Connect with us

Castelli Romani

Nemi, lettera al direttore sulla raccolta differenziata: “Correva voce …gia’ 2.555 giorni orsono”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Caro Direttore,
correva anche un’altra voce, più recentemente, però, che per la
raccolta differenziata nel territorio di Nemi ci sarebbe stato un
evento straordinario. Come è noto, la raccolta differenziata, porta a
porta, è stata introdotta da oltre dieci anni per la zona sud del
territorio comunale (Vigna Grande e Valle Petrucola).

Per estendere il servizio sul resto del territorio doveva essere
individuata ed attrezzata quella che una volta si chiamava “Isola
Ecologica” e che, ora, sembra doversi denominare “Centro
Comunale di Raccolta”, per la gioia di chi annota l’esistenza delle
grandi riforme lessicali che ci affliggono. Sta di fatto che per oltre
dieci anni questa amministrazione comunale non è riuscita ad
individuare, né tantomeno ad attrezzare questa area e la raccolta
differenziata è rimasta lettera morta.

Nemi, oltre dieci anni fa, insieme a Frascati e ad altri pochissimi
centri era stata antesignana di questo servizio, avendola adottata
con grande tempestività.

Successivamente, anche Genzano, Ariccia. Lanuvio, Albano Laziale ecc.. vi hanno provveduto.
In altre parole il nostro Comune da primo che era è diventato
ultimo. Mi sembra di ricordare che l’amministrazione comunale
Bertucci-Libanori abbia acquistato anche un appezzamento di
terreno per dare vita a detto servizio ma è stato un vero e proprio
“flop”, come anche altri infruttuosi tentativi in proposito.
Parimenti, mi sembra di ricordare che un membro autorevolissimo
della Giunta Bertucci-Libanori ebbe ad affermare, nel lontano
2012, proprio nel programma elettorale e, quindi, per iscritto, che
l’Isola Ecologica sarebbe stata realizzata nei fatidici 100 giorni
dall’insediamento di quella consigliatura. Da allora, però, di giorni
ne sono passati ben 2.555, senza successo alcuno.
In questi giorni, ecco l’evento, si apprende che l’Amministrazione
Comunale si è accordata con il Comune di Ariccia per utilizzare
l’Isola Ecologica di quel Comune, in modo tale da estendere la
raccolta differenziata in tutto il territorio.

Andando a spulciare tra le pieghe dell’accordo risulta che detto
patto durerà due anni, sempre in attesa di individuare nel nostro
territorio il sito per il Centro di Raccolta Comunale autonomo.
Già qualcuno dell’Opposizione rivendica la primogenitura di
questa, in apparenza copernicana risoluzione, rammentando che
già nel corso dell’ultima campagna elettorale aveva suggerito la
soluzione dell’accordo con Ariccia senza averne ricevuto alcun
segno di apprezzamento.
Sta di fatto che in questi anni, atteso che nei Comuni confinanti è
stata solertemente introdotta la raccolta differenziata dei rifiuti
urbani, il territorio di Nemi è diventata la pattumiera di tutti i
Castelli Romani in quanto innumerevoli automobilisti, transitando
per il territorio, non hanno mancato di lasciare rifiuti di ogni
genere, con grave danno per la comunità di Nemi che ha continuato
a doverli smaltire e sopportare prima della raccolta.
In altri termini l’amministrazione Bertucci-Libanori non ha risolto
il problema. Gli ha messo una toppa che, lo speriamo
ardentemente, non sia peggiore del buco.

Virbio

Castelli Romani

Nemi, nuova ordinanza del sindaco: obbligo della mascherina nel centro storico

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Obbligo di mascherina per transitare nel centro storico sabato, domenica e festivi e transito con biciclette a mano. Un’altra ordinanza firmata dal sindaco di Nemi Alberto Bertucci finalizzata a nuove misure di prevenzione contro gli assembramenti di persone nella deliziosa città delle fragole meta prediletta da un turismo di prossimità che però va regolato. Dunque il primo cittadino ha scritto chiaramente che l’accesso al transito e la permanenza nelle aree pubbliche e aperte al pubblico nel centro storico di Nemi è consentito solo indossando correttamente mascherine in modo che coprano totalmente il naso e la bocca. Dall’obbligo sono esclusi i bambini di età inferiore ai sei anni. L’ordinanza è in vigore per le giornate di sabato, domenica e festivi fino a diversa disposizione.

Le zone interessate dall’ordinanza sindacale sono tra piazza Roma, corso Vittorio Emanuele e Belvedere Dante Alighieri: via delle Grotticelle, via Solferino.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, tornano i turisti e si riaccende il borgo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Primo week end post lockdown anche per la piccola cittadina di Nemi che lo scorso fine settimana ha visto tornare numerosi turisti nell’antico borgo.

Presa d’assalto la piccola svizzera dei Castelli romani per la gioia delle attività commerciali che hanno saputo gestire con grande professionalità questa prima ondata di visitatori.

IL VIDEO SERVIZIO TRASMESSO A OFFICINA STAMPA DEL 28/05/2020

Continua a leggere

Castelli Romani

Grottaferrata, riapertura in sicurezza per il Mercato Contadino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GROTTAFERRATA (RM) – Primo fine settimana a Grottaferrata, quello appena trascorso, che ha visto tornare, nei vari bar e ristoranti, tanti residenti e visitatori per la maggior parte rispettosi delle nuove regole.

Ma anche per la città castellana si è presentato il problema degli assembramenti incontrollati, soprattutto da parte dei più giovani che si sono ritrovati nelle vie del centro storico dopo il periodo della fase1.

Fenomeni di movida per i quali sono dovuti intervenire i carabinieri della stazione locale che hanno sciolto i vari assembramenti e diffidato diverse attività commerciali del centro storico a far rispettare le norme sul distanziamento e l’uso della mascherina.

Il Mercato Contadino riapre in sicurezza

IL VIDEO SERVIZIO TRASMESSO A OFFICINA STAMPA DEL 28/05/2020

La città si è poi svegliata domenica mattina ritrovando l’appuntamento settimanale con i prodotti a Km0 dove il Mercato Contadino dei Castelli romani, nella prima apertura post fase1, si è presentato con uno staff organizzativo che ha saputo garantire l’osservanza di tutte le norme di sicurezza previste dalla normativa.  

Tra le tante misure messe in campo quella di aver previsto, nell’area di piazza De Gasperi interamente nastrata, due varchi separati e ben distanziati, per entrare e uscire dal mercato, al fine di evitare al massimo possibili contatti tra le persone in ingresso e quelle in uscita. E a vigilare sul rispetto delle norme i volontari dell’associazione Carabinieri in congedo insieme a quelli dell’associazione APS KM0”.

Continua a leggere

I più letti