Connect with us

Castelli Romani

Nemi, ennesima udienza del processo Bertucci: che almeno si chiariscano le responsabilità prima che arrivi la prescrizione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Nonostante tutti gli sforzi che si fanno per accelerare la macchina della giustizia, purtroppo, la lentezza dei Tribunali e le lungaggini burocratiche aiutano le archiviazioni di casi che altrimenti avrebbero meritato di essere affrontati subito. Per lo meno per dare una risposta ai cittadini. Domani – 19 giugno 2018 – ci sarà l’ennesima udienza di un processo che per decollare ci ha messo almeno tre anni e probabilmente finirà in prescrizione. Ci siamo vicini. L’attuale sindaco di Nemi Alberto Bertucci è imputato per turbativa d’asta e frode nei pubblici incanti ma ormai l’oblio sta calando il sipario su questo caso.

Nemi, processo scuolabus: se ne riparla tra più di un anno

Lo scuolabus di Nemi, una storia che risale al 2010

Bertucci è stato rinviato a giudizio nel lontano 2012. Non ha mai partecipato ad un’udienza, non ha chiesto il rito abbreviato come hanno fatto suoi colleghi (vedi il processo Albafor di Albano) e nel frattempo è stato rieletto per il secondo mandato, lo scorso anno. Ormai si parla di una storia che risale al 2010 e che riguarda l’acquisto di uno scuolabus. Sono state acquisite prove, sentiti testimoni ma improvvisamente, dopo varie peripezie nelle mancate notifiche (prima il sindaco aveva addirittura la residenza in un garage) è cambiato il giudice e di conseguenza l’attesa si è ulteriormente allungata.

L’accusa

L’accusa ritiene che in concorso tra loro, Miglietta quale responsabile del procedimento e dell’Ufficio Tecnico del Comune di Nemi e Alberto Bertucci già vicesindaco del Comune di Nemi, mediante collusioni avrebbero turbato la gara bandita da Miglietta per il Comune di Nemi e avente ad oggetto l’acquisto di uno scuolabus al fine di far aggiudicare la fornitura alla ditta Car Ind srl di Mauro Cesaretti. Miglietta, dopo aver bandito la gara avrebbe provveduto a modificarla: Formulava quattro richieste di offerta per la fornitura di uno scuolabus indirizzandole alle quattro ditte che Riccardo Schiaffini, titolare della ditta appaltatrice dei trasporti presso il Comune di Nemi, aveva indicato ad Alberto Bertucci. Ci sarebbe anche una email agli atti procedurali. Tra queste offerte Miglietta aggiudicava la gara alla ditta di Cesaretti al prezzo di euro 49 mila e 950 Iva esclusa, sebbene tale prezzo fosse superiore a quello posto a base d’asta (euro 48 mila 126 iva inclusa). Dopo l’aggiudicazione, Cesaretti riduceva l’offerta ad euro 40 mila 105 iva esclusa ma consegnava presso il deposito dello Schiaffini un veicolo diverso da quello oggetto della gara perché avente solo 19 posti anziché i 30 indicati nell’atto di aggiudicazione.

Diverse le questioni ad oggi senza risposta

Ora. Domani ci sarà un’altra puntata di una storia che ormai si è dimenticata ma nel frattempo se ne sono accumulate altre che non sono state ritenute degne di attenzione.

Il caso dell’indennità del sindaco di Nemi

Prima fra tutte è il caso sollevato sulla presunta indennità percepita indebitamente dal sindaco Alberto Bertucci. Sono stati chiesti dei chiarimenti perché per il Tuel, testo unico degli enti locali, un amministratore se risulta essere lavoratore dipendente e non ha richiesto l’aspettativa deve percepire l’indennità dimezzata del 50%. Ad esempio, nell’anno 2010, Bertucci era già vicesindaco e assessore come si evince dalla pubblicazione numero 639 del 10/11/2011 che attesta che l’allora vicesindaco Alberto Bertucci era libero professionista. Il libero professionista, in quanto lavoratore autonomo, ha diritto a percepire l’indennità piena da amministratore. Nel 2010 Bertucci è risultato presente nell’elenco Inps come OTD (operaio a tempo determinato). Dopo che L’Osservatore d’Italia sollevò il caso, la Procura della Corte dei Conti, a seguito di accertamenti, mise in mora per quasi 24 mila euro Alberto Bertucci per somme indebitamente percepite dal 2009. Dopo quell’atto non si è saputo più nulla.

NEMI, UN CASO DA CHIARIRE SUBITO: IL SINDACO RISULTA PERCEPIRE IL DOPPIO DI QUANTO DOVREBBE

La gestione dei rifiuti di Nemi su un’area completamente abusiva

Da almeno dieci anni, a ogni campagna elettorale viene annunciato l’avvio della raccolta differenziata. Per oltre tre anni il Comune ha gestito la raccolta dei rifiuti in un’area completamente abusiva a 50 metri da un pozzo dell’acqua nel cuore del Parco Regionale dei Castelli Romani. Dopo innumerevoli articoli l’area è stata dismessa ma la raccolta non è mai partita. Nonostante le segnalazioni alle forze dell’ordine per tre anni il Comune ha agito con una gestione dei rifiuti quantomeno non a norma.

Nemi, rifiuti: via della Radiosa il fallimento della gestione del buon padre di famiglia

La gara d’appalto sul Perino e i rapporti di parentela tra le ditte chiamate a partecipare

E a questo si aggiunge le modalità della gara d’appalto sul Perino indetta dall’ufficio Tecnico del Comune. Il quotidiano ha acceso i fari su un appalto di circa 122 mila euro affidato all’epoca in via provvisoria alla ditta COS.I.T.E. Srl risultata aggiudicataria a seguito delle espletate procedure di gara del 17 novembre 2014 e che ha vinto con un ribasso del 7% dell’importo a base d’asta. Questo quotidiano poneva dei quesiti all’attenzione dell’ufficio Tecnico del Comune di Nemi riguardo presunti rapporti di parentela tra i titolari della ditta aggiudicataria – COS.I.T.E. Srl – e un’altra ditta invitata dal Comune la EDIL IMPIANTI SRL, chiedendo quindi pubblicamente all’ufficio Tecnico del Comune di Nemi di voler fare chiarezza sulla questione. La redazione ha interpellato perfino l’Anac che ha puntualmente risposto sull’inopportunità del caso. Ma anche qui è sceso un sipario silente.

NEMI, PERINO: BUFERA SULL’UFFICIO TECNICO. INTERVIENE L’ANTICORRUZIONE

Nessuna iniziativa concreta per incassare un credito del Comune di Nemi di 100mila euro

E purtroppo il giornale ha in archivio molti articoli su situazioni che meritavano chiarimenti che non sono mai arrivati. L’ultima, poco chiara, in ordine temporale è stata sollevata dai consiglieri di Ricomincio da Nemi che hanno presentato un esposto alla Corte dei Conti. In pratica il Comune risulta creditore di circa 100mila euro verso la A.S. Diana Nemi, cifra che viene riportata da otto anni tra i residui attivi dei bilanci comunali e per i quali non è stata mai attuata nessuna iniziativa concreta per incassare il credito. Esiste soltanto una delibera di indirizzo, sotto la giunta Bertucci, a cui non seguono pubblicazioni sull’Albo Pretorio comunale ne di una determina di affidamento al legale per l’incarico in questione e ne di altri atti relativi la questione di questo credito che evidentemente è ancora da esigere e che da 8 anni di fatto il Comune non incassa. Ma anche su questa vicenda ancora non si sa nulla.

Nemi, credito ASD Diana assente nel bilancio comunale: presentato esposto alla Procura della Corte dei Conti

Domani ci sarà l’ennesima udienza sul caso dello scuolabus e l’auspicio è che non si faccia calare il velo della prescrizione. Vige la presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio ma che si conoscano almeno le responsabilità di una delle vicende che meritano chiarimento e che riguardano l’amministrazione del Comune di Nemi.

Castelli Romani

Nemi, cemento sulle sponde del lago. Cortuso: “Aggressione e disprezzo di un ecosistema fragile”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Dopo la manifestazione dello scorso sabato e l’interrogazione regionale arriva il commento del candidato sindaco per la “Lista Civica Nemi”

NEMI (RM) – “Cemento. È questo quello che è accaduto nel Centro Canoa in riva al Lago di Nemi: una enorme colata di cemento.” Questo un primo commento del candidato sindaco di Nemi Carlo Cortuso riguardo la piattaforma in cemento armato realizzata sulle sponde del lago di Nemi su un’area, vincolata e protetta, situata in pieno Parco Regionale dei Castelli. “Betoniere – prosegue Cortuso – che si sono alternate, per giorni e giorni, per riempire le casseformi dei terrazzamenti e delle strutture previste da un progetto che nessuno conosce. È possibile che oggi possa ancora accadere questo? È possibile che un’opportunità come la rinascita del Centro Canoa, che doveva essere un esempio di buone pratiche e sostenibilità ambientale a partire dalla sua realizzazione, si trasformi in un incubo di aggressione e disprezzo di un ecosistema fragile come quello del Lago di Nemi? Quanta ignoranza, quanta incompetenza sono necessarie per realizzare questo scempio. Noi sognavamo il Centro Canoa come una risorsa per la collettività, un centro di promozione degli sport acquatici, di educazione ambientale e di monitoraggio dell’ecosistema lacustre e del suo delicato equilibrio. Sognavamo un centro di aggregazione all’interno di una struttura rispettosa dell’ambiente, conforme alle più moderne pratiche di ingegneria ambientale. E invece ci ritroviamo di fronte all’ennesimo disastro da parte di chi sta cercando disperatamente bandierine da appuntare nella prossima campagna elettorale. Non è questa la Nemi che vogliamo.”

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, una piattaforma in cemento sul lago: si scatenano i residenti. C’è anche una interrogazione in Regione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

“L’area si trova nella fascia di rispetto delle coste lacuali ed è sottoposta a vincolo ambientale e paesaggistico”

NEMI (RM) – Una piattaforma in cemento realizzata nel centro canoe, lungo le sponde del lago di Nemi, scatena manifestazioni e una interrogazione a firma del Consigliere regionale di Europa Verde Marco Cacciatore.

La vicenda ha scosso non solo i verdi ma anche diversi residenti di Nemi e Genzano che sabato scorso hanno dato vita a una manifestazione abbastanza animata.

Difficile immaginare che tale costruzione non goda delle dovute autorizzazioni. Ma è proprio questo il punto di domanda collettivo: ci sono le autorizzazioni? E quale ente avrebbe rilasciato un nulla osta per realizzare una struttura in cemento sul lago di Nemi?

Adesso i residenti dell’area vogliono vederci chiaro, soprattutto perché l’intervento insiste su un’area, vincolata e protetta, in pieno Parco Regionale dei Castelli.

Cacciatore nell’interrogazione ha chiesto: “Se i lavori di realizzazione del centro canoe potevano essere autorizzati, tenuto conto del fatto che l’area si trova nella fascia di rispetto delle coste lacuali ed è sottoposta a vincolo ambientale e paesaggistico e se sia stata rilasciata l’autorizzazione paesaggistica come previsto dall’art. 146 del D.lgs. 42/2004; se l’Ente di Gestione del Parco dei Castelli Romani abbia rilasciato il nulla osta all’esecuzione dei lavori, ai sensi dell’articolo 28 della LR 29/1997 alla luce del fatto che, all’interno dell’area protetta, in vigenza delle misure di salvaguardia, come indicato dall’articolo 44 comma 11 della LR 29/1997, sono vietati interventi di nuova costruzione nelle aree individuate dal PTPR come Paesaggio Naturale di Continuità; se in caso di difformità nei permessi rilasciati, o tra permessi ed effettiva realizzazione del progetto, sia il caso di procedere alla verifica e alla quantificazione dell’eventuale danno ambientale, avviando le procedure per il ripristino dello stato dei luoghi.”

Continua a leggere

Castelli Romani

Pratoni del Vivaro, anteprima dei FEI World Championships 2022: al via il Test Event di concorso completo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Con la ‘vet inspection’ ha ufficialmente preso il via ai Pratoni del Vivaro il Test Event di concorso completo, anteprima dei FEI World Championships™ 2022 (15-22 settembre).

Da domani, giovedì 12 maggio, a domenica 15, sono 56 le amazzoni e i cavalieri di 12 nazioni in gara nel CCIO4*-NC-S valido anche come prima tappa della FEI Eventing Nations Cup ™ 2022 che ha in programma la prova di dressage divisa in due giornate: domani e venerdì.
Sabato sarà la volta del cross-country (ore 10.30) e domenica, infine, della prova di salto ostacoli (ore 10.30).

Ingresso gratuito, come pure la prossima settimana per il Test Event degli attacchi (20-22 maggio).

LA SQUADRA ITALIANA
Francesco Girardi, direttore sportivo delle discipline olimpiche della FISE nonché componente della commissione di selezione per il concorso completo insieme a Katherine Lucheschi e Giacomo della Chiesa, ha ufficializzato i nominativi dei quattro cavalieri che difenderanno i colori azzurri nella FEI Eventing Nations Cup™.

“L’Italia sarà rappresentata da Pietro Sandei con Rubis de Prere, Susanna Bordone con Imperial van de Holtakkers, Evelina Bertoli con Fidjy des Melezes ed Emiliano Portale con Aracne dell’Esercito Italiano. I cavalieri saranno in campo con questo ordine di partenza. Il Test Event dei Mondiali ha per noi un duplice valore – ha aggiunto Girardi. – Le verifiche, infatti, non si esauriscono certamente con il solo obiettivo di selezionare una squadra per l’importante appuntamento dei mondiali di settembre, ma in quello di una più ampia visione per i cavalli giovani che sono in crescita con traguardo la qualifica per i Giochi Olimpici di Parigi. Nel caso del Test Event dei Pratoni, con la selezione di Susanna Bordone e Pietro Sandei abbiamo assicurato la partecipazione di due binomi di provata esperienza mentre Evelina Bertoli e Emiliano Portale sono chiamati ad una prova di conferma per due cavalli molto interessanti in un’ottica futura.”

CAMPIONATO ITALIANO ASSOLUTO
La competizione internazionale dei Pratoni del Vivaro sarà valida anche per l’assegnazione del Campionato Italiano Assoluto 2022 e di quello Interforze con classifica estrapolata dal CCIO4*-NC-S. Oltre al quartetto per la FEI Eventing Nations Cup™ gareggeranno a titolo individuale e per il tricolore anche Marco Cappai, Fabio Fani Ciotti, Pietro Grandis, Giulio Guglielmi, Mattia Luciani, Pietro Majolino, Umberto Riva, Federico Sacchetti, Paolo Torlonia ed Elisa Vincenti.

FEI EVENTING NATIONS CUP™
Il Test Event del Concorso Completo (CCIO4*-NC-S) dei Pratoni del Vivaro è valido come prima tappa della FEI Eventing Nations Cup™ 2022, il cui calendario comprende successivamente altre otto tappe: 26-29 maggio Houghton Hall (Gran Bretagna); 22-26 giugno Strzegom (Polonia); 7-10 luglio Avenches (Svizzera); 11-14 agosto Le Pin au Haras (Francia); 18-21 agosto Arville (Belgio); 18-21 agosto Bromont (Canada); 21-25 settembre Ballindenisk (Irlanda); 6-9 ottobre Boekelo (Paesi Bassi).

CURIOSITÀ TRA GLI ISCRITTI
Tra i 56 iscritti al Test Event dei Pratoni, sono 20 le amazzoni (3 le italiane). Anagraficamente la lista è guidata dall’australiano Andrew Hoy, che a febbraio ha compiuto 63 anni. Due sono invece i rappresentanti della ‘generazione Z’, nati cioè nel terzo millennio: la svizzera Nadja Minder, che ha compiuto 22 anni nel febbraio scorso, e il belga Seppe Vilain, che li festeggerà il prossimo luglio.

PREVISIONI EQUIRATINGS
Equiratings e SAP hanno progettato un modello statistico congiunto per una previsione di risultato delle principali gare di concorso completo. Per il Test Event ai Pratoni, le maggiori chance di vittoria vengono assegnate alla tedesca Ingrid Klimke (33%), nei confronti del connazionale Andreas Dibowski (12%) del neozelandese Tim Price (11%) e del francese Maxime Livio (9%). Tra gli italiani compaiono Emiliano Portale e Susanna Bordone, rispettivamente con il 2% e l’1% di chance di piazzamento nei primi tre posti.

Equirating segnala anche che dal 2012 al 2020 il 65% dei partecipanti alle gare CCIO4*-S ai Pratoni ha realizzato percorso netto nella prova di cross country e il 32% in quella di salto ostacoli. Il miglior punteggio nel dressage (20.8) e quello assoluto in una gara di completo (24.4) nell’impianto dei Colli Albani sono stati realizzati dalla tedesca Ingrid Klimke nel 2020 con SAP Hale Bob Old.

DIRETTA STREAMING
Il Test Event del Concorso Completo ai Pratoni del Vivaro verrà trasmesso in diretta streaming integrale su Fei.TV, con commento in inglese e sul sito ufficiale dell’evento www.pratoni2022.it.

PODCAST
Tra i podcast realizzati da Equiratings e SAP, riguardanti gli eventi in programma ai Pratoni del Vivaro, è disponibile una presentazione del Test Event di completo raggiungibile dalla pagina Facebook ‘FEI World Championships Pratoni – Roma 2022’

Continua a leggere

I più letti