Connect with us

Cronaca

NAPOLI: IL MERCATO DELLA CONTRAFFAZIONE NON CONOSCE CRISI

Clicca e condividi l'articolo

Noti marchi come Burberry, Adidas, Fred Perry, K-way, Blauer e Ralph Lauren sono stati riprodotti in un laboratorio di S. Giuseppe Vesuviano per essere venduti illegalmente a prezzi bassi

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Christian Montagna

Napoli – Un'arsenale di camicie, giubbotti, polo e accessori contraffatti è stato rinvenuto a San Giuseppe Vesuviano dalla Guardia di Finanza. Noti marchi come Burberry, Adidas, Fred Perry, K-way, Blauer, Harmont & Blaine, Dsquared e Ralph Lauren sono stati riprodotti nei laboratori napoletani per essere venduti illegalmente a prezzi molto più bassi. Nel laboratorio ispezionato dalle fiamme gialle, sono stati sequestrati duemila tabella di abbigliamento, 1300 mq di tessuto, cinque macchine ricamatrici, 1150 cucirini, un tower pc ed altri supporti informatici. Sempre nella Napoli illegale poi sono state scoperte nella zona di Poggioreale oltre 15 mila borse da viaggio in pelle con il marchio Armani naturalmente falso e due espositori con 102 orologi marcati come Rolex e Iwc. In totale, cinque persone, tra cui due cinesi, un tunisino e due italiani, sono state denunciate alla magistratura.

E' il mercato del falso che non conosce crisi quello di cui stiamo parlando: quasi sempre gestito dalla camorra, in periodi problematici come questo, sta diventando sempre più l'unica ancora di salvezza per chi alle marche proprio non vuole rinunciare. A Napoli, si sa, che il culto della moda, maschile o femminile che sia, è molto venerato: per un giovane napoletano, indossare capi firmati, anche se si fosse impossibilitati nel comprarli, è un imperativo categorico al quale non può sottrarsi e che gli consente di poter far colpo sugli altri ed essere identificato come un leader. Questioni indubbiamente di mentalità, ma qui, purtroppo, questo non è l'unico tabù. Dalle parti di piazza Garibaldi, nel piazzale antistante la stazione ferroviaria ad esempio, la griffe a prezzi stracciati diventa pane quotidiano per tutti gli ambulanti. Un evergreen che non conosce lo stop nelle vendite.

Marchi esposti in bella vista noncuranti degli agenti di polizia per strada, debordano dalle bancarelle e dai passeggini utilizzati dagli ambulanti, spesso stranieri, che, arruolati dalla malavita, si affaticano a vendere la merce. Gli acquirenti, consapevoli dell'acquisto di merce contraffatta, riescono comunque ad essere soddisfatti, purché il marchio sia evidente. Ad esempio, una scarpa Hogan che in queste zone la si trova a trenta cinque euro, in negozio è possibile pagarla anche sette volte di più. "Perché dunque non approfittarne", dicono i napoletani? Ed è così facendo che accrescono gli introiti della malavita e le zone di Napoli prese di mira diventano bazar abusivi a cielo aperto. In questa catena produttiva, il guadagno è assicurato a tutti: chi produce in fabbrica, chi cuce i marchi, chi rifinisce le scarpe, chi vende e chi controlla le zone allontanando le forze dell'ordine e i rivali. In una situazione di degrado e di scarso controllo come quella di Napoli, purtroppo sono sempre più numerose le aperture delle industrie che producono i cosiddetti tarocchi e dulcis in fundo, da poco tempo come se non bastasse, si sono stanziati anche i cinesi.
 

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Passo Corese: donna si sente sola, chiama i Carabinieri per un po’ di compagnia e loro la raggiungono a casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

PASSO CORESE (RI) – Nel tardo pomeriggio di ieri, la Sig.ra Ivana, domiciliata a Passo Corese, 72enne, ha chiamato i Carabinieri perché si sentiva sola.

Il centralinista di turno, percepito lo stato particolarmente triste nel quale si trovava la Signora, ha avvisato il Ten. Carmelo Ceraolo, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, il quale, unitamente al Comandante della Stazione CC di Passo Corese Luogotenente Rosario Caliendo e al Maresciallo Giuseppe Farinelli, Addetto alla Stazione di Fara Sabina, si è recato immediatamente presso il domicilio della Signora Ivana, donandole il calendario storico del 2021.

La donna, commossa dal gesto, ha ringraziato i militari e ha espresso loro il cordoglio per l’uccisione del Carabiniere Iacovacci in Congo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, arrestati i 10 componenti della banda criminale dei bancomat

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro

MILANO – Alle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, a conclusione di una lunga attività di indagine, hanno arrestato i dieci componenti della banda criminale responsabile di aver assaltato diversi sportelli bancomat in tutta Italia.

In manette 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di furti di denaro contante presso gli sportelli ATM di istituti di credito su tutto il territorio nazionale mediante assalto con miscela esplosiva, riciclaggio ed altro.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo e dirette dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno consentito di disarticolare un sodalizio, i cui capi ed organizzatori abitano e sono cresciuti nel quartiere “Pilastro” di Bologna, specializzato nella realizzazione di assalti notturni in danno di sportelli bancomat.

Le violente esplosioni causate per scardinare gli sportelli bancomat hanno spesso provocato ingenti danni alle strutture e in alcuni casi con conseguenze di inagibilità ad interi edifici.

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Emilio Orlando, una firma della cronaca sull’Albo dei Giornalisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il giornalista Emilio Orlando figura nuovamente nell’albo dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio come pubblicista dopo che nel 2019 il suo nominativo non compariva nell’elenco dell’Ordine dei Giornalisti.

A quanto risulta oggi la sua posizione di iscritto è regolare. Emilio Orlando svolge attività giornalistica principalmente su casi di cronaca nera e di giudiziaria e spesso è ospite di trasmissione televisive.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti