Connect with us

Castelli Romani

Nemi, Consiglio comunale: le “apette” del sindaco allo stadio comunale tra puzze nauseabonde e rumori

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Suggeriamo la partecipazione in massa ai Consigli comunali, eventualmente muniti di pop-corn e bibite (non ci sembra sia contro il regolamento a differenza degli scatti fotografici e delle video riprese) che ormai sono meglio di qualsiasi “prima visione”

NEMI (RM) – Puzza nauseabonda che al minimo levarsi di un pò di vento invade letteralmente il popoloso quartiere dei Corsi che sorge intorno allo stadio “Luciano Iorio” di Nemi, dove sono presenti molteplici abitazioni, che ormai da mesi ospita i mezzi della Minerva Ambiente, tra camion di piccole e grandi dimensioni che girano per il Paese dove raccolgono quotidianamente i rifiuti per poi portarli all’interno della struttura sportiva per poi travasarli sui mezzi più grandi, questi ultimi parcheggiati sempre all’interno dello stadio.

Una situazione ben oltre la linea di border line legale visto che nelle vicinanze è presente il pozzo di acqua potabile che serve la popolazione e che è stata più volte segnalata alle Autorità competenti compreso il Parco Regionale dei Castelli Romani. Una presenza quella dei mezzi della nettezza urbana e dei rifiuti vietata espressamente dalla legge sull’ambiente – Dlgs 152/2006 – a tutela della salute pubblica e che all’Art. 177 recita:

“I rifiuti sono gestiti senza pericolo per la salute dell’uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all’ambiente e, in particolare:

a) senza determinare rischi per l’acqua, l’aria, il suolo, nonché per la fauna e la flora;

b) senza causare inconvenienti da rumori o odori;

c) senza danneggiare il paesaggio e i siti di particolare interesse, tutelati in base alla normativa vigente.”

Officina Stampa del 27/05/2021 – Il video servizio che testimonia le operazioni con i rifiuti all’interno dello stadio comunale di Nemi Luciano Iorio

Per il sindaco Bertucci si tratta solo di “due apette” all’interno dello stadio

Eppure per il primo cittadino nello stadio ci sarebbero solo “due apette”, così le ha definite ieri durante le comunicazioni finali del Consiglio comunale dove oltre ad aver dichiarato che si tratta solo di strumentalizzazione politica portata avanti da certi personaggi ha anche parlato di una situazione provvisoria relativa lo stadio di Nemi adibito a parcheggio dei mezzi della nettezza urbana e a operazioni con i rifiuti. Il sindaco ha infatti detto che è volontà dell’amministrazione comunale dare in gestione lo stadio al fine della realizzazione e riqualificazione dell’impianto sportivo situato in via dei Corsi.

Ma le dichiarazioni del primo cittadino sembrano cozzare letteralmente con quanto si legge sulla delibera di giunta comunale dove è letteralmente scritto: “consentire l’utilizzo dello spogliatoio nelle ore del mattino ai dipendenti di Minerva” e ancora “consentire l’utilizzo del campo sportivo ai giovani sportivi di Nemi una volta a settimana di pomeriggio”

Cliccare sull’immagine per leggere la delibera di giunta

Dunque il futuro dello stadio dovrebbe essere quello di ospitare tutte le mattine i dipendenti della società Minerva e un pomeriggio a settimana i giovani sportivi di Nemi.

E intanto su via della Radiosa, alle spalle dello stadio comunale dove gli amministratori comunali vorrebbero edificare un’isola ecologia per ospitare tutti i tipi di rifiuti con la sola eccezione di quelli organici, compresi materiali di risulta, i cittadini riunitisi in Comitato per difendere il pozzo di acqua potabile che dista solo 30 metri dal punto in cui sorgerebbe l’isola ecologica hanno scritto a tutti gli Enti sovracomunali chiedendo di essere tempestivamente aggiornati circa i pareri e le decisioni che verranno trasmesse al Comune di Nemi nell’ambito della Conferenza di Servizi convocata per il 23 giugno 2021.

Per il momento, in attesa di sviluppi su una vicenda che per i cattivi odori e anche per i rumori dei mezzi della nettezza urbana interessa un intero quartiere oltre a interessare l’intera comunità di Nemi per via del pericolo inquinamento falda dovuto all’attività con i rifiuti, sarà bene tapparsi il naso e orecchie in attesa che le “apette” levino le tende. E sempre nell’attesa suggeriamo la partecipazione in massa ai Consigli comunali, eventualmente muniti di pop-corn e bibite (non ci sembra sia contro il regolamento a differenza degli scatti fotografici e delle video riprese) che ormai sono meglio di qualsiasi “prima visione”.

Continua a leggere
1 Comment

1 Comment

  1. Caterina

    8 Giugno 2021 at 20:23

    INQUINAMENTO Ai Corsi – Via della Radiosa – NEMI :

    Inquinamento -IDRICO per la presenza del pozzo di acqua potabile troppo vicino all’isola ecologica voluta dal sindaco e dalla sua giunta (?).

    Inquinamento – Dell’ ARIA puzzo nauseabondo

    Inquinamento – ACUSTICO per il va e vieni di mezzi per lo smaltimento dei rifiuti

    Inquinamento – LUMINOSO per le luci accese tutta la notte nell’area interessata.

    In più l’appropriazione indebita del Campo sportivo “Iorio” di 6 giorni mezzo su 7 a discapito dei giovani di NEMI.
    Scusate se è poco cari concittadini di NEMI, forse le nostre aspettative sono troppo ambiziose, in primis LA SALUBRITÀ ?
    Sembra che della salute pubblica all’amm.ne comunale di NEMI se ne infischi, così come della Legge.

    GRATTATIO PALLORUM e resistiamo contro il progetto del sindaco e della sua giunta (?).

    Il progetto dell’isola ecologica va abolito completamente.

    Inquinamento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Ciampino aeroporto, il Consiglio di Stato conferma la riduzione dei voli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Respinto il ricorso di Ryanair e confermata la riduzione dei voli. “Prevale il diritto alla salute dei cittadini”

“Dopo anni di proteste, migliaia di denunce alla magistratura, il ricorso all’Unione Europea e moltissime iniziative nei confronti delle istituzioni, la giornata di oggi segna una svolta per le decine di migliaia di cittadini che vivono nelle aree urbane limitrofe all’aeroporto di Ciampino.” dichiara il portavoce del comitato dei cittadini Roberto Barcaroli

Il Consiglio di Stato, infatti, con la sentenza di oggi, conferma la riduzione dei voli nell’aeroporto di Ciampino e la validità del decreto del Ministro dell’ambiente 345/2018 che ne prevede tempi e modi.

La sentenza respinge tutte le richieste di Ryanair e Wizz Air per impedire che i voli vengano ridotti e conferma la precedente sentenza, con gli stessi contenuti, emessa dal TAR Lazio il 17 marzo, contro cui Ryanair e Wizz Air si erano appellate.

“Una ottima notizia per i cittadini di Ciampino, Roma sud e Marino, colpiti da anni da un inquinamento che spesso rende difficile la vita quotidiana.” continua il portavoce del comitato dei cittadini.

Le indagini epidemiologiche su adulti (indagine SERA) e sui bambini (indagine SaMBa), condotte dal Dipartimento Epidemiologico Regionale, hanno confermato la sofferenza della popolazione delle aree colpite, come riporta la stessa sentenza del Consiglio di Stato.

Su questo tema lo stesso Consiglio di Stato richiama la sentenza della corte di cassazione che conferma come il diritto alla salute e alla qualità della vita sia prioritario: “il limite della tutela della salute è da ritenersi ormai intrinseco nell’attività di produzione oltre che nei rapporti di vicinato, alla luce di una interpretazione costituzionalmente orientata, dovendo considerarsi prevalente, rispetto alle esigenze della produzione, il soddisfacimento ad una normale qualità della vita” (cfr. Cass. civ., 8 marzo 2010, n. 5564).

“Un aeroporto con un grande traffico aereo in mezzo alle case non è tollerabile. Le leggi nazionali e comunitarie per limitare il traffico e l’inquinamento che l’aeroporto produce esistono da anni ma, fino ad oggi, sono state applicate molto poco. La sentenza di oggi è importante e deve essere applicata subito, è una svolta e una conquista non solo per noi. Ora non si deve tornare indietro.” conclude Roberto Barcaroli.

Continua a leggere

Castelli Romani

Marino, Cangemi (Lega): “Congratulazioni e buon lavoro a Stefano Cecchi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

“Congratulazioni a Stefano Cecchi, eletto sindaco di Marino. Il compito cui è chiamato a far fronte è oneroso, ma la sua competenza e la sua abnegazione saranno un valore importante per la guida della città. A lui i miei migliori auguri di buon lavoro”

E’ quanto dichiara il vicepresidente del consiglio regionale del Lazio e consigliere Lega, Giuseppe Emanuele Cangemi

Continua a leggere

Castelli Romani

Frascati, Francesca Sbardella è la nuova sindaca

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

FRASCATI (RM) – Francesca Sbardella vince il ballottaggio con Roberto Mastrosanti e si aggiudica la poltrona di sindaca della città. Una vittoria ottenuta con 4021 voti pari al 54,03% rispetto il competitor che ha ottenuto il 45,97% con 3.421 voti.

Continua a leggere

I più letti