Connect with us

Roma

NEMI: A.A.A. CERCASI TRASPARENZA!

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Un nemese:"Sempre più incredulo ho cliccato su altri sottomenù degli Uffici e Servizi, per esempio “AREA VIGILANZA e VIABILITA’”, e alla faccia della trasparenza i dati non erano indicati"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Nemi (RM) – Un lettore ci ha inviato in forma anonima una missiva rivolta al sindaco di Nemi Alberto Bertucci e al nostro quotidiano per conoscenza definendosi "Nemese curioso e molto deluso della trasparenza offerta".  Il cittadino sostanzialmente denuncia la poca trasparenza del sito istituzionale di Nemi. Ovviamente la nostra redazione ha controllato e verificato le dichiarazioni effettuate e alla data odierna consultando il sito web del Comune. Per quanto riguarda  la Determina dell’Area Finanziaria n° 66 del 13/11/2014 rispetto alla quale il cittadino di fatto ha constatato una anomalia, facciamo presente di aver spiegato che l'inquadramento del Comune di Nemi in fascia B con popolazione dai 3000 ai 10000 abitanti è anche il prodotto della precedente convenzione tra Nemi e Poli (due Comuni che insieme raggiungono la soglia minima di popolazione necessaria per essere inquadrati in fascia B). Di fatto sarebbe stato opportuno che in tale determina venissero spiegati i motivi di tale inquadratura per permettere a chi legge di capire. Ecco la lettera ricevuta dal cittadino. 

Egregio Signor Sindaco Alberto Bertucci,

constato con amarezza diretta come Voi politici continuate incessantemente a predicare bene ma a quanto a fatti non c'è una diretta corrispondenza tra il dire e il fare. Mi spiego.

Soltanto pochi giorni fa, leggendo un articolo sull’Osservatore Laziale in merito al Consiglio Comunale del 26/11/14, sono rimasto colpito dai ringraziamenti che tutti i Consiglieri presenti rendevano al Segretario Comunale dimissionario, dott. Ivano Moreschini, e dall’elogio che Lei stesso indirizzava allo stesso definendolo un “ centravanti di sfondamento”.

Sinceramente confesso che sono rimasto colpito da tali complimenti e dispiaciuto dal fatto  che, anche se nemese, non avevo avuto il piacere di conoscerlo di persona, ho cercato di colmare questa lacuna andando ingenuamente a verificare sul sito istituzionale del Comune il curriculum ed eventualmente una foto dello stesso, certo che sulla base del D.Lgs. n° 33 del 2013 ( Legge sulla trasparenza ) mi sarei documentato in merito.

Entrato sul sito istituzionale del Comune di Nemi, ho cliccato sulla barra in alto su “Amministrazione Trasparente” ma il mio computer segnalava che la pagina non era disponibile.

Ho provato allora su “Uffici e Servizi” e dal menu’ aperto ho cliccato su “Segretario Generale” ed è apparsa una videata che indicava soltanto il nome del Dott. Ivano Moreschini con il solo n° di telefono e il numero di fax. 

Non riuscendo a colmare le mie lacune informative ho insistito cliccando allora su “Retribuzione e Curricula Dirigenti” e cliccando su “SEGRETARIO COMUNALE” è apparsa una videata con il curriculum vitae di Vincenzo Galluccio, completamente a me sconosciuto.

Incredulo, ma testardo, ho continuato cliccando su “RESPONSABILE SERVIZIO CONTABILE” e qui sono rimasto letteralmente senza parole quando è apparsa la videata riportante il “ Curriculum vitae e Retribuzione annuale di Lombardi Maria” che sò, conoscendola personalmente, era la precedente Responsabile dell’Area Contabile e che ormai da circa due anni si è trasferita al Comune di Genzano di Roma.

Sempre più incredulo ho cliccato su altri sottomenù degli Uffici e Servizi, per esempio “AREA VIGILANZA e VIABILITA’”, e alla faccia della trasparenza i dati erano per lo più non indicati, errati o carenti nella composizione dei componenti dei singoli uffici.

Sbalordito da tale inosservanza della legge, soprattutto da parte di chi dovrebbe dare l’esempio, e sempre più convinto di approfondire in qualche modo la mia conoscenza personale nei confronti del Segretario uscente, ho cliccato su “Albo Pretorio” e alla pubblicazione n° 1070, ho visualizzato la Determina dell’Area Finanziaria n° 66 del 13/11/2014, ed ho riscontrato una anomalia che ha dell’incredibile e della quale sono rimasto senza parole. Nella determina suindicata si dà atto che il Comune di Nemi è un Ente di livello B con una popolazione tra i 3000 ed i 10.000 abitanti e su questa tipologia di appartenenza, a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di stabilità 2014, veniva rideterminato il nuovo valore della retribuzione spettante al Segretario.

Personalmente non conosco il dott. Ivano Moreschini ma, certamente, sono a conoscenza che il paese di Nemi ha una popolazione oscillante intorno ai duemila abitanti e non come indicato ( erroneamente ? ) tra i tre ed i dieci mila.

Ed allora, caro Sindaco Bertucci, com’è realmente la situazione? C’è stato uno sbaglio nell’inserimento dei dati o c’è la classica fregatura che ricade nelle tasche di tutti i contribuenti di Nemi?

Aspetto di conoscere, almeno questa volta, nel rispetto della LEGGE sulla TRASPARENZA un’informazione certa ed inequivocabile in merito e che l’eventuale chiarimento venga pubblicato sul sito istituzionale del Comune in modo trasparente e di facile lettura.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Guidonia Montecelio, inaugurato il polo affido familiare del distretto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il sindaco Barbet: “La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5″

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Nella giornata di martedì 24 maggio il Sindaco Michel Barbet, il Presidente della Commissione Sociale Consiliare Matteo Castorino con la Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Lazio Eleonora Mattia e la dottoressa Stefania Salvati della Asl Roma 5 hanno inaugurato il polo affido familiare del distretto che si trova a Setteville in Via Pascoli 52.

“Il polo affido familiare si pone come scopo quello di mettere in contatto le famiglie affidatarie ed i bambini e ragazzi in difficoltà- spiega il Presidente Castorino- con l’obiettivo di consentire un graduale rientro del minore nella famiglia di origine a fronte di un progetto personalizzato di aiuto e supporto”.

“La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5. Tutelare i minori in difficoltà è un compito che spetta alle amministrazioni pubbliche e che dobbiamo perseguire con tutti gli strumenti a nostra disposizione”- conclude il Sindaco Michel Barbet.

Continua a leggere

Roma

Roma, scomparso lo storico comandante dei Vigili Giovanni Catanzaro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Milani (Sulpl): “Ci lascia una delle figure più carismatiche ed amate del Corpo”

ROMA – Si rincorre sulle chat e sulle pagine Facebook il tam tam di cordoglio per la scomparsa di Giovanni Catanzaro, storico comandante della Polizia Locale di Roma, un uomo che nel Corpo aveva percorso tutti i gradini della propria carriera.

Tra i molti a ricordarlo il SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale), che in una nota del Segretario Romano Marco Milani dichiara: “Esprimiamo dolore e cordoglio per la scomparsa di uno dei Comandanti più carismatici ed amati che il Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale abbia mai avuto. Nell’esprimere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia, ci piace ricordarlo come un uomo capace di stimolare i suoi uomini al conseguimento dei migliori risultati, esercitarne il controllo in maniera anche rigida ed al contempo difenderli ed assisterli a fronte qualsiasi imprevisto. Qualità tipiche di un Comandante che saputo fare la sua gavetta all’interno del Corpo fino a giungere all’apice. Ci auspichiamo che amministrazione e Comando, sappiano tributargli la giusta memoria”. Così concludono dal sindacato, con quello che appare essere un messaggio indirizzato all’amministrazione Gualtieri.

Continua a leggere

Roma

Roma, Casal Selce: trattativa tra due uomini finisce a coltellate. Arrestato un commerciante per tentato omicidio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Ad avere la peggio un uomo di 39 anni ricoverato all’ospedale San Camillo in rianimazione, intubato e in prognosi riservata

ROMA – Un 34enne, commerciante romano e già conosciuto alle forze dell’ordine è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Casalotti e della Sezione Radiomobile della Compagnia Roma Cassia poiché gravemente indiziato di tentato omicidio ai danni di un 39enne romano.

I militari, lo scorso 11 maggio, a seguito di una segnalazione fatta al “112”, sono intervenuti nell’appartamento di via Giuseppe Lazzati, zona Casal Selce, di proprietà del 39enne dove, secondo una ricostruzione dei Carabinieri, i due si erano dati appuntamento per avviare una trattativa circa la cessione di 3 preziosi orologi.

Per motivi ancora in fase di accertamento, tra i due sarebbe nata una lite e con un coltello a scatto – repertato successivamente dai Carabinieri – si sarebbero vicendevolmente colpiti.

Ad avere la peggio è stato il 39enne padrone di casa che ha riportato delle profonde ferite all’addome ed è stato trasferito d’urgenza tramite un’ambulanza del “118” all’ospedale “San Camillo” di Roma, dove si trova ricoverato in rianimazione, intubato e in prognosi riservata.

Anche l’indagato, che ha riportato delle ferite alla regione addominale, è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale “Aurelia Hospital” in codice rosso, dove si trova tuttora piantonato; il suo arresto è stato convalidato.

Sono ancora in corso ulteriori accertamenti finalizzati all’esatta ricostruzione degli eventi che hanno portato al grave episodio.

Continua a leggere

I più letti