Connect with us

Castelli Romani

Nemi, inaugurazione del monumento ai Parà: Caio Giulio Cesare scrive al giornale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Sarà inaugurato a Nemi, il prossimo 18 ottobre 2020 alle ore 11.30, la Stele di Benvenuto e monumento ai paracadutisti di via Nemorense 14), alle porte del paese.

Un’opera che ha suscitato non poche polemiche da parte dell’ANPI locale che ha espresso “forte preoccupazione anche perché Nemi è conosciuta anche come città dell’amore e la sua comunità cittadina è quanto di più lontano possa esserci da una cultura di guerra. Oltre a ciò riteniamo che la stele in questione sia assolutamente fuori contesto storico-paesaggistico, in quanto Nemi non ha mai avuto alcun legame storico e territoriale con tali realtà. Un’opera che il Sindaco ha invece definito come “opera degna di Michelangelo”.

Un lettore del nostro giornale che si firma C. Giulio Cesare è voluto intervenire sulla questione con una nota che pubblichiamo di seguito:

“Visto l’imperversare di polemiche, non posso esimermi dall’esprimere alcune considerazioni sulla realizzazione del monumento alla sempiterna gloria dei “parà”, finanziato dal “Nucleo Paracadutisti Colline Romane” (affiliato ANPdI) ed eretto per volere dell’Amministrazione Comunale di Nemi lungo via nemorense, in una aiuola (che il sindaco stesso definisce “trascurata e incolta”) prospiciente la strada provinciale.
In primis, banalmente, mi chiedo perché l’aiuola sia “trascurata e incolta” e a chi spetti la sua manutenzione (o il controllo) se non all’amministrazione; in secundis vorrei anche sapere se la posizione del monumento rispetta la distanza dalla carreggiata imposta dalla normativa prevista fuori dai centri abitati (art. 16 cod. str.), ma su questo almeno, voglio sperare, qualcuno più competente di me in materia, si sarà premurato di verificare, per la sicurezza di noi tutti.
Più in generale, invece, vorrei esprimere un mio parere su questo monolite quadrifronte, le cui eterogenee raffigurazioni in bassorilievo, paiono piuttosto ridondanti nei motivi presentati e povere nei temi di ispirazione. Personalmente lo trovo estremamente mediocre, didascalico nei contenuti (con una certa tendenza all’horror vacui), poco gradevole (eufemismo!) nella forma e nelle proporzioni. Trovo altresì che esso scimmiotti ridicolmente (se non altro per le dimensioni) talune forme architettoniche e motivi tanto cari ai nostalgici regime che fu. Bisogna dire, tuttavia, che tipologicamente il manufatto ha una sua originalità, nel senso che non è definibile come stele, e non è neppure una base o un’ara, non somiglia ad altro se non ad una sorta di tozzo obelisco “nano” o per gran parte interrato (un qualcosa che dà lo stesso effetto sconcertante della visione della statua della libertà ne “Il pianeta delle scimmie”) al cui apice non sappiamo ancora quale sorpresa riservi.
A parte le battute, questo è il mio giudizio personale ed è insindacabile così come lo è quello del primo cittadino di Nemi che invece trova il monumento magnifico, paragonando l’esecutore dell’opera a “una sorta di Michelangelo della nostra epoca” (De gustibus…)
Non mi soffermo sui motivi decorativi e simbologie guerresche, già segnalati da altri (come la locale sezione dell’ANPI), né voglio in alcun modo oltraggiare l’associazione che se ne è fatta promotrice, benché siano note, anche dalle cronache, vicende non sempre limpide (su tutte il caso di Emanuele Scieri, ma non solo) legati a questa brigata militare che non passa certo per avere posizioni moderate. Tuttavia, senza polemizzare, mi sfugge quale sia il legame tra questo corpo militare e la città di Nemi e quale sia l’esigenza di questa autorappresentazione del tutto priva di aderenza con il contesto storico locale, poiché questo non è, come qualcuno ha asserito (vd. l’articolo “vagamente fazioso” de Il Giornale), un monumento ai caduti di tutte le guerre (che certamente meritano il dovuto rispetto) è qualcosa di diverso, ma decisamente incomprensibile tanto nel concetto, quanto nell’esito.
Mi pare, inoltre, che dal punto di vista paesaggistico, l’impatto dell’opera sia notevole e poteva essere molto attenuato se solo si fosse optato per un materiale locale (peperino) piuttosto che per una pietra calcarea (marmo?) che stride palesemente con le “pentime” tufacee circumlacuali, ma tale sensibilità non è da tutti.
Insomma verrebbe da bollare l’iniziativa come priva di qualsiasi utilità e assolutamente non in armonia né col paesaggio che, suo malgrado, l’accoglie, né con la sensibilità di una consistente componente della cittadinanza, che ha avviato una raccolta firme per chiederne (inutilmente) la rimozione.
Ora il sindaco, come sua abitudine, dirà che queste sono inutili maldicenze di una minoranza malevola e oppositrice (“di un gruppetto di persone”) e tutto come sempre finirà nel folklore locale dell’eterna diatriba alla don Camillo e Peppone. Mi sta bene! Però mi sento di consigliare il sindaco a non lanciarsi in improbabili comunicati nei quali accosta la folgore “nemese” alla “XII legione partica di Gaio Giulio Cesare” se non altro perché la legione in questione sarebbe, semmai, la XII fulminata, che non era “partica” (quella è la II legio Parthica di Settimio Severo, della vicina Albano); e infine, a parte i cavilli storici, non credo che simili aulici riferimenti ai “nostri” trascorsi imperialistici (tanto cari, guarda caso, al regime fascista) siano in linea con i principi di un popolo in pace che nella propria costituzione, ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali (art. 11), né credo che vantare simili ascendenze possa in nessun modo dare credito a questa ennesima e sconclusionata iniziativa autoreferenziale, di cui non si avvertiva alcuna necessità.
C. Giulio Cesare”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Monte Compatri, nuovo polo scolastico: Comune al lavoro per progetto definitivo e per accensione mutuo con Cassa Depositi e Prestiti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MONTE COMPATRI (RM) – Via libera della Giunta comunale di Monte Compatri al Quadro Tecnico Economico (QTE) del nuovo polo scolastico del centro urbano di Monte Compatri.

Con l’approvazione della delibera di Giunta saranno ora attivate le attività propedeutiche alla realizzazione di un’opera fondamentale per garantire la sicurezza degli studenti offrendo spazi adeguati alla nuova didattica

Il costo totale è di 5,3 milioni di euro di cui oltre 3,5 milioni saranno finanziati con fondi pubblici mentre per la parte restante il Comune accenderà un mutuo con Cassa Depositi e Prestiti.

Ora per avviare l’iter con CDP  sarà necessario procedere con la progettazione definitiva che potrà essere avviata grazie al via libera ricevuto con la delibera di Giunta.

Continua a leggere

Castelli Romani

Monte Compatri, differenziata scende al 66 per cento: ancora troppi rifiuti indifferenziati per poter diminuire la Tari

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MONTE COMPATRI (RM) – Dopo il balzo in avanti, con il 72,15% di percentuale di raccolta porta a porta registrata ad agosto a settembre piccolo passo indietro: 66,14 punti di materiali differenziati. In nove mesi, nel 2020, la percentuale media resta al 68,01; la stessa del primo semestre.

Questi 274 giorni mostrano come per un trimestre sia stato superato il tetto del 70% e per cinque volte si sia mantenuta una percentuale maggiore ai 65 punti; in una sola occasione, a gennaio, sotto solo dell’1%. Segno che Monte Compatri va nella direzione giusta, grazie all’impegno e alla costanza dei monticiani e al lavoro degli uffici.

“Da un lato, abbiamo buone pratiche di differenziazione applicate da voi cittadini, dall’altro, invece produciamo ancora troppi rifiuti. – Commenta l’assessore all’Ambiente Sabrina Giordani. – Senza dimenticare – prosegue – che a settembre paghiamo la bonifica e lo smaltimento di materiali, oggetti e sterpaglie che hanno invaso le strade a causa di una tre giorni di maltempo che ha messo sotto stress tutto il quadrante dei Castelli Romani. Come ho detto in questi anni da assessore all’Ambiente, ripeto l’importanza di cristallizzare la percentuale sopra il 70%: riuscire a superare stabilmente questa cifra, farlo diminuendo i quintali di rifiuti indifferenziati che continuiamo a smaltire e hanno un costo elevatissimo per la comunità, ci porterà a ridurre il costo del servizio. Senza questi due, fondamentali passaggi, la Tari non potrà scendere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, colpo di scena sulla stele di via Nemorense: l’intervista al Consigliere comunale Carlo Cortuso

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Discordanza sulla relazione tecnica allegata alla documentazione autorizzativa della stele di benvenuto e monumento ai paracadutisti di via Nemorense 14, realizzata alle porte di Nemi che verrà inaugurata ufficialmente domenica mattina.

A evidenziare questa discordanza dell’atto propedeutico all’ottenimento delle autorizzazioni da parte degli Enti sovracomunali per poter realizzare il monumento il Consigliere comunale Carlo Cortuso di “Ricomincio da Nemi”.

In pratica la relazione tecnica descrive esattamente quello che è il progetto – misure e fattezze del monumento – al fine della valutazione da parte dei tecnici della Città Metropolitana di Roma Capitale, dell’Ente Regionale Parco dei Castelli Romani e del Comune di Nemi per valutare se l’opera in questione rispetta tutti parametri dettati dai vari vincoli ai quali è sottoposta l’area, che nel caso in questione è di massima tutela.

Ebbene, il Consigliere comunale di “Ricomincio da Nemi”, documenti alla mano, ha evidenziato che la relazione tecnica agli atti presso l’Ufficio Tecnico del Comune di Nemi è diversa da quella agli atti presso l’Ente Parco dei Castelli Romani.

Quindi l’Ente Regionale avrebbe autorizzato un monumento secondo quanto descritto nella relazione tecnica in proprio possesso, fornitagli dal Comune di Nemi, che non corrisponderebbe a quanto effettivamente realizzato mentre la relazione tecnica agli atti del Comune di Nemi riporterebbe altre specifiche del Monumento che invece corrispondono a quanto realizzato.

Una discordanza su un atto pubblico sulla quale ora dovranno essere accertate le responsabilità su quanto accaduto.

Sulla vicenda abbiamo intervistato il Consigliere Carlo Cortuso

Consigliere Carlo Cortuso, per capire meglio cosa è successo ieri in Consiglio Comunale in merito alla stele di via Nemorense le vorrei rivolgere alcune domande.

Quale il quesito posto al Sindaco Alberto Bertucci?

Le racconto la vicenda per intero per poterle dare un quadro della situazione più preciso possibile. Parlo della Stele di “Benvenuto a Nemi” che il Nucleo Paracadutisti Colline Romane ha eretto sulla nemorense, all’altezza del “Faro”. È un manufatto che non passa inosservato, anzi la definirei una presenza molto “arrogante”. Insieme alla mia collega del Gruppo Consigliare “Ricomincio da Nemi”, Patrizia Corrieri, abbiamo presentato un accesso agli atti presso l’ufficio tecnico del comune di Nemi chiedendo informazioni e documentazione riguardo al “monumento”. Questo accadeva il 16 luglio scorso. Arriviamo al 9 settembre senza avere alcuna risposta dall’ufficio tecnico, ragione per la quale protocolliamo un sollecito all’attenzione dell’Ing. Massimo Salvatori, responsabile dell’area tecnica. Apro una parentesi: non rispondere a richieste ufficiali dell’opposizione è una prassi ormai consolidata da parte di questa amministrazione; ne sono la riprova i numerosi solleciti e messa in mora presentati da noi nel corso di questi anni di consigliatura. Il 28 settembre, non avendo nessun riscontro da parte dell’amministrazione comunale, presentiamo una diffida e messa in mora indirizzata al responsabile dell’ufficio tecnico intimando un termine ultimo pena un esposto alle autorità competenti. Nel frattempo decidiamo di rivolgerci anche agli altri enti coinvolti per le autorizzazioni della stele presentando, per ognuno, lo stesso accesso agli atti. Finalmente il 5 ottobre l’ufficio tecnico del comune di Nemi ci fa la grazia della consegna dei documenti richiesti. Troppa grazia per l’appunto. Tra i documenti manca la relazione tecnica illustrativa. Facciamo presente e l’impegno è che ci verrà fornita immediatamente. Così è. Dopo un paio di giorni finalmente l’otteniamo. Contemporaneamente ci arriva la documentazione anche dal Parco dei Castelli Romani, dimostrando una notevole efficienza. E qui viene fuori il colpo di scena. Nel confrontare i documenti viene fuori una evidente discordanza.

Quale la discordanza rilevata?

La relazione tecnica ricevuta dal comune di Nemi, in riferimento all’intervento di progetto, descrive che la stele avrà quattro lati scolpiti (posizionati a parallelepipedo equilatero) con alla sommità una piramide quadrangolare che è esattamente quello che è stato realizzato e che si può vedere passando dalla via Nemorense. Invece la relazione tecnica ricevuta dal Parco dei Castelli Romani descrive un altro progetto: la stele avrà tre lati scolpiti (posizionati a triangolo equilatero) e non parla di piramidi sulla punta. Anche le misure sono diverse: 3,80 m. di altezza della prima contro i 3,00 m. della seconda. Peraltro in nessuna delle due relazioni compare il pennone che è stato realizzato ed è visibile accanto alla stele. Stante la relazione tecnica fornitami dal Parco, l’opera realizzata non è conforme al progetto.

In qualità di Consigliere Comunale, visti i fatti appena narrati, cosa intendete fare?

Ieri, in Consiglio comunale, ho fatto una comunicazione in cui ho riportato i fatti che le ho appena raccontato facendo mettere a verbale le mie dichiarazioni e allegando le due relazioni discordanti. Oggi come gruppo consigliare abbiamo protocollato una richiesta urgente di chiarimento all’indirizzo del responsabile dell’ufficio tecnico Ing. Massimo Salvatori e, per conoscenza, al Segretario Comunale Dott. Fulli.

Ciò che ha appena esposto ha tutti i contorni di un possibile falso in atto pubblico. Perché secondo lei il Comune avrebbe dovuto esporsi in questa maniera per una mera realizzazione di una stele?

Mi sono limitato ad sottolineare una discrepanza evidente tra le due relazioni. Per il momento non giungo a conclusioni. Sono sicuro che sarà data una spiegazione a questo episodio increscioso. Se così non fosse, insieme al gruppo consigliare, denunceremo la circostanza. Mi faccia dire un’ultima cosa. Dopo la mia comunicazione al Consiglio comunale, il sindaco ha detto: “Evito di farvi fare brutta figura e non risponderò ora.” Vogliamo ricordare al Sindaco che il nostro compito di consiglieri di minoranza (uso il termine di proposito al posto di opposizione) è sempre stato propositivo, laddove possibile, considerandolo sempre come il sindaco di tutti i cittadini. Faccio questa precisazione per rimarcare il fatto che non si tratta di voler fare una bella o brutta figura, ma del sacrosanto diritto e dovere di poter svolgere il nostro lavoro come è giusto e nel rispetto delle regole democratiche. Anzi, io e la collega Corrieri, saremmo ben lieti di fare una “brutta figura” e di essere rassicurati sulla buona condotta del sindaco e dell’ufficio tecnico. Noi operiamo sempre per il bene comune e ci auguriamo di cuore che i nostri dirigenti e i nostri consiglieri di maggioranza facciano lo stesso.

Continua a leggere

I più letti