Connect with us

Castelli Romani

Nemi, Vicesindaco e composizione Giunta comunale: interviene la Prefettura

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Comune di Nemi invitato a nominare tempestivamente un nuovo vicesindaco.

Questo quanto comunicato dalla Prefettura di Roma in una lettera indirizzata al Sindaco, al Presidente del Consiglio e al Segretario comunale della piccola cittadina castellana.

La carica di vicesindaco risulta vacante da circa tre mesi

La consigliera Edy Palazzi lo scorso gennaio ha lasciato il gruppo di maggioranza guidato dal primo cittadino Alberto Bertucci, insieme al consigliere comunale Giovanni Libanori, dimettendosi dalla carica numero due del palazzo comunale.

Il parere del ministero dell’Interno sulla composizione della giunta comunale

Per quanto riguarda invece la composizione della attuale giunta comunale, attualmente composta dal sindaco e da un solo assessore (Pietro Pazienza) dopo che la consigliera Palazzi si è dimessa anche dalla carica di assessore, la Prefettura di Roma ha fatto esplicito riferimento al parere espresso dal Ministero dell’Interno. Dal Viminale hanno evidenziato il fatto che le vigenti disposizioni prevedono per i comuni fino a 3mila abitanti, come nel caso di Nemi, un numero massimo di due assessori e quindi anche se lo Statuto comunale all’articolo 28 comma 2 ne prevede un minimo di due fino a un massimo di quattro occorre fare comunque riferimento all’attuale disposizione di legge.

Statuto comunale da adeguare e nomina nuovo Vicesindaco e componenti di giunta

L’amministrazione comunale dovrà quindi adeguare il proprio statuto e, nelle more dell’adeguamento statutario, dal Ministero è stato fatto presente che nonostante potrebbe legittimarsi la presenza di un solo assessore all’interno della Giunta comunale nel caso di specie, occorre attenersi a quanto disposto dall’art. 46 del decreto legislativo n. 267/000, al comma 2 che prevede che il sindaco nomini i componenti della Giunta, tra cui un vicesindaco dandone comunicazione al Consiglio comunale nella prima seduta successiva all’elezione, mentre il successivo art. 53 stabilisce che il sindaco sia sostituito, nei casi ivi indicati (tra cui l’assenza o l’impedimento temporaneo) dal solo vicesindaco.

Delibere di giunta a rischio invalidamento: mozione e segnalazione al Prefetto di “Ricomincio da Nemi”

Una situazione, quella della mancanza del vicesindaco e di una giunta che nonostante il numero di componenti inferiore a quello previsto dallo statuto comunale ha comunque deliberato diversi atti a rischio invalidamento, che lo scorso 20 marzo ha visto l’opposizione consiliare rappresentata dal gruppo di “Ricomincio da Nemi” presentare una mozione per “l’immediato ritiro di tutte le delibere illegittime e l’immediato ripristino della Giunta Comunale”.

“Sono settimane che come gruppo consiliare di opposizione denunciamo questa irregolarità, – commentano i consiglieri comunali di “Ricomincio da Nemi” Carlo Cortuso e Patrizia Corrieri – tant’è che abbiamo presentato una mozione sul tema e, successivamente, abbiamo segnalato la circostanza al Prefetto”.

Secondo i due consiglieri l’amministrazione Bertucci starebbe vivendo ormai da qualche tempo una vera e propria crisi di maggioranza

“È una situazione incomprensibile, – hanno detto Cortuso e Corrieri – a questo punto è palese la difficoltà del sindaco a risolvere quella che ormai è una vera e propria crisi di maggioranza, altrimenti non si spiegherebbe la difficoltà a porre rimedio ad un problema di avvicendamento. Ricordiamo che questa incresciosa condizione è nata dalla fuoriuscita dei consiglieri Libanori e Palazzi dal gruppo consiliare che sostiene il sindaco, passati al gruppo misto. A rendere ancora più grave il tutto – proseguono – è la situazione di emergenza sanitaria ed economica che stiamo attraversando e che vede l’amministrazione comunale estremamente debole e incerta, quando il momento richiede certezze di azioni e riferimenti. La responsabilità che si prende il sindaco è enorme e di questo ne deve rendere conto, non solo a noi consiglieri di opposizione ma anche e soprattutto a tutti i cittadini di Nemi. Dica a tutti noi il sindaco – concludono – se ha ancora una maggioranza che lo sostiene, altrimenti prenda atto della sua impossibilità a governare e faccia finalmente un atto di responsabilità dimettendosi”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Genzano: ballottaggio Zoccolotti contro Rosatelli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Sarà una sfida tra centrosinistra e centrodestra a Genzano di Roma. Carlo Zoccolotti chiude la prima tornata in vantaggio con il 36,56 per cento mentre Piergiuseppe Rosatelli con il 27,59 per cento. Dato significativo è quello raccolto dai Cinque Stelle che hanno preso soltanto il 5,89 per cento rispetto, ultimi in classifica. Flavio Gabbarini ha raggiunto il 15, 86 per cento e Roberto Borri il 14,10 per cento.

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale: Massimiliano Borelli eletto Sindaco al primo turno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM)Massimiliano Borelli è il nuovo Sindaco di Albano Laziale, eletto al primo turno con una vittoria secca. Vince Borelli che continua un percorso amministrativo dopo due mandati di Nicola Marini. Il neo Sindaco ha festeggiato insieme alla squadra stappando una bottiglia di spumante di fronte alla sezione: “Grazie a tutti coloro che hanno creduto alla mia candidatura”

Sconfitta netta per Matteo Mauro Orciuoli il quale ha affidato a una nota il suo commento sull’esito del voto: “I cittadini di Albano – ha detto il candidato Sindaco di centrodestra – hanno scelto la continuità anziché il cambiamento e la coalizione di centrodestra che rappresento non può che prenderne atto e fare i migliori auguri al nuovo Sindaco Massimiliano Borelli. Ringrazio tutti coloro che mi hanno sostenuto e con i quali ho condiviso un bel percorso che non si interrompe certamente oggi. Grazie a tutte le persone che ci hanno votato e ci hanno manifestato affetto ed entusiasmo”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, un fine settimana all’insegna della danza e dello spettacolo dal vivo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

VELLETRI (RM) – Dopo la splendida giornata di inaugurazione, torna a Velletri (RM) un altro weekend all’insegna della danza e dello spettacolo dal vivo con Paesaggi del Corpo Festival Internazionale di Danza Contemporanea. Cinque imperdibili appuntamenti, tra il 26 e il 27 settembre, con compagnie nazionali e internazionali di grande prestigio. Le diverse performance site-specific saranno presentate presso la Casa delle Culture e della Musica, luogo denso di attrattive storiche e artistiche, che offre diversi spazi pensati per ospitare eventi a sfondo culturale in un sereno sodalizio tra arte e natura.

Tutto incentrato sulle differenti declinazioni dei linguaggi della danza contemporanea, il Festival raccoglie al suo interno diverse sezioni tematiche che si sviluppano a partire dall’interesse per la multidisciplinarietà e per il dialogo fra le arti, per l’apertura all’internazionalità e alla relazione fra le culture. Il 26 settembre alle ore 17:30, Paesaggi del Corpo tenterà di dialogare anche con un pubblico di bambini e ragazzi ai quali è dedicato Of Feet and Paws della compagnia belga Compagnie Irene K: un viaggio in cui ritmo e suono danno vita a un movimento perpetuo. La danza esplode esplorando rapporti di vario genere tra uomo e natura, uomo e regno animale, ordinario contro straordinario, sogno contro realtà. In questo percorso, a volte travagliato, a volte turbolento, i piedi e le zampe si connettono, si scoprono e si relazionano per simboleggiare i nostri sensi, la libertà, la voluttà, la bellezza e la capacità di condividere i sentimenti. Sempre il 26 settembre, la Compagnia EgriBiancoDanza, una tra le più importanti e riconosciute nel panorama nazionale,arriverà a Velletri con Lo Spazio dell’Anima, uno spettacolo multidisciplinare, permeato di contemporaneità nel segno dell’ibridazione dei linguaggi, costruito su diversi piani logistici e allegorici. Un viaggio dell’anima dove a connotarne la progressione verso la purezza è proprio la mutevolezza dello spazio che diventa rappresentazione speculare. Un’installazione coreografica modulabile e mutevole a seconda dello spazio in cui si svolge e dove emerge una forte componente di percezione del pubblico, data la vicinanza con i danzatori.

La giornata di domenica 27 settembre verrà inaugurata da Compagnie Irene K,che alle ore 17:30 presso la Casa delle Culture e della Musica, porta in scena una performance onirica, in bilico tra il sogno e la realtà:Mains D’Or, coreografia di Irene Borguet-Kalbusc, con Karolina Kardasz e Nona Munnix. Successivamente la talentuosa coreografa e danzatrice Irene Fiordilino presenterà Self – Portrait In Yellow Shades, prodotto da Compagnia Movimento Danza. Il progetto nasce da un’intima riflessione sulla natura dell’autoritratto, espressione di un profondo desiderio di trascendere il proprio corpo per fissarne un’immagine unica ed essenziale fuori di sé. L’antinomia racchiusa nel concetto di autoritratto (autore e personaggio, pittore e ritratto, soggetto e oggetto), rivela il profondo conflitto del nostro essere umani, eternamente in cerca di un’immagine che ci identifichi senza rappresentarci. Danzare il proprio autoritratto è manifestare la propria identità fugace nell’atto stesso della sua trasformazione, nel tempo e nello spazio.

Concluderà la serata la storica e apprezzata compagnia Ariella Vidach AiEP con lo spettacolo 10 Giardini da non perdere. Un progetto che riflette sulle nuove forme di spettatorialità al fine di innescare un percorso che vede lo spettatore in un ruolo attivo, oltre che critico, in grado di determinare e trasformare la scena con le sue scelte e la sua presenza. Lo spettatore è invitato a rispondere a un appello, diventando così, attraverso una pratica di accompagnamento e partecipazione, protagonista attivo del percorso coreografico. Si realizza attraverso una performance site specific esperienziale un happening coreografico collettivo che vede l’attivazione di un pubblico “aumentato” misto, composto da danzatori, artisti e normali spettatori.

Continua a leggere

I più letti