Connect with us

Roma

Nemi, consiglio comunale: Bertucci bis secondo atto

Clicca e condividi l'articolo

Bertucci ha fatto riferimento all’importanza della presenza del Grembo e dell’adesione allo Sprar come maggiore garanzia di raggiungimento del numero minimo per far continuare a vivere la scuola

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print


di Chiara Rai


NEMI (RM) – Secondo Consiglio comunale della giunta Bertucci bis il giorno della celebrazione di San Pietro e Paolo con meno partecipazione di pubblico e l’assenza del consigliere Giovanni Libanori.

 

All’ordine del giorno, oltre alla lettura e approvazione dei verbali della precedente seduta, si è votata la concessione della cittadinanza onoraria alla bandiera del Sesto Reggimento Genio Pionieri Battaglione Nemi dell’Esercito Italiano. Nessuno dei rappresentanti del Battaglione Nemi era presente. Comunque l’idea di premiare chi si è messo al servizio della comunità di Amatrice per ben 8 mesi dopo il catastrofico sisma dell’agosto scorso in Italia Centrale è stata ben accolta da tutti, consiglieri di minoranza inclusi. Il sindaco Bertucci ne ha parlato come un evento storico “il primo nella storia” il fatto che venga attribuito un alto riconoscimento a una bandiera dei reparti delle Forze Armate: “Nel sesto Reggimento Genio Pionieri – ha detto Bertucci – ci sono due battaglioni: quello di Nemi e il Trasimeno e nei confronti di entrambi vogliamo esprimere la vicinanza dell’Amministrazione comunale onorandone l’operato”. Bertucci ha ringraziato il comandante colonnello Massimo Tuzza e il maggiore Vincenzo Criscuolo con l’auspicio di un futuro proficuo rapporto di collaborazione sul territorio di Nemi grazie all’ausilio di un’alta esperienza d’ingegneria civile che rappresentano gli uomini del sesto reggimento.


Si è passato poi all’approvazione del piano di emergenza di Protezione civile il cui Coc (Centro Operativo Comunale) precedentemente individuato in Piazza Roma è stato poi riconosciuto come attuabile e fattibile al campo sportivo comunale dove maggiori sembrerebbero le garanzie di praticabilità secondo gli algoritmi individuati dalla Regione Lazio. Le implementazioni al nuovo piano di emergenza della Protezione Civile di cui Nemi era assolutamente carente e la cui approvazione è stata una necessità inderogabile prevede una piattaforma di informazioni che riguardano una mappatura particolareggiata del territorio e puntuale censimento della presenza di persone che hanno difficoltà motorie.


Il consigliere di Ricomincio da Nemi Patrizia Corrieri pur accogliendo con piacere l’approvazione di questo piano e le sue implementazioni ha fatto presente che c’è una scarsa fruibilità del sito internet del Comune di Nemi dove la maggior parte dei documenti allegati agli atti pubblicati non possono essere aperti e quindi non si è potuta approfondire la tematica come giusto doveva essere: “Voteremo a favore di questo punto – ha sottolineato Corrieri – anche se avremmo voluto valutare meglio tutte le implementazioni che in linea generale apprezziamo ma che sarebbero potute essere condivise, non in fase divulgativa ma di stesura, con la cittadinanza magari attraverso un’assemblea pubblica che non c’è stata ma che auspichiamo ci sia in futuro”.


Anche il consigliere di Insieme per Nemi Stefano Tersigni ha votato a favore del punto all’ordine del giorno e colto l’occasione per sollecitare due questioni o meglio porre due domande: ha chiesto se fossero state preventivate delle esercitazioni nelle scuole e ha chiesto se non ritenessero urgente incaricare un tecnico esperto per monitorare e valutare lo stato delle case nel centro storico alcune delle quali appaiono vetuste e bisognose di interventi.


La vicesindaco Edy Palazzi si è limitata a dire che assemblee, corsi e convegni avverranno dopo l’avvenuta approvazione del Piano di Emergenza e il sindaco ha aggiunto che verrà anche effettuata una “tabellazione del territorio con segnaletica verticale già predisposta” e che le esercitazioni nel plesso scolastico vengono già effettuate ma che comunque l’educazione all’emergenza deve essere costante e non è mai abbastanza. Inoltre ha confermato che ci sono delle criticità in alcuni “stabili vetusti” del centro storico e case non abitate e che l’amministrazione approfitterà dell’operazione del Governo che prevede degli investimenti in favore di ristrutturazione di stabili nel centro storico anche per adeguamenti antisismici ecc.


In ultimo si è passati all’approvazione, anche questa avvenuta all’unanimità, di una mozione a favore del mantenimento della dotazione organica della scuola di Nemi.
Una vicenda ormai che si ripete di anno in anno e che prevede quest’azione di consiglio comunale volta, ha detto Bertucci a “sensibilizzare gli enti preposti per ottenere ancora una deroga che era stata concessa inizialmente per tre anni ma che poi è stata rimessa in discussione con la Riforma della buona scuola che è saltata. Ci vogliono almeno un minimo di 18 alunni per le scuole medie e di 14 per le scuole elementari. Nel passato si è scongiurato il deficit ma la situazione è sempre più complicata e ci si ritrova oggi, ha ribadito Bertucci, “con questa spada di Damocle fino a settembre”.

 

Bertucci ha fatto riferimento all’importanza della presenza del Grembo e dell’adesione allo Sprar come maggiore garanzia di raggiungimento del numero minimo per far continuare a vivere la scuola di Nemi e quindi prevedere soprattutto grazie allo Sprar un aumento del numero degli iscritti. Il sindaco ha poi ribadito l’importanza di ottenere una deroga definitiva anche con l’inserimento di Nemi come comune montano date le rispondenze di caratteristiche del territorio. Questo scongiurerebbe quest’affannosa e difficoltosa ricerca di iscritti entro settembre per scongiurare, anno dopo anno, la chiusura della scuola a Nemi.


Il consigliere di Ricomincio da Nemi Carlo Cortuso ha evidenziato come la presenza della scuola rappresenti un presidio democratico e civile fondamentale per una comunità e che la sua assenza rappresenterebbe una grossa frattura: “Uno dei problemi però – ha detto Cortuso – è che non si è fatto abbastanza per sensibilizzare le famiglie al concetto che una comunità si deve riconoscere intorno alla scuola. Ogni anno si ripresenta questa problematica divenuta ciclica. È mancata l’iniziativa per scongiurare la perdita di un bene così prezioso. Si, c’è stato un tentativo di assemblea ma bisognava insistere. Ora l’emergenza ci impone un atto di responsabilità ma non possiamo non evidenziare queste mancanze”. Riguardo lo Sprar ha sottolineato Cortuso che come gruppo hanno presentato una richiesta di accesso agli atti per capire i particolari di questa adesione, i numeri, il tipo di progettualità per avere perlomeno coscienza di quello di cui si sta parlando: “Abbiamo una difficoltà oggettiva di poter lavorare in questo modo – ha aggiunto Cortuso – non abbiamo avuto risposte e questo dimostra il poco rispetto che viene portato ai consiglieri ma di riflesso è il poco rispetto per la cittadinanza che rappresentiamo. Non si può essere sempre così estemporanei”.

 

Bertucci ha subito bollato l’intervento di Cortuso come fuori luogo per il fatto che si reclama una risposta all’accesso agli atti a distanza di 48 ore (ndr la richiesta è stata presentata in data 26 giugno 2017): “Si tratta di un intervento – ha detto il sindaco – che necessariamente andava stoppato. L’amministrazione ha fatto tanto per la scuola e non so se l’opposizione ha fatto altrettanto. Con i cittadini abbiamo fatto opera di convincimento anche attraverso incontri con i docenti, le famiglie. Non è consentito l’intervento di Cortuso per mancanza di fotografia della realtà dei fatti”.


Tersigni ha fatto una riflessione: chiedersi i motivi che hanno portato a questa situazione e migrazione degli iscritti verso altre scuole. “Probabilmente c’è stata scarsa attenzione o tempestività di azione anche rispetto a problematiche di diversa natura come quella igienica. A queste carenze si potrebbe far fronte con una maggiore capacità di ascolto. Poi – ha aggiunto Tersigni, è la seconda volta che sento parlare di Sprar e ribadisco la mia contrarietà perché lo ritengo un ricatto di stato. Quindi non auspico, come invece ha fatto il sindaco, che la situazione di carenza di iscritti nella scuola possa essere risolta con l’arrivo degli immigrati”.

 

Dopo l’intervento di Tersigni, Bertucci si è ancora più acceso tornando sempre sul solito cliché di “fatti falsi” diffusi da alcuni giornali che perpetuano “nelle azioni sterili e negative”. “Questo gruppo di residenti – ha detto Bertucci – che hanno fatto e scritto critiche sono i primi ad aver portato i loro figli via dalla scuola di Nemi sperando in una nefasta conclusione della situazione di vedere finita la scuola”. I fatti di cronaca a cui si riferisce Bertucci sono un chiaro riferimento alla nostra testata giornalistica che in passato ha raccolto le lamentele di docenti, genitori e studenti e che si è basata su verbali sanitari e operazioni di pulizia straordinaria effettuate in fretta e furia dall’amministrazione nel plesso scolastico. Adesso ci manca che si metta a dire che la foto di un gatto sopra al cibo della mensa è un fotomontaggio e che le denunce sporte e/o paventate da alcuni genitori sono frutto dell’immaginazione dei cronisti de L’Osservatore Laziale.

 

Spiace assistere sempre al solito teatrino di un sindaco che si abbassa a chiamare in causa con epiteti di bassa lega un organo di informazione che fa soltanto il suo lavoro: critica e cronaca come la Costituzione della Repubblica italiana sancisce. Eppure questo sindaco non si stanca mai di nominare quello che per lui sembra essere divenuta una ossessione che lo segue ovunque e in ogni luogo. Il suo è uno sfogo continuo contro “quel giornale che dice falsità e fa azioni sterili e negative”. Eppure la diagnosi è una sola: volontà di mettere il bavaglio rispetto a chi fa il suo lavoro senza attaccare l’asino dove vuole il padrone.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gallery

Roma, sostenibilità ambientale e sociale: Poste Italiane rafforza la flotta green

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

105 autovetture, 180 motomezzi e 197 nuovi motocicli elettrici a tre ruote

ROMA – Salgono a oltre 480 i mezzi ecologici in forza nei 19 Centri di Recapito dai quali ogni giorno partono i portalettere per la consegna di corrispondenza e pacchi ai circa 3 milioni di abitanti della Capitale.

La flotta green romana è composta da 105 autovetture, 180 motomezzi e 197 nuovi motocicli elettrici a tre ruote. In particolare nei contesti urbani, Poste Italiane sta puntando molto nella fornitura dei nuovi tricicli poiché garantiscono emissioni zero, maggiore capacità di carico, stabilità e sicurezza.

Alimentati elettricamente al 100%, infatti, hanno una potenza di 4 kW che garantisce una velocità massima di 45km/h, in linea con i limiti imposti dal codice della strada nei centri abitati e sono dotati di un’autonomia energetica di circa 60 km, tale da permettere ai portalettere di consegnare la corrispondenza e i pacchi giornalieri con una sola ricarica.

La particolare conformazione del veicolo a tre ruote, inoltre, ne aumenta la stabilità e la sicurezza per il conducente e permette l’installazione di uno speciale baule che aumenta la quantità di pacchi e lettere trasportabili: fino a 270 litri, contro i 76 dei motocicli tradizionali, caratteristica ancora più importante visto il costante aumento dei pacchi da consegnare grazie allo sviluppo importante dell’e-commerce.

Ogni giorno abbiamo circa 33.500 mezzi che girano per il paese – ha dichiarato Matteo Del Fante – per cui abbiamo molto a cuore il tema della sostenibilità. Ci siamo dati l’obiettivo di ridurre di circa il 40% le emissioni entro il 2022 passando da circa l’11% di mezzi green ad oltre il 50%. Anche i nostri nuovi Centri di Recapito – ha concluso Del Fante – sono pensati e realizzati in base a standard energetici di altissimo livello”.

Il piano “green” di Poste Italiane è in linea con l’ESG – il piano d’azione in materia di sostenibilità ambientale e sociale approvato dal Consiglio di Amministrazione ad agosto 2018, che ha l’obiettivo di garantire la definizione degli indirizzi del Gruppo con ricadute positive per tutto il territorio.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, dal Pd in Regione il sostegno di Michela a Michele

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Arrivano i primi “in bocca al lupo” politici per il candidato di centrosinistra ad Anguillara Sabazia Michele Cardone che ha appena ufficializzato la sua candidatura a sindaco di Anguillara per le prossime comunali del 20 e 21 settembre.

Cardone, imprenditore con tre agenzie immobiliari e un negozio di biciclette ad Anguillara ha appena incassato un commento positivo dal consigliere regionale del Pd Michela Califano: “Apprendo con soddisfazione – dice Califano – della candidatura di Michele Cardone a Sindaco di Anguillara per il centrosinistra. Una scelta coraggiosa, importante, controcorrente e per questo degna di nota. Un ragazzo per bene, di contenuti, espressione di quel mondo civico e associativo che è nostro dovere sostenere e far emergere. Un imprenditore capace. Una soluzione unitaria, rispetto alla frammentarietà del centrodestra. La migliore possibile per una città importante come Anguillara che ha bisogno di risollevarsi dopo l’ultima deludente parentesi amministrativa. A Michele il mio personalissimo in bocca al lupo e un grazie per aver dato la propria disponibilità e aver messo a disposizione la propria competenza per una nuova importante fase per Anguillara”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Frascati, al Divan Japonais nasce il drink “La Mandragata”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FRASCATI (RM) – Grazie a un barman creativo e cinefilo diventa un drink il film’Febbre da Cavallo‘, il cult movie firmato Steno e interpretato da Gigi Proietti, Enrico Montesano, Catherine Spaak e tanti altri attori e caratteristi che hanno reso grande il cinema italiano.

A inventare il cocktail ‘La Mandrakata‘, ispirato dalla famosa espressione di Proietti, Max La Rosa, proprietario e barman del Divan Japonais di Frascati

Max La Rosa proprietario e barman del Divan Japonais di Frascati

Gli ingredienti

Il drink si prepara con 3,5 cl di Jim Beam Rye Whiskey, 3,0 cl di Cherry Stock, 12 foglie di menta marocchina, 4 cl succo di limone, 3 cl sciroppo homemade allo Zafferano di Navelli, 3 splash bitter homemade agli agrumi e quanto basta di Gosling’s Ginger beer. Per prepararlo, pestare delicatamente la menta in un bicchiere highball doppio da 450 ml, quindi versare tutti gli ingredienti, tranne la Gosling’s Ginger beer e aggiungere ghiaccio. Versare quindi la Gosling’s Ginger beer e mescolare ancora per completare, decorando con una fetta di limone e della menta cosparsa di zucchero a velo vanigliato.

Il whisky ‘maschio senza rischio‘ o meglio ‘teschio maschio senza fischio‘ evocato dal film è ingrediente principale del drink, in questo caso Jim Beam Rye, whiskey di segale del Kentucky, distribuito in Italia da Stock Spirits, caratterizzato da note di vaniglia e un finale pungente, con aromi di noce moscata, chiodi di garofano e pepe nero. Il tutto levigato nel drink dalla menta e dai sapori di agrumi e amarena. E attinente è l’ispirazione del cocktail a un grande classico, il Mint Julep, datato 1938 e servito durante la più famosa corsa di cavalli statunitense, il Kentucky Derby, dove veniva apprezzato da più di 120mila persone l’anno. Insomma, un drink da assaporare mentre si ascoltano le inconfondibili note del trio Bixio-Frizzi-Tempera, scommettendo su Soldatino o D’Artagnan e tifando per Mandrake e Pomata.

Continua a leggere

I più letti