Connect with us

Castelli Romani

Monte Compatri: approvata delibera che abbassa il costo di costruzione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MONTE COMPATRI (RM) – Uno strumento con il quale l’amministrazione comunale affronterà le eventuali situazioni di criticità sul territorio di Monte Compatri. L’assise di Tinello Borghese ha approvato l’integrazione del Piano di emergenza comunale, oltre alla delibera sulla modifica del costo di costruzione, nel corso dell’assemblea di venerdì 2 febbraio.
Unanime il consenso su un provvedimento, il Pec, che guarda alla sicurezza dei cittadini per risposte tempestive in caso di neve, incendi o terremoto. Nel dossier, che recepisce le indicazioni della Regione Lazio, si analizzano la situazione e i rischi del territorio monticiano.
L’obiettivo è quello di ottimizzare l’organizzazione in casi di calamità naturali. Il piano sarà integralmente pubblicato sul sito istituzionale e su tutte le piattaforme web e social.

Approvato, con 11 voti a favore e 4 contrari, il provvedimento che riguarda gli oneri di urbanizzazione e i costi di produzione. “La variazione della delibera numero 16, varata nel 2014, si rende necessaria per incentivare interventi di ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente e per i futuri investimenti finalizzati alla creazione di attività commerciali, turistiche e per servizi”, spiega l’assessore all’Urbanistica, Agnese Mastrofrancesco.
“Uno strumento rinnovato, che si conforma alle modifiche recenti apportate dal governo nazionale; anche con il Decreto SCIA 2 (D. Lgs. 222-2016). Gli oneri di costruzione, per rispondere a un momento di crisi del settore, scendono dall’8 al 6% per attività turistiche, commerciali, direzionali e di servizi. Prevedendo, inoltre, la rateizzazione per importi superiori ai 100mila euro”, continua Mastrofrancesco.
“Portate al 3% le contribuzioni per ristrutturare gli edifici. L’obiettivo – conclude l’assessore all’Urbanistica – punta ad agevolare e incentivare la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente e ad attrarre nuovi investitori economici mediante la riduzione delle aliquote percentuali, applicate al contributo commisurato al costo di costruzione”.

Respinta la mozione presentata dal consigliere del M5s, Elio Masi, che chiede il potenziamento del sistema di videosorveglianza a Monte Compatri e, allo stesso tempo, una serie di azioni nelle scuole per la promozione della cultura della legalità e della sicurezza.
“Abbiamo già in essere un sistema di telecamere nei punti nevralgici del nostro territorio e abbiamo attivato la promozione di attività nelle scuole, anche con unità cinofile, negli anni scorsi”, spiega il presidente del Consiglio Marco De Carolis.
“La visione preventiva delle riprese – aggiunge il sindaco Fabio D’Acuti – mal si coniuga con la tutela della privacy. Nel nostro quadrante, inoltre, non si hanno notizie di fatti criminosi che giustifichino tale richiesta e, previa denuncia, le immagini sono comunque a disposizione dell’autorità giudiziaria”.

Venuto meno il numero legale prima della discussione della mozione presentata dal gruppo Monte Compatri Bene Comune sul trasporto gratuito verso strutture sanitarie.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Albano Laziale, Borelli-Orciuoli: è confronto… a distanza [VIDEO]

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Confronto a distanza tra Massimiliano Borelli candidato sindaco di centrosinistra e Matteo Mauro Orciuoli candidato sindaco di centrodestra.

L’intervista di Massimiliano Borelli a Officina Stampa del 17/09/2020
Matteo Mauro Orciuoli commenta le dichiarazioni di Massimilano Borelli

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, scuola. Genitori preoccupati per l’impianto di areazione dei bagni: scattano le prime due interrogazioni comunali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – La scuola di Nemi al centro di alcune interrogazioni comunali presentate da tutti gli esponenti consiliari di opposizione, dopo che alcuni genitori, al termine del primo giorno di scuola, hanno segnalato problemi inerenti l’impianto di aerazione nei bagni del plesso e la presenza di persone all’interno dell’edificio scolastico della scuola primaria e della scuola secondaria durante la tarda serata di lunedì.  

Lo scorso 15 settembre è scattata la prima richiesta di chiarimenti presentata dai consiglieri di “Ricomincio da Nemi” Carlo Cortuso e Patrizia Corrieri per chiedere al Responsabile dell’ufficio Tecnico e al Segretario comunale chi fossero le persone presenti nell’edificio scolastico durante la notte di lunedì 14 settembre 2020 (dalle 22 in poi), che tipo di intervento stessero effettuando e chi ha autorizzato il loro ingresso nella scuola, oltre a chiedere se si è provveduto, prima dell’inizio delle lezioni, alla pulizia e sanificazione da parte di personale adeguato come da protocollo INAIL e MIUR.

Altra interrogazione, quella protocollata oggi dal consigliere comunale Stefano Tersigni di “Insieme per Nemi”, diretta al Sindaco, per sapere quale è il reale stato del sistema di aerazione dei servizi igienici della scuola e come viene gestita la turnazione degli studenti per recarsi in bagno.

Intanto è stato fissato un incontro per il prossimo lunedì tra la Dirigente scolastica e i rappresentanti di istituto e di classe dove si tireranno le prime somme riguardo la gestione scolastica anche alla luce di questa prima settimana di lezioni in presenza nell’era del post lockdown.

Continua a leggere

Castelli Romani

Marino, annullata la 96 esima edizione della Sagra dell’Uva

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MARINO (RM) – Annullata la 96 esima edizione della Sagra dell’Uva di Marino.

La decisione è stata presa lo scorso 16 settembre dalla Giunta comunale “per ottemperare ai Decreti emanati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID.19”. Dal Comune fanno sapere che ci sono altre importanti motivazioni che saranno approfondite in seguito che hanno portato a rinviare al 2021 la storica Sagra. Sulla decisione ha pesato anche l’evoluzione della situazione sanitaria che non consente di ridurre il livello di allerta e che richiede la massima attenzione all’applicazione delle misure di prevenzione individuate.

Continua a leggere

I più letti