Connect with us

Cronaca

NAPOLI, SMA 1: LA PICCOLA VITTORIA HA VINTO. IL TRIBUNALE AUTORIZZA IL FARMACO

Clicca e condividi l'articolo

Condannato il Ministero. La diretta de L'Osservatore d'Italia. Il giudice ha finalmente autorizzato l’ uso compassionevole del farmaco Isis smnrx

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Christian Montagna

ESCLUSIVO: LEGGI L'ORDINANZA DEL TRIBUNALE NELLE FOTO IN FONDO ALL'ARTICOLO

Napoli – Si appresta a diventare storica la sentenza del Tribunale di Napoli Nord in merito alla vicenda della piccola Vittoria De Biase affetta da Sma 1. Il giudice ha finalmente autorizzato l’ uso compassionevole del farmaco Isis smnrx giunto in terza fase di sperimentazione. Una speranza per Vittoria, ora, comincia ad esserci seriamente. I legali della famiglia De Biase, A. d’Orta, E. Altieri e F.Marinelli, che assistono la piccola sin dall’inizio di questa impervia battaglia per la vita, hanno comunicato, attraverso una conferenza stampa terminata pochi minuti fa, le motivazioni della piacevole sentenza che fa sperare in un futuro migliore per la piccola.

 

L'ordinanza del Tribunale. Visti gli atti e la richiesta dei legali, il giudice del Tribunale di Napoli Nord ha dichiarato che:  “…anche la giurisprudenza ha contribuito ad elaborare una serie di principi in materia, stabilendo che “il diritto al ottenere trattamenti sanitari, essendo basato su norme costituzionali di carattere programmatico impositive di un determinato fine di raggiungere, è garantito ad ogni persona come diritto costituzionalmente condizionato all’attuazione che il legislatore ordinario ne dà attraverso il bilanciamento dell’interesse tutelato da quel diritto con gli altri interessi costituzionalmente protetti,  tenuto conto dei limiti oggettivi che lo stesso legislatore incontra nella sua opera di attuazione in relazione alle risorse organizzative e finanziarie di cui dispone al momento; ed inoltre che il giudice ordinario può e deve ordinare la dispensazione gratuita di un farmaco “indispensabile e insostituibile per il trattamento di gravi condizioni o sindromi morbose che esigono terapie di lunga durata” che la normativa secondarie di natura amministrativa non abbia assunto, in violazione dei criteri in proposito stabiliti dalla legge, nella relativa categoria, previa disapplicazione dell’atto amministrativo in cui l’esclusione si sia caratterizzata…” (continua nelle foto in fondo all'articolo).

Vagliando gli tabella della Costituzione citati dai legali e il codice deontologico medico e in merito al diritto di somministrazione di un farmaco, il giudice, non avendo conoscenze specifiche in materia trattata, ha ritenuto opportuno nominare il prof. Antonio Fels, primario di neurologia presso l’Ospedale Cardarelli di Napoli al fine di accertare se il farmaco costituisca l’unica alternativa terapeutica viste le condizioni di Vittoria.

 

La condanna. Nell'ordinanza finale emessa si legge che:Il Tribunale ordina al Ministero della Salute ed all’Aifa, a ciascuno per quanto di competenza, l’acquisto del farmaco sperimentale ISIS-SMNRx ed al Policlinico Gemelli di Roma la sua somministrazione alla piccola Vittoria De Biase per via intratecale entro 20 giorni da oggi e comunque nel più breve tempo possibile; condanna il Ministero della Salute alla refusione delle spese di lite del presente grado di giudizio, pari ad euro 2.000,00 più Iva e Cpa; pone a carico del Ministero della Salute le spese di consulenza tecnica d’ufficio come da separato decreto; compensa le spese di lite tra le parti istanti e le altre parti convenute del giudizio.”

 

La richiesta dei legali. Appellandosi all’articolo 32 della Costituzione secondo cui la salute è un “fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività”, i legali avevano chiesto al Tribunale di Napoli di concedere il farmaco in quanto aspetto fondamentale di suddetto diritto. Oltre agli studi sperimentali che vedono protagonista il farmaco, anche la cura compassionevole infatti deve essere consentita. Codice deontologico medico e Dichiarazione di Helsinki erano stati nel corso della richiesta più volte citati nella speranza di poter giungere ad una lieta notizia motivata e giuridicamente accettabile. L’uso compassionevole del medicinale Isis era stato già prescritto dal prof. Vittorio Ceraso, neurologo e studioso di malattie neurodegenerative alla piccola Vittoria, ma, la casa farmaceutica aveva ignorato tale richiesta . Ed è proprio da questa prescrizione che era partito il ricorso alla giustizia e al Tribunale. Una richiesta, quella dei legali, alla casa farmaceutica affinché possa mettere a disposizione il farmaco per uso compassionevole viste le precarie condizioni di salute di Vittoria. Sebbene il Ministero della Salute, avesse già in precedenza dai propri uffici fatto invano richiesta del farmaco, la sentenza del Tribunale obbliga ora ad autorizzare la somministrazione presso gli ospedali “Gaslini” di Genova e “Gemelli “ di Roma, che hanno in carico la sperimentazione.

 


Vittoria e la sua grande battaglia per la vita. E’ stato grazie al social network Facebook che il nostro giornale ha conosciuto la storia di questa bambina affetta da Sma 1. Precisamente a Marano, alle porte di Napoli, il 2 Gennaio 2014 nasce Vittoria, destinata a rimanere nella storia per la sua grinta, la sua tenacia e per la sua battaglia. Due grandi occhioni, capelli neri ed uno sguardo vivo che trasmette tanta forza. Vittoria, come tutte le bambine della sua età, nasce e si diletta con i suoi genitori a crescere naturalmente per i primi quattro mesi di vita. Mamma Sonia e Papà Gerardo sono le persone più felici del mondo: hanno dato la vita ad una principessa. Ed è proprio la vita che scorre felicemente per questa bella famiglia fino a quando, intorno al quinto mese di vita, Vittoria comincia a manifestare dei sintomi allora non diagnosticati. Il primo ricovero all'Ospedale Santobono di Napoli del 16 Giugno 2014 non riesce a far stabilire ai sanitari le cause di questo malessere. Ad Agosto però, arriva la notizia: Vittoria è affetta da SMA 1, la forma più grave. I genitori accolgono attoniti la notizia ma ciò nonostante, si armano di pazienza e cominciano il più grande calvario che due persone possano fare nella vita, quello per salvare la propria bambina. Gli ospedali di Napoli e Roma che in questi mesi visitano Sonia e Gerardo per assicurare a Vittoria una vita tranquilla seguono un protocollo che prevede la tracheotomia. Ma mamma e papà di questa non ne vogliono proprio sapere e preferiscono affidarsi ai metodi sperimentali e all'utilizzo dei farmaci compassionevoli. La situazione si complica il 31 Gennaio 2015: Vittoria viene ricoverata all'ospedale Bambin Gesù di Roma per una broncopolmonite e le viene diagnosticata un infezione da virus AH1N1. La piccola fa i conti con la rianimazione ma in pochi giorni il virus viene debellato. Trascorre un mese in un letto di rianimazione, privata del sostegno della sua mamma e del suo papà che dall'esterno di quella sala pregano per la loro piccola. Vittoria comincia ad avvertire il peso della sofferenza, la noia della solitudine: in quella stanza di rianimazione proprio non vuole starci e comincia a versare lacrime. Anche al Bambin Gesù di Roma, il protocollo da seguire prevede la tracheotomia ma, mamma Sonia e papà Gerardo tentano un'altra strada perché come quest'ultimo ripete ancora, " Un mese di mia figlia equivale a dieci anni della mia vita" . Il 25 Marzo, con l'aiuto di Chiara Mastella, coordinatrice del Sapre, giungono a spese proprie e dopo aver impiegato circa una settimana per poter trovare un mezzo disponibile ( 2500 euro per viaggiare in autoambulanza con un medico rianimatore ed un infermiere privato) all'ospedale Buzzi di Milano. Ed è proprio grazie all' aiuto di Chiara Mastella, alla i genitori rivolgono uno speciale ringraziamento per l'amore e la dedizione con i quali si dedica ai bambini, che Vittoria riesce a sopravvivere. Papà Gerardo comincia a perdere le staffe e si chiede perplesso dove fosse il sostegno dello Stato e come avesse potuto fare una famiglia senza possibilità economiche. In questa struttura, Vittoria comincia a trovare un pò di serenità: viene svezzata dall'ossigeno in due giorni e aiutata con una minima quantità di ossigeno durante la giornata ma, una volta migliorate le sue condizioni di salute, viene dimessa e torna a casa, in treno.

La mobilitazione sui social. La storia di Vittoria ha fatto il giro d'Italia, conquistando anime e cuori, il mio compreso. Su Facebook è stata indetta una petizione a cui numerose persone stanno aderendo tuttora: la mamma e il papà, chiedono di poter accedere all'uso compassionevole del farmaco Isis smnrx. Per le piazze di Napoli, nelle chiese, alle feste di piazza, Vittoria diventa la figlia, la sorella, la cugina di tutti i napoletani: firme cartacee raccolte da volontari, firme online e ovunque, stadio compreso, una grande manifestazione di affetto, fino ad arrivare alla fiaccolata del Vomero del 22 Giugno scorso quando, in trecento o forse più, le strade del quartiere si colorano di un solo nome, quello di Vittoria.
 

Cronaca

Roma, non accetta la fine della storia d’amore e colpisce con una testata la ex

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – I Carabinieri della Stazione Roma San Paolo hanno denunciato a piede libero un 36enne romano con le accuse di percosse e maltrattamenti contro familiari o conviventi.

I militari, in transito in vicolo di Grotta Perfetta, hanno visto una discussione particolarmente animata tra un uomo e una donna e sono subito intervenuti per sedare gli animi.

I Carabinieri hanno appurato che pochi istanti prima, la donna – una 40enne originaria di Milano – mentre era in compagnia della figlia di 11 anni avuta da una precedente relazione, aveva avuto una violenta discussione in casa con il suo ex compagno, durante la quale era stata colpita al volto da una testata.

La vittima, prima dell’arrivo dei Carabinieri, stava tentando di raggiungere la sua auto, insieme alla figlia, per scappare dalla furia del 36enne.

Gli accertamenti dei Carabinieri hanno permesso di appurare che il 36enne non ha mai accettato la decisione della donna di interrompere la loro relazione sentimentale, iniziata nel mese di gennaio del 2020.

Visitata dal personale del 118, la donna ha rifiutato le cure mediche e non ha voluto sporgere querela per le percosse ricevute.

Ai militari non risultano pregressi episodi dello stesso genere.

Continua a leggere

Costume e Società

1000Miglia, Polizia Stradale al fianco dei partecipanti fino alla tappa finale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

61 poliziotti con 32 moto, 10 auto, un furgone per il trasporto di materiale, un carro soccorso per eventuali esigenze assicurerà il servizio di scorta e sicurezza della gara d’epoca

Partita ieri la più celebre corsa d’auto d’epoca del mondo, la “1000Miglia” e come sempre la Polizia Stradale sarà al fianco dei partecipanti fino alla tappa finale del 19 giugno.

La prima tappa parte da Brescia e raggiungerà Viareggio, il giorno dopo la carovana riprenderà la corsa per raggiungere Roma e ripartire poi alla volta di Bologna; l’arrivo sarà a Brescia il 19 giugno.

I 61 poliziotti con 32 moto, 10 auto, un furgone per il trasporto di materiale, un carro soccorso per eventuali esigenze assicurerà il servizio di scorta e sicurezza della gara d’epoca che quest’anno, pur rispettando il tradizionale percorso da Brescia a Roma e ritorno, per la prima volta invertirà il senso di marcia.

Insieme alle 400 auto d’epoca partecipanti, ci saranno anche le nostre Alfa Romeo Giulia, la Lancia Flaminia e l’Alfa Romeo Giulietta; la nostra Lamborghini Huracan prenderà invece parte alla “1000 Miglia” Experience con le spettacolari Supercar e hypercar moderne.

La Lancia Flaminia Berlina del 1961 ha un motore V6 a benzina, 80 cavalli, 4 marce e 2.5 cc di cilindrata e può raggiungere i 160 chilometri orari; l’Alfa Romeo Giulietta 1300TI del 1961 ha un motore a 4 cilindri a benzina, un cambio a 4 marce, 65 cavalli e può raggiungere i 155 chilometri orari mentre l’Alfa Romeo Giulia Super 1600TI del 1974 ha una cilindrata di 1570 cc ha un’alimentazione a benzina e 5 marce.

Continua a leggere

Cronaca

Borgorose, arriva il metano: 40 chilometri di nuove condotte

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BORGOROSE (RI) – Il metano è finalmente una realtà anche per i cittadini e per la zona industriale di Borgorose. Il 17 giugno il Comune e Italgas inaugurano, infatti, la rete di distribuzione cittadina del gas
naturale con la tradizionale cerimonia di accensione della fiaccola.

L’impianto ha richiesto la posa da parte di Italgas di 40 chilometri di nuove condotte che serviranno a collegare alla rete – proveniente dalla zona industriale – il nucleo abitato e le famiglie di Borgorose che saranno così stabilmente approvvigionate del gas naturale, fonte energetica sicura, economica e sostenibile.

Borgorose va così ad aggiungersi a tutte le località che, negli ultimi mesi, hanno potuto contare sui benefici del metano e sulle possibilità di sviluppo ad esso connesso.

Le famiglie e le aziende interessate ad allacciarsi alla rete, sono invitate a sottoscrivere l’apposita richiesta quanto prima. In seguito alla richiesta di allaccio alla rete gas e alla regolare stipula del contratto di fornitura con una società di vendita, Italgas provvederà all’installazione di misuratori intelligenti di ultima generazione (smart meters) in grado di consentire, tra le altre funzioni, la lettura in tempo reale dei consumi. Un vantaggio per il cliente finale, che vedrà la sua bolletta sempre più aderente ai consumi reali, e un importante beneficio anche per l’ambiente in virtù dei minori spostamenti necessari per svolgere la tradizionale attività di rilevazione manuale.

Continua a leggere

I più letti