Connect with us

Roma

Nemi, consiglio comunale: Bertucci bis secondo atto

Clicca e condividi l'articolo

Bertucci ha fatto riferimento all’importanza della presenza del Grembo e dell’adesione allo Sprar come maggiore garanzia di raggiungimento del numero minimo per far continuare a vivere la scuola

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo


di Chiara Rai


NEMI (RM) – Secondo Consiglio comunale della giunta Bertucci bis il giorno della celebrazione di San Pietro e Paolo con meno partecipazione di pubblico e l’assenza del consigliere Giovanni Libanori.

 

All’ordine del giorno, oltre alla lettura e approvazione dei verbali della precedente seduta, si è votata la concessione della cittadinanza onoraria alla bandiera del Sesto Reggimento Genio Pionieri Battaglione Nemi dell’Esercito Italiano. Nessuno dei rappresentanti del Battaglione Nemi era presente. Comunque l’idea di premiare chi si è messo al servizio della comunità di Amatrice per ben 8 mesi dopo il catastrofico sisma dell’agosto scorso in Italia Centrale è stata ben accolta da tutti, consiglieri di minoranza inclusi. Il sindaco Bertucci ne ha parlato come un evento storico “il primo nella storia” il fatto che venga attribuito un alto riconoscimento a una bandiera dei reparti delle Forze Armate: “Nel sesto Reggimento Genio Pionieri – ha detto Bertucci – ci sono due battaglioni: quello di Nemi e il Trasimeno e nei confronti di entrambi vogliamo esprimere la vicinanza dell’Amministrazione comunale onorandone l’operato”. Bertucci ha ringraziato il comandante colonnello Massimo Tuzza e il maggiore Vincenzo Criscuolo con l’auspicio di un futuro proficuo rapporto di collaborazione sul territorio di Nemi grazie all’ausilio di un’alta esperienza d’ingegneria civile che rappresentano gli uomini del sesto reggimento.


Si è passato poi all’approvazione del piano di emergenza di Protezione civile il cui Coc (Centro Operativo Comunale) precedentemente individuato in Piazza Roma è stato poi riconosciuto come attuabile e fattibile al campo sportivo comunale dove maggiori sembrerebbero le garanzie di praticabilità secondo gli algoritmi individuati dalla Regione Lazio. Le implementazioni al nuovo piano di emergenza della Protezione Civile di cui Nemi era assolutamente carente e la cui approvazione è stata una necessità inderogabile prevede una piattaforma di informazioni che riguardano una mappatura particolareggiata del territorio e puntuale censimento della presenza di persone che hanno difficoltà motorie.


Il consigliere di Ricomincio da Nemi Patrizia Corrieri pur accogliendo con piacere l’approvazione di questo piano e le sue implementazioni ha fatto presente che c’è una scarsa fruibilità del sito internet del Comune di Nemi dove la maggior parte dei documenti allegati agli atti pubblicati non possono essere aperti e quindi non si è potuta approfondire la tematica come giusto doveva essere: “Voteremo a favore di questo punto – ha sottolineato Corrieri – anche se avremmo voluto valutare meglio tutte le implementazioni che in linea generale apprezziamo ma che sarebbero potute essere condivise, non in fase divulgativa ma di stesura, con la cittadinanza magari attraverso un’assemblea pubblica che non c’è stata ma che auspichiamo ci sia in futuro”.


Anche il consigliere di Insieme per Nemi Stefano Tersigni ha votato a favore del punto all’ordine del giorno e colto l’occasione per sollecitare due questioni o meglio porre due domande: ha chiesto se fossero state preventivate delle esercitazioni nelle scuole e ha chiesto se non ritenessero urgente incaricare un tecnico esperto per monitorare e valutare lo stato delle case nel centro storico alcune delle quali appaiono vetuste e bisognose di interventi.


La vicesindaco Edy Palazzi si è limitata a dire che assemblee, corsi e convegni avverranno dopo l’avvenuta approvazione del Piano di Emergenza e il sindaco ha aggiunto che verrà anche effettuata una “tabellazione del territorio con segnaletica verticale già predisposta” e che le esercitazioni nel plesso scolastico vengono già effettuate ma che comunque l’educazione all’emergenza deve essere costante e non è mai abbastanza. Inoltre ha confermato che ci sono delle criticità in alcuni “stabili vetusti” del centro storico e case non abitate e che l’amministrazione approfitterà dell’operazione del Governo che prevede degli investimenti in favore di ristrutturazione di stabili nel centro storico anche per adeguamenti antisismici ecc.


In ultimo si è passati all’approvazione, anche questa avvenuta all’unanimità, di una mozione a favore del mantenimento della dotazione organica della scuola di Nemi.
Una vicenda ormai che si ripete di anno in anno e che prevede quest’azione di consiglio comunale volta, ha detto Bertucci a “sensibilizzare gli enti preposti per ottenere ancora una deroga che era stata concessa inizialmente per tre anni ma che poi è stata rimessa in discussione con la Riforma della buona scuola che è saltata. Ci vogliono almeno un minimo di 18 alunni per le scuole medie e di 14 per le scuole elementari. Nel passato si è scongiurato il deficit ma la situazione è sempre più complicata e ci si ritrova oggi, ha ribadito Bertucci, “con questa spada di Damocle fino a settembre”.

 

Bertucci ha fatto riferimento all’importanza della presenza del Grembo e dell’adesione allo Sprar come maggiore garanzia di raggiungimento del numero minimo per far continuare a vivere la scuola di Nemi e quindi prevedere soprattutto grazie allo Sprar un aumento del numero degli iscritti. Il sindaco ha poi ribadito l’importanza di ottenere una deroga definitiva anche con l’inserimento di Nemi come comune montano date le rispondenze di caratteristiche del territorio. Questo scongiurerebbe quest’affannosa e difficoltosa ricerca di iscritti entro settembre per scongiurare, anno dopo anno, la chiusura della scuola a Nemi.


Il consigliere di Ricomincio da Nemi Carlo Cortuso ha evidenziato come la presenza della scuola rappresenti un presidio democratico e civile fondamentale per una comunità e che la sua assenza rappresenterebbe una grossa frattura: “Uno dei problemi però – ha detto Cortuso – è che non si è fatto abbastanza per sensibilizzare le famiglie al concetto che una comunità si deve riconoscere intorno alla scuola. Ogni anno si ripresenta questa problematica divenuta ciclica. È mancata l’iniziativa per scongiurare la perdita di un bene così prezioso. Si, c’è stato un tentativo di assemblea ma bisognava insistere. Ora l’emergenza ci impone un atto di responsabilità ma non possiamo non evidenziare queste mancanze”. Riguardo lo Sprar ha sottolineato Cortuso che come gruppo hanno presentato una richiesta di accesso agli atti per capire i particolari di questa adesione, i numeri, il tipo di progettualità per avere perlomeno coscienza di quello di cui si sta parlando: “Abbiamo una difficoltà oggettiva di poter lavorare in questo modo – ha aggiunto Cortuso – non abbiamo avuto risposte e questo dimostra il poco rispetto che viene portato ai consiglieri ma di riflesso è il poco rispetto per la cittadinanza che rappresentiamo. Non si può essere sempre così estemporanei”.

 

Bertucci ha subito bollato l’intervento di Cortuso come fuori luogo per il fatto che si reclama una risposta all’accesso agli atti a distanza di 48 ore (ndr la richiesta è stata presentata in data 26 giugno 2017): “Si tratta di un intervento – ha detto il sindaco – che necessariamente andava stoppato. L’amministrazione ha fatto tanto per la scuola e non so se l’opposizione ha fatto altrettanto. Con i cittadini abbiamo fatto opera di convincimento anche attraverso incontri con i docenti, le famiglie. Non è consentito l’intervento di Cortuso per mancanza di fotografia della realtà dei fatti”.


Tersigni ha fatto una riflessione: chiedersi i motivi che hanno portato a questa situazione e migrazione degli iscritti verso altre scuole. “Probabilmente c’è stata scarsa attenzione o tempestività di azione anche rispetto a problematiche di diversa natura come quella igienica. A queste carenze si potrebbe far fronte con una maggiore capacità di ascolto. Poi – ha aggiunto Tersigni, è la seconda volta che sento parlare di Sprar e ribadisco la mia contrarietà perché lo ritengo un ricatto di stato. Quindi non auspico, come invece ha fatto il sindaco, che la situazione di carenza di iscritti nella scuola possa essere risolta con l’arrivo degli immigrati”.

 

Dopo l’intervento di Tersigni, Bertucci si è ancora più acceso tornando sempre sul solito cliché di “fatti falsi” diffusi da alcuni giornali che perpetuano “nelle azioni sterili e negative”. “Questo gruppo di residenti – ha detto Bertucci – che hanno fatto e scritto critiche sono i primi ad aver portato i loro figli via dalla scuola di Nemi sperando in una nefasta conclusione della situazione di vedere finita la scuola”. I fatti di cronaca a cui si riferisce Bertucci sono un chiaro riferimento alla nostra testata giornalistica che in passato ha raccolto le lamentele di docenti, genitori e studenti e che si è basata su verbali sanitari e operazioni di pulizia straordinaria effettuate in fretta e furia dall’amministrazione nel plesso scolastico. Adesso ci manca che si metta a dire che la foto di un gatto sopra al cibo della mensa è un fotomontaggio e che le denunce sporte e/o paventate da alcuni genitori sono frutto dell’immaginazione dei cronisti de L’Osservatore Laziale.

 

Spiace assistere sempre al solito teatrino di un sindaco che si abbassa a chiamare in causa con epiteti di bassa lega un organo di informazione che fa soltanto il suo lavoro: critica e cronaca come la Costituzione della Repubblica italiana sancisce. Eppure questo sindaco non si stanca mai di nominare quello che per lui sembra essere divenuta una ossessione che lo segue ovunque e in ogni luogo. Il suo è uno sfogo continuo contro “quel giornale che dice falsità e fa azioni sterili e negative”. Eppure la diagnosi è una sola: volontà di mettere il bavaglio rispetto a chi fa il suo lavoro senza attaccare l’asino dove vuole il padrone.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Castelli Romani

Albano Laziale, Consiglio dei Giovani: ecco i progetti per il 2020

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ALBANO LAZIALE (RM) – Il 17 gennaio scorso si è riunito il Consiglio dei Giovani di Albano Laziale per approvare i nuovi progetti dell’anno 2020.

Il Consiglio, già durante il 2019, era riuscito a portare a termine diverse iniziative tra cui Legambiente, Polisportiva e lo Zaino Solidale che hanno visto convergere diverse realtà del territorio comunale.

Per il nuovo anno i progetti sono stati presentati dai due relatori Mirko Mariano e Valerio Ermani e votati all’unanimità dai 13 membri rimarcando così “la forte coesione del gruppo” per usare le parole del presidente Gianmarco Gasperini.

Il prospetto di Valerio Ermani ha per oggetto un concorso artistico indirizzato agli studenti di tutti i plessi scolastici nel comune di Albano Laziale con età compresa tra i 14 e i 25 anni. Il concorso AlbanArt che svilupperà tre differenti tematiche (ambiente, dipendenze e violenza sulle donne) si esprimerà tramite: street art (murales), fotografia e elaborazione di cortometraggi per una durata di massimo cinque minuti. I lavori passeranno, poi, al vaglio di una giuria e la premiazione si terrà in ambienti comunali.  

Dello stesso proposito i progetti presentati all’interno dell’Aula Comunale di Albano Laziale da Mirko Mariano, il quale si dice “soddisfatto per l’approvazione di proposte che porteranno i giovani a poter lavorare direttamente per il proprio territorio e -continua- a dare finalmente un contributo concreto alle donne del nostro comune nel contrasto alla violenza di genere”.

Proprio riguardo quest’ultimo tema, il Consiglio ha approvato il prospetto Donne Forti che dà la possibilità di iscriversi a corsi di autodifesa fisica e psicologica.

Educazione e Dibattito consiste in una serie di incontri, lezioni e dibattiti aperti alle scuole e alla cittadinanza incentrati su differenti argomenti come l’educazione alimentare, ambientale, sessuale ma anche diritto pubblico, cittadinanza, prevenzione medica e ludopatica.

Espressione Artistica. Questo progetto cerca di coadiuvare i giovani che si cimentano in diversi ambiti artistici ad esprimersi attraverso iniziative singole ed eventi appositi.

Di particolare rilievo il progetto denominato Corso di formazione Albano Lavora che propone percorsi di orientamento lavorativo e scolastico con moduli di progettualità e valutazione delle competenze di occupazione per giovani del territorio tra i diciassette e ventuno anni, da attuarsi con workshop e colloqui. I corsi saranno tenuti a titolo gratuito dal Dott. Giorgio di Dato, consulente presso lo sportello del lavoro di Albano Laziale e psicologo del lavoro. La collaborazione con il team del servizio di orientamento “Albano Lavora” sarà completamento gratuita.

Il Presidente del Consiglio dei Giovani, Gianmarco Gasperini, riferisce a L’Osservatore d’Italia che “Il primo Consiglio dell’anno è stata un’occasione per fare il punto della situazione sui progetti portati avanti sin dallo scorso anno, ma soprattutto sul programma annuale per il 2020 con il quale ci siamo dati obiettivi ambiziosi”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Frascati, il Pd sul dietrofront di Mastrosanti che concede appartamento in centro ai disabili: “Contenti per il risultato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

FRASCATI – Nell’ultima delibera emessa dall’amministrazione di Frascati, la numero 6 del 17 gennaio, si rende disponibile un appartamento nella disposizione del Comune (in via Principe Amedeo 46), alla legge “Dopo di noi”. Un grande traguardo questo, la vittoria di una battaglia che il Partito Democratico di Frascati ha messo in campo sin da subito.
“Dopo di noi” è il nome del testo di legge entrato in vigore il 25 giugno 2016 per tutelare i diritti dei disabili gravi rimasti privi del sostegno familiare che disegna, per la prima volta, un piano importante di aiuto e di
supporto per i disabili in gravi condizioni di salute.
«Questo tema – spiega Riccardo Tomei, Segretario del PD di Frascati – è nella nostra agenda fin dalla scorsa amministrazione. Era un progetto che avevamo anche presentato a suo tempo con una mozione, chiedendo un appartamento in centro ma questa amministrazione ci rispose che avrebbe voluto trovare un’altra soluzione.
Oggi, dopo quella bocciatura e dopo una nostra interrogazione portata all’ultimo consiglio comunale nel quale non venne discussa, l’amministrazione Mastrosanti torna sui suoi passi, ammette l’errore e concede lo spazio necessario perché questo progetto abbia la sua giusta collocazione in centro città.
Non abbiamo intenzione di fare ulteriore polemica – continua Tomei – siamo soddisfatti di questo dietrofront e speriamo che questa apertura possa dare il giusto aiuto a persone che vivono nella più
profonda e grave difficoltà».

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, ancora aggressioni in carcere. È allarme

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Nella tarda mattinata del 17.01.2020 alcuni detenuti ristretti presso una delle sezioni detentive, si sono acciuffati tra di loro, tanto da costringere l’Agente addetto al controllo della sezione a suonare l’allarme. Entrambi i detenuti hanno subito ematomi su tutto il corpo, di cui uno di loro ha
subito anche un taglio fatto con la lametta del rasoio da barba.
Domenica scorsa, anche un’altro detenuto mentre ascoltava SS. Messa presso la chiesa del penitenziario, veniva improvvisamente accerchiato da altri detenuti – anche loro presenti alla SS. Messa – ed aggredito in modo violento e senza nessuna pietà. Il detenuto vittima dell’aggressione ha riportato ematomi su tutto il viso e sul corpo.
A denunciare il caso sono i Sindacalisti del Si.P.Pe. (Sindacato Polizia Penitenziaria) Carmine Olanda e Ciro Borrelli che da sempre mettono alla luce le difficili condizioni in cui lavorano gli Agenti in
tutti le Carceri d’ Italia.
Come Sindacato – denunciano Olanda e Borrelli – abbiamo scritto al Provveditore dell’Amministrazione Penitenziaria per il Lazio – Abruzzo e Molise, al fine di avere un suo autorevole intervento allo scopo di allontanare con estrema urgenza dal penitenziario di Velletri
quei detenuti protagonisti di aggressioni, minacce e promotori di gruppi delinquenziali.
Le aggressioni che stanno scucendo tra detenuti, – continuano i sindacalisti – ci devono fare riflettere molto sul funzionamento del programma di trattamento, rieducazione ed inserimento del condannato nella società. Il dato di arroganza e prepotenza che molti detenuti stanno dimostrando di avere durante la loro permanenza nei penitenziari, arrivando anche a minacciare di morte il personale – come è successo ad un Ispettore di Velletri per avere fatto il suo lavoro con alto senso del dovere e di responsabilità – deve necessariamente essere preso in forte
considerazione, al fine di evitare che si possono creare dei gruppi delinquenziali.
Dalle segnalazioni che riceviamo dagli Istituti penitenziari di tutto il territorio Nazionale – continua Olanda – a causa della gravissima carenza di Agenti e dei vari Operatori Penitenziari e del sovraffollamento dei detenuti – – le carceri stanno diventando come se fossero delle polveriere
pronte ad esplodere.
Abbiamo chiesto al provveditore, – continuano i Sindacalisti – di mandare almeno 20 unità Polizia Penitenziaria presso la Casa Circondariale di Velletri per poter sopperire alle prime e necessarie esigenze dell’Istituto.
Concludono – Olanda e Borrelli – con un messaggio rivolto al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede dicendogli che la Polizia Penitenziaria non ha più tempo per aspettare, che ha bisogno di provvedimenti urgenti, concreti ed immediati su come devono essere gestiti i Penitenziari, chiedendo, inoltre, quale ruolo devono avere gli Agenti nelle Carceri – se devono indossare una divisa, oppure un camice bianco.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Gennaio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it