Connect with us

Economia e Finanza

'NDRANGHETA: NUOVI STRUMENTI DI SICUREZZA CONTRO IL FENOMENO MAFIOSO

Clicca e condividi l'articolo

Ieri pomeriggio, permetterà ai prefetti l'attuazione del Piano studiato proprio per arginare il fenomeno mafioso della 'Ndrangheta.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Le nuove strategie contro la criminalità organizzata sono state al centro di una conferenza stampa tenutasi questo pomeriggio a Roma al ministero dell'Interno.
Il ministro dell'Interno Angelino Alfano insieme al capo della Polizia Alessandro Pansa, ha presentato al Viminale il Piano d'azione nazionale e transnazionale contro la criminalità organizzata di tipo mafioso calabrese.

Saranno a disposizione degli investigatori nuovi sistemi per migliorare l'attività di contrasto a un'organizzazione criminale ritenuta, ad oggi, la più pericolosa.
La direttiva siglata dal Ministro, ieri pomeriggio, permetterà ai prefetti l'attuazione del Piano studiato proprio per arginare il fenomeno mafioso della 'Ndrangheta.

Il Piano prevede la sinergia tra le attività svolte in Calabria, e quelle svolte nel resto d'Italia da tutte le forze di polizia; in particolare la sinergia verrà attuata nelle attività di controllo del territorio, nelle investigazioni mirate ai patrimoni illecitamente accumulati e nella ricerca dei latitanti.
È previsto anche il monitoraggio delle regioni italiane, dove la 'Ndrangheta ha manifestato ed esteso i propri interessi economici, come il Lazio, l'Emilia Romagna, il Piemonte, la Liguria e la Lombardia.
Infine la direttiva interesserà l'intera rete degli esperti per la sicurezza italiani all'estero.
Anche nuove tecnologie saranno a disposizione degli investigatori che potranno contare su vere e proprie centrali statistiche dove è possibile la consultazione di mappe, cartine interattive e database interforze.

Le tecnologie

• Il Sistema di georeferenziazione dei reati (Sigr) si sviluppa attraverso una cartografia Google e permette di esaminare i tipi di reati commessi nell'intera Nazione.

• Il Sistema di georeferenziazione dei controlli di polizia (Geo.c.ope) consente di visualizzare, nella stessa cartina, i controlli eseguiti dalle forze di Polizia e di risalire a tutti i dati relativi alle auto controllate e ai suoi occupanti.

• L'archivio delle Mappe della criminalità organizzata (Ma.Cr.O) rende possibile la comprensione di ogni singolo gruppo criminale anche attraverso la visualizzazione dei singoli affiliati, dei ruoli ricoperti all'interno dei clan, del territorio controllato ed anche gli eventuali collegamenti con altre organizzazioni criminali.

• Infine sarà a disposizione anche un sistema di georeferenziazione delle mappe della criminalità organizzata (Geo.M.A.Cr.O) che riporta, sempre nella cartina di Google, ogni forma di organizzazione; attraverso questa mappa sarà possibile comprendere, immediatamente, la composizione, la zona di origine e le eventuali ramificazioni diffuse sul territorio nazionale dei singoli gruppi criminali.

Commenti

Economia e Finanza

Cura Italia: ecco le prime modifiche proposte da AssoConsum in Commissione Giustizia al Ministero Sviluppo Economico

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Nella serata di ieri AssoConsum ha inoltrato al Ministero dello Sviluppo Economico alcune proposte di modifica al decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020 c.d. “Cura Italia”.

“Si tratta, precisamente, di tre iniziative di rivalutazione normativa in materia tributaria finalizzate ad una migliore tutela di cittadini-consumatori, famiglie, piccole-medio imprese.

Soprattutto in questo drammatico periodo storico, di impatto sociale enormemente negativo, è necessario che l’apporto collaborativo istituzionale che ora ci compete possa contribuire ad un inquadramento quanto più ottimale delle norme.

Motivo, quest’ultimo, per cui l’associazione immediatamente dopo la promulgazione del decreto da parte del Presidente della Repubblica ha attivato la Consulta Legale Nazionale (da poco più di un anno istituita proprio per il vaglio di più ampio raggio delle questioni giuridiche rilevanti) al fine di considerare il disposto di legge nella sua interezza.

Attesa l’evoluzione dell’emergenza coronavirus ed l’iter parlamentare già iniziato per l’eventuale conversione in legge del decreto Cura Italia  è chiaro che il tempo diventa davvero prezioso; ragione per cui AssoConsum ha considerato vitale in questo momento offrire alla Commissione Giustizia del MISE un primo ventaglio di proposte che, con ogni buona probabilità, verrà ampliato coinvolgendo anche altri settori giuridici interessati come ad esempio l’ambito bancario, alimentare, amministrativo, assicurativo, ecc.”.

Qui di seguito l’abstract delle proposte AssoConsum, in materia tributaria, inviate al Ministero Sviluppo Economico per la Commissione Giustizia

  1. all’art. 67 si propone la non conversione dell’ampliamento, per combinato disposto, dei “TERMINI DI DECADENZA E PRESCRIZIONE” – Non convertire in legge l’ultimo comma (n. 4) atteso che, ove mai consentita l’applicabilità dell’art. 12, co. 2, del D.Lgs. 159/2015, si genererebbe una violazione del principio di eguaglianza e parità di trattamento – art. 3 Costituzione – tra Amministrazione pubblica e Cittadini (segnatamente in sfavore di quest’ultimi). 

In caso di conversione in legge della suddetta disposizione, invece, prevedere una norma d’interpretazione autentica, ai sensi dell’art. 1 co. 2, LEGGE 212/2000 (Statuto dei Contribuenti), inserendo nel testo di legge (a deliberarsi) il progressivo art. 67 bis mediante il quale chiarire che “l’Istituto della sospensione dei termini delle attività degli uffici degli Enti Impositori e degli Agenti della Riscossione non può intendersi, ad ogni modo, in sfavore del cittadino-contribuente non applicandosi, per l’effetto, alcuna proroga del termine sino al 31 dicembre del secondo anno successivo rispetto al giorno di dichiarata fine dello stato di emergenza (quale evento eccezionale) dovendosi pertanto applicare solo la sospensione effettiva”. 

  • all’art. 67 si propone il “BLOCCO DI TUTTE LE ATTIVITA’ DEGLI UFFICI IMPOSITORI ED ESATTORIALI” – Prevedere con disposizione aggiuntiva, avente progressivo comma 5, l’applicazione espressa del «divieto di notificazione di atti esattoriali di qualsiasi natura per tutto il periodo di dichiarata emergenza di cui alla Delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020 (durata di 6 mesi)»; quanto innanzi attesa l’inesistenza oggettiva di alcuna menzione specifica riguardo l’art. 12, co. 3, D.Lgs. 159/2015 nel Decreto Legge.

Prevedere, altresì, una estensione totale del blocco suddetto a tutte le misure cautelari (ipoteca e fermo amm.vo), ai pignoramenti, a tutti gli atti intesi e qualificabili non puramente ed esclusivamente esattoriali come ad esempio i provvedimenti di cui agli artt. 29 e 30 del D.L. 78/2010, le iscrizioni a ruolo di ogni genere e tutti gli atti preordinati a quest’ultime attività (il riferimento è, quindi, a liquidazioni, controlli, accertamenti, ecc.); estensione da prevedersi nel testo (a deliberarsi) ad abundantiam rispetto ad attività di verifica, in essere o da iniziare, pur con «presunzioni» (fatte salve le attività di polizia tributaria inerenti indagini ricadenti in sfera mafiosa od altre da specificarsi opportunamente).

In virtù della vigente autonomia delle Regioni e degli Enti Locali, in ogni caso, estendere il blocco di cui innanzi a tutte le fattispecie regionali, provinciali, comunali ed ad atti dei riscossori privati. Il tutto nel doveroso rispetto del principio di capacità e proporzionalità contributiva di cui all’art. 53 della Costituzione e dei Principi della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo;

  • all’art. 68 si propone “AMPLIAMENTO SOSPENSIONE TERMINI DI PAGAMENTO” – Deliberare una norma d’interpretazione autentica, ai sensi dell’art. 1, co. 2, della legge 212/2000 (Statuto dei Contribuenti), inserendo nel testo di legge (a deliberarsi) il progressivo art. 68 bis volto a chiarire che «la sospensione dei termini dei versamenti in scadenza nel periodo intercorrente dal giorno 8 marzo al giorno 31 maggio 2020, derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, va applicata ai piani di rateazione di cui all’art. 19 del D.P.R. n. 602/1973 anche laddove concessi dai riscossori privati in ragione degli artt. 52 e 53 del D.Lgs. 446/1997».

Prevedere all’art. 68 l’inserimento del comma 1 bis mediante il quale riconoscere l’estensione del regime di sospensione dei termini di versamento anche alle casistiche di adesione e/o di definizione alternativa che fuoriescono dalla specifica di cui in decreto e cioè, a titolo di esempio, le forme rateali delle comunicazioni d’irregolarità, controllo formale, avvisi bonari, accertamento con adesione, mediazione contenziosa, ecc.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Covid-19, diminuiscono le bollette dell’elettricità e del gas

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Bollette dell’elettricità e del gas in forte ribasso nel secondo trimestre 2020. Lo annuncia l’Arera, spiegando che “le perduranti basse quotazioni delle materie prime nei mercati all’ingrosso, legate ad una decisa riduzione dei consumi anche a causa dell’emergenza COVID-19, e una sostanziale stabilità nel fabbisogno degli oneri generali portano infatti ad una riduzione del -18,3% per l’elettricità e del -13,5% per il gas per la famiglia tipo1 in tutela”. 

Il calo delle bollette dell’elettricità e del gas nel secondo trimestre porterà ad un risparmio complessivo annuo di 184 euro per la famiglia-tipo.

Per quanto riguarda una misurazione degli effetti sulle famiglie (al lordo tasse), per l’elettricità la spesa per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole (compreso tra il 1° luglio 2019 e il 30 giugno 2020) sarà di circa 521 euro, con una variazione del -7,9% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° luglio 2018-30 giugno 2019), corrispondente a un risparmio di circa 45 euro/anno. Nello stesso periodo, la spesa della famiglia tipo per la bolletta gas sarà di circa 1.019 euro, con una variazione del -12% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente, corrispondente ad un risparmio di circa 139 euro/anno. Rispetto all’anno scorrevole, quindi, il risparmio complessivo per la famiglia tipo per elettricità e gas è di circa 184 euro/anno.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Covid-19, emergenza economica: tra affitti, mutui, tasse, tassarelle e gabelle varie Salvini ricorda i “dimenticati” da questo governo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Guardiamo al futuro e raccogliamo l’appello Come stiamo facendo da giorni e da settimane con proposte concrete per rispetto a chi è in questo momento è a casa e ha problemi immediati i problemi di chi è a casa sono di questo fine settimana Quindi al di là delle dichiarazioni di intenti delle dotte citazioni storiche umanistiche

“La gente vuole capire se la cassa integrazione gli arriva questo mese o se gli arriva fra due mesi perché le bollette non aspettano. I mutui non aspettano, gli affitti non aspettano” Così il leader della Lega Matteo Salvini durante la seduta in Senato di questa mattina. “La Svizzera – ha proseguito Salvini – sta affrontando l’emergenza economica, alle porte, con un foglio non con 13 decreti 300 divieti e 600 pagine da studiare che neanche un consulente del lavoro riesci a capire. La confederazione elvetica manda ai suoi imprenditori un foglio perché garantisce adesso esattamente soldi liquidi in banca il 10% del fatturato dell’anno scorso con un tetto fino a 500omila euro e lo farà per 5 anni con un foglio da compilare adesso. Questo è il modello che dobbiamo seguire”.

L’intervento integrale di Matteo Salvini

Il leader della Lega ha poi riproposto l’appello a lavorare insieme

“Lavoriamo insieme. Se ci vuole spettatori allora ce lo dica, noi continuiamo a fare proposte però vorremmo anche che queste proposte fossero ascoltate, perché nei decreti, capisco fretta e furia e le dirette di mezzanotte, ci sono degli evidenti errori sugli affitti”.

Gli emendamenti che la Lega il centrodestra portano avanti ci arrivano dai commercianti, dagli artigiani, dalle partite IVA dimenticate. In Italia ci sono 5 milioni di lavoratori autonomi, 5 milioni di commercianti e imprenditori, 14 milioni di lavoratori del settore privato che non hanno la certezza sui tempi. Ci saranno i soldi per la cassa integrazione per tutti? Non si sa quali sono i tempi di erogazione, non si sa se i mutui vengono effettivamente sospesi, qualcuno del governo ha provato a chiamare una banca per vedere l’odissea che sta dietro la norma decreto?

Non c’è nulla per l’affitto dei privati e io ringrazio la Regione Lombardia che c’ha messo 30 milioni di euro per aiutare gli inquilini delle Case Popolari che evidentemente stanno a casa da un mese e non hanno i quattrini per pagare l’affitto.

L’agricoltura la pesca stanno soffrendo in maniera pesantissima e non hanno certezze. Noi chiediamo è troppo chiedere la sospensione degli adempimenti almeno per tutto il 2020. Io lo dico agli amici del PD: avete messo nel decreto la sospensione dei pagamenti fino al 31 maggio. Ma qualcuno pensa seriamente che il primo giugno milioni di lavoratori e imprenditori italiani possano tornare a pagare le tasse? Diamo certezze a questo paese, non miracoli, certezze.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Aprile: 2020
L M M G V S D
« Mar    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it