Connect with us

Cronaca

MILANO: 30 MILIONI DI EURO PER LE CASE POPOLARI, DECOLLA IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

Clicca e condividi l'articolo

Oltre a cedere al Comune di Milano la proprietà dello stabile di via Watteau 7, il privato realizzerà in via Zama uno spazio polifunzionale per il quartiere destinato a ospitare attività e inizia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Milano – La Giunta ha approvato oggi l’atto di permuta immobiliare con la società L’Orologio Srl, proprietaria dello stabile di via Watteau 7. La proposta di delibera da sottoporre al Consiglio comunale si inserisce in un percorso, di cui è stato informato il Prefetto, che consente di superare le criticità e di valorizzare anche parti del patrimonio pubblico oggi in disuso e abbandono, fonti anche di problemi di sicurezza.

In dettaglio, la permuta prevede che l’edificio di via Watteau 7 diventi di proprietà dell’Amministrazione comunale. “Esiste la possibilità di trasformare una situazione di irregolarità in un’opportunità per la città – si legge nel provvedimento della Giunta –, superando situazioni di criticità con ripercussioni sulla qualità del territorio e sull’ordine pubblico, come evidenziato anche dalla Prefettura. Tutto ciò nel perseguimento dell’interesse pubblico ad acquisire un immobile nel quale sia possibile localizzare, in base ad adeguata procedura, progetti in grado di dare risposte efficaci ai bisogni di spazi fruibili per attività creative e culturali che emergono, in particolare, nella fascia più giovane e debole della popolazione”.

Oltre a cedere al Comune di Milano la proprietà dello stabile di via Watteau 7, il privato realizzerà in via Zama uno spazio polifunzionale per il quartiere destinato a ospitare attività e iniziative socio-culturali, rispondendo così a un’esigenza espressa dai cittadini attraverso il Consiglio di Zona 4.

Palazzo Marino, invece, anche alla luce del lavoro avviato sugli immobili abbandonati, ha ritenuto idonei per la permuta due edifici comunali attualmente in disuso: lo stabile di via Trivulzio 18, realizzato nel 2003 con destinazione residenziale ma mai completato e, appunto, l’ex plesso scolastico di via Zama. Per questo secondo immobile il privato si impegna a non insediare funzioni residenziali libere per un periodo di dieci anni e a consegnare lo spazio polifunzionale per il quartiere entro tre anni.

La Direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate-Agenzia del Territorio ha effettuato una perizia del valore degli immobili, per valutare la fattibilità e, in particolare, l’equilibrio economico della permuta.

Una particolare attenzione è stata dedicata dalla Giunta odierna al tema della casa.

In primo luogo è stata deliberata una spesa di 3,5 milioni di euro per la sistemazione di alloggi sfitti, di cui una quota parte finanziata dalla Regione Lombardia. Questo progetto si aggiunge agli oltre 16 milioni di euro di risorse comunali destinati nel 2014 al recupero di alloggi sfitti e alla riqualificazione di quartieri popolari.

Inoltre, la Giunta ha approvato oggi due progetti preliminari: il primo è relativo alla riqualificazione delle case comunali di via San Bernardo, l’altro intervento interessa il secondo lotto di lavori in via Santi. Si tratta di un impegno complessivo di 6,5 milioni a valere nel 2015.

Palazzo Marino ha anche deciso il varo della cosiddetta “Agenzia sociale per la locazione” per favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta di abitazioni, rilanciare i contratti a canone calmierato, rimettere in circolo gli appartamenti privati sfitti e prevenire il rischio di sfratto per morosità incolpevole. Nelle prossime settimane sarà pubblicato un avviso per la ricerca di un soggetto del Terzo settore che, insieme al Comune di Milano, studierà l’avvio e la gestione dell’Agenzia.

Questa avrà sportelli aperti al pubblico e personale dedicato allo svolgimento delle istruttorie, degli abbinamenti degli alloggi e delle attività di verifica e accompagnamento. Si metterà a disposizione di inquilini e proprietari una serie mirata di servizi per facilitare e orientare la mediazione tra le parti. Assisterà i proprietari e i potenziali inquilini nell’abbinamento dell’alloggio, nella valutazione di un canone sostenibile e nella firma del contratto.

Sono previsti  fondi specifici di incentivazione e sostegno economico: circa 5 milioni di euro in tutto, di cui 3,5 milioni provenienti dalla Regione e 1,5 milioni dalle risorse comunali (a questi si aggiungeranno ulteriori fondi provenienti dallo Stato).

Le risorse saranno così impiegate: come ’Fondo Salvasfratti’, ovvero in forma di contributi (a fondo perduto o a restituzione) per le famiglie morose incolpevoli; come ‘Fondo di Garanzia’ a tutela dei proprietari che affitteranno a canone concordato per coprire in parte eventuali affitti non pagati; come attivazione di strumenti di microcredito per gli inquilini che abbiano bisogno di piccoli prestiti; come contributi una tantum ai proprietari.

Due importanti delibere approvate oggi sono relative ad agevolazioni per il trasporto pubblico, dedicate a minori in affido e ad anziani, nonché una prima sperimentazione di integrazione tariffaria, per consentire a tutti di raggiungere il sito di Expo 2015 con i mezzi pubblici.

Per facilitare il sostegno educativo fornito da famiglie e Comunità educative e incentivare l’utilizzo del trasporto pubblico, è stata individuata una tariffa agevolata di 19 euro per l’abbonamento mensile, dedicata proprio ai minori dati in affido a famiglie o comunità valida per tutto il periodo in cui sussiste la condizione di affidamento. Si stima che saranno circa 1.600 i ragazzi che potranno usufruirne, considerato che i minori in comunità sono circa 1.400 l’anno, mentre quelli affidati a famiglie all’interno del territorio comunale sono circa 200. All’interno della stessa delibera è stato deciso di estendere per un  altro anno l’agevolazione dedicata a donne e uomini sopra i 65 anni con reddito Isee tra 16mila e 20mila euro. Vengono confermati dunque gli abbonamenti senior ridotti mensili (22 euro) e annuali (200 euro).

La seconda delibera in tema di mobilità riguarda invece tre nuove tipologie di biglietti che permetteranno di raggiungere il sito di Expo 2015 viaggiando con un unico titolo sulle linee di trasporto urbano Atm e sulle linee ferroviarie Trenord che passano da Rho-Fiera e che confluiscono nel Passante e nelle altre stazioni di Milano. Il primo è il biglietto andata e ritorno tra Milano e Rho Fiera da 5 euro che, nella sua nuova veste, potrà essere utilizzato anche sul Passante urbano; viene poi introdotto il nuovo titolo ‘giornaliero Expo’ da 8 euro, che sarà valido sia per il sito sia per girare in tutta Milano sui mezzi Atm urbani e sul Passante. Nasce infine il ‘giornaliero Area grande Expo’ da 10 euro, dedicato all’area metropolitana: Trenord, di concerto con il Comune di Milano, individuerà l’estensione esatta lungo le direttrici ferroviarie che convergono su Milano (per esempio, Saronno, Meda, Seregno, Carnate, Pioltello, Lodi, Abbiategrasso, Magenta).

I due biglietti da 5 e da 8 euro inizieranno a essere messi in circolazione a titolo sperimentale già da dicembre con la Fiera dell’Artigianato e con le successive manifestazioni fieristiche in calendario. 

 

Cronaca

Rieti, minaccia di morte due persone e ferisce un carabiniere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

RIETI – I Carabinieri della Stazione di Orvinio hanno arrestato un uomo originario della provincia di Roma, ma dimorante a Paganico Sabino (RI).

Nel primo pomeriggio di ieri la Centrale Operativa ha ricevuto una richiesta di intervento da parte di due uomini, i quali riferivano di essere stati minacciati, anche di morte, da un giovane nel corso di un alterco scaturito per futili motivi nei pressi delle sponde del lago del Turano. 

Una volta giunti sul posto, i militari hanno constatato che il giovane versava in forte stato di agitazione continuando ad inveire con veemenza nei confronti dei due uomini che avevano richiesto l’intervento, oltre che nei confronti dei carabinieri intervenuti. Mente questi ultimi tentavano di riportare alla calma il giovane, quest’ultimo ha improvvisamente estratto una baionetta che fino a quel momento aveva tenuto nascosta all’interno della manica del giaccone, inducendo quindi i militari ad immobilizzarlo per evitare che potesse nuocere anche gravemente alle altre persone presenti. Nel tentativo di divincolarsi il giovane ha ripetutamente spintonato e colpito i militari uno dei quali ha riportato lesioni, fortunatamente lievi.

Per quanto accaduto l’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato in flagranza di reato e sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione. Al termine dell’udienza di convalida tenutasi presso il Tribunale di Rieti, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari. 

Continua a leggere

Cronaca

Palermo, mandamento mafioso Pagliarelli: arrestati due prestanome e sequestrati beni per 2 milioni e mezzo di euro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

PALERMO – Arrestati due fratelli imprenditori accusati di avere svolto le funzioni di prestanome di Giuseppe Calvaruso. A eseguire l’arresto i Carabinieri del Comando Provinciale su delega dalla Procura Distrettuale Antimafia di Palermo in esecuzione all’ordinanza del GIP di Palermo che dispone la misura cautelare detentiva nei confronti dei due, nonché il sequestro di attività commerciali, beni e conti correnti nei confronti del presunto reggente del mandamento mafioso palermitano di Pagliarelli Giuseppe Calvaruso e di altri indagati, ritenuti responsabili, in concorso, del delitto di trasferimento fraudolento di valori aggravato dal metodo e dalle modalità mafiose.

L’azione di oggi di contrasto al mandamento mafioso di Pagliarelli costituisce la naturale prosecuzione dell’operazione “Brevis” eseguita la scorsa domenica di Pasqua, scaturita dall’indagine coordinata da un gruppo di sostituti diretti dal Procuratore Aggiunto Salvatore De Luca, durante la quale, tra gli altri, è stato ristretto proprio il Calvaruso.

Uno dei due fratelli è rientrato in Italia la sera dello scorso lunedì 12 aprile dalla Spagna dove, a Lanzarote – nelle isole Canarie – voleva aprire una attività commerciale per la somministrazione di cibi e bevande), cui è riconducibile un noto ristorante del centro storico di Palermo.

Giuseppe Calvaruso, inoltre, mostrando ancora una volta le sue abilità imprenditoriali e notevoli capacità relazionali, progettava insieme ai due arrestati di costruire un “impero commerciale” che potesse garantire, nel futuro, ingenti entrate formalmente lecite.

Nel corso dell’operazione è stata sequestrata anche la ditta “Edil Professional”, azienda edile, secondo l’ordinanza del GIP, fittiziamente intestata a due indagati, fra cui Giovanni Caruso, anch’egli ristretto nel corso della precedente trance dell’operazione, verso cui Giuseppe Calvaruso aveva fatto convergere numerose commesse per la ristrutturazione di appartamenti e palazzi del capoluogo siciliano.

Sequestrati, infine, conti correnti riconducibili ai due imprenditori raggiunti dalla misura custodiale, attraverso i quali, in più occasioni, Calvaruso era riuscito a ricevere somme di denaro per fare fronte alle spese legate alla prenotazione di viaggi, alberghi e cene.

I beni sequestrati ammontano a circa 2 milioni e mezzo di euro.

Continua a leggere

Cronaca

Rieti, positivo al Covid e destinatario di provvedimento di isolamento va in giro per la città come se nulla fosse

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

RIETI – Va in giro per Rieti nonostante sia positivo al Covid-19 e destinatario di un provvedimento sanitario di isolamento presso la sua abitazione.

Una pattuglia della D.I.G.O.S. della Questura di Rieti ha individuato nel quartiere di Quattro Strade un pregiudicato reatino che usciva, in compagnia di una donna, da un locale esercizio pubblico. Gli Agenti della Polizia di Stato lo hanno sottoposto a controllo, accertando che lo stesso risultava positivo al Covid-19 e quindi destinatario di un provvedimento sanitario di isolamento presso la sua abitazione.

Invitato a far rientro presso il proprio domicilio, nel suo stato di isolamento, al fine di evitare che potesse contagiare altre persone, si è giustificato asserendo che si stava recando presso il locale Drive-in per essere sottoposto a tampone di controllo che, tuttavia, era stato prenotato per alcune ore prima.

L’uomo è stato, quindi, denunciato in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria, davanti alla quale dovrà rispondere dell’inosservanza del divieto assoluto di allontanarsi dalla propria abitazione per le persone risultate positive al virus COVID-19 rischiando, in caso di condanna, la pena dell’arresto da 3 a 18 mesi e l’ammenda da 500 a 5000 Euro e, nel caso più grave, qualora venga configurato dall’Autorità Giudiziaria il reato di epidemia (art. 438 del C.P.), così come indicato nell’art. 452 del Codice Penale, addirittura, la pena della reclusione da 1 a 10 anni o, in caso di morte del contagiato, la pena della reclusione da 3 a 15 anni.

Analoga denuncia in stato di libertà è stata effettuata dagli Agenti del Posto di Polizia di Passo Corese nei confronti di quattro cittadini extracomunitari, un nigeriano, un afgano, un pakistano ed un marocchino, domiciliati in un appartamento del centro cittadino della frazione di Fara in Sabina, attualmente considerata “zona rossa”, tutti positivi al Covid-19 e, quindi in isolamento fiduciario.

La pattuglia della Polizia di Stato li ha sorpresi mentre, ben consci di essere positivi, hanno ospitato nella loro dimora un altro cittadino extracomunitario negativo al Covid-19, rischiando di contagiarlo.

I servizi di controlli del territorio della Polizia di Stato, predisposti per le finalità anti-COVID-19, proseguiranno senza sosta, al fine di garantire la sicurezza e la salute pubblica.

Continua a leggere

I più letti