Connect with us

Video

Omicidio Serena Mollicone e morte del brigadiere Tuzi: il video messaggio della figlia Maria

Clicca e condividi l'articolo

Pochi giorni prima del decesso, il brigadiere dei Carabinieri era stato ascoltato quale sommario informatore nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Serena Mollicone

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

 

di Ivan Galea 

 

SORA (FR) – Maria Tuzi, figlia del brigadiere Santino Tuzi, trovato cadavere l’11 aprile 2008 all’interno di una Fiat Marea parcheggiata vicino la diga di Arce in località Sant’Eleuterio, non crede al fatto che il padre si sia stato ucciso.

 

Ci sono molti conti che non tornano, soprattutto molti misteri come i due cellulari del padre che la figlia ha asserito essergli stati riconsegnati completamente “vergini”, puliti di qualsiasi dato o rubrica. Maria Tuzi cerca la verità ed è fiduciosa nel lavoro della magistratura e soprattutto nel lavoro meticoloso che sta facendo il sostituto procuratore Alfredo Mattei, titolare dell’indagine, il primo a voler far chiarezza sulla vicenda a seguito dell’istanza di riapertura del fascicolo presentata da Rosangela Coluzzi, l’avvocato di Maria Tuzi, la figlia del brigadiere.


Diverse le “stranezze” in un giallo dalle tinte forti tutto da chiarire. Basti pensare che dietro il sedile dell’auto di Tuzi sia stato rinvenuto il fodero della sua pistola di ordinanza mentre nel verbale riportato nell’istanza di archiviazione si fa presente che il fodero della pistola si trovava nell’armadietto del Brigadiere. O ancora ci si chiede come mai non sarebbe stata effettuata un’analisi dell’arma di ordinanza relativamente al proiettile rinvenuto nell’autovettura? Come si fa a dichiarare che quell’ogiva appartenga alla pistola rinvenuta sul sedile dell’auto di Tuzi? Per altro il brigadiere dopo essersi sparato al petto avrebbe avuto la calma e la lucidità di adagiare l’arma sul sedile. Inoltre sull’arma non vengono rinvenute impronte di Tuzi, se non una impronta parziale e latente della mano sinistra, quando Tuzi era destrorso.


Non dimentichiamo che pochi giorni prima del decesso, il brigadiere era stato ascoltato quale sommario informatore nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Serena Mollicone
, la diciottenne di Arce scomparsa il primo giugno 2001 e ritrovata morta in un boschetto di Fonte Cupa ad Anitrella due giorni dopo legata, imbavagliata e con la testa infilata in un sacchetto di plastica.  I due casi sembrano voler convergere in uno solo nonostante questa pista, da sempre sostenuta dai media, possa essere stata in alcuni casi “smontata”. 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Rocca di Papa, gas Radon a villa Barattolo: si trasferiscono i Guardiaparco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROCCA DI PAPA (RM) – È emergenza gas radon nella sede del Parco dei Castelli Romani a Rocca di Papa dove i valori registrati sono addirittura superiori del 600 percento circa rispetto al limite stabilito per legge. Si trasferiscono in altra sede i guardiaparco per permettere la messa in sicurezza di villa Barattolo che ospita gli operatori regionali.

Giovedì 20 giugno 2019 a Officina Stampa l’approfondimento sul gas Radon. Ospite in studio l’ing. Corrado Colizza

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Gallery

Anguillara Sabazia, chiusura scuola via Verdi: pronti i container da noleggiare… a peso d’oro?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Incontro tra amministrazione e diretti interessati sulla questione della chiusura della scuola via Verdi a seguito dell’Ordinanza n. 61 del 22.05.2019.

Sembrerebbe che oltre al fatto che i consiglieri di opposizione, Silvio Bianchini (capogruppo Pd) in prima linea, non abbiano ancora avuto accesso agli atti, neppure durante la riunione all’ex Consorzio, gli amministratori abbiano mostrato le relazioni e i documenti sulla base dei quali la Sindaca ha deciso la chiusura del plesso scolastico.

Tra l’altro non si è avuta alcuna notizia di tentativi di coinvolgimento da parte dell’amministrazione di organi sovracomunali che potessero contribuire con risorse economiche e o altro a risolvere questa annosa questione.

In pratica nella riunione si è detto che costando troppo l’adeguamento sismico di via Verdi, si parla di circa 2 milioni e 700 mila euro, l’idea dell’ormai ex giunta pentastellata è di voler portare dei container e metterli nel campo sportivo di Pratoviale dove c’è l’autoparco spendendo circa 1 milione e 200 mila euro per l’affitto anziché acquistarli a un milione e 400 mila euro. Non sembra un’idea che può essere attuata in così breve tempo in quanto giugno è quasi terminato e ad agosto, come noto, l’Italia si ferma.

L’area dove dovrebbero sorgere i container

Come concretizzare le idee ipotizzate? Questo “noleggio d’oro” può essere in qualche modo evitato?

Severo il giudizio del presidente di ‘Anguillara Svolta’ Sergio Manciuria:

“Mi ero ripromesso di non commentare in attesa di questo incontro al Consorzio Agrario nella vana speranza che esibissero almeno le carte che attestassero le criticità su presunti rischi di crolli imminenti come da un primo momento dichiarato dai mestieranti del cambiamento e della trasparenza. Dopo aver provocato il panico tra i genitori  – ha detto Manciuria – addossando le responsabilità al passato ed omettendo che tale procedura è nata da un mio esposto del Gennaio 2017 in quanto avevano dichiarato pubblicamente la regolare funzione statica sulla base di prove visive (?) nonostante le scosse telluriche di Amatrice e Norcia, ora cercano di giustificarsi per la repentina chiusura del plesso di via Verdi , addirittura nascondendosi dietro una  sentenza che ne dispone la chiusura omettendo che la magistratura in altri casi analoghi e in pieno stile italiano con la 21175 / 2019 del 15 maggio scorso della VI Sez. Penale della Corte di Cassazione, che nella realtà dichiara l’opposto cioè che è  inammissibile il ricorso del Procuratore della Repubblica contro due sindaci pro-tempore e un assessore ai lavori pubblici di un comune emiliano (Modena), per non aver imposto la chiusura di una scuola materna a rischio sismico. In sintesi i due primi cittadini in una zona sismica superiore alla nostra non sono colpevoli di aver omesso la dichiarazione di inagibilità e di aver imposto la chiusura immediata dell’immobile: la normativa non indica quest’ultima misura. Se anche si appura l’inadeguatezza di un edificio anche sotto il parametro minimo di 0,60  non è obbligatorio chiuderlo . Sancisce piuttosto che l’unica conseguenza e azione possibile è programmare tutti i provvedimenti necessari alla messa in sicurezza degli edifici e scongiurare in tal modo eventi emergenziali. Sia bene inteso il concetto che di fronte ad un pericolo imminente sancito da questa fantomatica relazione “segretata”, anche io avrei disposto la chiusura, ma come giustificano gli otto mesi (ottobre 2018 per espressa dichiarazione post sindacale) dalle prove di vulnerabilità, il ritardo nel disporla, lasciando esposti i nostri figli ed il corpo docenti al rischio collassi strutturali in caso di terremoto ?

C’è qualcosa che non torna ma presto o tardi, con le buone o le cattive, queste carte dovranno essere di pubblico dominio visto che qua si è giocato sulla pelle dei bambini e dei docenti

Oggi alla chetichella e senza alcun atto formale la probabile soluzione ponte per affrontare l’anno scolastico 2019-2020 in attesa di non meglio precisate soluzioni definitive sarebbe fatta di container da affittare e allocare sul campo sportivo in terra battuta a Prato Viale o peggio nell’area deIl’ex deposito giudiziario che ci auguriamo già bonificata. Il tutto alla modifica cifra di oltre un milione duecentomila . Non è dato sapere cosa succede nel 2020- 2021 e soprattutto per gli altri plessi scolastici (scuola media San Francesco, Asilo Il Ranocchio, Scuola Primaria e materna Monte le Forche e Scuola Primaria della Mainella) per le quali le prove e relazioni di vulnerabilità non ci risultano ancora completate nonostante il termine di consegna compresa le proroga di 30 giorni, doveva avvenire già dal Giugno 2018.

Non siamo fiduciosi sull’operato amministrativo di questi personaggi ma auspichiamo per il bene di Anguillara una procedura che non sperperi soldi pubblici e contestualmente garantisca sicurezza e serenità al mondo scolastico dell’intera città e in particolare del 205° Circolo”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano e il caso del campo di calcio: ecco i fatti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

BRACCIANO (RM) – Conto alla rovescia per l’inaugurazione di domani del centro anziani di Bracciano mentre a giorni tornerà operativo anche l’auditorium.

Occorrerà invece attendere per la riapertura del campo sportivo, quest’ultimo, come specificato dal sindaco, dovrebbe infatti riaprire per il prossimo mese di settembre.

Strutture, queste ultime, che non erano state trovate a norma dall’attuale amministrazione guidata da Armando Tondinelli che ne aveva disposto la chiusura.

Cliccare sull’immagine per guardare la video intervista

Il sindaco Armando Tondinelli e il vice Luca Testini a Officina Stampa del 13/6/2019

“Riguardo il campo sportivo un consigliere comunale di minoranza aveva presentato un esposto – ha detto il primo cittadino durante l’intervista con Chiara Rai nel corso del programma Officina Stampa di ieri – e il responsabile dell’area preposta dopo aver effettuato un sopralluogo ha revocato l’agibilità della struttura”.

Una serie di difficoltà burocratiche nel poter gestire l’impianto sportivo, scaturite dall’esposto, ha portato quindi il sindaco, nel gennaio del 2018, a dover revocare tutte le autorizzazioni con la conseguente chiusura dello stesso. Nel frattempo sono stati svolti alcuni lavori migliorativi e a marzo 2018 è stato fatto un avviso pubblico per la gestione del campo e della pista di atletica con esclusione degli spogliatoi che non erano agibili e della palestra, ma nessuno ha partecipato alla gara. A questo punto in Consiglio comunale è stato deliberato di prevedere un project financing, una concessione e da pochi giorni è uscito il bando della Città Metropolitana di Roma Capitale su linee guida dettate dall’amministrazione comunale.

Qui sono nate diverse polemiche a causa di una clausola che prevede l’esclusione per le società di calcio che non hanno gestito situazioni simili nell’ultimo triennio. Una clausola, quest’ultima, messa da Città Metropolitana e che di fatto esclude le società di calcio del territorio.

Questa clausola messa dall’Ente sovracomunale intende alzare il livello qualitativo delle società che parteciperanno alla gara pubblica che devono necessariamente dimostrare un’esperienza nella gestione di almeno tre anni.

“C’è bisogno, io credo, – ha detto il sindaco Tondinelli – che a Bracciano vengano ad operare professionisti di alto profilo, proprio per alzare il livello della città di Bracciano. I cittadini devono sapere – ha proseguito Tondinelli – che fino ad oggi le società che hanno gestito il campo sportivo, oltre che non dare nulla al Comune, per anni hanno usufruito di contributi, che in alcuni periodi, sono arrivati anche alla cifra di 60mila euro annui.”

Il sindaco ha quindi voluto evidenziare il fatto che se dopo tanti anni di contributi ci si è trovati con un campo sportivo non a norma significa che qualcosa non ha funzionato.

Il bando in questione si concluderà il prossimo 27 giugno e la previsione per la riapertura della struttura è fissata al prossimo mese di settembre.

“Rimango stupito di quelle società che oggi si lamentano – ha proseguito Tondinelli – che a marzo 2018 non hanno partecipato all’avviso e che probabilmente avevano altri interessi che non sono quelli del sindaco e della maggioranza del Comune di Bracciano che è sempre l’interesse pubblico”.

Tondinelli ha quindi inteso rispondere alle varie polemiche ribadendo che quello che conta sono i fatti che corrispondono alla riapertura del campo a settembre, in regola con tutte le autorizzazioni e soprattutto con una gestione che saprà sicuramente valorizzare questa eccellenza del territorio a beneficio dei bambini “che potranno giocare nella città dove abitano”. Il sindaco ha anche precisato che l’amministrazione comunale ha preteso sul bando di calmierare i prezzi in modo da renderli simili a quello che si è pagato fino ad oggi.

“Un buon lavoro da amministratori, – ha concluso Tondinelli – che ancorché criticato da chi pensa ancora che Bracciano sia la città di tanti anni fa, proseguirà per la nostra strada perché l’interesse pubblico è preminente su tutto e soprattutto il bilancio si sana anche con queste cose”.

Un “sindaco militare” che di fatto ritiene necessario per il bene di Bracciano un certo decisionismo, soprattutto dopo tanti anni di certi amministratori che hanno portato ai risultati ben noti e che oggi, perlopiù sui social criticano l’amministrazione comunale dimenticando che hanno lasciato 10 milioni di debito.

La ricetta che sta portando ormai al traguardo del completo risanamento per la città, per Armando Tondinelli, è quella del buon padre di famiglia: tagliando le spese che andavano tagliate, facendo le gare come andavano fatte, non garantendo nessuno e pretendendo che tutte le leggi che emana lo Stato vengano applicate all’interno del Comune di Bracciano.     

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Giugno: 2019
L M M G V S D
« Mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it