Connect with us

Castelli Romani

Nemi, assemblea per il ponte monumentale: tutte le novità dai consiglieri metropolitani

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Partecipata e ben riuscita l’assemblea pubblica con focus sul ponte di Nemi sulla via Nemorense organizzata dai consiglieri comunali di “Ricomincio da Nemi” Carlo Cortuso e Patrizia Corrieri i quali, in maniera trasversale, hanno invitato i cittadini dai consiglieri metropolitani dell’area dei Castelli Romani, questo pomeriggio (lunedì 19 novembre 2018) a Nemi nell’accogliente e centralissimo bar Byron. L’incontro è stato moderato da Chiara Rai direttore di questo quotidiano.

“Il mio e quello di Patrizia Corrieri – hanno detto – intende essere un intervento di saluto e benvenuto ma vorrei sottolineare che siamo qui perché abbiamo sentito la necessità di fare un punto della situazione riguardo tutta la vicenda dei ponti, partendo dal bisogno di informare i cittadini nella maniera più puntuale possibile. In questo senso l’iniziativa non è propriamente politica ovvero di parte, piuttosto di servizio a tutta la comunità nemese. La comunicazione e la trasparenza sono i principi cardine che, insieme ad altri, devono necessariamente caratterizzare una qualsiasi azione di governo, nel rispetto dei ruoli di ognuno e del principio di delega di ogni eletto. Inoltre è giusto che sia l’intera comunità a farsi carico e discuta di problemi che sono generali e che travalicano gli schieramenti e che faccia quadrato nella ricerca di una soluzione. Questo spiega perché, come gruppo consigliare “Ricomincio da Nemi” abbiamo voluto mettere intorno allo stesso tavolo tutti quelli che sono gli interlocutori istituzionali che possono dare risposte concrete alle tante domande che legittimamente i tanti cittadini, commercianti, professionisti, artigiani e genitori di Nemi si pongono. Ringrazio il consigliere della città metropolitana Massimiliano Borelli, presidente della 6° commissione Viabilità; il consigliere della città metropolitana Flavio Gabbarini, presidente della 4° commissione Ambiente, per aver accettato di intervenire. Un ringraziamento particolare va a Giovanni Libanori nella sua doppia veste di consigliere di città metropolitana e di capogruppo consigliare di maggioranza di “Uniti per Nemi” del Comune di Nemi, che con la sua adesione a questo incontro dimostra di aver colto in pieno lo spirito della nostra iniziativa”.

Ma cosa succede?

Verrà demolito e ricostruito il ponte (viadotto 1) che si trova a Nemi sulla strada provinciale via Nemorense, chiusa alla circolazione di auto e pedoni dal 7 settembre scorso. Al momento l’interdizione va dal chilometro 3,500 a 4,100. Il provvedimento è stato adottato dalla Città Metropolitana di Roma a causa del “significativo stato di degrado della sottostruttura”. Ora deve essere presentato il progetto ma quando inizieranno i lavori, almeno per le due fasi principali di demolizione e apposizione della trave portante, verrà chiusa la via comunale De Sanctis e i residenti di Nemi alta, almeno per quei giorni, dovranno sostenere il peso dei disagi.

La Città Metropolitana ha stanziato per il 2019 un milione e mezzo di euro che rientra nel programma triennale delle opere pubbliche

Una cifra frutto di un lavoro congiunto in commissione viabilità: “È prevalso il buonsenso – ha detto il presidente della sesta commissione viabilità Massimiliano Borelli – soprattutto abbiamo ascoltato la richiesta di un territorio che altrimenti rimarrebbe isolato perché la chiusura della Nemorense compromette una circolazione importante per i residenti di Nemi e degli altri paesi ma anche un flusso turistico che al momento è assente nella cittadina a causa della chiusura dell’arteria . Abbiamo fatto in modo che si procedesse velocemente”.

Il cantiere potrebbe durare circa otto mesi

Il progetto esecutivo per il viadotto 1 dev’essere ancora presentato, il cantiere potrebbe durare circa otto mesi: “Auspichiamo lavori in tempi rapidi – hanno aggiunto Massimiliano Borelli insieme al presidente della quarta commissione Ambiente Flavio Gabbarini – per questo si ipotizza che la scelta progettuale sia quella di utilizzare una unica trave per il ponte. Questo significa che i disagi per la chiusura delle strade riguarderebbero la fase di demolizione e di apposizione della trave”.

Soddisfatto per aver ottenuto lo stanziamento per il ponte a favore della comunità nemese anche il consigliere metropolitano Giovanni Libanori (Noi con l’Italia): “Adesso – ha detto – la preoccupazione riguarda soprattutto i tempi di realizzazione. Spero che la burocrazia non crei troppi ritardi. Su Nemi gravano moltissimi vincoli da quelli ambientali, idrogeologici, archeologici e questo potrebbe causare dei ritardi che graverebbero sulle spalle di residenti e commercianti. Non possiamo lasciare Nemi isolata per troppo tempo e faremo il possibile per fare in modo che l’iter autorizzativo proceda senza intoppi”.

Una criticità segnalata fin dal 2016

Ci sono state diverse domande da parte del pubblico tra cui una osservazione e una domanda da parte di Paolo Garofalo il quale ha inteso sottolineare l’assenza del sindaco di Nemi Alberto Bertucci ad un incontro così importante e anche il fatto che l’assemblea si sarebbe potuta tenere in un luogo istituzionale se almeno il primo cittadino lo avesse permesso. Il consigliere Libanori ha precisato che il sindaco è molto impegnato in due situazioni delicate in Comune e che il vicesindaco, per motivi personali, non è potuto essere presente. E, per quanto riguarda la sala, non è pervenuta alcuna richiesta in tal senso. Azzurra Marinelli, segretaria del locale Pd, ha precisato che per dato che per l’assemblea scolastica organizzata dai genitori degli alunni il sindaco non aveva concesso la sala, questa volta, non l’hanno chiesta perché probabilmente avrebbero incassato un altro diniego. Carlo Cortuso ha liquidato la vicenda con: “Chi è assente ha sempre torto”. E poi si è rivolto a Giovanni Libanori sottolineando il fatto che l’amministrazione non si è mossa riguardo il ponte nonostante sia stato un cavallo di battaglia nel programma elettorale di Uniti per Nemi, fatto di tante promesse e nonostante ci fossero delle segnalazioni dei vigili del fuoco. Libanori ha replicato dicendo che l’amministrazione comunale ha sempre segnalato, anche nel 2016, le criticità del ponte e richiesto un intervento ai tecnici della Città Metropolitana ma senza avere risposte se non quando è successa la tragedia a Genova. Purtroppo l’amministrazione non aveva quindi fatto i conti con la lentezza della Città Metropolitana, a guida pentastellata, nel rispondere alle segnalazioni.

Presente tra gli uditori anche l’ex sindaco di Nemi Cinzia Cocchi la quale si è complimentata con i consiglieri Carlo Cortuso e Patrizia Corrieri e ha partecipato con interesse all’assemblea.

 

Commenti

Castelli Romani

Albano Laziale, Orciuoli: “Sicurezza e benessere per rilanciare la nostra Città”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – “Il degrado di una città porta all’aumento dell’illegalità. L’incuria, la mancanza di manutenzione del verde, delle strade, dei nostri parchi pubblici, delle piazze è terreno fertile per la criminalità diffusa”. Con queste parole il candidato sindaco di Albano Matteo Mauro Orciuoli (Lega, Forza Italia, Area Democratica, Le Città) spiega l’ampio progetto che ha come obiettivo quello di rendere la città di Albano Laziale più sicura e farla ritornare il fiore all’occhiello dei Castelli Romani.

“L’assenza di controlli – prosegue – fa dilagare la delinquenza. Il commercio in ginocchio favorisce il malaffare. Tornare a prendersi di nuovo cura della città di Albano porta non solo ad aumentare la percezione di sicurezza ma a favorire una forte corazza che tutela ogni singolo cittadino, ogni giorno. Gli incentivi al commercio sono una soluzione. Rivoluzionare i servizi è un grande aiuto. Le frazioni più popolose della città da Pavona a Cecchina devono diventare il “centro” da cui ripartire. I residenti dell’intera città di Albano non devono più subire la totale mancanza di manutenzione, l’assenza di eventi culturali di spessore con un calendario di eventi tutto l’anno che garantisca visitatori ed eviti un deserto che diventa terreno fertile per far crescere delinquenza e abbandono. L’educazione alla sicurezza urbana è un progetto ad ampio spettro che intendiamo realizzare nell’ambito del rilancio di Albano Laziale. Ci vuole una formazione che coinvolga gli Amministratori Pubblici, i Comandanti e i Dirigenti delle Polizie Locali e tutti gli operatori del settore.

La prevenzione e la riduzione dell’illegalità che quotidianamente riempiono la cronaca dei giornali rappresentano uno degli obiettivi principali che gli amministratori locali si pongono nell’agenda politica ai quali, anche la normativa nazionale, ha riconosciuto finalmente il ruolo strategico all’interno delle politiche di sicurezza integrata.

Diffondere le informazioni, condividere esperienze, facilitare rapporti di cooperazione, sono temi che senza dubbio rappresentano uno degli elementi essenziali per lo sviluppo socio economico di una comunità.
Come migliorare il benessere delle proprie comunità? Aumentando i controlli, la vicinanza tra cittadini e pubblica sicurezza, il dialogo costruttivo attraverso un servizio di videosorveglianza che “vigili” nelle aree più dimenticate. Questo vogliamo per Albano perché Albano è più bella se ce ne prendiamo cura”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Genzano di Roma, elezioni: una grande coalizione per Michele Savini candidato sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GENZANO DI ROMA (RM) – Alle prossime elezioni amministrative di Genzano di Roma sarà candidato Michele Savini, già consigliere comunale nella scorsa legislatura con il Movimento Cittadino AttivaMente.

La candidatura civica di Savini sarà sostenuta da AttivaMente, di cui Savini è fondatore e presidente, e dalle due liste civiche che già lo hanno sostenuto nelle passate elezioni. Convergono nella coalizione anche la lista civica Barbaliscia, guidata da Maria Grazia Barbaliscia, lista con esperienza ventennale sul territorio, la Lega, guidata dal coordinatore comunale Rosario Neglia, che è stata protagonista alle scorse elezioni europee con sorprendenti percentuali nel paese, a seguire Forza Italia guidata da Antonio Rosati, da sempre impegnato in politica a Genzano.

“La coalizione – dichiarano tutti i coordinatori della coalizione in una nota congiunta – nasce con grande spirito di coesione e collaborazione per fornire una nuova classe dirigente e, con essa, amministrare Genzano in modo trasparente ed efficace per rilanciare, attraverso la buona Politica e la Cultura, il comparto economico e sociale valorizzando e promuovendo le risorse della nostra città e perseguire un miglioramento nel benessere personale e collettivo per un unico interesse: Genzano! Il mio invito di aggregazione lo estendo a tutte quelle forze politiche e civiche che credono nel progetto comune e non personalistico. La coalizione formata da civiche e partiti ha da subito appoggiato Michele Savini, riconoscendone l’umiltà, la competenza e il suo interesse volto a governare il paese con il cuore saldo in un passato eccellente e la testa rivolta al futuro che ci aspetta, mettendo al primo posto l’intera comunità genzanese, al di là dei colori politici.

Michele Savini nasce a Genzano di Roma il 29/08/1985, consegue la Laurea Magistrale in Scienze politiche all’Università La Sapienza di Roma nel 2014, dallo stesso anno inizia a lavorare come operatore ecologico a Genzano di Roma. È stato consigliere comunale da giugno 2016 a marzo 2019.

Continua a leggere

Castelli Romani

Monte Compatri, sgominata banda di spacciatori africani: operazione coordinata dal comandante Di Maggio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Vasta operazione di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma nel Comune di Monte Compatri. Circa 80 gli agenti della Polizia locale di Roma Capitale, appartenenti ai Gruppi Spe, Gssu, Pg, Procura e Rocs del Comando generale, che diretti dal comandante Antonio Di Maggio, hanno eseguito le perquisizioni in cinque appartamenti e due locali commerciali. Otto gli arrestati, tutti facenti parte di un sodalizio criminale di etnia centrafricana che, come emerso da indagini ed attività tecnico investigative, riforniva di sostanza stupefacente le zone di Borghesiana, Finocchio, Monte Compatri, Zagarolo e San Cesareo, divenendo punto di riferimento anche di piccoli spacciatori al dettaglio. Nel corso delle attività, che hanno visto la collaborazione del Nucleo radiomobile e delle Unità cinofile dell’Arma dei carabinieri, sono stati rinvenuti e sequestrati circa 600 grammi di eroina, 350 di hashish e 530 di marijuana, in alcuni casi già suddivise in ovuli e singole dosi, oltre a sostanze da taglio, bilancini di precisione e materiale per il confezionamento. Le persone tratte in arresto, sono state condotte all’istante a loro stessa tutela presso il policlinico Tor Vergata, forte il sospetto infatti, da parte degli investigatori, che taluni di loro, possano avere ingerito degli ovuli durante le primissime fasi dell’operazione, al fine di occultare la sostanza alle ricerche degli agenti.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it