Connect with us

Roma

NEMI: QUANDO UN'AMMINISTRAZIONE RICORRE ALLE DENUNCE PER BLOCCARE LA STAMPA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Quando la stampa entra nel Comune e stende i panni al pubblico, vuol dire che si è sostituita all'amministrazione in un compito proprio del Comune, quello della trasparenza.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

 

di Avv. Gerardo Spira

Nemi (RM) – E' incredibile quanto accade nel Comune di Nemi. Quando un'amministrazione ricorre alle denunce per bloccare la stampa, vuol dire che quest'ultima ha infilato il dito in un campo minato.

 

Quando la stampa entra nel Comune e stende i panni al pubblico, vuol dire che si è sostituita all'amministrazione in un compito proprio del Comune, quello della trasparenza. La stampa è portatrice di interessi pubblici e come tale svolge, e deve farlo,  un ruolo sacro ai cittadini che pagano le tasse con la certezza che il danaro pubblico venga speso nel rispetto della legge e secondo principi di interesse generale. 

Pare che nel Comune di Nemi, come in tantissimi Comuni italiani, ancora la legge sulla separazione dei ruoli e delle competenze tra gli amministratori e i dirigenti pubblici non riesca a decollare. Dal 1990, or sono più di vent'anni, moltissimi politici, non vogliono allontanarsi dalla gestione e cioè dal sistema che tocca gli interessi dei cittadini, delle imprese e dell'economia. Bisogna assolutamente abbattere la cultura del sistema clientelare. Vi sono all'interno dei Comuni funzioni e figure che hanno il dovere funzionale di vigilare e di controllare e quindi di impedire l'invasione di campo. Il problema è ancora nelle garanzie di nomina che è ancorato ai politici di quel Comune.

Eppure la legge è chiara: gli amministratori sono competenti a programmare e controllare, mentre la funzione pubblica ha competenza esclusiva nella gestione. In parole semplici significa che il politico deve tracciare piani e programmi sullo sviluppo della comunità, mentre la gestione degli stessi e di quelli delegati dalla legge  appartiene ai funzionari e ai responsabili dei servizi. In parole ancora più semplici vuol dire che i politici devono stare lontano dalla spesa. Dunque gli atti di gestione esterna devono portare la firma del funzionario responsabile; invece ancora leggiamo bandi e avvisi pubblici di gestione con la firma del Sindaco o dell'assessore.

Questa è commistione di ruoli e di competenze, per non dire altro. Questo passaggio culturale è possibile solo se la funzione pubblica decide di alzare la testa e di svolgere il proprio ruolo in modo autonomo e indipendente. Perchè ciò accada dobbiamo attendere il ricambio generazionale della nuova classe dirigente che si sarà guadagnato il posto di lavoro senza condizionamenti o suggerimenti.

Avanti così e buon lavoro.

Nota sull'Avvocato Gerardo Spira

Laureato in giurisprudenza presso l' Università di Napoli nel 1966 ,ho iniziato la libera professione ad Agropoli (SA), Ha superato subito l'abilitazione per 'esercizio della professione. Ha partecipato al concorso per segretari comunali,cominciando nel Vallo di Diano dove ho ricoperto tutte le sedi .Nel 1995, preteso espressamente dal Sindaco di Pollica (SA), appena eletto,ho lavorato con lui fino al 2004 ,anno in cui sono stato collocato in pensione.

E' rimasto in collegamento con il sindaco di Pollica fino alla sua cruenta morte nel 2010. Ha condiviso la cultura di gestione. Nel 2004 ho aperto uno studio legale associato, sciolto nel 2008, trasferendolo nel proprio domicilio. Negli anni di pubblica funzione ho approfondito diverse tematiche di diritto amministrativo, impegnandosi in alcune pubblicazioni e approfondimento di studi specifici. Nel 2011 sul n 3 della rivista “ Tributi locali e regionali” della Maggioli è stato pubblicato un suo studio sulla “capacità impositiva in materia tributaria degli enti locali associati”.

Per una vicenda di separazione personale subita dal figlio in collaborazione con altri legali,con competenze distinte, è entrato nella complessa materia del diritto di famiglia, traendo spunti di cui i contributi sono stati pubblicati su L'osservatore laziale e Adiantun (associazione di padri separati).

LEGGI ANCHE: 

 28/10/2012 NEMI, SETTIMANA PRIMA DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI: CIMITERO CHIUSO

 

 

 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Anguillara, si ribalta betoniera: un ferito

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Traffico in tilt sulla Braccianese all’altezza di Anguillara Sabazia a causa di autobetoniera che si è rivaltata al km 12. Sul posto è intervenuta la squadra VVF di Bracciamo con l’ausilio dell’ autogru. Nessun altro mezzo è stato coinvolto, le cause dell’accaduto al momento restano imprecisate; è stato necessario l’intervento dei soccorritori VVf affinchè la persona venisse estratta viva ed ancora cosciente dalla cabine del mezzo industriale .La stessa è stata affidato al personale del 118 e trasportata al pronto soccorso.

Continua a leggere

Roma

Roma, piazza Venezia: non si fermano all’alt dei Carabinieri e vanno a sbattere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Due ragazzi 19enni romani, a bordo di una moto, non si sono fermati all’alt di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, questa notte, in piazza Venezia e si sono dati alla fuga, fino a raggiungere il Lungotevere Tor di Nona, dove hanno perso il controllo scivolando a terra, per fortuna senza farsi male.

Il conducente del veicolo è stato sottoposto a test con etilometro dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, poiché in evidente stato di ubriachezza, risultando positivo all’esame, con tasso superiore al limite di legge per cui la patente gli è stata ritirata. Entrambi dovranno rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara, negato accesso agli atti su prevenzione incendi: Falconi vince al Tar contro il Comune

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Una sentenza che legittima i pieni diritti di un consigliere di opposizione ad ottenere l’accesso agli atti richiesto. Succede che nel 2021 il consigliere di minoranza avv. Francesco Falconi tramite il suo avvocato difensore Mario Lepidi, ricorre al Tar contro il Comune, il sindaco pro tempore e il segretario comunale perché sostanzialmente il Comune non ha risposto e quindi ha prodotto un silenzio rigetto in relazione all’istanza di accesso presentata a mezzo posta elettronica certificata il 02/11/21. Nell’istanza Falconi chiedeva di esibire tutta la documentazione indicata nell’istanza e relativa all’attività di pianificazione comunale afferente la prevenzione degli incendi posta in essere nel periodo dal 4 ottobre 2020 al 15 agosto 2021. Il ricorso per l’annullamento del silenzio rigetto è stato ritenuto fondato dal Tribunale Amministrativo. Il Tar nell’accogliere il ricorso ha ordinato al Comune di Anguillara Sabazia di esibire e rilasciare copia degli atti in esame nel termine di trenta giorni dalla comunicazione o notificazione del presente provvedimento (pubblicato il 24 maggio 2022) e condannato il Comune di Anguillara Sabazia a pagare, in favore di Falconi, le spese del presente giudizio il cui importo liquida in complessivi euro mille/00, per compensi di avvocato e spese generali, oltre IVA, CPA e contributo unificato come per legge.

Nella sentenza del Tar si legge tra l’altro che il “Comune non ha completamente evaso la richiesta di accesso né ha specificato le ragioni della sua condotta omissiva”. Ad oggi, mancano pochi giorni allo scadere dei tempi di adempimento da parte del Comune di Anguillara, Francesco Falconi ancora non ha ricevuto gli atti richiesti che fanno riferimento a un determinato periodo preciso dal 4 ottobre 2020 al 15 agosto 2021. Ci saranno questi atti? Mettere in campo azioni per prevenire gli incendi è quanto mai fondamentale, soprattutto per un’area come quella di Anguillara Sabazia dove ogni anno e quasi sempre nella stessa zona intorno al lago di Martignano si verificano gli incendi.

Con l’istanza in esame il Falconi, nella sua qualità di consigliere comunale, ha chiesto, in quanto utili per l’espletamento del suo mandato, i seguenti documenti:

“Copia semplice dei seguenti atti/provvedimenti in materia di incendi boschivi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021 – atti, provvedimenti e documenti tutti della relativa istruttoria amministrativa, degli atti presupposti relativi alla procedura di adozione, ivi inclusa laddove esistente ogni documentazione anche tecnica utile che abbia indotto l’amministrazione comunale alla loro adozione:

  1. Provvedimenti tutti di attuazione delle attività di misure di previsione e prevenzione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  2. Provvedimenti attuativi delle attività informative in merito alle cause degli inneschi e propagazione + norme comportamentali in caso di pericolo adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  3. Catasto degli incendi e cartografia delle aree incendiate predisposti/aggiornati dal Comune di Anguillara Sabazia adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  4. Provvedimenti e documenti tutti relativi al Piano di realizzazione di interventi colturali finalizzati alla prevenzione degli incendi boschivi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  5. Piano di evacuazione della zona del Lago di Martignano adottato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  6. Piano di intervento e mobilitazione delle squadre adottato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  7. Piano di assicurazione di disponibilità degli automezzi e delle macchine operatrici idonee all’impiego di spegnimento degli incendi boschivi ed ogni atto utile ad assicurarsene la dotazione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  8. Convenzione stipulata con le organizzazioni di volontariato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08. 2021.
  9. Provvedimenti che hanno disposto la vigilanza e la sorveglianza delle aree interessate negli anni precedenti da incendi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 0 4.10.2020 al 15.08.2021.
  10. Provvedimenti di pubblicizzazione divieti di accensione fuochi nei boschi e nelle zone ad essi limitrofe adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  11. Provvedimenti di pubblicazione delle condizioni di accensione in deroga ai divieti di cui al punto precedente adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  12. Provvedimenti finalizzati alla realizzazione delle fasce parafuoco adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  13. Mappatura della la presenza di insediamenti messi a rischio da eventuali incendi boschivi adottata e redatta dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  14. Provvedimenti volti ad eliminare o ridurre fattori di innesco e propagazione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  15. Piano di emergenza comunale adottato dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  16. Provvedimenti di definizione delle modalità economiche e finanziarie per garantire l’effettività delle misure di prevenzione adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 05.08.2021.
  17. Provvedimenti di attuazione organizzativa e finanziaria del Piano di Emergenza Comunale adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021.
  18. Provvedimenti di informazione e sensibilizzazione per la popolazione in relazione agli incendi adottati dal Comune di Anguillara Sabazia dal 04.10.2020 al 15.08.2021”.

Continua a leggere

I più letti