Connect with us

Esteri

Nuova Zelanda: fortissima scossa di terremoto 7.8. Allarme tsunami

Clicca e condividi l'articolo

Evacuato centro di Wellington Nuovo allarme della protezione civile ai residenti delle coste orientali e delle Isole Chatham: previste onde da 3 a 5 metri

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

NUOVA ZELANDA – Una forte scossa di terremoto è stata avvertita in tutta la Nuova Zelanda. Secondo l'Istituto geofisico americano Usgs, il sisma avrebbe una magnitudo di 7.8 mentre per il sito neozelandese Geonet sarebbe 6.6. L'epicentro è stato localizzato a 91 chilometri a Nord di Christchurch. Al momento non ci sono notizie di danni, ma l'allerta tsunami è stata lanciata dalle autorità sulla costa orientale.

Evacuato il centro di Wellington. Uno tsunami di due metri è stato registrato sull'Isola del Sud in Nuova Zelanda, dopo il terremoto di magnitudo 7.8 seguito da diverse scosse. Lo hanno fatto sapere le autorità, che al momento non hanno dato notizie di vittime o danni. La scossa ha avuto ipocentro a 23 chilometri di profondità a 53 chilometri Nordest di Amberley e 93 a Nord di Christchurch. "Chiunque si trovi in quella zona, si sposti immediatamente verso l'interno", scrive la protezione civile del Paese sul suo account Twitter precisando di avere problemi sul sito e quindi che continuerà a fornire informazioni sui social media. In un primo momento, l'allerta tsunami era stata esclusa.

Dopo la prima ondata di due metri di altezza, registrata sulla costa orientale della Nuova Zelanda, la protezione civile della Nuova Zelanda ha diramato su Twitter con un nuovo allarme tsunami alla popolazione che vive sulla costa orientale, specialmente nella sua parte centrale sulla South Island, e sull'arcipelago delle Isole Chatham. Ai residenti è fortemente consigliato di allontanarsi dal mare per la possibilità di onde di tsunami "dai 3 ai 5 metri di altezza", aggiungendo che la prima onda, che è stata misurata a Kaikoura in circa 2 metri, non è stata necessariamente la più potente.

Evacuato il centro di WellingtonMigliaia di persone sono state evacuate dal centro della capitale della Nuova Zelanda in seguito all'allarme tsunami che riguarda l'intera costa orientale neozelandese. Lo rivela il sito di Radio New Zealand che cita il municipio di Wellington.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Esteri

Il Presidente del Parlamento europeo david Sassoli plaude all’iniziativa dell’ANCRI

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Anche il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli plaude all’iniziativa dell’ANCRI di chiara dimensione europea e al rilievo dato alla Simbiosi dei diritti e dei valori sanciti sia dalla Costituzione italiana che dai trattati dell’UE

Il 10 dicembre l’ANCRI fa tappa nella capitale Belga con una Conferenza su “I Valori e i Simboli della Repubblica Italiana e dell’Unione Europea”

L’evento, il tema della Conferenza e lo spessore dei relatori stanno riscuotendo molti riconoscimenti istituzionali.

Oltre alla condivisione degli Ambasciatori Elena Basile e Francesco Maria Taló, stanno arrivando diverse adesioni.

Il Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, ha espresso il suo apprezzamento per la chiara dimensione europea dell’iniziativa dell’ANCRI con una lettera indirizzata al Generale Alessandro Butticè nella veste di delegato ANCRI ai rapporti con gli organismi internazionali

“Ho preso atto con particolare interesse dei relatori che parteciperanno all’iniziativa – scrive il presidente Sassoli – e accolgo con grande soddisfazione il rilievo dato alla simbiosi dei diritti e dei valori sanciti sia dai trattati dell’UE che dalla costituzione italiana, nonché delle radici italiane dell’idea di Europa. Trovo, inoltre, assolutamente lodevole il fatto che sarà dedicata un’intera sessione alla disinformazione sull’Europa: indubbiamente un grande ostacolo comunicativo, che deve essere superato, se vogliamo che i nostri cittadini abbiano un quadro preciso di che cos’è l’Unione europea e di ciò che fa per noi tutti.

Ora più che mai – scrive ancora il presidente David Sassoli – dobbiamo esaminare più da vicino i nostri valori sia nazionali che europei, capire come siano indissolubilmente legati e sfruttare i loro punti fi forza, per poter affrontare l’incertezza del nostro tempo e guardare al futuro con passione e impegno, nonche con spirito costruttivo:

Da ultimo, ma non meno importante – prosegue il Presidente dell’Europarlamento – sono lieto di constatare che parteciperanno al dibattito vari deputati del Parlamento europeo assieme a numerosi rappresentanti Insigniti … i quali abbracciano senza riserve i valori dell’Unione europea.

La Conferenza è stata organizzata dal delegato ANCRI ai rapporti con gli organismi internazionali Generale Alessandro Butticè che, oltre ad assicurare l’introduzione dei lavori, si occuperà della moderazione degli interventi.

Dopo i saluti di benvenuto del padrone di casa, Prof. Paolo Sabbatini, Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles, prenderà la parola il Cavaliere Ufficiale Tommaso Bove nella veste di Presidente Nazionale dell’ANCRI.

Il tema dei “Valori e i Simboli della Repubblica Italiana e dell’Unione Europea” sarà trattato anche dall’Ambasciatrice d’Italia presso il Regno del Belgio Elena Basile e dell’Ambasciatore Francesco Maria Taló, Rappresentante Permanente d’Italia presso il Consiglio Atlantico.

Seguiranno gli interventi del Prof. Mario TELÒ, Presidente emerito dell’Institut d’Etudes Européennes su “Radici italiane dell’idea di Europa”; del dott. Guido Berardis, Presidente di sezione emerito del Tribunale dell’Unione Europea su “Trattati europei e Costituzione italiana: simbiosi di diritti e valori”; del dott. Lorenzo Consoli, “decano” dei giornalisti italiani accreditati presso l’UE, già Presidente dell’Associazione della Stampa Internazionale, su “La disinformazione sull’Europa”

Sono stati invitati ad intervenire anche un eurodeputato italiano per ogni gruppo politico del Parlamento europeo

La chiusura dei lavori è stata affidata al prefetto Francesco Tagliente, delegato nazionale ANCRI ai rapporti istituzionali

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Esteri

Una mostra fotografica dal profondo sud al profondo nord d’Europa: Marcello Nitti riprende il suo viaggio visionario a Stoccolma

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Con la fotocamera digitale, un solo scatto e nessuna digitalizzazione, Marcello Nitti opera in modo creativo e libero. “Dipinge” con la macchina fotografica in modo da realizzare le emozionanti immagini grafiche che gli appaiono. Dal 19 novembre e fino al prossimo febbraio, i visitatori potranno sperimentare “Come un sogno – – un viaggio nel mondo visionario di Marcello Nitti“, con la sua quarta mostra in Svezia, evidentemente Paese sensibile all’arte fotografica..

Foto uniche decorano le pareti con la rivoluzionaria arte fotografica del fotografo e pioniere italiano. Le sue opere sono il risultato di oltre 20 anni di ricerca, sperimentazione e passione per la fotocamera, la luce, la forma, il colore e la musica.

Amanda Elmander, proprietaria di Skönhetsfabriken, una volta dichiarò che ” Nitti vede il mondo in un modo unico e con la sua macchina fotografica condivide le sue visioni astratte e colorate che sono attraenti e impreziosiscono il giorno”.

L’autore spiega che “Dal momento che ho sentito l’impulso di cogliere l’attimo, mi sono sentito spinto a trasferire la mia visione su un foglio di carta. Renderlo permanente. Un’attrazione fatale, si potrebbe dire! Ognuna delle mie foto è un momento misterioso e magico, sebbene tecnicamente spiegabile. Sono sempre stato entusiasta di ricercare e scoprire nuovi linguaggi nella fotografia, si tratta di un viaggio pieno di affascinanti incognite. Le mie foto sono i miei sogni, la musica, le influenze cinematografiche e le conoscenze combinate. Attraverso questa curiosa relazione con la macchina fotografica, è dove mi sono trovato. Mi sento costantemente costretto a esplorare nuovi orizzonti nella fotografia, a sfidare i suoi limiti ed espandere le mie possibilità. Con un solo clic della mia macchina fotografica, sono trasportato in un altro mondo in cui la passione abbraccia la vita e il desiderio. Spingendo e lavorando con la fotocamera, sono trasposto e mi trasferisco in molti mondi immaginari. Le mie foto sono cartoline del mio viaggio. Questo mi aiuta a migliorare e crescere spiritualmente ”.

Marcello Nitti è nato e cresciuto in Puglia ove continua a vivere, a Taranto, importante città fondata dai Greci nell’VIII secolo a.C., lungo il mar Ionio. Per oltre 30 anni ha sviluppato il suo rapporto con la fotografia; sfidando la sua pazienza e ampliando i suoi limiti e continuando a sperimentare. Con un solo clic scatta solo 2 o 3 foto. Quindi, senza manipolazione digitale, li traspone su carta per belle arti con inchiostro di alta qualità in grandi formati. Per la mostra le stampe sono 32,9 cm x 48,30 cm. Ogni foto è numerata, firmata, autenticata e garantita.

Mostra fotografica

“Come un sogno”, fino a febbraio 2020

Un itinerario fotografico nel mondo visionario di Marcello Nitti, presentazione di  Hannah Gerner

Vernissage 19 novembre 2019. h.14. 00

Sede della mostra: Espresso SEMPRE Bar, Jakobsbergsgatan 7, STOCCOLMA

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Fubine Monferrato si gemella il villaggio di Sokpontà: l’esperienza del sindaco leghista Pettazzi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

In questa fase dove la Lega viene tacciata di razzismo e di mancata
accoglienza nei confronti dei migranti, troviamo un esempio tangibile di
umanità e di come, invece, si vorrebbe e dovrebbe affrontare il grave
problema.
Il sindaco di Fubine Monferrato e onorevole leghista Lino Pettazzi é
partito mercoledì scorso per il Benin per siglare il gemellaggio con il
villaggio di Sokponta’, la cerimonia ufficiale si terrà sabato mattina a
Gazoue’.

Nel villaggio di Sokponta’ l’associazione fubinese “l’abbraccio” ha aperto un asilo, una scuola, un ospedale pediatrico e un’azienda
agricola.

E’ la seconda volta che l’onorevole Pettazzi si reca in Benin, segno del legame molto stretto che si sta consolidando negli anni con aiuti economici, scambi culturali e tante adozioni a distanza.
Abbiamo contattato telefonicamente l’on. Pettazzi e gli abbiamo chiesto
cosa si stesse facendo nel concreto, questa la sua risposta: “Mi sono
recato con il sindaco del villaggio a visitare la scuola più grande di
Glazoue’ , 2306 alunni suddivisi in 60 aule. Il primo programma concordato é l’allestimento di un’aula multimediale altamente attrezzata, inoltre un progetto culturale per l’insegnamento della lingua italiana”. E continua esprimendo le sue emozioni…” dormo nella missione delle suore, la mattina sveglia presto, ho visitato il loro laboratorio di cucito, la loro produzione di saponette e il loro panificio che da lavoro a 30 donne del villaggio. ma la cosa per me piu’ bella é il contatto continuo con gli abitanti, il vivere fra loro ed, in particolare, il contatto con i bambini. Abbiamo portato per loro 350 magliette con un cuore simbolo del gemellaggio . Tutto questo mi stravolge e riempie l’anima e, sicuramente, non sarà la mia seconda e ultima missione in Benin.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it