Connect with us

Primo piano

METEO, CALDO TORRIDO QUESTA SETTIMANA, MA PIOGGIA A FERRAGOSTO

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Questa settimana il caldo sarà rovente, soprattutto al centro nord, dove si toccheranno picchi di 35-36 gradi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
di A.B.
 
Mare, piscina, fontane, poi ventilatori, aria condizionata; sono queste le conseguenze di Acheronte, l’anticiclone che sta piegando l’Italia nella temibile morsa del caldo. Gli italiani piegati dalla morsa del caldo hanno affrontato e stanno affrontando questo periodo di picchi massimi con qualsiasi mezzo, pur di scappare dall’afosa cappa delle città. Mancano ormai 10 giorni al Ferragosto ed è quindi ormai tempo di maxi esodo verso le località di villeggiatura. Chi si sposterà in questi giorni dovrà mettere infatti in conto il grande caldo, derivante dall'ennesima spinta dell'anticiclone africano. Il caldo si avvertirà particolarmente intenso al Centro-Nord, con picco atteso fra venerdì e sabato quando le temperature raggiungeranno picchi di 38 gradi ed oltre: le grandi città saranno una vera fornace e pertanto chi sarà già in vacanza, lontano dal clima asfissiante urbano, ne godrà comunque un beneficio. Abbiamo certamente delle notizie incoraggianti per chi non ne può più del grande caldo: da domenica andremo infatti incontro verso una fase calante delle temperature. Nulla di eccezionale, il caldo non sparirà, anche se questa flessione termica la pagheremo a suon di temporali.
 
Il cambiamento atteso dal 10 agosto non vedrà l'intromissione in grande stile di masse d'aria fresche, tali da arrecare particolare refrigerio. Tuttavia, non vi saranno più almeno per qualche giorno gli apporti d'aria molto calda sahariana e le infiltrazioni fresche in quota saranno congeniali al diffondersi dei temporali. In qualche modo quindi le temperature caleranno, pur mantenendosi oltre la norma, con beneficio maggiore percepito sulle aree più colpite dai fenomeni temporaleschi, i quali comunque agiranno a macchia di leopardo. Non avremo più quindi gli eccessi termici dei giorni precedenti e le temperature si terranno quasi ovunque sotto i 35 gradi, nel periodo dal 10 al 13 agosto. Continuerà a far più caldo al Nord rispetto al Sud, ma senza l'afa degli ultimi giorni.
 
La goccia fredda, responsabile dell'instabilità della prima parte della prossima settimana, potrebbe allontanarsi verso est in corrispondenza del fine settimana festivo. Ecco che quindi proprio a ridosso di Ferragosto potrebbe tornare a prevalere una componente anticiclonica nord-africana, con caldo di nuovo in aumento ma probabilmente non intenso come quello precedente. Ci sono comunque ancora delle incertezze e non si esclude una maggiore ingerenza di ulteriori infiltrazioni più fresche ed instabili atlantiche. Vedremo di sciogliere la prognosi nei prossimi giorni, ma i tempi per una prima vera "rottura stagionale" non sembrano ancora maturi.
 
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Primo piano

Calenda: “L’accordo con Renzi è raggiunto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Un incontro con Matteo Renzi “non è fissato, ci siamo visti i scorsi giorni, ora stanno andando avanti gli staff a lavorare ma ci sentiamo. Sulle questioni di fondo però l’accordo è raggiunto e ora si discute su altre cose rilevanti”. Lo ha detto il leader di Azione Carlo Calenda a Omnibus su La7.Il sondaggio che darebbe Iv-Azione al 4% “non mi preoccupa. Il 4% ce lo dà il sondaggista del Pd e Più Europa… l’ho visto in azione alle amministrative… In questo momento i sondaggisti seri non stanno rilevando perchè la gente è al mare”. Lo ha detto il leader di Azione Carlo Calenda a Omnibus su La7 contestando alcune rilevazioni demoscopiche di ieri peraltro sottolineando che “altri ci danno al 6%, al 15%, al 75%… Poi arriverà il 25 settembre e se gli italiani voteranno, voteranno. Sennò è un’altra storia”

INTANTO BERLUSCONI

“Penso che mi candiderò al Senato, così faremo tutti contenti, dopo aver ricevuto pressioni da tanti, anche fuori da Forza Italia”.Lo annuncia il Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, a “Radio Anch’io” su Rai Radio 1.

“Non mi interessa la lotta sulla leadership, i nomi imi appassionano poco. Mi interessano di più le cose da fare, la battaglia contro l’oppressione fiscale, contro l’oppressione giudiziaria”.

Continua a leggere

Cronaca

Covid e varianti: a settembre i nuovi vaccini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

“Per garantire al meglio la nostra preparazione comune” contro il Covid in autunno e inverno, “gli Stati membri devono disporre degli strumenti necessari. Ciò include i vaccini adattati alle varianti, come e quando saranno autorizzati dall’Agenzia europea per i medicinali” (Ema).

Lo afferma la commissaria Ue alla Salute, Stella Kyriakides, sottolineando che l’accordo tra l’Ue e Moderna per ri-programmare le consegne dei vaccini contro il Covid-19 a settembre “garantirà che i paesi abbiano accesso alle dosi di cui hanno bisogno al momento giusto per proteggere i cittadini”. L’intesa riguarda anche i vaccini adattati alle nuove varianti BA.4 e BA.5 Omicron, in attesa di autorizzazione da parte dell’Ema. “Ciò garantirà alle autorità nazionali di avere accesso ai vaccini nel momento in cui ne avranno bisogno per le loro campagne nazionali”, annuncia Bruxelles in una nota.

“L’accordo – spiega la Commissione europea – garantisce che, se uno o più vaccini adattati ricevono l’autorizzazione all’immissione in commercio, gli Stati membri possano scegliere di ricevere i vaccini adattati nell’ambito del contratto attuale” e prevede anche la consegna di “ulteriori 15 milioni di dosi” dei vaccini adattati “previa autorizzazione all’immissione in commercio entro tempi che consentirebbero l’uso di queste dosi per le loro campagne di vaccinazione”.

Continua a leggere

Ambiente

ANBI, all’indomani del del decreto “Aiuti bis” prosegue il paradosso di non permettere lo scambio elettrico sul posto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Vincenzi: “Far pagare, a prezzi di mercato, l’energia necessaria alla gestione idraulica per la salvaguardia dalle alluvioni e la distribuzione irrigua per produrre cibo, è come far pagare l’acqua ai vigili del fuoco per spegnere gli incendi.”

La bolletta dell’energia elettrica, a carico dei Consorzi di bonifica (e quindi dei cittadini) sta assumendo dimensioni insostenibili: in media, il sistema consuma annualmente 600.000 MegaWattora, ognuno dei quali sul mercato libero, nel 2021, costava € 125,46, oggi invece è salito a € 441,65!

A ciò si aggiunge un incremento del 30% nei costi e nei consumi per il 2022, dovuto alla necessità di contrastare siccità ed alte temperature nelle campagne; il che significa una previsione di spesa complessiva pari a € 344.487.000, cioè circa 269.211.000 euro in più rispetto all’anno scorso!

Così, all’indomani del decreto “Aiuti bis”, ANBI torna a proporre la paradossale vicenda del cosiddetto “scambio elettrico sul posto”.

“L’esempio che segue è quanto mai esemplificativo, – precisa Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) –considerato l’interesse pubblico di entrambe le attività: far pagare, a prezzi di mercato, l’energia necessaria alla gestione idraulica per la salvaguardia dalle alluvioni e la distribuzione irrigua per produrre cibo, è come far pagare l’acqua ai vigili del fuoco per spegnere gli incendi.”

“Non solo – aggiunge Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI – I Consorzi di bonifica ed irrigazione sono produttori di energia rinnovabile, idroelettrica e fotovoltaica, ma ne possono utilizzare solo la minima parte necessaria all’esercizio dell’impianto in loco; il resto della produzione la devono cedere ad un ente gestore per poi riacquistarla ad un prezzo maggiorato. La nostra richiesta, già prevista in un emendamento al precedente Decreto Aiuti ma mai arrivato in Aula, è di poter utilizzare l’energia autoprodotta per la gestione di tutti gli impianti dell’ente consortile.”

La vicenda ha assunto contorni di straordinaria importanza di fronte ad una bolletta quadruplicata nel giro di un anno.

“A questo punto – aggiunge il Presidente di ANBI – è bene ricordare che i costi della gestione ordinaria dei Consorzi di bonifica sono suddivisi fra i consorziati, che sono proprietari di immobili e, nel caso dell’irrigazione, aziende agricole. E’ evidente che le amministrazioni consortili, che non hanno scopo di lucro e non possono chiudere i bilanci in rosso, riverseranno i maggiori oneri sull’ammontare dei contributi consortili con scontate conseguenze sui bilanci familiari e sul costo dei prodotti agricoli. Questo, nonostante ci sia la palese possibilità di abbassare sensibilmente i costi energetici!”

“Quello elettrico è un onere (a carico della comunità anche attraverso un inevitabile aumento dei costi dei prodotti alimentari), che potrebbe essere in larga parte abbattuto permettendo, ai Consorzi di bonifica ed irrigazione, l’utilizzo dell’energia autoprodotta per tutti i compiti d’istituto e non solo a servizio dell’impianto di produzione. La soluzione – conclude il DG di ANBI – è talmente lapalissiana e nell’interesse collettivo che la domanda sorge spontanea e la risposta è pressoché scontata: a chi giova non permetterlo?”

Continua a leggere

I più letti