Connect with us

Roma

NEMI: L'ACEA RISPONDE TEMPESTIVAMENTE: L'ACQUA E' CONTAMINATA DA BATTERI SOLTANTO ALLA FONTANELLA IN PIAZZA DE SANCTIS

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 6 minuti In alcune persone, questo tipo di Escherichia Coli può anche causare anemia o insufficienza renale e portare infine alla morte.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 6 minuti
image_pdfimage_print

Una complicazione dell'Infezione da Escherichia definita sindrome emolitica uremica (HUS), più frequente nei bambini di età inferiore ai 5 anni e negli anziani,  può manifestarsi anche settimane dopo.

 

Chiara Rai

Nemi (RM) – Arriva tempestiva la risposta di Acea che da una parte ci rassicura e ci permette di rassicurare i lettori e dall’altra sposa la tesi dell’ordinanza comunale “tardiva”. Il Comune di Nemi, infatti, pur essendo a conoscenza addirittura dal 1 luglio che l’acqua della fontana in piazza De Sanctis fosse inquinata è rimasto in silenzio fino all’8 agosto, omettendo la non conformità dell’acqua che a causa di contaminazione da E. Coli non va erogata. [ CLICCARE QUI PER LEGGERE L'ORDINANZA DEL COMUNE DI NEMI DELL'8 AGOSTO 2013 ] 

Ma veniamo al gestore.  Acea conferma la chiusura della fontanella in piazza De Sanctis a Nemi, e sottolinea che “la chiusura – si riporta testualmente –  si è resa necessaria a causa di un momentaneo inquinamento batteriologico, che ne ha alterato i parametri solo ed esclusivamente al punto in cui è ubicata la stessa”. 

Dunque nessun pericolo per le abitazioni ma l’inquinamento batteriologico è circoscritto alla fontanella. “La presenza di animali – prosegue la nota Acea –  in specie volatili, e la continua esposizione all’aperto della fontana,  aveva provocato, nel mese di luglio il rilievo di contaminazione batteriologica. 

La Società conferma, però, che non sussistono problemi d’inquinamento né di alterazione dei parametri dell’acqua distribuita a Nemi,  né alle abitazioni limitrofe alla fontanella e ribadisce che  la questione ha coinvolto solo il manufatto in questione, sul quale si interverrà quanto prima per una modifica strutturale del cannello di uscita”.

Dunque dalla nota Acea, e ringraziamo il gestore per il pronto riscontro, si prende atto del fatto che non vi è pericolo che l’acqua nelle abitazioni sia contaminata, che quanto prima il gestore interverrà con una modifica al cannello di uscita per ripristinare l’acqua alla fontana e si prende anche atto che la contaminazione batteriologica si è verificata nel mese di luglio, come asserisce Acea. 

E quindi a cosa serve una ordinanza sindacale che ordina di chiudere la fontanella e arriva tardiva l’8 agosto quando fino a questa data i cittadini hanno bevuto alla fontanella sicuri di bere ACQUA CONFORME? Ovvero acqua non contaminata da batteri?  

Gli effetti di questi batteri in bambini in età inferiore ai 5 anni si manifestano anche settimane dopo aver bevuto l’acqua contaminata. Ma evidentemente queste conseguenze sono state sottovalutate dall’amministrazione di Alberto Bertucci, visto che l’ordinanza di chiusura dell’acqua è datata 8 agosto. 

Immaginarsi il periodo che è mancata l’acqua nelle case (anche lo scorso fine settimana) quanti si sono recati alla fontanella pubblica per riempire le bottiglie d’acqua.  

Perché il sindaco Alberto Bertucci e la sua giunta non si sono preoccupati immediatamente di avvisare i cittadini e dissuaderli dal bere alla fontanella pubblica? Perché non hanno pubblicato sul sito istituzionale o affisso in paese avvisi relativi il pericolo di acqua contaminata presso la fontanella? 

C'e' un manifesto, certamente non passato inosservato alla cittadinanza, affisso prontamente dal sindaco Alberto Bertucci e rinnovato nel tempo e di carattere personale dove esorta i cittadini a promuovere azioni contro la stampa. 

Grazie alla stampa, però adesso possiamo conoscere lo stato dell'acqua grazie a domande dirette formulate all'Acea dal nostro giornale e anche grazie al reperimento delle analisi Acea di questo luglio che il nostro quotidiano pubblica ai fini di mettere la cittadinanza a conoscenza della qualità dell'acqua che si beve. 

Dunque è possibile conoscere i valori dell'acqua di Nemi (zona 2 Calvarione). Questi valori, purtroppo non sono reperibili sul sito istituzionale del Comune di Nemi. 

[ CLICCARE QUI PER LEGGERE I VALORI DELL'ACQUA DI NEMI RILEVATI A LUGLIO 2013 DA ACEA ]

Comunque aldilà delle spiegazioni di Acea ci si chiede: Ma non è che c’è stato un malfunzionamento dell’impianto di clorazione nella rete idrica che fornisce acqua a tutte le utenze? Dubitare è lecito e ci chiediamo come sia possibile escludere con certezza la contaminazione della rete idrica con la rete fognante segnatamente nel sito di piazza Pietro De Sanctis. 

Nozioni su infezione da Escherichia Coli: 

Escherichia Coli è il nome di un batterio che vive nel tratto digestivo di noi umani ma anche di diversi animali. Esistono molti tipi di Escherichia Coli (E. Coli) e la maggior parte di questi sono in realtà innocui; alcuni tipi invece, possono causare diarrea alle volte anche emorragica.

Questi batteri sono detti Escherichia Coli enteroemorragici (EHEC). Un tipo comune è l’ E. coli O157:H7. In alcune persone, questo tipo di Escherichia Coli può anche causare anemia o insufficienza renale e portare infine alla morte. Altri ceppi di E. coli, causano infezioni del tratto urinario o altri tipi di infezioni.

Ma andiamo con ordine e cominciamo punto per punto ad analizzare che cos’è l’Escherichia Coli:

Qual è la causa di una infezione da Escherichia Coli?

Le infezioni da Escherichia Coli possono essere contratte entrando in contatto con le feci sia di umani che di animali.

Può accadere per esempio bevendo acqua o mangiando cibo contaminato dalle feci stesse.

Escherichia Coli negli alimenti

L’ E. coli può insediarsi anche nella carne durante la sua lavorazione. Se la carne infetta non viene cotta a 71°C, il batterio sopravvive e noi possiamo infettarci semplicemente ingerendo la carne stessa. Questo appena descritto è il modo più comune attraverso il quale le persone vengono infettate da Escherichia Coli.

Qualsiasi cibo che entra in contatto con la carne cruda può infettarsi e a sua volta infettare noi.

Fra gli altri cibi che possono essere infetti da Escherichia Coli, ricordiamo:

Latte non pastorizzato o prodotti caseari. I batteri possono diffondersi dalle mammelle della mucca al suo latte. Bisogna quindi verificare che le etichette sui prodotti caseari al fine di assicurarsi che sia presente la parola “pastorizzato”. Ciò significa che l’alimento è stato riscaldato per distruggere i batteri.

Frutta e verdura cruda, come lattuga, germogli di erba medica o sidro di mele non pastorizzato o altri succhi non pastorizzati che sono entrati in contatto con feci di animali infetti.

Infezione da Escherichia coli enteroemorragici (EHEC-VTEC): rappresenta l'infezione più comune ed è causata da un particolare Escherichia coli denominato O:157 H7 il quale determina diarree sanguinolente gravi e nel 3-5 per cento dei casi, una complicazione definita sindrome emolitica uremica (HUS), più frequente nei bambini di età inferiore ai 5 anni e negli anziani, che può manifestarsi anche settimane dopo. La malattia è determinata dalla produzione di tossine fra le quali la più importante sembra essere la verocitotossina.

LEGGI ANCHE:

 09/08/2013 NEMI, ACQUA IN PIAZZA DE SANCTIS: IL COMUNE ORDINA ADESSO LA CHIUSURA DELLA FONTANELLA… MA SAPEVA CHE L'ACQUA NON ERA CONFORME GIA' DAL 1 LUGLIO

 04/08/2013 CASTELLI ROMANI: CITTADINI ABBANDONATI SENZ'ACQUA. E' ALLARME CARENZA IDRICA… E ACEA PERCHE' NON DA' SPIEGAZIONI?

 03/08/2013 LANUVIO E GENZANO: SENZ'ACQUA DA 40 ORE. E' EMERGENZA IDRICA. SI ASPETTA UNA RISPOSTA URGENTE DA ACEA!

 08/07/2013 GENZANO E NEMI: CONTINUA L'EMERGENZA CARENZA IDRICA. ACEA SE CI SEI BATTI UN COLPO!

 25/06/2013 VELLETRI, GRAVISSIMA SITUAZIONE D'EMERGENZA: POPOLAZIONE SENZ'ACQUA DA DUE SETTIMANE

 20/06/2013 GENZANO, ALLARME CARENZA IDRICA: DA 5 GIORNI A SECCO IN VIA DELLE SELVE E VIE LIMITROFE

 19/06/2013 GENZANO, ALLARME CARENZA IDRICA: IL COMITATO PER I BENI COMUNI CHIEDE UN IMPEGNO IMMEDIATO AL SINDACO

 14/06/2013 NEMI, ZONA ALTA: TORNA L’ACQUA MA RESTA IL PERICOLO DELL’EMERGENZA

 13/06/2013 NEMI, PARTE NORD COMPLETAMENTE A SECCO: SENZ'ACQUA PER UN TEMPO INDEFINITO

 30/04/2013 CASTELLI ROMANI, ACEA: SERVE UN MAGGIORE INVESTIMENTO SULLE RETI DEI COMUNI

 09/03/2013 GENZANO, ACQUA. IL SINDACO: "BASTA DEMAGOGIA, FACCIAMO CHIAREZZA"

 08/02/2013 NEMI, PERDITA D'ACQUA VALLE DELLE COLOMBE: 4 GIORNI A SECCO. CHE ACEA INTERVENGA

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Nemi, il comitato pro Cortuso su revoca di Marinelli: quando la paura fa 90

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Nei giorni scorsi è stata notificata la revoca da presidente del seggio numero 2 di Nemi ad Azzurra Marinelli, moglie di Carlo Cortuso, candidato sindaco alle amministrative di Nemi il prossimo 12 giugno. Il comitato per Cortuso Sindaco è intervenuto con una nota:

“Un ruolo che Marinelli era stata chiamata a ricoprire diverse volte negli anni passati e che non aveva mai rappresentato alcun problema, nemmeno alle scorse amministrative quando suo marito era candidato sindaco ( stessa situazione dunque).
La decisione, che richiama come “inopportuna” la presenza della signora Marinelli a controllo del seggio elettorale è stata presa dalla Corte di Appello di Roma su segnalazione del Sindaco uscente Alberto Bertucci.
Posto che l’opportunità di per sé è qualcosa di strettamente soggettivo, e qui parliamo di una decisione che andrebbe presa a livello legale e quindi oggettivo, sono due i dettagli che ci lasciano senza parole e che danno il giusto riscontro su quella che è oggi la politica a Nemi: il primo è che la segnalazione è stata fatta dal signor Bertucci in qualità di Sindaco, e quindi in virtù nel suo ruolo istituzionale, e non come candidato alle prossime elezioni. Il secondo è che nel documento consegnato a firma del presidente della Corte di Appello di Roma, Giuseppe Meliadò, una frase recita testuale: “Letta la nota con cui il Sindaco del Comune di Nemi segnala che la signora Azzurra Marinelli è moglie del candidato di opposizione nelle elezioni per il rinnovo del Consiglio Comunale”.
Constatiamo dunque che a Nemi esiste un candidato di maggioranza e uno di opposizione quando, almeno dal 1946, in Italia si votano candidati che si trovano tutti nella medesima posizione; non ci risulta infatti che in una competizione elettorale qualcuno parta in vantaggio rispetto ad un altro.
Questa è Nemi oggi: un Paese dove una persona, il Sindaco Bertucci, fa il bello e il cattivo tempo segnalando situazioni che fino alla scorsa tornata elettorale non avevano destato alcun problema, ma che forse questa volta danno fastidio perché si ha il timore di portare a casa un risultato deludente, forse perché questa volta i cittadini di Nemi hanno iniziato a mangiare la foglia e sono stanchi di percepire il Sindaco più come un padrone che come una guida.
Azzurra ha naturalmente presentato ricorso contro la decisione della Corte di Appello, se non altro per le motivazioni che appaiono totalmente fuori ogni significato legale; nel frattempo noi candidati nella Lista Civica Nemi continuiamo a raccontare il nostro programma per la città, quello che vorremmo fare, quello che vorremmo migliorare ma soprattutto il modo in cui vorremmo far partecipare i cittadini alla vita del Comune, senza paura e senza timore. Liberamente, a Nemi”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, il sindaco uscente segnala Azzurra Marinelli alla Corte D’Appello

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Revocata dalla carica di Presidente di seggio

La Corte d’Appello di Roma ha revocato la nomina di Azzurra Marinelli da presidente del seggio elettorale della sezione 2 del Comune di Nemi.

La revoca arriva dopo una segnalazione scritta dall’attuale sindaco uscente Alberto Bertucci, datata 17 maggio 2022. Bertucci segnala che Marinelli è la moglie del candidato sindaco “della lista di opposizione” all’attuale primo cittadino uscente.

Da circa 25 anni, Azzurra Marinelli ricopre il ruolo di presidente di seggio in occasioni delle elezioni amministrative di Nemi. Anche nel 2017 con il marito candidato sindaco, Marinelli ha svolto l’attività di presidente di seggio senza che l’allora sindaco Alberto Bertucci segnalasse l'”inopportunità”.

Il Consiglio di Stato a più riprese ha ribadito che la parentela tra componenti dell’ufficio elettorale di seggio e candidati sindaco o amministratori non costituisce presupposto di incompatibilità.

Continua a leggere

Cronaca

Guidonia Montecelio, inaugurato il polo affido familiare del distretto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il sindaco Barbet: “La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5″

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Nella giornata di martedì 24 maggio il Sindaco Michel Barbet, il Presidente della Commissione Sociale Consiliare Matteo Castorino con la Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Lazio Eleonora Mattia e la dottoressa Stefania Salvati della Asl Roma 5 hanno inaugurato il polo affido familiare del distretto che si trova a Setteville in Via Pascoli 52.

“Il polo affido familiare si pone come scopo quello di mettere in contatto le famiglie affidatarie ed i bambini e ragazzi in difficoltà- spiega il Presidente Castorino- con l’obiettivo di consentire un graduale rientro del minore nella famiglia di origine a fronte di un progetto personalizzato di aiuto e supporto”.

“La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5. Tutelare i minori in difficoltà è un compito che spetta alle amministrazioni pubbliche e che dobbiamo perseguire con tutti gli strumenti a nostra disposizione”- conclude il Sindaco Michel Barbet.

Continua a leggere

I più letti