Connect with us

Castelli Romani

Nemi, rifiuti e acqua potabile: l’ARPA Lazio scrive al sindaco e alla polizia locale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – Il Dipartimento Pressioni sull’Ambiente dell’ARPA Lazio ha scritto al sindaco e alla Polizia locale di Nemi e all’Acea Ato2 e per conoscenza al Garante Regionale del Sistema Idrico Integrato e alla Direzione del nostro quotidiano chiedendo di voler provvedere, per quanto di propria competenza, riguardo la segnalazione di “Attività di gestione rifiuti non autorizzata presso l’area adiacente il pozzo di acqua potabile che serve la popolazione di Nemi”. L’ARPA Lazio ha infine fatto sapere di restare disponibile per ulteriori accertamenti di competenza.

LETTERA ARPA LAZIO (CLICCARE PER INGRANDIRE)

Prosegue dunque il lungo iter burocratico avviato dal nostro quotidiano

Un iter, fatto di articoli correlati di foto e video a testimonianza dell’attività di gestione rifiuti e di segnalazioni trasmesse a tutte le Autorità competenti nonché alle associazioni ambientaliste, iniziato oramai da quasi due anni, per cercare di salvaguardare un sito in cui non deve esistere – per legge – nessuna attività di gestione rifiuti in quanto presente nelle immediate vicinanze un pozzo di acqua gestito da Acea che serve la popolazione di Nemi. Sito quello di via della Radiosa, dove persiste l’area recintata in cui ancora oggi sono presenti cassonetti utilizzati come appoggio momentaneo per i rifiuti. La spazzatura dei cittadini di Nemi viene raccolta dagli operatori della Lazio Ambiente S.p.A., società che si occupa della raccolta rifiuti, quindi scaricata nell’area di via della Radiosa all’interno dei cassonetti. I rifiuti, dopo aver sostato nel sito, vengono poi successivamente caricati su un mezzo più grande sempre della Lazio Ambiente S.p.A. che provvede a portarli in discarica.

 

La dottoressa Paola Perisi, Garante Idrico regionale, aveva sollecitato un incontro con il primo cittadino di Nemi al fine di poter chiarire questa questione

Lo scorso 27 aprile era stato fissato un appuntamento direttamente in via della Radiosa. Ma l’incontro non ebbe più luogo in quanto il sindaco di Nemi aveva poi disdetto per sopraggiunti impegni posticipando l’incontro con il Garante a data da destinarsi.

 

Un sito quello di via della Radiosa a Nemi che continua ad ospitare una attività di carico e scarico di rifiuti

Via della Radiosa era stata addirittura individuata dall’amministrazione comunale come luogo deputato a poter ospitare l’agognata isola ecologica di Nemi necessaria per far decollare la raccolta differenziata sull’intero territorio. Una scelta opinabile considerando che a circa 60 metri dall’area è presente il pozzo di acqua potabile e la legge parla chiaro senza lasciare spazio a interpretazioni, ma che evidentemente a qualcuno deve essere sfuggito questo “particolare” di non poco conto.

La dottoressa Paola Parisi ha fatto sapere che intende chiarire una volta per tutte questa situazione e che andrà fino in fondo con azioni concrete.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Castel Gandolfo, ritrovato il cadavere del 33enne siciliano nel lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CASTEL GANDOLFO (RM) – Ritrovato il cadavere di Carlo Paolo Bracco nel lago di Castel Gandolfo. Si trovava a circa 25 metri di profondità nella prima parte battuta dai sommozzatori dei vigili del fuoco subacquei di Roma grazie al sonar. Si trovava a circa 300 metri dalla spiaggia.

L’uomo di 33 anni, originario della Sicilia, viveva da circa 15 anni a Roma. Il 5 agosto si trovava con suo fratello Antonino e la fidanzata Daiana sul lago di Castel Gandolfo. Avevano mangiato un panino con la porchetta e Paolo, subito dopo, aveva deciso di gonfiare il materassino ed entrare in acqua.

Probabilmente si è addormentato e nessuno si è accorto che il materassino aveva preso il largo. Un testimone in pedalò con la fidanzata lo avrebbe visto cadere in acqua circa due ore dopo. Inutili i soccorsi, l’uomo è annegato

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Ciampino, lite condominiale: 43enne accoltellato dal vicino di casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Lite condominiale sfociata nel sangue. E’ accaduto questa notte a Ciampino, ad essere costretto alle cure dell’ospedale un uomo di 43 anni, a ferirlo con un coltello il vicino di casa, un 39enne.

A ricostruire i fatti la Polizia di Stato, dopo essere intervenuta intorno alla mezzanotte del 20 agosto per un ragazzo ferito al braccio con un’arma da taglio. Ad allertare i soccorritori la madre del 43enne, con lo stesso trovato in via Col di Lana ad attendere i soccorsi. 

Ferito al braccio da una coltellata, l’uomo è stato trasportato in codice rosso in ospedale dall’ambulanza del 118, non in pericolo di vita. A ricostruire i fatti sono quindi intervenuti gli agenti del Commissariato Frascati di Polizia. Ascoltato il 39enne ed altri testimoni, questi hanno riferito che l’accoltellato, poco prima, avrebbe avuto un acceso diverbio cin il vicino di casa dai balconi delle rispettive abitazioni. 

Dalle parole si sarebbe però passati ai fatti, con il 43enne che sarebbe andato a bussare alla porta del vicino. Questi però lo avrebbe aspettato con un coltello, con il quale lo avrebbe ferito al braccio. Rintracciato l’accoltellatore dagli agenti del commissariato dei Castelli Romani l‘uomo di 39 anni è stato poi denunciato per “lesioni aggravate”
 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Monte Compatri, lite tra amici finisce a martellate: grave un 41enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Monte Compatri (Castelli Romani) – Un uomo di 41 anni è in gravi condizioni dopo essere stato ferito alla testa da un colpo di martello durante una lite con un amico. L’episodio è accaduto ieri a Montecompatri, Comune alle porte di Roma, e sulla vicenda indagano i carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Frascati. Secondo una prima ricostruzione, la vittima il giorno precedente – reduce da una serata di gioco e dopo aver perso – aveva chiesto ospitalità ad una coppia di amici e il mattino seguente aveva litigato con uno dei due, un 40enne, per cause da accertare. Dopo una segnalazione, i carabinieri sono intervenuti nell’abitazione trovando in terra sul pavimento l’uomo privo di sensi, che è stato poi trasportato dal 118 al Policlinico Umberto I di Roma, in prognosi riservata ed in pericolo di vita.
A rimanere ferito, lievemente alla testa, è stato anche il 40enne proprietario di casa. Illesa la compagna. La Procura di Velletri vaglierà l’ipotesi di tentato omicidio a carico del 40enne padrone di casa.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Agosto: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it