Connect with us

Video

NOTO: TUTTO PRONTO PER LA 37IMA EDIZIONE DELL'INFIORATA

Clicca e condividi l'articolo

La città di Genzano di Roma parteciperà come ospite d'onore

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Red. Cultura

Noto (SR) – L'Infiorata della Primavera Barocca di Noto, giunta alla sua 37ima edizione, ospiterà nelle date dal 12 al 15 maggio 2016 la sesta edizione del Congresso Internazionale della Arti effimere, un evento sempre più internazionale che vedrà la partecipazione della città dei Castelli Romani di Genzano di Roma partecipare come ospite d'onore.

Il tema scelto per questa edizione sarà “tradizioni, miti e leggende”, magistralmente interpretato dalle delegazioni dei Paesi ospiti: l’infiorata tradizionale, tappeti di grani di sale, quelli con le sabbie colorate, con i trucioli e tante altre performance culturali ed artistiche raggruppate sotto il nome di “Arti Effimere”.

La manifestazione siciliana è nata trentasette anni fa dall’incontro di artisti infioratori  di Genzano e Netini, ed è proprio nella città di Genzano, alle porte della capitale d'Italia, che si sviluppa questa nuova tecnica pittorica.

Una delle più belle città siciliane, patrimonio dell'Unesco, darà il via ad uno degli eventi più attesi di primavera in grado di attrarre un pubblico internazionale che approfitta dell'Infiorata per scoprire il barocco del Val di Noto e per fare il primo bagno di sole. Via Nicolaci, teatro dell'Infiorata, è un palcoscenico naturale che culmina con il prospetto concavo convesso della suggestiva Chiesa di Montevergini e accoglie “i balconi più belli del mondo”, quelli di Palazzo Nicolaci Villadorata.

Via Corrado Nicolaci è la via dove nasce l'infiorata di Noto, l'impatto è forte, in alto la Chiesa di Montevergini che si contrappone al palazzo del Principe Nicolaci "Villa dorata", con i balconi che sono stati definiti da molti i più belli del mondo. Oggi l'infiorata di Noto è considerata tra le più belle manifestazioni dell’intera Isola.
“Pensare che a ‪Genzano – dice il Sindaco Flavio Gabbarini che si candida alle imminenti amministrative sostenuto da un’ampia coalizione di centrosinistra –  c’è‬ una meravigliosa opera del Maestro Bruno D'Arcevia, lo stesso che ha affrescato la cattedrale di San Nicolò a Noto, città siciliana dove si tiene l'Infiorata dal 12 al 15 Maggio e alla quale parteciperò personalmente in rappresenta della città di Genzano. Genzano sarà dunque presente a questa realtà siciliana in cui la cultura è il filo conduttore”.

Intanto fervono i preparativi per la tradizionale Infiorata di Genzano  che quest'anno si terrà dal 26 al 30 maggio 2016 con tante novità. Il tema di quest’anno è “Con e per gli altri. Riconciliazione, perdono amore e pace”. Ma non è tutto perché quest’anno l’infiorata di Genzano rende omaggio al Giubileo della Misericordia, voluto da Papa Francesco. Il sindaco Flavio Gabbarini ha anche lanciato un appello a Papa Francesco: “Santo Padre – ha detto il primo cittadino – ci faccia una sorpresa, ci venga a trovare”. A fare da sfondo alla tradizionale Infiorata ci saranno come sempre eventi culturali in tutta la città e quest'anno verranno infiorate due strade: via Livia e viale Bruno Buozzi.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

In evidenza

Giovanni dietro Falcone – seconda puntata: una vita blindata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Abbiamo concluso la nostra prima puntata su Giovanni Falcone, ricordando le parole di Antonio Montinaro. L’agente faceva continuo riferimento al sentimento della paura che era spesso la protagonista durante gli spostamenti del giudice istruttore.

Dai racconti degli uomini della Quarto Savona 15, Falcone esce come un personaggio forte: non trasmettere mai l’ansia e l’inquietudine di essere il principale bersaglio di Cosa Nostra.

Cliccare sulla foto per guardare il video

Giovan Battista Guttadauro afferma nel reportage: “tutti avevamo paura”. D’altronde Falcone aveva subito diversi tentativi di attentato. Il primo nel carcere dell’Ucciardone a Palermo dove Salvatore Sanfilippo, che si era riuscito a procacciare un’arma da fuoco, avrebbe dovuto ucciderlo mentre il giudice istruttore era impegnato nell’interrogatorio a Ignazio Lo Presti, costruttore edile ritenuto in stretto legame col boss Salvatore Inzerillo. Fino ad arrivare al famoso 20 giugno 1989, località Mondello: sul litorale dell’Addaura Falcone e sua moglie Francesca Morvillo avevano affittato una villa per l’estate. Quel giorno il magistrato aveva invitato due colleghi svizzeri. Ma appena giunti sul posto, i ragazzi della scorta si accorgono che sulla scogliera vi era del materiale da sub: nella sacca saranno rinvenuti diversi chili di dinamite. L’agente Agostino che si occuperà delle indagini sull’Addaura verrà ucciso da Cosa Nostra. Michele Greco, detto il papa, boss di primo calibro paragonava Falcone a Maradona: l’unico modo di togliergli la palla è fargli lo sgambetto.

Ma il giudice per essere ucciso doveva rimanere solo. È così che l’aria all’interno del tribunale di Palermo, rinominato ad hoc Palazzo dei Veleni, si fa irrespirabile. Dopo la sentenza di primo grado del Maxi Processo, il consigliere istruttore Antonino Caponnetto decide di tornare a Firenze e di dimettersi. Borsellino già è alla procura di Marsala. Tutti si aspettano che il Csm elegga Falcone a capo dell’ufficio istruzione. Ma nel 1988 il Consiglio Superiore della Magistratura gli preferisce Antonino Meli, 16 anni più anziano di lui ma con zero esperienza in tema di mafia. Voterà contro anche l’amico di Falcone, Vincenzo Geraci: Meli era sopravvissuto ai campi di sterminio, la sua giustificazione. Nel reportage riportiamo una serie di sconfitte che Giovanni Falcone ha dovuto subire con l’intento di metterlo all’angolo, di non farlo più lavorare con la solita dedizione.

Dietro Falcone c’era però Giovanni, il marito di Francesca Morvillo. Anche lei magistrato. Si erano sposati nel silenzio costretti dalle esose misure di sicurezza alle quali era obbligato il giudice. Francesca Morvillo è la donna delle intime confidenze e dei puntuali consigli, ma anche moglie attenta al buon successo lavorativo del marito.

In un biglietto che Francesca Morvillo lascia all’interno di un libro nell’ufficio di Falcone, si trovano le seguenti parole che riflettono l’amore e il legame che univa i due: “Giovanni, amore mio, sei la cosa più bella della mia vita. Sarai sempre dentro il mio cuore così come io spero di rimanere viva nel tuo cuore”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca di Papa, emergenza gas Radon a villa Barattolo: i Guardiaparco cambiano sede

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROCCA DI PAPA (RM) – È emergenza gas radon nella sede del Parco dei Castelli Romani a Rocca di Papa dove i valori registrati sono addirittura superiori del 600 percento circa rispetto al limite stabilito per legge. Si trasferiscono in altra sede i guardiaparco per permettere la messa in sicurezza di villa Barattolo che ospita gli operatori regionali.

Cliccare sulla foto per guardare il video servizio

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 20/6/2019

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

“Ci vediamo a via Veneto”, la VII puntata con Gianfranco Butinar: all’Harry’s Bar arriva “l’erede del Califfo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Gianfranco Butinar il “figlio d’arte” di Franco Califano, sarà ospite sabato 22 giugno, insieme a Michele Baldi, della VII puntata di “Ci Vediamo a via Veneto” il programma condotto da Chiara Rai tutti i sabati in diretta dall’Harry’s Bar di Roma by Lepore, lo storico locale della Dolce Vita di via Veneto.

L’intervista potrà essere seguita anche su questa pagina a partire dalle ore 18 di sabato 22 Giugno

Un’intervista alla scoperta del personaggio e della sua amicizia con il Califfo

Butinar figlioccio del Poeta maledetto con cui ha vissuto 22 anni tra palco ed intima amicizia, sta portando in tour in giro per l’Italia lo spettacolo “80 NOSTALGIA DI CALIFANO”, con l’intento di sfociare in seguito anche all’estero nelle “colonie” gremite di italiani, con l’ambizione di dare seguito a un progetto per far conoscere e apprezzare le molteplici sfaccettature del Califfo, uno dei più intriganti cantautori della storia della musica leggera italiana. Due ore abbondanti di spettacolo tra pietre miliari della canzone, chicche sconosciute ai più, monologhi deliranti e commoventi allo stesso tempo, imperdibili aneddoti, ed inediti che sono rimasti nel cassetto di Gianfranco dopo la scomparsa del Maestro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Giugno: 2019
L M M G V S D
« Mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it