Connect with us

Cronaca

Milano, lancia una bomba carta nell’abitazione della ex: arrestato 22enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

SETTIMO MILANESE (MI) – Arrestato un 22enne di origine albanese, residente a Cornaredo in provincia di Milano, nullafacente, censurato, ritenuto responsabile dei reati di atti persecutori e danneggiamento aggravato, commessi nei mesi di novembre e dicembre 2020 nel Comune di Settimo Milanese, nei confronti della ex fidanzata, un’italiana classe 2001.

A mettere le manette ai polsi dell’uomo i Carabinieri della locale stazione, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, emessa lo scorso 2 gennaio dall’ufficio G.I.P. del Tribunale di Milano.

In particolare dalle attività investigative condotte è emerso che l’uomo, a causa della gelosia ossessiva che provava nei confronti dell’ ex fidanzata, l’aveva minacciata e molestata ripetutamente, costringendola di fatto a cambiare le proprie abitudini di vita.

La sua ossessione era tale che durante un precedente periodo di convivenza, durato meno di un anno, oltre a costringere la donna ad interrompere qualsiasi rapporto con gli amici ed a cancellare i propri profili social personali, le aveva imposto un vero e proprio “dress code”, permettendole di usare solo abiti coprenti. Conclusosi il periodo di convivenza, aveva inviato diversi messaggi sul telefono cellulare della ragazza, minacciandola anche di morte qualora avesse intrapreso una nuova relazione sentimentale.

Si era inoltre reso responsabile del danneggiamento dell’autovettura della nonna materna della vittima, dell’imbrattamento, con scritte ingiuriose ed offensive, della porta di un appartamento di proprietà dei nonni paterni della ragazza e del danneggiamento del portone del condominio dove lei abita insieme alla madre ed alla nonna.

Infine, all’apice dell’escalation di atti persecutori da lui messi in atto, la notte del 23 dicembre 2020, con l’aiuto di un complice non ancora identificato, aveva lanciato una bomba carta sul balcone dell’abitazione della giovane, provocando danni alla struttura e soprattutto creando panico tra i condomini.

Circostanza, quest’ultima, che ha ulteriormente confermato la pericolosità del soggetto che in maniera progressiva ha posto in essere comportamenti di volta in volta più pericolosi per l’incolumità fisica dell’ex fidanzata e dei suoi familiari.

L’uomo, espletate le formalità di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Milano “San Vittore”

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Milano, tenta di uccidere la ex moglie e perseguita 5 donne: grave la situazione dell’imprenditore Antonio Di Fazio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Milano Porta Monforte, all’esito di articolate attività d’indagine coordinate dal Dipartimento “Tutela della famiglia, dei minori e di altri soggetti deboli” della Procura della Repubblica di Milano (Proc. Agg. Letizia Mannella e Sost. Proc. Alessia Menegazzo), hanno eseguito una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di violenza sessuale aggravata, atti persecutori e tentato omicidio emessa dal Gip presso il Tribunale di Milano, Dott.ssa Chiara Valori, nei confronti dell’imprenditore farmaceutico Antonio Di Fazio, già ristretto in carcere dallo scorso 21 maggio con l’accusa di violenza sessuale in danno di una studentessa universitaria.

Le indagini hanno consentito di raccogliere gravi, precisi e concordanti indizi di colpevolezza nei confronti dell’indagato in ordine alla commissione dei reati di violenza sessuale aggravata dall’uso di sostanze narcotizzanti nei confronti di quattro donne e di tentato omicidio, atti persecutori e violenza sessuale aggravata in danno dell’ex moglie.

Continua a leggere

Cronaca

Torino, carabiniere tenta di impedire una rapina e viene accoltellato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Gravi le condizioni del militare che si trova ricoverato all’ospedale San Giovanni Bosco

TORINO – Sono gravi le condizioni del carabiniere ferito nel tentativo di sventare una rapina in farmacia a Torino.

Il brigadiere, in servizio presso la compagnia Oltre Dora, è stato colpito da due coltellate al torace, una delle quali avrebbe interessato un polmone, e da un altro fendente a una gamba.

Ricoverato all’ospedale San Giovanni Bosco, dove è giunto il comandante provinciale, generale Claudio Lunardo, è intubato. Ancora da chiarire quanto accaduto. Di certo c’è soltanto che era in farmacia per acquistare dei medicinali, libero dal servizio, e si è trovato di fronte due rapinatori travisati, che dopo l’aggressione sono fuggiti.

Continua a leggere

Cronaca

Milano, nuova ordinanza di custodia in carcere per l’imprenditore farmaceutico Antonio Di Fazio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

MILANO – Nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di violenza sessuale aggravata, atti persecutori e tentato omicidio emessa dal Gip presso il Tribunale di Milano, Dott.ssa Chiara Valori, nei confronti dell’imprenditore farmaceutico Antonio Di Fazio, già ristretto in carcere dallo scorso 21 maggio con l’accusa di violenza sessuale in danno di una studentessa universitaria.

Le indagini hanno consentito di raccogliere gravi, precisi e concordanti indizi di colpevolezza nei confronti dell’indagato in ordine alla commissione dei reati di violenza sessuale aggravata dall’uso di sostanze narcotizzanti nei confronti di quattro donne e di tentato omicidio, atti persecutori e violenza sessuale aggravata in danno dell’ex moglie.

Continua a leggere

I più letti