Connect with us

Roma

NETTUNO: COLPITO CON UNA MAZZA DA BASEBALL AL FALÒ DI FERRAGOSTO. 17ENNE IN RIANIMAZIONE

Clicca e condividi l'articolo

Manuel, il fratello del 17enne ridotto in fin di vita racconta:"D'un tratto con la coda dell'occhio li vedo sbucare: in 10, tutti rasati o pelati, dei veri coatti"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di M.L.S.

Nettuno (RM) – È finito in tragedia il Ferragosto di Christian, 17enne di Albano che nella notte tra venerdì e sabato è stato aggredito con una mazza da baseball mentre si trovava sul litorale di Nettuno per il tradizionale falò. Il giovane, infatti, in compagnia del fratello Manuel e di altri 4 amici si era fermato in spiaggia difronte lo stabilimento “Scacciapensieri”per una serata all'insegna del divertimento e della spensieratezza. Nella notte però, fuori da ogni logica, una decina di ragazzi tutti sui 20 anni è sbucata dal nulla. In preda ai fumi dell'alcol e all'effetto di sostanze stupefacenti, il branco è piombato sul gruppo del 17enne con fare violento. Armato di mazza da baseball, uno degli sbandati ha colpito la testa di Christian con violenza. Quest'ultimo, in gravi condizioni, è stato poi trasportato all'ospedale San Camillo in eliambulanza, dove i sanitari lo hanno ricoverato in rianimazione.

Il racconto del fratello. L'episodio di violenza viene ricostruito da “La Repubblica” grazie ai racconti del fratello della vittima che, ancora sconvolto per l'accaduto spiega:“Eravamo arrivati sulla spiaggia alle due. Avevamo montato la tenda”. “Avevamo acceso il falò, e poi intorno alle quattro ci eravamo messi a giocare a pallone. D'un tratto con la coda dell'occhio li vedo sbucare: in 10, tutti rasati o pelati, dei veri coatti. Uno, quello con la mazza da baseball – e ad Anzio c'è una delle squadre di baseball di serie A, ndr – si avvicina a mio fratello e gli urla, a sfotterlo, aggressivo: “Aò! Ma come fate a vede ar buio?”. Christian, che gioca da quando aveva tre anni e ora è nell'Albalonga, squadra che si sta avviando alla serie B, gli risponde:”Non ti preoccupare che ci vedo benissimo”. E quello: “Ma che te risponni?”. A quel punto alza la mazza e gliela tira con tutta la sua forza in piena fronte” continua Manuel straziato dal dolore. “Christian cade in terra, io mi metto in mezzo mentre il mio amico Lorenzo lo trascina via: da un altro di loro mi becco due cazzotti in piena faccia, mentre vedo che quello con la mazza tenta di colpire ancora Christian, ma Lorenzo se ne accorge e alza il braccio per difenderlo, rompendosi la mano, appena guarita da una frattura. Le nostre ragazze urlano impaurite, raccogliamo tutto e ce ne andiamo: li incontriamo di nuovo in un vicolo, uno di loro ha un coltello a serramanico”. I giovani riescono a sottrarsi agli aggressori prima di raggiungere in fretta e furia l'ospedale di Anzio: Christian non riesce a parlare, perde conoscenza e vomita. In ospedale ha un attacco epilettico che costringe i medici a rianimarlo. Poi arriva l'eliambulanza che lo trasporta al San Camillo. Qui viene internato nel reparto di rianimazione dove i sanitari gli inducono un coma farmacologico e lo tengono sotto costante osservazione per l'emorragia cerebrale riscontrata al momento del ricovero.

L'arresto. I ragazzi descrivono i violenti aggressori agli uomini del commissariato di Anzio: uno di loro ha un tatuaggio tribale sul collo ed un neo sulla guancia. L'arresto è quasi immediato. Per gli altri, compreso Hogas Valentin, 21enne romeno armato di mazza, le ricerche sono ancora in corso. 

Roma

Roma, week end di Pasqua: si prepara la task force contro i furbetti del coronavirus

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Servizi mirati e rafforzamento dei controlli della polizia locale a Roma soprattutto sulle strade consolari e sulle direttrici verso il mare in vista del weekend di Pasqua.

Sarà massima l’attenzione per monitorare eventuali spostamenti verso il mare, verso le seconde case e in tutte le aree verdi e i parchi. Verranno effettuati posti di blocco con controlli a campione, dove possibile, incanalando tutte le auto in sicurezza per verificare il rispetto delle misure di contenimento. 

Continua a leggere

Ambiente

Linea Verde: domenica va in onda un focus su “l’agricoltura che resiste”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Viaggio attraverso la filiera agricola al tempo dell’emergenza

Domenica 5 aprile Linea Verde, alle 12, 50 su RAI UNO vi porta a seguire la filiera alimentare in tempi di crisi. L’emergenza Coronavirus sta cambiando la vita e le abitudini degli italiani. In questo scenario, però, c’è un comparto, quello dell’agricoltura, che va avanti pur tra mille difficoltà, per continuare a rifornire le industrie e i negozi di alimentari, non lasciare la popolazione in difficoltà, insomma per consentire agli italiani di resistere. Linea Verde racconterà la filiera agricola al tempo dell’emergenza, i passaggi, dal produttore, ai mercati generali fino al piccolo commercio che si è dovuto reinventare con le consegne a casa per non soccombere. LINEA verde, con un focus particolare su Roma, racconta questa Italia silenziosa, produttiva, l’abnegazione di un mondo che resiste in attesa del ritorno alla normalità.

Linea Verde è un programma di Camillo Scoyni e Nicola Sisto e di Giuseppe Bosin, Dario Di Gennaro, Lucia Gramazio, Carola Ortuso e Yari Selvetella

Regia di Daniele Agostini

Produttore esecutivo Federica Giancola

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano laziale, l’iniziativa di FdI per le famiglie bisognose e i disseminatori di odio sociale: “Pane e pasta non hanno colori politici!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Tante le iniziative messe in campo per cercare di aiutare quelle famiglie che a causa dell’emergenza coronavirus non sanno più come sbarcare il lunario a fine mese, soprattutto dove trovare i soldi per acquistare beni di prima necessità come pane e pasta.

Iniziative che vanno ad affiancarsi a quelle messe in campo dalle varie Istituzioni nazionali, regionali e locali come quella promossa dal partito di Giorgia Meloni che attraverso la campagna “Povera Patria” sta raccogliendo adesioni da parte di molti supermercati dell’area dei Castelli Romani tra i quali l’Eurospin di Ariccia e la Conad di Cecchina che hanno accettato di esporre presso i rispettivi ingressi i contenitori per raccogliere i beni di prima necessità – alimenti, disinfettanti e quanto altro necessario per il vivere quotidiano – che i cittadini potranno lasciare, se lo riterranno, al termine della loro spesa.

Beni che successivamente verranno distribuiti per mezzo del personale autorizzato alle famiglie bisognose che ne faranno richiesta.

Una iniziativa che purtroppo ha suscitato non poche polemiche e tentativi di strumentalizzazione politica da parte di alcune persone che hanno voluto parlare di razzismo e xenofobia alimentando, con comunicati e post sui vari social quello che viene definito come “odio sociale”.

Eppure queste iniziative, soprattutto in un momento che definire drammatico è poco, dovrebbero essere condivise anche da chi la pensa diversamente perché pane e pasta non hanno colori politici.

L’intervista

Chiara Rai intervista Roberto Cuccioletta Coordinatore FdI ad Albano Laziale e Simone Carabella ideatore dell’iniziativa

Continua a leggere

I più letti