Connect with us

Metropoli

Monterotondo: strage di Alberi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Italia Nostra Lazio: abbattimenti indiscriminati delle alberature urbane a Monterotondo

La continua strage delle alberature urbane nel Lazio, che degrada il paesaggio, aumenta i livelli di inquinamento e peggiora la vivibilità delle città, è da tempo all’attenzione di Italia Nostra. Gli
abbattimenti vengono spesso giustificati con ragioni di sicurezza, non di rado esagerata, ma dove c’è è per lo più dovuta alla mancanza di manutenzione o alle potature “estreme” effettuate da ditte incompetenti.
L’amministrazione di Monterotondo sembra ora voler primeggiare in questo tipo di barbarie urbanistica. La città non ha, a quanto pare, un Regolamento del Verde da rispettare, e negli ultimi tempi, dopo aver
abbattuto diversi alberi monumentali, anche nello storico Giardino del Cigno, ha assegnato un appalto per la realizzazione di marciapiedi e il rifacimento stradale che prevede l’abbattimento dell’intera alberatura di via Serrecchia, che è parte integrante dell’assetto storico del centro storico. La motivazione, riportata nella relazione sul progetto, parla di “sostituzione degli alberi con altri di dimensioni inferiori, coerenti con la larghezza della strada.” Si propone di sostituirle con
degli oleandri (che sono arbusti). Come se ci fosse un rapporto fisso da rispettare per legge tra altezza degli alberi e larghezza della strada.
Gli abbattimenti indiscriminati erano in realtà già iniziati con le precedenti amministrazioni, guidate dal sindaco Mauro Alessandri (ora assessore regionale ai Lavori Pubblici e alla Tutela del Territorio (!)
nella giunta Zingaretti), che, tra l’altro, hanno fatto fuori buona parte dei platani monumentali lungo la via Salaria. Ci sono però norme da rispettare per l’abbattimento di alberature storiche, che sono sempre
a forte impatto paesaggistico, ma non risulta siano state rispettate nella stesura del progetto di via Serrecchia e neppure nei casi precedenti. In passato, prima dell’invenzione di opinabili criteri sul
rapporto tra altezza dell’albero e larghezza della strada, si sono invocate ragioni di sicurezza, o presunte malattie degli alberi. Ma l’associazione “Centro Storico in Movimento” e il locale gruppo attivo
di Italia Nostra, che, per verificare la presenza delle necessarie perizie tecniche sullo stato degli alberi, hanno a più riprese richiesto un accesso agli atti, non sono riusciti finora ad ottenere i risultati
di queste perizie. Questo per capire quali siano i criteri di trasparenza a cui si attiene l’amministrazione di Monterotondo.


Ma c’è qualcosa di ancor più preoccupante. In risposta ad una richiesta di accesso agli atti del 1/3/2020 su abbattimenti eseguiti dal settembre al febbraio scorsi, l’amministrazione comunale, senza peraltro concedere l’accesso, ha risposto con un documento in cui si fa riferimento ad autorizzazioni ottenute a maggio 2020 e successivamente. A quanto sembra l’amministrazione si procura autorizzazioni post factum, il che, se confermato, costituisce un’illegittimità piuttosto grave, che dovrebbe
essere sanzionata.

Molti cittadini di Monterotondo, in primo luogo quelli del centro storico, chiedono che sia salvata l’alberatura storica di via Serrecchia, perché considerano gli alberi un elemento essenziale del
decoro urbano e della storia della città e, soprattutto, un indispensabile polmone verde per la difesa della qualità dell’aria e della salute della popolazione. Chiedono gli alberi vengano conservati,
se sani, e che le eventuali perizie per accertare lo stato di salute e la staticità su ciascuna pianta – più volte richieste e completamenti assenti dal progetto esecutivo di via Serrecchia- siano d’ora realmente
effettuate prima di ogni intervento, siano eseguite da periti indipendenti, e rese pubbliche. Domandano, infine, di esser consultati ogni qualvolta è in fase di progettazione un’opera pubblica, come quella
in questione, con importanti effetti urbanistici. Italia Nostra si rivolgerà agli organi di tutela e alle autorità competenti affinché ci sia una reale verifica della correttezza delle
procedure per il progetto di via Serrecchia. Italia Nostra, Consiglio Regionale del Lazio
Associazione “Centro Storico in Movimento” Monterotondo

Metropoli

Bracciano, furti in appartamenti: in manette il capo di una banda di malviventi che operava sul territorio sabatino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

E’ caccia agli altri componenti

BRACCIANO (RM) – I Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Bracciano hanno arrestato un 53enne del posto, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Civitavecchia, sospettato di essere a capo di una banda dedita ai furti in appartamento e gravato da precedenti per reati dello stesso genere.

I Carabinieri, a seguito di alcune denunce sporte da cittadini dei comuni di Bracciano e Manziana, vittime di furto, hanno creato un gruppo di lavoro con i Comandi Stazione di Anguillara Sabazia, Trevignano Romano, Manziana e Bracciano, che da subito ha permesso di raccogliere solidi elementi info-investigativi, poi analizzati dalla Sezione Operativa, deputata all’espletamento di indagini ad ampio spettro nel territorio di competenza della Compagnia di Bracciano.

L’attività di raffronto delle immagini acquisite, unitamente all’analisi dettagliata del modus operandi, nonché ai servizi di osservazione esperiti, hanno permesso di individuare alcuni elementi comuni nei furti perpetrati da maggio a giugno, portando all’identificazione certa di uno dei componenti della banda, ritenuto peraltro il leader della stessa.

L’uomo, ottimo conoscitore della zona, era solito individuare villette isolate di famiglie benestanti, attendendo poi che venissero lasciate incustodite prima di intrufolarvisi insieme a dei complici, per l’identificazione dei quali vi sono tuttora indagini in corso.

Raggiunte le abitazioni, mediante effrazione di porte e finestre, consistita nella maggior parte dei casi nel divellere le grate poste a protezione delle stesse, l’uomo si impossessava dei beni di valore facilmente trasportabili (gioielli, orologi, contanti) dandosi poi alla fuga, insieme al complice che rimaneva all’esterno a fare da palo.

L’impegno dei Carabinieri per prevenire e reprimere il fenomeno dei reati predatori, soprattutto nel periodo estivo, rimane costante, grazie ai servizi straordinari di controllo del territorio realizzati nelle aree ritenute maggiormente esposte a questa tipologia di reati e all’attività investigativa conseguente ogni episodio criminoso, per la quale la collaborazione dei cittadini costituisce un fondamentale elemento di supporto.

Continua a leggere

Metropoli

Concorsopoli, Fratelli d’Italia diffida il sindaco di Guidonia Montecelio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Il sindaco di Guidonia Montecelio è stato diffidato dalla capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio comunale a sospendere in autotutela tutte le attività relative i dipendenti comunali – 5 istruttori amministrativi Cat. C1 – assunti lo scorso dicembre a seguito del concorso indetto dal Comune di Allumiere.

“In data 29 luglio – fa sapere la capogruppo FdI Giovanna Ammaturo – con determina n° 113 la responsabile del servizio, Emanuela Sgamma, su indicazioni della giunta a trovare il bandolo della matassa, visto anche il conforto del legale Trippanera, ha stabilito di sospendere gli effetti della graduatoria finale del concorso de quo approvata con determinazione del III settore n°168 del 14/12/2020, e la concessione in scorrimento per altri enti che ne avessero fatto richiesta. La determinazione – prosegue Ammaturo – è solo l’ultimo velo caduto in ordine di tempo di tanti clamorosi episodi: le dimissioni del presidente del Consiglio regionale Mauro Buschini a cui è succeduto il tiburtino Marco Vincenzi. La misura cautelare nei confronti del presidente della commissione Andrea Mori. L’avviso di garanzia del sindaco di Allumiere Antonio Pasqini che pure lavorava nello staff del presidente Buschini. Il sequestro di 38 cellulari intestati a candidati assunti ed altri soggetti. La relazione della commissione trasparenza presieduta dal consigliere regionale di Fratelli d’Italia Chiara Colosimo che pure ha interrogato il sindaco Barbet il 31 maggio 2021.”

Il Sindaco di Guidonia Montecelio nel corso dell’audizione ha riferito che in data 7 dicembre 2020 Allumiere comunicò la graduatoria. Il presidente Colosimo precisò che la determinazione del comune di Allumiere è del 14 dicembre 2020. Pertanto il 7 dicembre 2020 avrebbe potuto essere riferita solo una graduatoria provvisoria. Barbet ha risposto alla puntualizzazione: “Probabilmente” non bastasse il sindaco riferì:” non sono in grado di rimediare mi impegno a farle ricevere tutto per essere più preciso.

“FdI è l’unico partito – prosegue ancora Giovanna Ammaturo – a non aver avuto collusioni e commistioni tra gli assunti che sono oltre amici o testimoni di nozze tutti di provenienza da staff politici in particolare PD e M5S. Due le procure interessate: Civitavecchia e Roma. Il sindaco penta stellato di Guidonia Montecelio non può continuare a fare spalluccie o ritenendosi parte lesa. Sono sette mesi che insieme a tutta l’opposizione alla amministrazione grillina abbiamo chiesto di sospendere in autotutela. Giacciono impolverate e senza risposta le interpellanze. Oggi lo deve fare per forza. Purtroppo Barbet non ha mai voluto ascoltare l’opposizione e non riesce a comprendere con visione futura i reali interessi di una Città come la nostra. Rientra nella supponenza grillina anche la scarsa considerazione che pure dall’opposizione si possono curare i vantaggi di un Ente. Ora il doppio danno dall’esigenza di personale si è passati alla necessità di sospendere per autotutela. Con quasi tutta l’opposizione avevamo invitato il sindaco e l’assessore al personale , Saladino, sempre defilato nella questione, a bandire i concorsi. Dopo nove mesi che aveva assunto l’incarico riferì che non c’era tempo e che era preferibile lo scorrimento della graduatoria di altri concorsi. Questo il risultato.”

Continua a leggere

Metropoli

Fiano Romano, ecco perché il Sindaco Ferilli si candida a Consigliere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Sindaco Ferilli, il suo impegno con Fiano Romano finisce a Ottobre con le prossime elezioni?
Assolutamente no. Sono candidato Consigliere a sostegno della lista civica Fiano 2030 di Davide Santonastaso. Dopo 10 anni alla guida di una comunità che è cresciuta facendo diventare Fiano appetibile come vivibilità ed economia, mi metto nuovamente al servizio della collettività.

Perché la scelta di candidarsi ancora? Perché la mia dedizione per la nostra Fiano non ha certo una scadenza temporale, io voglio continuare a far crescere la nostra città, a creare nuove opportunità per i giovani, proseguendo insieme a Davide un percorso fatto di passi, di scelte, azioni intraprese sempre seguendo il criterio del buon padre di famiglia.

Come giudica questa campagna elettorale? Non facile ma con l’abbraccio di tante persone che condividono i nostri valori e il nostro agire con lealtà, trasparenza, dedizione. È facile giocare con le parole ma più complesso confrontarsi con i fatti, lo capisco. Detto questo io penso alla nostra squadra e al prossimo ambizioso progetto che abbiamo per Fiano.

Qual’é l’obiettivo principale del programma di lista e ciò che intende realizzare?
A costo di essere ripetitivo ribadisco l’importanza di dare nuove opportunità ai giovani anche attraverso la prosecuzione di costruzione di una salda rete sociale e l’incentivazione di moduli formativi che si adattino alle opportunità di lavoro anche e soprattutto nel comparto turistico, informatico e che valorizzi il made in Italy e l’artigianato. Vogliamo come lista proseguire il cammino virtuoso intrapreso che permette a Fiano di distinguersi per servizi, accoglienza e appetibilità. Chi passa a Fiano spesso se ne innamora e ci rimane a vivere.

Continua a leggere

I più letti