Connect with us

Cultura e Spettacoli

Napoli, al Museo Archeologico Nazionale 2000 anni di storia di cultura della tavola: la mostra che chiude l’anno del cibo italiano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NAPOLI – “RES RUSTICA. Archeologia, botanica e cibo nel 79 d.C.” è il titolo della nuova mostra – esposizione al Mann Museo Archeologico Nazionale di Napoli dal 21 novembre al 18 febbraio 2019.

L’intento dell’esposizione è di far conoscere le abitudini quotidiane legate al cibo degli antichi romani, la mostra offre un’ampia prospettiva sull’alimentazione di duemila anni fa, un viaggio che i visitatori faranno durante il percorso espositivo nelle radici dove nascono le nostre abitudini.

Nell’allestimento archeobotanico sono esposti anche utensili che utilizzavano i romani per cucinare, pentole ancora intatte come la padella per cucinare le uova, dipinti che avevano come soggetto il cibo degli antichi fino all’eruzione del Vesuvio.

Nell’allestimento grazie all’utilizzo della più recente tecnologia della comunicazione proiezioni video (in italiano ed in inglese) illustrano gli antichi reperti botanici in un costante rapporto con le conoscenze acquisite nel nostro presente. L’allestimento propone anche cibo appartenente al mondo antico come una fresella, un tarallo e una bottiglia con olio di oliva già presentata da Alberto Angela durante la rassegna stampa per il programma “Stanotte a Pompei”, un’esposizione Ante litteram della nostra dieta mediterranea e sulle nostre origini.

Ad accogliere i viaggiatori nella ‘Collezione dei Commestibili’ di Pompei una grande carta geografica, di cui sono tracciate le rotte seguite, delle singole specie, spesso approdate sulle coste italiane dall’Oriente. L’intera Collezione dei commestibili non veniva esposta dal 1989, attualmente l’allestimento è situato nella sala 94 (adiacente al Plastico di Pompei), un percorso che mostra i cibi dell’antichità ed anche le “connessioni” tra le varie civiltà, un continuo dialogo dei popoli iniziato nell’antichità. Il percorso espositivo offre ai visitatori un’ulteriore spiegazione delle nostre abitudini legate all’alimentazione che sono alla base della nostra dieta.

La ‘Collezione dei Commestibili’ come la ‘Collezione dei Tessuti’ fanno parte del patrimonio appartenente al Mann, le due collezioni vennero scoperte dalle prime campagne di scavo da Carlo di Borbone, egli raccolse tutti i materiali provenienti da Herculanem e Pompei alla Reggia estiva di Portici, includendo anche fragilissimi materiali come tessuti, prossimamente in mostra al museo del capoluogo campano.

Paolo Giulierini: “Una mostra dedicata alle radici della nostra ricchezza agro-alimentare”

Come spiega il Direttore del Museo Archeologico di Napoli, Paolo Giulierini: “Chiudiamo l’anno del Cibo italiano voluto da MIBAC e MIPAAFT con una mostra dedicata alle radici della nostra ricchezza agro-alimentare: 2000 anni di storia della cultura, della terra e della tavola sono i testimoniati da resti materiali conservati al MANN”- prosegue sempre Giulierini -“resti che costituiscono un tesoro unico al mondo. L’esposizione rappresenta un’opportunità straordinaria non solo per rappresentare per la prima volta la Collezione dei Commestibili, ma anche, nello spirito del Progetto I Tesori del MANN inaugurato con successo dalle armi dei Gladiatori, per raccontare al grande pubblico cosa significa fare ricerca scientifica su questi rari materiali”.

Un’immersione tra le piante dove si evincono i viaggi degli antichi, fra le testimonianze vi sono esposti gli “Affreschi dei peschi” arrivato a noi pochi decenni prima dell’eruzione del 79 d. C., come spiega il Professore Gaetano De Pasquale durante la presentazione, un percorso che racconta la “vera grande ricchezza” del territorio.

Res Rustica è una mostra dedicata alle radici della nostra ricchezza agro-alimentare, ma che svela anche falsi storici come i 5 chilogrammi d’uva, costituite da vinacce (da graspi, bucce e vinaccioli) non appartenevano al mondo antico come si si credeva che appartenessero, ma in realtà appartengono al ‘700.

Le vinacce fanno parte degli oggetti conservati nei depositi del museo partenopeo e dalle analisi effettuate dimostrano che sono di origine ben più recenti, infatti risalgono alle coltivazioni del diciottesimo secolo come dimostrano i risultati della datazione effettuata presso il Laboratorio CIRCE (Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”.
La conferenza di tutto il percorso espositivo è avvenuta mercoledì 21 novembre, hanno partecipato all’incontro il Direttore del Museo Nazionale Archeologico di Napoli, Paolo Giulierini, l’Archeologo Luigia Melillo, Referente Scientifico per i Progetti Speciali e per le Relazioni Internazionali del Mann, il Professore Gaetano Di Pasquale (Dipartimento di Agraria, Università degli Studi di Napoli “Federico II”).

Elenco delle specie archeobotaniche in esposizione: Vite (vinaccioli), olivo (olive e noccioli), fico (frutti interi e spaccati), pino domestico (pigne e pinoli), melograno (frutti piccoli) e “bucce”, nocciolo (nocciole sgusciate), pesco (noccioli), mandorlo (frutti), carrubo (frutti), cereali (orzo, miglio, farro), legumi (semi di lenticchie, favino), castagno(una castagna), aglio (diversi spicchi), cipolla scalogno (bulbi), palma da dattero (datteri).

Giuseppina Ercole

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Cultura e Spettacoli

“I Promessi sposi” sbarcano al teatro di San Cesareo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

L’ associazione “Marionette senza fili” continua a portare sul palco del teatro Giulanco di S. Cesareo il grande teatro! Venerdì 18, sabato 19 e domenica 20 ottobre infatti (venerdì e sabato ore 21 e domenica ore 18) sarà in scena con lo spettacolo saggio del corso di teatro dei ragazzi “I PROMESSI QUASI SPOSI“, in un adattamento, opera di Angela Pariota che ne cura anche la regia, del celebre romanzo di Alessandro Manzoni. Le coreografie sono realizzate da Manuela Serpetti.

Il direttore artistico Claudio Tagliacozzo conferma: “In questo spettacolo saggio di fine corso “junior” abbiamo preso un capolavoro Manzoniano e Manzoni stesso e lo abbiamo stravolto per permettere ai giovani attori in erba di mettersi alla prova nei panni di un personaggio più alla loro portata.  Alcuni avranno la difficoltà a causa del doppio ruolo affidatogli. 

La storia si ripete: Manzoni scrisse il romanzo nei primi del 1800 ma ambientandolo nel 1600 proprio per rappresentare il conflitto tra storia e morale. Vedremo come i fatti saranno vissuti in chiave moderna e comica. Il tutto sarà svolto in un ambiente semplice ed essenziale per dar rilievo al lavoro dei giovani attori”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Open Day Castelli Romani: c’è anche il Comune di Ariccia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

All’”OPEN DAY CASTELLI ROMANI” di domenica 20 ottobre 2019 partecipa
il Comune di Ariccia con visite guidate ai beni artistici, mostre, laboratori e recital di poesie

Il Comune di Ariccia partecipa all’evento di domenica 20 ottobre 2019 “OPEN DAY CASTELLI ROMANI” promosso dal Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani, Parco dei Castelli Romani, la Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini, il GAL Castelli Romani e Monti Prenestini, il Sistema bibliotecario Prenestino e il sistema Museumgrantour e la Regione Lazio. Si tratta della terza edizione dell’Open Day una grande giornata di festa con aperture straordinarie per vivere, conoscere e gustare il territorio, per assistere ad eventi e visitare gratuitamente questi splendidi borghi.
In occasione dell’Open Day Palazzo Chigi in Ariccia aprirà in maniera gratuita il Museo del Barocco e le Stanze del Cardinale.
Presso il Villino Volterra si svolgerà una visita guidata del giardino e del primo piano con la proiezione del filmato “L’eredita di Vito Volterra”.
Sarà possible visitare il Santuario della Madonna di Galloro nella fascia oraria 15:00 – 17:00 e la Chiesa Collegiata di Santa Maria Assunta in Cielo nella fascia oraria 16:00

  • 17:30. Nella Galleria Art Saloon sarà visitabile la mostra collettiva “Un passo avanti’.
    La Biblioteca Attiva di Ariccia proporà per l’occasione un laboratorio di acquerello “Nel prato azzurro del cielo”, a partire dai libri della Biblioteca Attiva di Ariccia, per far conoscere e osservare le meraviglie del Parco Chigi e degli antichi Stalloni Chigi.
    La Locanda Martorelli-Museo del Grand, grazie all’Archeoclub Aricino Nemorense APS, aprirà straordinariamente e sarà visitabile per tutta la giornata del 20 ottobre nei seguenti orari: mattina ore 10:00-12:30, pomeriggio ore 16:00-18:30 con accompagnamento guidato. Inoltre si svolgeranno su prenotazione due visite guidate
    tematiche, alle ore 10:00 e alle ore 17:00, dedicate al poeta danese Ludwig Bødtcher:
    “L’ARICCIA DELLE MERAVIGLIE. Il Grand Tour e la Locanda Martorelli con Ludwig Bødtcher” con recital delle poesie che l’artista danese dedicò ad Ariccia durante il suo soggiorno presso la storica Locanda (archeoclubaricia@alice.it;
    archeoclubaricinonemorense@gmail.com; mobile: 3883636502).

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Ambiente

Napoli, al Mann la mostra sui cambiamenti climatici: fino al 31 maggio 2019

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NAPOLI – Prosegue con successo al Museo Archeologico Nazionale di Napoli la mostra: “Capire il Cambiamento Climatico” per cambiare il nostro futuro. L’Exeperience exhibition resterà allestita fino al 31 maggio ed organizzata in collaborazione con Nathional Geographic Society. La mostra è uno spazio esperienziale che narra ai viaggiatori la causa e gli effetti del riscaldamento globale con la curatela scientifica di Luca Mercalli.

Lo spazio espositivo che si trova al secondo piano del Real Museo partenopeo (MANN) vicino al celebre Salone della Meridiana offre ai visitatori di poter fruire centinaia di immagini, scatti di grandi maestri della fotografia e filmati di Nathional Geografic, offriranno ai viaggiatori ambienti immersivi, arricchiti da esperienze olfattive e sensoriali in un contesto che mette a confronto il passato e il presente.

Un panoramica di immagini di Nathional Geographic selezionate in un arco temporale di ben tre decenni che dimostrano l’inarrestabile progressione dei cambiamenti climatici.

I fruitori saranno accolti nella prima sala da grandi immagini di natura rigogliosa, ricreata lungo le pareti perimetrali, faranno da contraltare gli scatti delle catastrofi dovute al cambiamento climatico. Il secondo step si passa alla Consapevolezza: pareti interattive, infografiche e illustrazioni mostreranno come le scelte politiche, culturali ed economiche possano influire sull’ambiente, e inevitabilmente sui cambiamenti climatici. Ultimo step dell’exhibition è un invito ai visitatori ad agire: una call to action finale. “Cambiamo il nostro futuro”, con lo scopo di stimolare il visitatore ad adottare comportamenti “ecosostenibili” nel proprio quotidiano: dall’alimentazione alla scelta dei trasporti, un invito alla riduzione dei consumi energetici ed alla gestione dei rifiuti.

“Viviamo in un momento cruciale della storia dell’umanità, – spiega Luca Mercalli, meteorologo, climatologo e divulgatore scientifico – in cui la presa di coscienza delle popolazioni, – prosegue – la posizione dei governi, la rivoluzione tecnologica delle energie rinnovabili e la scelta etica di consumi più moderati rappresentano l’unica possibilità di invertire una marcia che ci porta verso tempi ostili. Come sottolinea l’IPCC occorrono al più presto misure senza precedenti”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it