha sfogato la sua rabbia su un Labrador di due mesi, uccidendolo a calci. È accaduto venerdì pomeriggio in piazza di Saxa Rubra (Roma). I proprietari del cane e alcuni residenti che hanno assistito alla scena hanno tentato di linciare l’aggressore, ma sono stati fermati dai poliziotti dei commissariati Villa Glori e Ponte Milvio. Lo riporta Il Messaggero.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia e riportato dal quotidiano, l’uomo, originario della Romania, stava discutendo animatamente con alcuni connazionali – tra questi c’erano anche i proprietari del cane – quando, apparentemente per ripicca, ha iniziato a prendere a calci l’animale, poi scaraventato a qualche metro di distanza esanime.

A quel punto, la folla, inferocita, ha aggredito l’uomo finché il presidente del Municipio XV Stefano Simonelli, che si trovava lì di passaggio, ha chiamato il 112. Al loro arrivo, gli agenti hanno bloccato la rissa e caricato il 50enne sull’auto per poi portarlo in commissariato. È stato denunciato per uccisione di animale e per possesso di arma da taglio (aveva con sé un coltello).

Continua a leggere

I più letti