Connect with us

Cronaca

Omicidio Serena Mollicone, l’ipotesi: picchiata brutalmente e poi soffocata nella caserma dei carabinieri di Arce

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Serena Mollicone è stata uccisa nella caserma dei carabinieri di Arce. A confermarlo sono le analisi del Ris. Un verdetto che arriva dopo diciassette anni dal delitto.

Ora la conferma del Ris, che ha effettuato la perizia sia su quella porta sia sul nastro adesivo usato per bloccare mani e piedi della 18enne. Anche quello proveniva dalla caserma di Arce, ritengono i carabinieri. Serena Mollicone, questa è l’ipotesi, sarebbe stata picchiata brutalmente e poi soffocata mettendole la testa in un sacchetto di plastica.

Per il delitto di Serena venne inizialmente indagato un carrozziere, Carmine Belli, con cui si sospettava la giovane avesse un appuntamento. Ma fu prosciolto. Nel 2008 poi il misterioso suicidio del carabinieri Santino Tuzi, tra i militari presenti in caserma il giorno della scomparsa di Serena. Al momento per la morte della ragazza di Arce sono indagati, con le accuse di omicidio volontario e occultamento di cadavere, l’ex comandante della stazione di Arce, il maresciallo Franco Mottola, il figlio Marco e la moglie Anna, il luogotenente Vincenzo Quatrale per concorso morale nell’omicidio e per istigazione al suicidio del brigadiere Tuzi, e l’appuntato Francesco Suprano per favoreggiamento.

Serena Mollicone era sparita il 1 giugno del 2001

Serena Mollicone, morta a 18 anni nel giugno del 2001 e il suo cadavere venne rinvenuto nel bosco dell’Anitrella. Il 24 settembre 2002, la Procura di Cassino iscrisse nel registro degli indagati il carrozziere di Rocca D’Arce, Carmine Belli. Un indizio che inizialmente destò sospetti sull’uomo fu il rinvenimento del nastro adesivo. Il Belli aveva un nastro adesivo simile a quello che teneva mani e piedi di Serena legati, ma la comparazione delle impronte digitali ha portato esito negativo, nell’ottobre del 2006, la Cassazione ribadì che il carrozziere era estraneo ai fatti.

La svolta arriva però nell’aprile 2008, con la morte di Santino Tuzi, brigadiere dei carabinieri che in precedenza era stato ascoltato come persona informata sui fatti e aveva riferito che il giorno della scomparsa di Serena, aveva visto quest’ultima in caserma dai Mottola. Santino Tuzi successivamente però si suicida e tale morte è tutt’ora avvolta da una fitta cortina di mistero.

Omicidio Serena Mollicone e morte del brigadiere Tuzi: il video messaggio della figlia Maria

 

Cronaca

Nemi, cercasi addetto stampa per 1850 euro mese: le domande entro il 21 giugno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Il Comune di Nemi ha indetto una selezione, mediante procedura di valutazione comparativa, pee il conferimento dell’incarico professionale di addetto stampa del Comune al corrispettivo di 1.850,00 euro lordi al mese.

Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12 del 21 giugno 2021 all’Ufficio Protocollo del Comune di Nemi via del Municipio (RM)

CLICCARE QUI PER SCARICARE IL BANDO

Continua a leggere

Cronaca

Roma, lite in piazza Saxa Rubra: uccide un cucciolo Labrador a calci

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Al culmine di una lite, un 50enne ha sfogato la sua rabbia su un Labrador di due mesi, uccidendolo a calci. È accaduto venerdì pomeriggio in piazza di Saxa Rubra (Roma). I proprietari del cane e alcuni residenti che hanno assistito alla scena hanno tentato di linciare l’aggressore, ma sono stati fermati dai poliziotti dei commissariati Villa Glori e Ponte Milvio. Lo riporta Il Messaggero.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia e riportato dal quotidiano, l’uomo, originario della Romania, stava discutendo animatamente con alcuni connazionali – tra questi c’erano anche i proprietari del cane – quando, apparentemente per ripicca, ha iniziato a prendere a calci l’animale, poi scaraventato a qualche metro di distanza esanime.

A quel punto, la folla, inferocita, ha aggredito l’uomo finché il presidente del Municipio XV Stefano Simonelli, che si trovava lì di passaggio, ha chiamato il 112. Al loro arrivo, gli agenti hanno bloccato la rissa e caricato il 50enne sull’auto per poi portarlo in commissariato. È stato denunciato per uccisione di animale e per possesso di arma da taglio (aveva con sé un coltello).

Continua a leggere

Cronaca

Tragedia alle cascate dell’Acquafraggia: coppia scivola da un sentiero. Un morto e un ferito grave

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

E’ di un morto e un ferito grave il bilancio di un incidente avvenuto dopo mezzogiorno alle cascate dell’Acquafraggia, a Piuro (Sondrio), in Val Bregaglia. Una donna di 42 anni e un uomo di 36, sarebbero scivolati da un sentiero del parco precipitando da un’altezza di decine e decine di metri per poi finire nell’acqua ghiacciata del sottostante bacino.

I Vigili del fuoco di Mese e Sondrio e il soccorso alpino li hanno recuperati, uno senza vita. L’altro è stato portato in ospedale con l’elisoccorso. Indagano i carabinieri con i militari del Sagf della Gdf

Continua a leggere

I più letti