Connect with us

Roma

MONTE COMPATRI: IRREGOLARITA' IN COMUNE

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Anomalie non gravi come si vorrebbe far pensare

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Riceviamo  pubblichiamo dal Comune di Monte Compatri

 

Alla fine dello scorso anno è stata eseguita da parte del Ministero Economie e Finanze una verifica ispettiva alla gestione economica del Comune di Monte Compatri. L’Amministrazione comunale di Monte Compatri sta procedendo alla verifica dei rilievi ed entro breve termine chiederà un’audizione al Ministero.

“I rilievi contestati costituiscono ipotesi e saranno oggetto di controdeduzioni nei termini concessi – spiega il Sindaco di Monte Compatri, Marco De Carolis. – Consiglio al centrosinistra locale e in particolar modo al Consigliere Francesco Ferri un approccio più prudente. Le sue esternazioni non fanno che avvelenare il clima pre-elettorale”.

In realtà il Ministero non ha preso in considerazione esclusivamente la legislatura De Carolis ma l’ultimo decennio amministrativo e le numerose giunte che si sono succedute prima del 2007. Dalla relazione sembrerebbe proprio che i problemi e le incoerenze sui conti abbiano radici precedenti alla giunta De Carolis, non toccando, quindi, il quinquennio in corso.

“Molte delle contestazioni addebitate dall’ispettore del ministero non sono gravi come si vorrebbe far credere – aggiunge il primo cittadino. – Io noto, invece, la stessa opera denigratoria e controproducente verso il paese operata dalla minoranza Pd. Dopo Palazzo Altemps e l’isola ecologica arriva un altro gancio al quale aggrapparsi per cancellare dagli occhi quanto di buono è stato fatto in questi cinque anni. Voglio soltanto ricordare che Monte Compatri non conosceva un’opera pubblica iniziata e completata dagli anni ’80. Soltanto il restyling delle tre piazze centrali e di quella di Laghetto porterà alla cittadina nuova linfa turistica ed economica. E non è vero che ci siamo appropriati di opere già in cantiere: gli stessi progetti delle piazze sono stati disegnati ex-novo. Un’altra cosa voglio sottolineare. Tutta questa attività che ha preso forma come lavori pubblici è stata possibile attuarla perché il Comune di Monte Compatri aveva ampia disponibilità economica. Inutile prendersela con l’Ufficio Ragioneria quando per il passato l’attuale Pd non è riuscito ad investire in opere pubbliche sconfessando completamente gli accordi presi con gli elettori. La mancanza di capacità politica sommata a quella degli interessi personali hanno portato al baratro Monte Compatri. In questi cinque anni, invece, l’intera Comunità ha notato raziocinio e volontà di far crescere un territorio così ricco e fertile. Le opere denigratorie non servono a nessuno, salvo agli incapaci”.

Castelli Romani

Marino, nuovo decoro al sito della Memoria a Villa Desideri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si è tenuta in forma essenziale, a causa delle prescrizioni anti Covid, la cerimonia commemorativa in occasione del Giorno della Memoria che ricorre oggi 27 gennaio.La delegazione comunale ha visto presenti il Sindaco Stefano Cecchi e la Giunta comunale quasi al completo insieme ad alcuni Consiglieri Comunali e rappresentanti della politica locale.Accompagnato dal Comandante F.F. della Polizia Locale Monica Palladinelli, il Sindaco ha scoperto la nuova targa installata presso l’Ulivo della Memoria nell’aiuola prospiciente la Biblioteca Civica “V. Colonna”.Successivamente l’omaggio di una corona di margherite gialle a ricordo della stella gialla di David che i nazisti obbligavano agli ebrei a cucirsi sui vestiti.“Sebbene sia stata una cerimonia semplice, scoprire la targa è stato come confermare a tutta la comunità che il ricordo è vivo, lucido, presente e indelebile anche qui sul nostro territorio.”

Continua a leggere

Roma

Roma, Santori (Lega): “Valorizzare sampietrini. Cantieri infiniti!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

“I sampietrini romani sono un patrimonio unico che la città non riesce a valorizzare e custodire come dovrebbe. I cantieri sono infiniti, le strade restano chiuse per mesi e quando riaprono sono già piene di toppe, il commercio è ridotto al lumicino. Disabili bloccati, passi carrabili ostruiti da ruspe e camion, negozi chiusi”. Lo dichiara in una nota il consigliere della Lega e segretario in aula Giulio Cesare Fabrizio Santori, a margine della riunione odierna della commissione capitolina Lavori Pubblici di cui è componente. “Vogliamo saperne di più sul destino dei sampietrini rimossi dalle strade romane, faremo un sopralluogo per controllare i depositi nei quali sono custoditi. Chi conta gli storici blocchetti romani, chi li custodisce e chi li cataloga, soprattutto quando restano ammucchiati agli angoli delle strade. Sono una ricchezza”, afferma Santori, che annuncia sull’argomento una mozione in Assemblea capitolina. “Incuria e abbandono la fanno da padroni, basta guardare via Nazionale, dove dopo gli interventi il fondo stradale è di nuovo pieno di rattoppi, e via Baccina, ridotta a una discarica a cielo aperto, mentre degli operai che avrebbero dovuto completare i lavori non c’è più traccia. Via dei Cerchi e viale Aventino sono ormai ostaggio dei cantieri, le ciclabili un miraggio, la viabilità un incubo, e in questa triste danza di incompetenza e faciloneria Roma sprofonda quotidianamente nel caos”, conclude Santori.

Continua a leggere

Metropoli

Colleferro, 18enne sorpreso con 80 dosi di hashish

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I Carabinieri della Stazione di Colleferro, al termine di un mirato servizio di controllo del territorio, hanno arrestato un 18enne del luogo, indagato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, è stato fermato dai Carabinieri e sottoposto a perquisizione personale, ad esito della quale è stato trovato in possesso di 65 g di hashish, suddiviso in 80 involucri, già confezionati e pronti per la cessione.Il 18enne, al termine dell’udienza di convalida dell’arresto, è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione in caserma, in attesa del processo.  

Continua a leggere

I più letti