Connect with us

Cronaca

NOTIZIE IN BREVE DALLA NAPOLI VIOLENTA – IL COMMENTO DEI FATTI DELLA SETTIMANA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti La massiccia presenza di extracomunitari, per lo più irregolari, alimenta furti,spaccio e rapine. Ma non solo, la prostituzione è un altro fenomeno che sempre più sta prendendo piede

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

di Christian Montagna

Finalmente giunti al primo appuntamento con la rubrica " Notizie in breve dalla Napoli violenta",mi ritrovo con i mmenso piacere a commentare con voi lettori gli episodi di cronaca della settimana. In questa città, ahimè, una rubrica del genere non potrà mai essere priva di contenuti. Dai dati di questa prima settimana, emerge un notevole aumento di reati della microcriminalità organizzata, furti e rapine per intenderci. Ed è proprio quello che a Napoli fa più paura. Piccoli malviventi che crescono prendendo come esempio i grandi boss della camorra; sparano senza pietà ne condizione di causa pur di conquistare il consenso del capo di turno. Sono questi che a Napoli terrorizzano le coppiette appartate, i giovani in discoteca e le ragazzine che si divertono in giro con gli amici. Se per caso si provasse ad opporre resistenza, potrebbe anche andare a finire molto male.

E allora bisogna essere sempre vittime? No, bisognerebbe innanzitutto evitare i posti maggiormente a rischio, contattando i militari ad ogni minimo sospetto perché, ricordatelo, loro sono dalla nostra parte. Perché non si riesce a fermare questa microcriminalità? La risposta è semplice, non abbiamo un sistema giuridico che garantisca pene severe anche ai minori. Il marcio è alla base! Non è vero che la polizia e i carabinieri non svolgono il proprio dovere, io, quei poveri uomini che rischiano la vita per pochi euro al mese, per le strade, li vedo eccome! Ma se poi basta un errore di trascrizione o un intoppo nelle procedure burocratiche ad annientare il loro lavoro, tutto risulta inutile! Bisognerebbe dunque riformare il nostro sistema di legge, perché, non a mio parere non è vero che la legge è uguale per tutti! Tra l'altro, anche i cosiddetti uomini di legge andrebbero rivalutati. Non è ammissibile che tre avvocati siano coinvolti in truffe allo Stato con falsi incidenti stradali mai avvenuti e incassino soldi dalle assicurazioni (fatto avvenuto in settimana a Salerno) e che funzionari della polizia municipale incassino i soldi delle sanzioni ( fatto avvenuto a Napoli). Se questi sono i servi delle legge, siamo proprio messi male! Tornando a noi, notiamo che la situazione criminale è peggiorata nelle zone centrali di Napoli, nei quartieri di Chiaia, Posillipo, Vomero e San Ferdinando.

Per non parlare poi della zona della stazione Centrale. Spesso, passando di li, ho avuto la sensazione di essere in un altro continente. La massiccia presenza di extracomunitari, per lo più irregolari, alimenta furti,spaccio e rapine. Ma non solo, la prostituzione è un altro fenomeno che sempre più sta prendendo piede. In settimana, è stato fermato un giovane minorenne che adescava clienti offrendo sesso in cambio di soldi. Eppure il giovane era campano. Questo fenomeno, che tra l'altro non interessa solo Napoli ma la maggior parte delle città italiane, non riesce ad essere debellato. Perché non seguiamo i nostri amici europei e tassiamo la prostituzione? Tanto il problema c'è, è evidente, non si riesce a risolvere e per di più non frutta soldi allo Stato. Ah, dimenticavo, siamo il paese della moralità e legalizzare un fenomeno del genere sarebbe vergognoso. Invece, è meglio che mentre un turista passeggia per la stazione, gli si avvicinano con sguardi languidi e provocazioni…Altro argomento che questa settimana ha tenuto banco tra i bar dei quartieri è stato il match calcistico di Napoli Roma. Un servizio di scorta che nemmeno durante la guerra è stato mai usato, mancavano soltanto i carri armati e sembrava essere in una terza guerra mondiale. Anzi no, la quarta perché la terza è in corso se non ve ne foste accorti. Ma si possono utilizzare così tanti mezzi e uomini per un gioco? Se i tifosi non sono in grado di assumere atteggiamenti corretti e scambiano lo stadio per una giungla in cui andare a combattere, chiudiamo le porte dello stadio. È più semplice. Ah, dimenticavo tutti gli incassi che poi avrebbe perso lo stadio…Potrei continuare all'infinito, ma per questo primo appuntamento mi fermo qui anche perché nel corso dei nostri incontri domenicali, capiterà che ospiterò nella mia rubrica ospiti e addetti ai lavori, militari, gente comune. Buona festività e ricordate di volgere un minuto del vostro tempo ai cari defunti.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Palermo, Open Arms: inizia il processo che vede imputato Matteo Salvini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si apre questa mattina nell’aula bunker del carcere palermitano di Pagliarelli l’udienza del processo che vede imputato il leader della Lega Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona per aver impedito alla nave della Ong Open Arms di attraccare con 147 migranti soccorsi in mare. L’udienza, dedicata all’ammissione delle liste testi di accusa e difesa e alle produzioni documentali, si svolge davanti ai giudici della seconda sezione del tribunale.

La Procura ha citato a deporre, tra gli altri, il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, l’ex premier Giuseppe Conte e tre componenti dell’allora suo governo, l’ex vice premier Luigi Di Maio, e gli ex ministri ai Trasporti, Danilo Toninelli, e alla Difesa, Elisabetta Trenta.

Alcune parti civili hanno indicato tra i testimoni anche l’attore Richard Gere, che nel 2019 salì a bordo della Open Arms mentre la nave attendeva l’autorizzazione all’attracco. Salvini, che sarà presente all’udienza, nel corso di una conferenza stampa svoltasi ieri a Palermo ha commentato: “Spero che il processo non si trasformi in un festival del cinema. Penso di essere l’unico ministro in Europa che va a processo per aver fatto il proprio dovere” . 

Continua a leggere

Cronaca

Falsi farmaci contro il Covid: oscurati 42 siti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Sono stati 42 i siti, collocati su server esteri, oscurati dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute perché venivano pubblicizzati o offerti in vendita vari farmaci anche contro il covid 19. Su 35 dei 42 siti veniva venduta anche l’ivermectina, antiparassitario utilizzato in campo veterinario e per il quale l’Ema, nel marzo 2021, ha raccomandato di non utilizzare il principio attivo per la prevenzione o il trattamento del covid al di fuori degli studi clinici.

Con questa operazione salgono a 283 i siti oscurati dai Nas nel 2021, di cui 244 legati all’emergenza Covid. 

Continua a leggere

Cronaca

Violenza sessuale di gruppo: Grillo jr. e i suoi tre amici scelgono il rito ordinario

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I 4 rischiano pene fino a 12 anni di galera

Sceglieranno il rito ordinario in caso di rinvio a giudizio Ciro Grillo e i suoi tre amici accusati di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una studentessa italo-norvegese il 17 luglio 2018 nella casa di Beppe Grillo. La decisione verrà comunicata nelle prossime ore al giudice dell’udienza preliminare di Tempio Pausania.

La notizia è stata appresa dall’ANSA da fonti vicine ai ragazzi. Rischiano pene fino a 12 anni. I legali dei quattro (Enrico Grillo, Romano Raimondo, Gennaro Velle, Ernesto Monteverde, Alessandro Vaccaro e Mariano Mameli) hanno preso la decisione dopo diverse riunioni visto che in due avrebbero preferito il rito abbreviato. 

Continua a leggere

I più letti