Connect with us

Roma

NEMI: IL RILANCIO DI CASTELLO RUSPOLI – “IL RIPOSTIGLIO D’EUROPA”

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti All'interno del Castello una molazza, un camion e molto materiale edile accatastato.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

di Chiara Rai

Nemi (RM) – Sembrerebbe esserci un incidente di percorso nei lavori di ristrutturazione di una palazzina nel centro storico di Nemi in via Cavour. La ditta incaricata della ristrutturazione deve svolgere ancora oggi, dei lavori di riparazione sul tetto della palazzina che affaccia in Piazza Umberto Primo e fa angolo con un il bar “Spartaco” che si trova proprio di fronte al castello Ruspoli. Sembrerebbe che il titolare del bar si sia lamentato del fatto che il tetto da riparare copra anche il locale commerciale. Questa lamentela sarebbe giunta a posteriori di accordi scritti con proprietari, compreso il titolare del bar e dopo la relativa concessione di permessi e disponibilità da parte dei Vigili Urbani nella gestione del traffico in piazza durante il periodo del cantiere. Ne è conseguito lo stop al cantiere. I lavori sarebbero dunque stati sospesi perché il ponteggio avrebbe ostacolato l'apertura della tenda del locale commerciale.

A quel punto la ditta edile si sarebbe adoperata per avanzare una nuova proposta per una impalcatura che arrecasse meno disturbo possibile ma con conseguente aumento di costi: Niente da fare. Gli animi si sono accesi e il titolare della ditta, insieme a uno dei proprietari committenti della ristrutturazione, si sono rivolti al Comando dei Vigili e hanno chiesto anche aiuto al Sindaco di Nemi Alberto Bertucci. Il primo cittadino, secondo quanto riferito dal titolare della ditta, avrebbe risposto di non poter far nulla rispetto questo intoppo. A questo punto ci sono degli operai senza lavoro e una ditta a mani conserte che aveva posto in essere tutti i preparativi per iniziare i lavori che si sarebbero dovuti svolgere approfittando di queste giornate di sole, prima dell’avvicendarsi del maltempo.

Intanto, mercoledì 24 settembre intorno alle ore 12:30 circa, i Vigili Urbani, con l’ausilio dei carabinieri di Nemi e della Asl RmH, hanno effettuato un sopralluogo al cantiere in via Cavour ma ancora non si conosce l’esito dello stesso. Molto probabilmente ve ne sarà un altro ancora.

Intanto muta lo scenario a piazza Umberto. Il Castello Ruspoli, recente oggetto di discussione riguardo un possibile rilancio, messa in sicurezza e conservazione, si presenta come un cantiere: c’è una molazza, un camion e molto materiale edile accatastato. Si tratta di un sito pericolante e il fatto che vi sia materiale dentro comporta un via vai di personale, operai e curiosi la cui incolumità viene messa a rischio. Chi ha autorizzato che venisse utilizzato il Castello come ripostiglio di tale materiale. In che modo si riesce a garantire la sicurezza di chi vi transita all’interno?

Certo, lo stato di castello Ruspoli, non sembrerebbe affatto essere migliorato. Soltanto a luglio risale la visita a Nemi del sottosegretario ai Beni culturali, Ilaria Borletti Buitoni, con la quale l’amministrazione ha cercato di intavolare un discorso proiettato al rilancio attraverso fondi governativi. Certamente, il fatto che il Castello sia utilizzato come ripostiglio, non è di buon auspicio.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Anguillara Sabazia, furti auto di turisti in sosta: 2 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era da qualche tempo che i Carabinieri di Anguillara Sabazia ricevevano segnalazioni per furti su autovettura, in particolare ai danni di turisti che, dopo avere parcheggiato su via Trevignanese, si recavano in spiaggia.Per arginare il fenomeno che stava turbando l’usuale serenità del comune sabatino, i Carabinieri hanno quindi organizzato un mirato servizio di osservazione nel corso del quale hanno notato due soggetti avvicinarsi con aria furtiva ad un’autovettura parcheggiata. I due, dopo avere infranto un finestrino laterale del veicolo, sono stati sorpresi a impossessarsi di un trolley e a tentare di allontanarsi immediatamente ma sono stati inseguiti e raggiunti dai Carabinieri, che li hanno bloccati e perquisiti. In loro possesso, i Carabinieri hanno rinvenuto due cassette degli attrezzi e un trapano, risultate provento di furto perpetrato poco prima con le medesime modalità e restituiti al legittimo proprietario.Gli arrestati, due uomini di 29 e 38 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, sono stati sottoposti a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Civitavecchia, dove il loro arresto è stato convalidato, applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, morto in ospedale il 35enne affogato ieri al lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo era stato rianimato da alcuni bagnanti e trasportato in elisoccorso all’ospedale Gemelli

CASTEL GANDOLFO (RM) – E’ morto in ospedale il 35enne di nazionalità irachena che ieri era stato rianimato da alcuni bagnanti al lago Albano di Castel Gandolfo dopo aver avuto un malore ed essere annegato.

L’uomo era stato portato in elisoccorso all’ospedale capitolino del Gemelli in situazione disperata dove è poi deceduto a causa di alcune complicazioni.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, annega nel lago e viene salvato in extremis da alcuni bagnanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un 35enne annega nel lago Albano di Castel Gandolfo e viene salvato da alcuni bagnanti che avevano appena effettuato un corso di BSLD (manovre di primo soccorso con impiego di defibrillatore) promosso dagli operatori sanitari della Asl Roma 6 per la sicurezza in mare e nei laghi.

“Queste iniziative formative producono effetti benefici multidimensionali: ci aiutano a salvare vite; avvicinano le istituzioni ai cittadini; ci rendono persone migliori. I miei ringraziamenti vanno ai nostri operatori sanitari, che si stanno dedicando con grande passione a questo progetto” ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Cristiano Camponi.

Continua a leggere

I più letti