Connect with us

Editoriali

Moscovici ‘preoccupato’ per i risultati delle elezioni italiane: dobbiamo sperare in Putin?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 6 minuti
image_pdfimage_print

Se c’è una cosa di cui il segretario UE Pierre Moscovici non si deve preoccupare, è proprio il risultato elettorale in Italia. Anzi, la verità è che questo argomento non lo riguarda e non lo deve riguardare, né da vicino, né da lontano. Altre voci si sono unite a questa lamentazione preventiva, compreso il commissario per il lavoro , il finlandese Jyrki Katainen, che parla di “Situazione molto delicata, spero che l’Italia sia guidata da un governo stabile pro-europeo”. Il vicepresidente della Commissione, l’olandese Frans Timmermans, non ha perso l’occasione di censurare il leghista Fontana per la sua famosa e sfortunata frase riguardante la razza: ma ormai farlo è come sparare sulla Croce Rossa, visto che Fontana non sa più come scusarsi e come fare ammenda dell’errore.

Eppure ha avuto un precursore illustre:

Il vescovo emerito di Ferrara, monsignor Luigi Negri, che parlando di Islam e di integrazione, su Il Giornale.it dell’8 gennaio, afferma: “Siamo a rischio di eliminazione della società, ci stiamo arrendendo all’anticristianesimo.” E poi: “L’integrazione deve essere ragionevole, e non si possono aprire le porte come fosse una festa – continua Negri – senza mettere in evidenza i costi economici, umani e culturali dell’immigrazione, perchè questo significa fare del qualunquismo ideologico. Sono cattolico, e pertanto sono per l’accoglienza delle diversità, ma essa non può essere senza misure, perchè altrimenti porta allo schiacciamento e all’eliminazione della nostra società.” Insomma, null’altro che ciò che Fontana ha espresso in maniera maldestra, col timore di vedere, fra una cinquantina d’anni, tutti gli Italiani color caffè latte. Il che di per sè non è disdicevole, ci sono altri popoli prima di noi che hanno avuto lo stesso risultato: soltanto che succederà che un Italiano originale DOC bisognerà cercarlo col lanternino, e magari le generazioni più giovani si chiederanno chi siano quei personaggi rappresentati in marmo nei musei, magari degli alieni di un’altra civiltà sbarcati da dischi volanti. Battute a parte, non è razzismo, è soltanto obiettività, un guardare le cose in faccia. Un altro sintomo inquietante – per noi Italiani – è che Padoan abbia dichiarato – ce n’era bisogno? – che lui e Moscovici sono “molto amici”. Date le sue dichiarazioni, non vediamo, tra l’altro, quale manovra possa operare il ministro della burocrazia Padoan per far crescere l’economia italiana non soltanto nelle dichiarazioni di Renzi e nelle sue – di Padoan – fantasie.

Il grafico che ha presentato da Lucia Annunziata lascia il tempo che trova, ed è lecito dubitare della sua credibilità, dato che da quella parte si tende a classificare come posto di lavoro – anche a tempio determinato – anche un lavoretto di due ore. Perfino Bersani, notoriamente di sinistra, ha criticato il fatto che i ‘posti di lavoro’, che siano un milione o due – come afferma don Matteo Renzi – sono calcolati anche sul lavoretto che un giovane universitario possa svolgere, magari falciando l’erba del prato del vicino. Nonostante la sua appartenenza politica, Bersani dice cose piuttosto giuste, lamentandosi che i suoi omologhi non riescano neanche a vedere ‘la mucca nel corridoio’. In pratica, il gioco – e sarebbe ora – afferma Bersani, è finito: non si può più prendere in giro la gente, bisogna rispondere alle esigenze della nazione in maniera concreta. Renzi finora ha soltanto giocato con la credulità dei più, ma ora bisogna smetterla: questa la preoccupazione di Bersani.

La preoccupazione di Moscovici, invece è che con Renzi fuori gioco con il suo PD, e i sinistri sparpagliati, nei confronti di un centrodestra tenuto insieme da Berlusconi – checché se ne dica, è ancora, alla sua età, l’uomo più leader di tutti – e di un M5S all’arrembaggio, chi sosterrà l’impalcatura europea, specialmente dopo la Brexit? È chiaro che l’uscita dell’Italia dall’UE, nel caso vincesse un partito antieuropeista, sarebbe fatale per l’Unione. Da Bruxelles vogliono un governo europeista in Italia, ma chi va a votare saranno gli Italiani, che dell’Europa, nella maggior parte, ne hanno ‘i Gentiloni pieni’, per parafrasare un titolo di Libero in prima pagina di qualche tempo fa.

Gentiloni, per Mosco &Co. sarebbe l’ideale: vellutato, tutt’altra cosa di Renzi, sempre in grigio – in realtà è grigio dentro come fuori – giacca e cravatta, senza le maniche di camicia di un Renzi in una ‘mise’ di sinistra ormai desueta, buona per gli anni ‘50 – ora anche la sinistra mette la giacca e la cravatta, tranne alla FIOM – origini moderatamente blasonate, in tinta con le pareti del Parlamento europeo, riesce a sparare balle con una credibilità che don Matteo non ha mai avuto. Ma sono balle istituzionali, bisogna dirlo a sua discolpa: sarebbe interessante sapere cosa direbbero questi personaggi rappresentativi se potessero parlare a cuore aperto.

Dopo tutto ognuno ha una sua dignità. In tutto questo, arriva un Moscovici qualunque, dopo che abbiamo anelato a questo appuntamento elettorale per anni, noi Italiani; non vediamo l’ora di andare alle urne per esprimere, dopo quattro governi non eletti, finalmente il nostro parere, – il nostro, non quello dell’UE – e ci vorrebbe scippare il risultato elettorale. Che sarà, tutto concluso, forse deludente, ma sarà il nostro, senza condizionamenti. Un intervento, il suo, da cartellino rosso, che dimostra che l’UE non è poi così solida come si vuol far credere. Anzi, a guardarla bene, è un organismo in putrescenza, come quelle balene che si spiaggiano e muoiono sulla battigia, ammorbando – meschine – l’aria per chilometri. Non è colpa loro, i balenotteri e i capodogli non vorrebbero spiaggiarsi, anzi. Ma sono fuorviati dalle air bomb dei petrolieri inquinatori e dai sonar dei grandi battelli da pesca.

E’ il progresso, miei cari, il progresso, e nessuno lo può arrestare. Si può invece arrestare l’avanzata di una Unione Europea che ci è stata nemica e antipatica fin dal principio, quando ha voluto colpire in maniera idiota i nostri prodotti tipici, sopravvissuti solo grazie alla caparbietà dei nostri produttori. E ci è stata, e ci è ancora più odiosa, quando ci costringe ad importare arance dal Marocco, olio d’oliva di infima qualità spacciato per OEVO, franco di dazio, venduto a tre euro e cinquanta nei supermercati, dalla Tunisia; frutta e verdura dalla Spagna, e chissà cos’altro dall’Algeria, il tutto per favorire pochi maneggioni che sono a ridosso dei nostri parlamentari europei, distruggendo la nostra agricoltura, e mettendo in ginocchio la nostra economia agricola. Bel risultato! E poi Moscovici e soci pretendono pure che il nuovo governo italiano sia europeista, e per far questo lanciano un messaggio per una ‘offerta che non si può rifiutare’, come Marlon Brando nel Padrino. Le frasi di Moscovici contengono un velato avvertimento: senza continuità, rischiamo di far la fine di Berlusconi, con lo spread oltre 500. Fatto fuori Renzi, il tavolo traballa, e i capi d’oltreoceano spingono l’UE a rinserrare le fila. A meno che non intervenga, come già ha fatto altre volte, il presidente emerito, re Giorgio, l’aggiustatutto.

In soccorso di Moscovici e della sua gaffe elettorale, interviene Tajani. “Pierre Moscovici è un commissario socialista francese” afferma Tajanima si fa fatica a credergli. “Non parla a nome dell’Unione Europea.” Comunque Tajani dice poi dell’Unione Europea che “Ci sono preoccupazioni in Europa per l’instabilità in Italia. Ma se fossi stato nei suoi panni, sarei stato più prudente, non avrei fatto quella dichiarazione nel mezzo della campagna elettorale”. Ha concluso Tajani: “Il messaggio della UE non è quello di Moscovici, le istituzioni europee non devono interferire.” Speriamo che sia vero, anche se è poco credibile, la posta in gioco è troppo alta. Comunque Tajani si è reso conto che Moscovici, come si dice, l’ha fatta fuori del vaso, e ha cercato di rimediare, ma ormai il danno è stato fatto. Tastando il polso a questa Europa, è chiaro che ci sono delle patologie gravi, come la preponderanza arrogante delle multinazionali. Al punto che ormai sono loro che governano di fatto, imponendoci prodotti e disposizioni di legge. Sullo sfondo la Trlaterale, o Bilderberg, o Nuovo Ordine Mondiale, o chiamatele come volete, ma sono i potenti della terra, così potenti da provocare le dimissioni di Berlusconi con la manovra di quattrocento miliardi sul mercato mondiale. Quattrocento miliardi di euro un uomo della strada li vedrà nella sua vita forse solo scritti sul muro: loro li maneggiano. Dovremo rassegnarci allo ‘schiacciamento islamico’ della nostra civiltà occidentale, come afferma Monsignor Negri? I nostri pronipoti saranno tutti caffelatte? Chi vivrà vedrà. A noi resta il privilegio d’aver vissuto un periodo in cui non c’erano queste trasformazioni. Forse fra un po’, a nome del gender, i bambini nasceranno grezzi, da rifinire verso la maggiore età, con gli organi sessuali relativi alla loro scelta. Oppure potranno scegliere di averli tutti, per una più completa e libera sessualità. I bambini nasceranno in provetta, su ordinazione, secondo le crocette tracciate su apposito questionario. Libertà, cosa non si fa nel tuo nome! Alla finestra, Putin osserva: e chissà che non sia proprio lui a risolvere la situazione. Dopo tutto, pare che i Russi siano molto bravi nell’hackeraggio elettorale, a far pendere la bilancia nella direzione voluta. Non sappiamo come la pensa, ma sarà forse meglio di ciò che ci si prospetta.

Roberto Ragone

Editoriali

Silenzio assoluto e oscurantismo sul centenario della nascita dell’URSS: una compagine politica fondamentale della storia dell’Occidente

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

Le quindici repubbliche indipendenti e sovrane, tra cui l’Ucraina, aderirono a quella che due anni dopo divenne una Federazione destinata a durare circa settantanni

E’ indiscutibilmente una vicenda quasi irreale quella che stiamo vivendo noi cittadini europei, non solo l’acrimonia se non odio vero e proprio nei confronti della Russia ma anche il fatto che sono trascorsi un pugno di giorni dalla ricorrenza della nascita il 30.12.1922, dell’URSS, della Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, cioè della compagine politica fondamentale della storia dell’Occidente e il silenzio è stato ed è, assoluto, oscurantismo completo! Le quindici repubbliche indipendenti e sovrane, tra cui l’Ucraina, aderirono a quella che due anni dopo divenne una Federazione destinata a durare circa settantanni: era l’epoca di Lenin, il creatore del nuovo stato sovietico, la configurazione politica più significativa del pianeta, una superficie che occupava e occupa quasi tanto quanto gli Stati Uniti e la Cina messi assieme! Il 30.12.1922 nel segno di una rivoluzione di cui non si era mai visto prima l’eguale per conquiste sociali e politiche ma anche per distruzioni e morti, era il proseguimento della Russia di Ivan il Terribile, di Pietro il Grande e di Caterina II la Grande con il loro notevole apporto alla grandezza e alla civilizzazione dell’immenso Paese. Spirito, cultura rivolti verso l’Europa: l’occidentalizzazione è fino ad oggi il suo marchio e la sua fisionomia, è la maggiore nazione europea. La componente asiatica, ricca di numerose razze e lingue e civiltà, evidenzia altre caratteristiche dello sconfinato Paese.

La orribile guerra Russia-Ucraina, in verità Stati Uniti, Nato e la serva Europa contro la Russia, durerà a lungo, con investimenti sempre maggiori in armamenti e appezzentimento e miseria inevitabili dei popoli europei: il bilancio, come sempre nella storia dell’uomo, fame e miseria, distruzioni e morti. E gli autori e armatori, Stati Uniti ecc. ben acquattati dietro le quinte, mandano armi e soldi e lasciano che gli altri si ammazzino e sbudellino, sotto la guida dell’amato Zelensky! Inevitabili rancore e risentimento della Russia nei confronti dell’Europa, anni e anni saranno necessari per rimuovere tali sentimenti e tornare al rispetto e alla ripresa delle relazioni.

Per ripetere Bertrand Russell, Einstein, Papa Francesco, è somma stoltizia e follia spendere soldi per ammazzarsi e distruggere e non invece migliorare le condizioni di vita, anche dei popoli in difficoltà. Nobel, l’inventore della dinamite, scrisse: i grandi criminali che trascinano i popoli verso la guerra! Sono sotto gli occhi di tutti, impuniti, grazie ai cittadini indifferenti e masochisti: una corsa verso il baratro. E le Ursule europee e italiane, sorridenti, mandano armi e soldi, per essere ligie a Biden e alla NATO, i nemici viscerali autentici, i guerrafondai! Perché tanto servilismo a Biden & Co e tanto odio verso la Russia, la sorella europea?

Allorché la politica, come quella che ci circonda, si immischia delle cose del pensiero e della cultura non può che dimostrare inadeguatezza: i Mitterand, i Malraux, i Willy Brandt, i Kohl, i Moro sono materiale raro, pregiato, ben altre le loro condotte: l’agone politico europeo è infestato anche dalla fauna più ignorante e non di rado mazzettiera e corrotta. A nome dei popoli che disgraziatamente sono chiamati a rappresentare, come si permettono i politici europei, con quale autorità morale e culturale, di seminare odio inaudito nei confronti della Russia, non solo con le loro stolte parole ma a mezzo di iniziative quando non criminali o illegittime, chiaramente ridicole e grottesche? Come si permettono di parlare a nome dei propri cittadini di cultura e di civiltà e al medesimo tempo vilipendere questo grande paese, gloria dell’Europa, per primo promotore della giustizia sociale e della uguaglianza tra la gente, salvatore reale dell’Europa in più occasioni col sangue dei propri figli, patria di titani dell’arte di ogni genere, che hanno illuminato, e illuminano, l’intero pianeta? E allo stesso tempo sostenere i vari falstaff bombaroli, dichiaratamente nazionalisti e occultamente nazisti e fascisti? Come si permettono i vari Macron, le varie Ursule della scena europea, togliere soldi ai propri cittadini e regalarli a Zelensky affinché più razionalmente possa contribuire, senza nessuna opposizione o parvenza di contestazione, alla distruzione sistematica del proprio paese e alla gestione di cifre faraoniche di soldi? Perché? A Zelensky sì e no alle altre popolazioni del pianeta bisognevoli? Che cosa è siffatta solidarietà a senso unico? E’ palesemente solo per inginocchiarsi a Biden, prevaricatore per vocazione personale e per tradizione storica. Quanto in qualche modo contribuisce alla evidente e sfacciata improvvisa avversione alla Russia è anche il fatto che in Europa oggi è politicamente evidente una forte presenza cosiddetta di destra se non autoritaria in certi stati, da sempre per costituzione ideologica, conservatrice e reazionaria, tra l’altro nemica connaturata del comunismo: quindi la cosiddetta ‘aggressione’ della Russia, in perfetta sintonia con gli Stati Uniti è occasione di insulti e rappresaglie. Abbasso la pace, evviva la guerra! La Cina è presente e guarda solamente, per ora e, a parte i pericoli suscettibili di sfociare in qualcosa di distruttivo della intera umanità, la sola compagine idonea a fungere da arbitro fattivo e intelligente verso la pace, l’Europa dunque, è ormai dichiarato e felice stuoino di Biden e NATO, senza impedimenti, tutti d’accordo, salvo la gran parte dei cittadini! La dissoluzione dell’URSS il 26.XII.1991 a seguito delle teorie e ideali del presidente Gorbaciov, la guerra in atto, risveglia, come è stato osservato, l’atmosfera in Europa degli anni venti e trenta e cioè Stalin e la nascita di Mussolini, di Franco, di Salazar, di Hitler…

Si legga quanto scritto sul Muro di Berlino, il simbolo della cortina di ferro, della divisione tra le nazioni, e si ricordino le parole di Kennedy del 26 giugno del 1963 a Berlino Ovest: Ich bin ein Berliner, sono un berlinese, a sottolineare la comunità delle genti e non i conflitti o addirittura le guerre!

Noam Chomsky, sempre univoco, ha scritto ripetutamente che l’Europa “è stata colonizzata culturalmente dagli Stati Uniti a un livello inverosimile….una brutta copia degli Stati Uniti, anche se ancora più tragico perché hanno una sensazione di grande indipendenza. Gli intellettuali d’Europa…..hanno subito dagli Stati Uniti un totale lavaggio del cervello”. E il da poco defunto presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, ha scritto: “…oggi abbiamo bisogno di Europa, di un’Europa che sia e diventi uno strumento di pace”. “La pace è amicizia tra i popoli, è cooperazione tra gli Stati, condivisione di sovranità con gli organismi internazionali”. Tutto saltato in aria “..dalle armi che sparano, dalle bombe che esplodono, dal riarmo sul nucleare….”.

La sola speranza sono i cittadini europei e il loro dissenso, partecipativo.

Continua a leggere

Editoriali

Strage di Acca Larenzia: chi fu il mandante?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Tanti passaggi di mano per la mitraglietta Cz 61 Skorpion calibro 7.65 usata per la strage di via Acca Larenzia, per il rapimento di Aldo Moro, per gli omicidi dell’economista Ezio Tarantelli, dell’ex sindaco di Firenze Lando Conti e del senatore Roberto Ruffilli.

Oggi dopo 45 anni da quei fatti ci si chiede ancora: chi è il mandante? Riproponiamo la video intervista del 2018 a uno dei sopravvissuti – Maurizio Lupini – e il video servizio che ripercorrere il clima politico di quei giorni che precedettero i tragici eventi del Tuscolano.

La video intervista a Maurizio Lupini [Cliccare sulla foto per guardare]

Il video servizio che ripercorre quello che era clima politico dei giorni che precedettero i tragici eventi del Tuscolano [Cliccare sulla foto per guardare]

Continua a leggere

Editoriali

Giustizia pilastro della democrazia, Lucarella: “Si intervenga sulle storture”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il referendum sulla giustizia è alle porte. Si voterà il prossimo 12 giugno. Nel mezzo c’è la riforma del Ministro Cartabia che, dopo il primo passaggio alla Camera dei Deputati, è
incardinata al Senato della Repubblica.

Questo il commento a caldo di Angelo Lucarella, vice coordinatore della commissione giustizia del Ministero dello sviluppo economico, che L’Osservatore d’Italia ha raccolto per i lettori.
“Il referendum è un istituto costituzionalmente sacro del nostro Paese. Non si tratta di essere pro o contro la magistratura o sostenere una iniziativa di colore politico. Si tratta di riconoscere che esiste un problema e di non sottovalutare che la democrazia si deve esprimere, soprattutto, con la chiamata del popolo al voto.

Illustri giuristi come Nordio, Cassese, ecc. hanno sposato la questione perché siamo ad un punto cruciale della vita del sistema giudiziario.
Ecco, sebbene il referendum non risolva tutti i problemi di certo ne evidenzia quelli indifferibili da trattare. Porte girevoli in primis. Anzi, poiché c’è un limite oggettivo di natura costituzionale si dovrebbe anche intervenire con una revisione puntuale che includa un nuovo assetto del giusto processo e che fissi una volta per tutte la separazione delle carriere (che ad onor del vero, se passasse oggi il referendum, porrebbe un problema di politica giudiziaria ulteriore ovvero come pensare i percorsi sin dalle Università).


In sostanza siamo tutti per una magistratura sana, perché ci sono tanti giudici seri, coraggiosi, garantisti. È anche per loro, oltreché alle circa 30 mila persone colpite da ingiuste carcerazioni dagli anni 90 in poi (dati pubblicati dall’Osservatorio ErroriGiudiriari in collaborazione con l’Unione Camere Penali d’Italia) che occorre rispettare il voto referendario.
In ultimo è da tener conto che il Ministero della Giustizia ha riportato che nel 2021 ci sono stati circa 24 milioni di euro di risarcimenti per ingiusta carcerazione preventiva (nel 2020 il totale fu 37 milioni) e che 43 mila euro, invece, è la media-importo per caso.
Ad ogni modo l’importante è andare a votare (a prescindere dall’orientamento per il Si o per il No) perché più forte è la voce dei cittadini, migliore più essere il dialogo tra i poteri dello Stato”.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti